Vivere ai Caraibi: le buone ragioni per trasferirsi

 

Vi piacerebbe trasferirvi dove il mare è caldo tutto l’anno? Magari su una bellissima isola dei Tropici trascorrendo le giornate all’insegna del sole e del caldo? Allora i Caraibi sono proprio la destinazione che stavate cercando.  Dopotutto, questa regione delle Americhe che comprende tutti i paesi bagnati dal Mar dei Caraibi è una delle aree più belle e amichevoli del mondo.

Nell’immaginario collettivo quando si pensa di trasferirsi a vivere ai Caraibi le prime cose che vengono in mente sono le bellissime spiagge incontaminate, i paesaggi affascinanti e un clima tropicale: tutti pronti ad accoglierci a braccia aperte.

Uno scenario non molto lontano dalla realtà e che fanno dei Tropici il ​​posto perfetto dove aprire un chiringuito sulla spiaggia, scappare dal caos della città e stabilirsi in uno dei paradisi più belli della terra.

Se anche voi avete intenzione di ricominciare daccapo e vivere una vita vista mare, i Caraibi vi permetteranno di fare quel “tuffo” verso nuove esperienze che progettavate da tempo. Infatti, lo sappiamo che vivere al mare rende felici e lo conferma pure la scienza.

Vivere ai Caraibi: pro e contro

Quante volte abbiamo pensato: “Basta, mollo tutto e vado a vivere ai Caraibi!”. Da sempre tra le mete più gettonate per una vacanza da sogno, i Caraibi attraggono ogni anno migliaia di turisti alla ricerca di pace e relax, desiderosi di visitare le spiagge più belle del mondo.

Ma come si vive ai Caraibi da residenti? In questa guida vogliamo darvi dei consigli e suggerimenti sul perché andare a vivere ai Caraibi e su come farlo nella maniera corretta.

Iniziamo col vedere i pro e i contro di andare a vivere ai Tropici.

I vantaggi

  1. È semplicemente bellissimo

Le isole dei Caraibi offrono i migliori scenari naturali al mondo, rendendo l’ambiente circostante perfetto per viverci. Le acque sono cristalline e piene di incredibili barriere coralline. Nel mar dei Caraibi è possibile ammirare squali, tartarughe e tantissimi altri pesci. Meraviglie, queste, che sono comuni a tutte le isole che compongono l’area caraibica.

  1. Stile di vita rilassato

Lo stile di vita è proprio come lo si immagina: rilassante e tranquillo. Le persone che hanno già deciso di andare a vivere nei Caraibi oppure hanno in programma di trasferirsi qui possono trovare tante attività da fare: dipingere, praticare sport acquatici, esplorare i mercatini e persino iniziare un nuovo lavoro, magari scrivendo della loro nuova vita.

  1. Clima

Ai Caraibi c’è il clima migliore per la salute. La vicinanza al mare svolge un ruolo importante nel mantenere le temperature calde durante tutto l’anno. Piogge e temporali, anche se di rado, si concentrano tra maggio e ottobre. Per il resto dell’anno, il tempo rimane eccezionalmente piacevole.

✎ Curiosità! Sai dove si trova il clima migliore dove vivere in Italia? Scoprilo! ☜

  1. Paradiso per i pensionati

Sono diversi gli italiani all’estero che hanno scelto una delle bellissime isole dei Caraibi come nuova casa. in particolare sono gli over 65 ad aver trovato qui un buen retiro.

Vivere ai Caraibi in pensione rappresenta un sogno. Il pensionato troverà sempre molte cose da fare e potrà vivere di rendita con la sola pensione. Come vedremo più avanti, infatti, la vita qui non è troppo costosa ed è facile mantenere un alto stile di vita.

  1. Opportunità d’oro per gli espatriati

Non solo pensionati in fuga all’estero. I Caraibi sono un’ottima soluzione anche per quanti sono ancora lontani dal pensionamento. Giovani e adulti possono trovare ampie opportunità di lavoro in tutte le isole.

Le comunità consolidate di italiani ai Caraibi vi aiuteranno ad integrarvi e magari anche a trovare una prima occupazione. Per un primo contatto, vi consigliamo questo gruppo facebook.

Senza contare che le isole sono anche una scelta fantastica per i nomadi digitali con eccellenti collegamenti di comunicazione e trasporto. Insomma vivere e lavorare ai Caraibi è davvero possibile.

I lati negativi di vivere ai Tropici

Non solo luci. Vivere ai Tropici ha anche i suoi svantaggi. Per chi ad esempio ha poca dimestichezza con le lingue, dovrà abituarsi a parlarne più di una. Le popolazioni qui sono multiculturali e tutti parlano lingue diverse: inglese, spagnolo, olandese, francese e persino lingue creole.

Un altro svantaggio è la presenza di insetti e zanzare che possono davvero risultare molesti. Anche le usanze e le abitudini sono molto differenti dalle nostre. Abbiamo parlato dello stile di vita rilassato, ecco questo si riverbera in ogni settore, anche quello lavorativo. Se ad esempio avete bisogno di un tecnico che vi ripari la lavatrice non meravigliatevi se arriverà con ore (a volte anche giorni) di ritardo!

Quanto costa andare a vivere ai Caraibi?

Un altro aspetto fondamentale da considerare prima di trasferirsi è quanto costa vivere ai Caraibi. In molti dei paesi dell’area, il costo della vita può essere più conveniente rispetto all’Europa. L’elenco di cose a prezzi accessibili include tutti i tipi di servizi, dai beni alimentari fino agli immobili.

TRASFERIRSI AI CARAIBI

I prezzi delle case

La recessione del 2008 ha giocato un ruolo importante nel ridurre i costi delle abitazioni, che è rimasto allo stesso modo da allora. Una villa ai Caraibi può costare meno rispetto ad un analogo immobile in Italia e costerà meno anche di gestione, grazie ad una tassazione agevolata. Insomma comprare casa ai Caraibi per un italiano può rappresentare un valido investimento magari per poi metterla in affitto ai turisti.

Ad esempio il prezzo medio a settimana per l’affitto di una villa con quattro camere da letto è di circa 1.370 euro, come spiegano da Knight Frank, broker internazionale specializzato in proprietà di lusso. Secondo la società il mercato immobiliare ai Caraibi è in ripresa e bisogna approfittarne adesso prima che i prezzi tornino a salire.

Le proprietà più convenienti sono a Puerto Rico, in Giamaica e a Santa Lucia, con un intervallo di prezzi da 895 euro al mq di Puerto Rico a poco più di 1.790 euro di St. Lucia.

Tasse e agevolazioni

Molti paesi dei Caraibi hanno un‘imposta sul reddito molto bassa o addirittura nulla per gli espatriati che vi lavorano, vivono o vanno in pensione. In molti casi ci sono vantaggiosi incentivi finanziari per gli espatriati che decidono di stabilirsi e risiedere nei Caraibi.

Le tasse, in generale, sono basse in tutte le isole e non esistono molti tipi di imposte. Per esempio alcune delle isole non applicano il prelievo fiscale per i redditi esteri. Come spiega un recente articolo de Il Sole 24Ore dedicato ai Caraibi, le Bahamas e le Isole Vergini britanniche hanno zero imposte sui redditi personali e sui capital gain e nessuna tassa di successione. St. Kitts e St. Nevis, St. Lucia, Antigua e Barbuda, Dominica e Grenada offrono poi la cittadinanza a fronte di investimenti diretti da parte di stranieri.

Vivere ai Caraibi con pochi soldi

Uno degli errori più comuni è pensare che vivere al caldo tutto l’anno, in uno dei paradisi tropicali dei Caraibi, sia costoso. In realtà ci sono diverse zone caraibiche alla portata di tutti. Molto vantaggioso per esempio è il villaggio di pescatori della città di San Pedro sull’isola di Ambergris Caye, in Belize.

Ma l’isola caraibica meno costosa, secondo l’International Living, è Isla Colón, a Panama. L’isola è fuori dalla cintura degli uragani e molti locali parlano inglese. Il sito web afferma che affittando una casa in tipico stile isolano, una coppia può vivere qui con un budget di appena $ 1.400 al mese, più o meno 1200 euro al mese.

➤ Vuoi investire fuori dall'Italia in un luogo paradisiaco? Scopri come investire in Costa Rica! ☀

Isla Colón, Panama - vivere ai Caraibi

Come fare per vivere ai Caraibi: i documenti necessari

La definizione “Caraibi” è generica e vi rientrano isole e location molto diverse, ognuna con le proprie legislazioni e le proprie regole di ingresso e residenza.

A Barbados, ad esempio, è possibile ottenere un permesso speciale (Special entry reside permit) per cinque anni se si è in procinto di diventare un proprietario immobiliare nell’isola. Invece, trasferirsi a Santo Domingo prevede una trafila più lunga in quanto a permessi di soggiorno. Bisognerà, infatti, richiedere il visto all’ambasciata dominicana in Italia se si ha intenzione di rimanere qui oltre i 90 giorni previsti per i turisti.

I documenti necessari cambiano, insomma, da Paese a Paese. Dopo aver scelto la destinazione dove andare a vivere ai Caraibi, il consiglio è contattare l’ambasciata di riferimento in Italia e capire quali sono i documenti da presentare per non incappare in spiacevoli sorprese una volta atterrati.

Dove andare a vivere al caldo: le 16 destinazioni più belle dei Caraibi

Ma dove conviene vivere ai Caraibi? Qual è la migliore isola per ricominciare una nuova vita?

Per voi abbiamo scelto le 16 destinazioni dei Tropici più belle e convenienti, tutti Paesi dove è sempre estate:

  1. Repubblica Dominicana

La Repubblica Dominicana è tra le destinazioni più economiche per chi vuole cambiare vita e trasferirsi. Si tratta di un Paese ancora in via di sviluppo, dove ci possono essere interessanti opportunità, soprattutto per chi ha un valido business da esportare. La capitale Santo Domingo è una città cosmopolita che conta ben 3 milioni di abitanti. Vicinissimo alla capitale si trova Las Terrenas, una cittadina accogliente con tutte le necessarie comodità.

LAS TERRENAS REPUBBLICA DOMINICANA - VIVERE AI CARAIBI

Situata invece nel sud est della Repubblica Dominicana, si trova l’isola di Saona. Le sue bianche spiagge e le sue palme la rendono lo scenario perfetto per il vostro sogno di mollare tutto e da tutti.

Di seguito vi proponiamo alcune storie di italiani in Repubblica Dominicana, più alcune guide utili per investire e lavorare.

  1. Antille

Con uno dei climi migliori al mondo, le Antille sono un insieme di isole disposte ad arco, tra la Florida e le coste orientali del Venezuela e si dividono nelle Grandi Antille e nelle Piccole Antille. Queste ultime comprendono le Isole Vergini, le Isole Sopravento e le Isole Sottovento con Margarita, Curaçao e Aruba.

Willemstad, Curaçao. Antille olandesi - vivere ai caraibi

Molto ambite sono le Antille Francesi, quattro isole che comprendono Guadalupa, Martinica, Saint Martin e Saint Barthélemy.

Queste interviste di italiani alle Antille possono esservi utili per scoprire come si vive alle Antille.

  • Monica e Philippe e la loro vita a Martinica (Antille)
  • Enrica e Marco, una vita in barca a vela nelle Piccole Antille
  • Il sogno di vivere in Martinica
  • Dall’italia alle Piccole Antille passando dall’Asia
  1. Bahamas

Se per molti rappresentano il luogo ideale per una vacanza, per altri le Bahamas diventano un posto perfetto in cui ricominciare una nuova vita. Sono infatti, una destinazione fiscale conveniente, il che permette di aprire attività in diversi settori.

Nassau, BAHAMAS - vivere ai caraibi

Ecco per voi le storie più belle degli italiani alle Bahamas e alcune curiosità:

  • Christian Villi: un allenatore italiano alle Bahamas
  • 16 curiosità sulle Bahamas, “il più bel posto del mondo”
  • Giorgia: da 10 anni vivo alle Bahamas (Harbour Island)
  1. Cuba

Situata nel cuore dei Caraibi, con un passato molto difficile soprattutto nelle relazioni con gli Stati Uniti, Cuba continua ad esercitare un fascino irresistibile per gli expat di tutto il mondo. Merito del clima tropicale, delle bellissime spiagge e del costo della vita inferiore rispetto all’Italia.

Havana, Cuba - vivere ai caraibi

Vi consigliamo di leggere le seguenti interviste agli italiani a Cuba e qualche guida utile:

  1. Costa Rica

La Costa Rica è un luogo ideale per trascorrere la pensione, per cambiare vita e ricominciare in un altro Paese. Per i pensionati, ad esempio, l’assegno minimo richiesto per vivere in Costa Rica è di mille euro.

costa pacifica, costa rica - vivere ai caraibi

Qui trovate la Guida completa per andare a vivere in Costa Rica e di seguito alcune storie di italiani in Costa Rica:

  • Vivere in Costa Rica: Luigina e Ivan si raccontano
  • Costa Rica, la storia di Aldo
  • Vivere e lavorare in Costa Rica: Cinzia e Fiorenzo
  • “Sono una donna felice”: la storia di Maria Grazia
  • Fabio e Nadia: la pizza italiana in Costa Rica (Puerto Jimenèz)
  • Ho realizzato il sogno di vivere al mare e gestire un resort
  • Marcello Allegra in Costarica: nessun motivo per tornare!
  • Costa Rica è il Paese più felice dell’America Latina
  • Mollo tutto e vado in Costa Rica
  1. Giamaica

Isola delle Grandi Antille, in Giamaica la vita scorre tranquilla nonostante il grande flusso di turisti, aspetto questo che la rende perfetta anche per i pensionati che vogliono cambiare aria e trasferirsi all’estero. Perfetta anche per i giovani e i nomadi digitali.

ocho rios, giamaica - vivere ai caraibi

Curiosi di scoprire come si vive qui? Ecco una serie di storie di italiani in Giamaica:

  • La Giamaica e la storia di Enrico, gestore di Blue Heaven
  • Mietta Giovannucci: I like Jamaica!
  1. Venezuela

Da sempre meta di emigranti italiani, il Venezuela vanta località caraibiche da sogno con atolli lambiti da acqua cristallina. Tra le mete più ricercate troviamo: Los Roques, Isla Margarita, Los Llanos. In particolare l’Isola Margarita è una delle più belle dei Caraibi.

Il turismo qui è il settore più sviluppato, infatti sono presenti infrastrutture che nel resto del paese non sempre troverete, e dunque si presta come località molto vantaggiosa per chi chi ha un valido business da avviare.

Di seguito le storie di italiani in Venezuela:

  • Isla Margarita (Venezuela), la vita di Maurizio e Francesca
  • Sabrina e Andrea, una nuova vita sul Mar dei Caraibi
  • Sara e Michele e la loro vita in Venezuela
  • Fabrizio, la mia Posada a Chichiriviche
  • Vivere e investire in Venezuela
  1. Colombia

Per i suoi abitanti è considerata la nazione più felice al mondo, di sicuro negli ultimi anni la Colombia è diventata una delle destinazioni preferite per chi vuole cambiare vita e trasferirsi all’estero.

Si trovano servizi sanitari di ottimo livello, collegamenti con gli Stati Uniti molto frequenti e un costo delle vita non altissimo. Qui con 800 euro si vive bene tanto che per molti rappresenta la scelta migliore per godersi la pensione.

San Andres, Providencia y Santa Catalina, Colombia - vivere ai caraibi

In particolare è l’isola di San Andrés, piccolo gioiello dei Caraibi, ad attirare turisti ma anche expat in cerca di una vita tranquilla e di un clima splendido. Vi consigliamo di leggere l’intervista ad Arthur: San Andres: il caribe colombiano.

Ecco le altre storie degli italiani in Colombia e alcune curiosità sul paese:

  1. I Caraibi del Messico

In Messico la vita costa meno, con il vantaggio di trovarsi proprio nel Mar dei Caraibi. Tanti gli italiani che lo hanno scelto per ricominciare una nuova vita aprendo un B&B piuttosto che una Guest House, una gelateria, un ristorante e molto altro ancora.

Come tantissimi sono i pensionati che qui vivono stabilmente. Basti pensare, infatti, che in Messico, i mille euro della pensione diventano ben 16mila pesos cioè quanto in media prende un dirigente d’azienda.

tulum, messico - vivere ai caraibi

Qui trovate un’utilissima guida su come acquistare casa in Messico, investire e aprire un’attività. Mentre di seguito le storie dei tanti italiani in Messico:

  • Il ritmo lento dei Caraibi: Barbara apre un residence a Tulum (Messico)
  • L’eterna estate di Playa del Carmen
  • Playa Del Carmen, la vita di Alessandro
  • Fabrizio e Michela: aprire un bed and breakfast in Messico
  • Riviera Maya: la storia di Roberto
  • Silvia, una biologa marina in Yucatan
  • Vivere a Tulum in Yucatan (Messico)
  • Godersi la vita in un paradiso tropicale: il progetto di Diego
  • Tommaso e la sua vita a Bacalar
  • Dario e la sua esperienza in Messico
  • Panna e cioccolato, il gelato italiano a Tulum
  • Raul e Valeria: il nostro b&b a Playa del Carmen
  • Massimo e la sua vita a Guadalajara
  • Denis e Silvia e la loro vita nello Yucatan
  • Marco e il suo sogno realizzato nel Caribe Messicano
  • Puerto Escondido: vivere una vita a colori
  • Mi sono innamorata di Puerto Vallarta!
  • Playa del Carmen: dove o ti perdi o ti ritrovi
  1. Trinidad e Tobago

Situate tra il Mar dei Caraibi e l’oceano Atlantico, Trinidad e Tobago rappresentano quanto di più vicino ci possa essere all’idea di paradiso.

✈ Stai pensando di comprare casa ai Caraibi? Scopri come! ☜

Le due isole sono una meta più adatta a chi già percepisce una rendita, come i pensionati che, grazie al costo della vita più basso rispetto all’Italia, possono permettersi di vivere nel lusso, vicino al mare e con un clima invidiabile.

Maracas beach, trinidad e tobago - vivere ai caraibi

Diversi gli italiani a Trinidad e Tobago, come Stefano Monti che qui ha aperto una scuola di calcio.

  1. Isole Cayman

Tra i più importanti centri offshore del mondo, le Isole Cayman si trovano a sud di Cuba e a nordovest della Giamaica.

Niente tasse sul reddito, sulle imprese, sulle eredità, sulle plusvalenze delle società, sulle donazioni e sulle proprietà immobiliari. Insomma vivere in questo arcipelago dei Caraibi conviene, soprattutto per quanti vogliono investire.

  1. Honduras

Per quanto meraviglioso, l’Honduras non gode di una situazione politica semplicissima. Tra i posti preferiti da chi decide di cambiare vita e trasferirsi in Honduras c’è sicuramente Utila, una piccola isola dove il tempo sembra essersi fermato tra la campagna e i pescatori: duemila abitanti e costo della vita molto basso.

spiaggia di Roatán, Honduras - vivere ai caraibi

Fabrizio è uno degli italiani che ad Utila ha trovato il suo paradiso terrestre. Se volete seguire il suo esempio in questa guida ci sono diversi consigli utili per vivere in Honduras.

  1. Nicaragua

Conveniente ed economico, in Nicaragua con una pensione di circa mille euro al mese si affrontano senza problemi tutte le spese, affitto compreso. Oltre a temperature miti tutto l’anno, il Nicaragua si distingue per quel perfetto equilibrio tra basso costo della vita, sicurezza e, da non sottovalutare, gli incentivi offerti agli investitori per nuovi progetti turistici. Basti pensare che il costo della vita è minore del 60% rispetto a quello degli Stati Uniti, motivo per cui il Nicaragua fa gola a molti.

San Juan Del Sur, Nicaragua, Spiaggia Bella Vista

Ecco alcune delle storie di italiani in Nicaragua, più alcuni approfondimenti utili al vostro trasferimento:

  • Big Corn Island – Nicaragua
  • Trasferirsi in Nicaragua, io ce l’ho fatta. Gennaro si racconta
  • In pensione in Nicaragua
  • Nicola e la sua vita in Nicaragua
  • Vivere a Ometepe: la storia di Ferdinando
  • Mirka: mollo tutto e compro una fattoria in Nicaragua
  • Massimo: in Nicaragua sono rinato
  1. Santa Lucia

L’isola di Santa Lucia nei Caraibi si trova nelle Piccole Antille e fa parte del Commonwealth. L’economia dell’isola si basa sul turismo e sugli investimenti di compagnie straniere nel settore dell’offshore banking. Chi intende trasferirsi qui può trovare occasioni in questi settori.

  1. Curacao

Situata nelle Antille Olandesi, Curacao è la meta ideale per quanti vogliono investire e in generale per chiunque abbia un po’ di denaro da parte e voglia investirlo in modo sicuro in campo immobiliare.

Curacao - vivere ai caraibi

Lo sa bene Franca che ha deciso di mollare tutto per trasferirsi in questo paradiso caraibico.

  1. Antigua

Piccolo stato insulare delle Isole Sopravento Settentrionali nel Mar dei Caraibi, oltre ad essere un paradiso immerso nei Caraibi, Antigua offre diverse opportunità lavorative soprattutto se sei un professionista o un tecnico specializzato.

antigua - vivere ai caraibi

Come vivere ai Caraibi e godersi la vita: ulteriori consigli

Godersi la vita, in un posto dove il clima è sempre bello e la vita scorre tranquilla è il sogno di moltissime persone, meglio se in un luogo meraviglioso come i Caraibi, magari vivendo in barca a vela.

Certo, andare a vivere ai Caraibi rappresenta una scelta drastica di vita. Si cambiano abitudini, lingue e usanze e bisogna sapersi adattare alla cultura degli abitanti locali che spesso è molto diversa dalla nostra.

In pensione, per lavoro oppure per investire i Caraibi hanno un’isola adatta per tutti. Il consiglio, come sempre in questi casi prima di prendere una decisione definitiva, è concedersi una bella vacanza non appena sarà possibile per capire se quell’isola piuttosto che quella città è il posto giusto per noi.