Iniziare una nuova vita in Norvegia

La Norvegia, anche conosciuta come il Regno di Norvegia, è uno dei Paesi più ambiti dagli expat di tutto il Mondo per le sue opportunità lavorative ma, soprattutto, per lo stile e la qualità di vita che è in grado di garantire a tutti i suoi cittadini. Da moltissimi anni in testa a tante classifiche come una delle migliori Nazioni dove scegliere di vivere, la Norvegia è una terra molto fredda ma anche ricca di opportunità.

Sono infatti già tanti gli italiani in Norvegia e che hanno deciso di andare a vivere in questo Paese perché in cerca di uno stile di vita migliore e di diverse e più proficue possibilità lavorative. Infatti, nel 2018 – anche se il numero si era parzialmente ribassato rispetto all’anno precedente – erano circa 6700 gli italiani iscritti all’Aire come residenti in Norvegia.

Chiaramente, gli expat che scelgono di trasferirsi in questo Paese non solo sono attratti da condizioni migliorative di vita ma anche da una natura selvaggia ed incontaminata, da paesaggi unici e, ovviamente, anche da un clima freddo e molto rigido.

Perciò se anche tu sogni la Norvegia, ecco tutto quello che devi sapere per trasferirti in questo Paese a livello di documenti e permessi necessari, il costo della vita, i pro e contro di una scelta di questo tipo, come trovare ed acquistare casa e molto altro ancora.

Vivere in Norvegia: Pro e Contro

Perché vivere in Nord Europa e perché scegliere proprio la Norvegia?

A tal proposito, vediamo insieme quali sono i maggiori pro e contro dello scegliere di vivere in questa Nazione scandinava.

Certamente, tra i vantaggi che si possono beneficiare facendo la scelta di trasferirsi in Norvegia, troviamo:

  1. Ottimo sistema sanitario: il sistema sanitario norvegese è considerato tra i migliori ed efficienti nel Mondo;
  2. La Norvegia si trova al 4º posto nella classifica dei Paesi con la migliore qualità di vita: prima di tutto, possiamo dire che questo Paese sia certamente uno dei migliori del Mondo per livello di qualità della vita e, anche se si tratta di una Nazione dove le tasse sono molto alte, c’è anche da dire che tutto quello che viene versato dai cittadini poi ritorna in servizi e welfare;
  3. Istruzione gratuita: non si tratta del tutto di un sistema formativo totalmente a costo zero ma viene garantito da un prestito dello Stato a fondo perduto in caso di completamento degli studi, un “privilegio” che – tra l’altro – viene concesso anche agli stranieri a patto che abbiano pagato le tasse nel Paese per almeno un anno;
  4. Senso civile e della democrazia molto evoluto ed esteso: la Norvegia offre un senso della democrazia estremamente evoluto ed una distribuzione equa del reddito, infatti si tratta anche di uno dei Paesi al Mondo con il più basso differenziale tra le retribuzioni dei dirigenti e quelle degli operai;
  5. Ottime opportunità lavorative e meritocrazia: gli stipendi in Norvegia sono adeguati al costo della vita che, comunque, è davvero caro; ed i diritti dei lavoratori sono sempre garantiti e tutelati;
  6. Stile di vita rilassato e green: i norvegesi, in genere, hanno un carattere abbastanza tranquillo, rilassato e decisamente rispettoso della privacy altrui, il che rispecchia molto lo stile di vita di chi scegliere di venire a vivere in questo Paese. Inoltre, si tratta anche di un popolo e di un Paese molto attento al lato green della vita di tutti i giorni e che spesso sceglie di muoversi in bici o con mezzi ad energia alternativa. Infatti, non per niente, si tratta anche del Paese europeo nº1 per auto elettriche;
  7. Alto livello di sicurezza: il Paese ha un bassissimo livello di criminalità e, in linea di massima, la Norvegia si può considerare un posto davvero sicuro, specialmente per bambini e famiglie.

Al contrario, tra i principali svantaggi dello scegliere di emigrare in Norvegia, elenchiamo:

  1. Il clima: indubbiamente si tratta di uno degli svantaggi più grandi di trasferirsi in Norvegia. Gli inverni, in questo Paese, possono essere molto rigidi e con temperature che si assestano regolarmente sotto lo zero fino a toccare anche i -20 gradi o più. Da questo punto di vista, la Norvegia, per un italiano abituato al sole ed al mare è un Paese in cui è molto difficile abituarsi al clima;
  2. Il costo della vita: emigrare in Norvegia conviene – a livello di stipendi e di opportunità – ma, senza un lavoro o con un impiego dal salario basso, diventa anche un Paese molto difficile da sostenere a livello di costi;
  3. Il norvegese: la lingua norvegese non è affatto semplice da imparare e, anche se trasferirsi in Norvegia senza sapere la lingua locale è più che possibile, poiché il livello di conoscenza dell’inglese nel Paese è molto alto, rimane comunque consigliato imparare la lingua sia per integrarsi al meglio sia per aspirare a posti di lavoro ancora meglio retribuiti;
  4. Lo stile di vita ritirato ed estremamente tranquillo: se da un lato, per alcuni, può essere un vantaggio, è anche bene sapere che i norvegesi non sono accoglienti come altri popoli europei e del Mediterraneo e che, il loro senso di privacy, potrebbe costare ad un italiano un po’ di problemi di adattamento.

Come si vive in Norvegia

Come si evince anche dalla lista di pro e contro dello scegliere di trasferirsi a vivere in Norvegia, è chiaro che si tratta di un Paese con ottime opportunità lavorative ed un benessere piuttosto considerevole e di cui beneficiano tantissime categorie sociali.

Inoltre, bisogna anche ammettere che si tratta di un Paese in cui esiste un buon equilibrio fra lavoro e vita privata (pensiamo infatti alle sette settimane di ferie all’anno che hanno i lavoratori in Norvegia) ed al suo ritmo piuttosto rilassato. Senza contare che i norvegesi, come filosofia, non hanno certamente quella del vivere per lavorare ma piuttosto il contrario e quindi del lavorare per vivere.

Parlando poi di welfare, il divario tra ricchi e poveri è molto basso e, inoltre, esiste un collaudato e davvero efficiente sistema di assistenza sociale, capace di garantire anche a disoccupati, pensionati ed altre categorie sociali o in difficoltà degli aiuti e sussidi statali studiati ad hoc. In tal senso, come si specificava, vivere in questo Paese significa anche pagare tasse molto elevate ma ricevere in cambio tantissimi servizi.

Ma, a livello di quotidianità, com’è la vita in Norvegia?

Parlando di vita quotidiana e sociale, la Norvegia è completamente diversa da un qualunque Paese del Mediterraneo o dell’area latina in genere, infatti, diverse sono le abitudini, la mentalità ed il modo di approcciare la vita.

A livello generale, i norvegesi sono gentili, tolleranti, educati, tranquilli e molto propensi ad aiutare. Si tratta di un popolo molto fiero ed affidabile ma anche estremamente riservato e che desidera che il proprio spazio personale venga rispettato. Il che fa sì che spesso le persone scelgano di mantenere una distanza rispettosa.

Vivere in Norvegia per un italiano, significa quindi dover abbandonare quella cultura più aperta ed estroversa che caratterizza il Bel Paese in favore di queste estreme buone maniere che, molte volte, possono trasformarsi anche in un senso di isolamento e di solitudine.

Il tutto senza contare che lo stile di vita dei norvegesi è per l’appunto molto tranquillo e, a volte, persino interpretabile come noioso. Infatti, dopo le 18 di sera spesso è difficile trovare negozi aperti anche se, nei fine settimana, i bar ed i locali si animano abbastanza. Questo più che altro perché i norvegesi sono molto simili ai danesi e vedono la felicità soprattutto nel fattore hygge.

UBICAZIONE NORVEGIA

Da expat, è piuttosto complicato crearsi un giro di amicizie locali, specialmente se non si conosce il norvegese e si decide di andare a vivere in questo Paese senza la prospettiva di impararlo. Questo, aggiunto al fatto che spesso la vita dei norvegesi è piuttosto ritirata in casa e che il clima è rigido e poco accogliente, rende la Norvegia un posto difficile dove riuscire ad adattarsi in fretta, specialmente se siete amanti del sole, del clima mite e della socialità.

Costo della vita: quanto costa vivere in Norvegia?

Come si specificava anche in precedenza, il costo della vita in Norvegia è altissimo nonché uno dei più alti d’Europa, e – in linea di massima – si può affermare che sia anche più del 48% rispetto all’Italia.

Prendendo poi la città di Oslo, si può affermare che sia di circa il 42% in più rispetto a Roma e, anche se gli stipendi sono anch’essi superiori di quasi il doppio, rimane comunque un costo della vita sostanzioso.

Perciò, per capire quanto potrebbe costare, in linea generale, vivere in Norvegia, prendiamo alcuni prezzi di riferimento della capitale norvegese Oslo:

  • Cena in un ristorante economico: 18 euro;
  • Menù medio McDonalds: 11 euro;
  • Cappuccino: 4.16 euro;
  • Birra locale: 9 euro;
  • Acqua (1.lt al supermercato): 1.80 euro;
  • 1 lt di latte: 1.80 euro;
  • 1 kg di riso: 2.36 euro;
  • 12 uova: 4 euro;
  • 1 kg di banane: 2.16 euro;
  • 1 kg di petto di pollo: 13 euro;
  • 1 pacchetto di sigarette: 12 euro;
  • Benzina (1 litro): 1.60 euro;
  • Trasporto pubblico (1 biglietto): 4 euro;
  • Abbonamento ai mezzi di trasporto: 70 euro;
  • 1 biglietto del cinema: 14 euro;
  • Abbonamento mensile palestra: 41 euro;
  • Internet (abbonamento mensile): 45 euro.

Relativamente, invece, agli affitti – sempre nella città di Oslo – si può arrivare a spendere anche fino a 2100 euro al mese per un appartamento in centro città e con tre camere da letto, oppure 900 euro per un monolocale fuori dal centro città e, come bollette, circa 160 euro al mese.

A livello di costo della vita, come abbiamo visto, la Norvegia non è affatto economica e, per chi sta valutando un trasferimento in un Paese del Nord Europa in generale, è consigliato scegliere la Svezia piuttosto che questa Nazione che, rispetto alla sua vicina, ha un costo della vita superiore di quasi il 20-25%.

Documenti necessari per trasferirsi in Norvegia

Come molti sanno, la Norvegia non fa parte dell’Unione Europea al 100% ma ha comunque firmato i trattati di Schengen e quindi, se si desidera venire a vivere in questo Paese, non si ha bisogno di richiedere un visto o un permesso, ma si deve comunque seguire un iter ben preciso, specialmente se poi si vorrà lavorare.

Infatti, prima di tutto, è importante sapere che si avranno a disposizione sei mesi di tempo (dal momento che si entra in Norvegia) per trovare un lavoro e, passati questi, si dovrà per forza lasciare il Paese se non si avrà trovato un impiego.

Dopodiché, è necessario anche considerare che – entro tre mesi dall’arrivo – sarà obbligatorio segnalare la propria presenza in quanto persona che cerca lavoro in Norvegia. Per farlo, è necessario prima utilizzare il sito dell’Immigrazione norvegese e, poi, iscriversi all’ufficio di Polizia dell’area in cui si deciderà di risiedere e verrà rilasciato un certificato di registrazione.

Infine, una volta trovato lavoro, si potrà richiedere anche il codice fiscale norvegese (fødselsnummer) presso il registro nazionale: un documento utile per accedere alla sanità pubblica ed aprire, ad esempio, un conto bancario in Norvegia.

Dove vivere: che città scegliere

La maggior parte degli expat che sceglie di andare a vivere in Norvegia, sceglie le maggiori città e, nella stragrande maggioranza, decide di vivere nella capitale, ovvero la città di Oslo.

Per tutti coloro che si chiedono come sia vivere ad Oslo, è possibile affermare che lo stile di vita qui è ottimo, sia dal punto dei servizi sia per quello che riguarda le opportunità offerte. Inoltre, non solo si tratta di una città moderna e storica allo stesso tempo, ma anche di una delle aree metropolitane più vivaci d’Europa e dove gli svaghi ed i divertimenti culturali certo non mancano.

Altre città da menzionare sono poi certamente Bergen, Trondheim, Tromso e Stavanger, per la cui città esiste anche un interessante gruppo di Facebook per tutti coloro che vogliono contattare gli italiani che già vivono o che vogliono andare a vivere in questa città.

Proseguendo, vivere a Bergen significa anche scegliere una delle migliori città del Paese, apprezzata dagli stessi norvegesi oltre che da moltissimi turisti e dagli expat italiani. Si tratta anche di una città e destinazione molto popolare perché non si trova nemmeno molto lontano da Oslo e che gode anche di una posizione molto panoramica sulla costa occidentale della Norvegia. Inoltre, il clima è tra i più caldi di tutta la Nazione.

Invece, scegliere di vivere a Trondheim vuol dire optare per una città più piccola rispetto ad Oslo od a Bergen e quindi scegliere una realtà più tranquilla ma, comunque, storica dal punto di vista culturale e architettonico. Trondheim, poi, è particolarmente bella a fine estate ed in autunno. Una specialità della città: i frutti di mare freschi e una particolarità è la chiesa più grande del Nord Europa che si trova proprio in questa città.

Tromso, infine, è certamente una della località più wild dove scegliere di andare a vivere come expat, specialmente per la sua natura ma anche e soprattutto perché si trova ad una delle punte estreme del Paese. Le aurore boreali qui saranno meravigliose ma il clima incredibilmente rigido e glaciale.

Vivere e lavorare in Norvegia

La Norvegia è una terra ricca e che offre tantissime possibilità di lavoro, specialmente per i profili altamente specializzati. Si tratta, inoltre, di una società in cui regna la democrazia, la meritocrazia ed in cui il reddito medio pro capite è distribuito equamente. Una qualità della vita altissima e delle prospettive di qualità della vita lavorativa altrettanto alte.

Per trovare un lavoro in Norvegia è consigliato sapere l’inglese e, ancora meglio, il norvegese.

Dopodiché, tra i maggiori portali di riferimento per la ricerca di un impiego, consigliamo:

Inoltre, per chi sta cercando un lavoro in questo Paese e desidera trovare un settore fiorente e ricco di opportunità, consigliamo di investire o cercare lavoro nella pesca e, soprattutto, nel business del salmone: “l’oro rosa della Norvegia”.

Infine, per avere maggiori informazioni sulla ricerca di impiego in questo Paese, consigliamo di leggere la nostra guida su come lavorare in Norvegia.

SCOPRENDO LA NORVEGIA

Comprare ed affittare casa

Chiaramente, per chi sceglierà di abitare in Norvegia in modo semi-permanente o permanente, potrebbe essere una ottima idea quella di di comprare casa in questo Paese.

☞ Scopri come lavorare in Norvegia: stipendi medi, i lavori più pagati e quelli più richiesti ☜

Infatti, nonostante gli alti prezzi delle proprietà norvegesi ed il costo della vita decisamente alto, negli ultimi anni, la Norvegia ha guadagnato un certo spazio a livello europeo in fatto di investimenti immobiliari.

Uno dei fattori che incoraggia tali investimenti è l’economia generale del Paese che ha avuto delle performance molto alte e che hanno influito positivamente e costantemente sull’andamento finanziario della Nazione. In aggiunta, il mercato immobiliare norvegese ha anche beneficiato di trattamenti fiscali molto favorevoli al consumatore e che hanno incoraggiato un buon ritorno monetario nelle locazioni.

Senza contare che una crescente produzione economica ed un sistema statale efficiente e stabile con burocrazia quasi inesistente hanno anche portato ad una notevole crescita del mercato immobiliare locale.

In linea di massima, poi, gli immobili norvegesi si presentano con uno standard tecnico e qualitativo notevole, essendo i requisiti tecnici e legali altamente rigidi (viste anche le condizioni climatiche); il che rende queste proprietà davvero all’avanguardia e perfette per chi cerca non solo una casa dove vivere ma anche un investimento immobiliare fruttuoso.

Per trovare ed acquistare casa in Norvegia, una delle modalità ideali è quella di affidarsi a delle agenzie immobiliari in loco, specialmente per quello che riguarda la transazione di compravendita che, il più delle volte, si effettua attraverso agenzie specializzate.

Per quanto invece riguarda gli annunci immobiliari, anche relativi alle case e appartamenti in affitto e non solo a quelli in vendita, è possibile controllare sui seguenti siti web:

Vivere in Norvegia da pensionato

Scegliere di trasferirsi in Norvegia come pensionati non è una decisione che prendono molti expat, più che altro perchè il Paese è molto caro e, tra le altre cose, anche se il sistema sanitario è davvero di ottimo livello e abbordabile, si tratta comunque di una Nazione fredda e dal clima non affatto mite.

Il sistema pensionistico, per chi ha versato i contributi lavorando nel Paese è ottimo, ma non ne beneficia chi proviene da un’altra Nazione, ad esempio l’Italia, e deve sostenere costi molto molto alti con una pensione di meno di 1000 euro o poco più.

Trasferirsi con la famiglia

Andare a vivere in Norvegia con tutta la famiglia è una ottima idea, specialmente perché questo Paese ha – da sempre – cercato di avere un occhio di riguardo per le famiglie e per i giovani stessi che, grazie al meraviglioso welfare norvegese, possono beneficiare di moltissimi aiuti fiscali, pratici e soprattutto incentivi a studiare o a svolgere attività all’estero.

In linea di massima, infatti, la Norvegia è un ottimo Paese sia per trasferirsi con la famiglia ma anche per crearsene una. Il sistema educativo è gratuito, gli asili sono ottimi, le spese mediche davvero minime, ed il congedo parentale di un anno spetta sia al padre sia alla madre; più tutta una serie di altri benefici e politiche di sostegno alla famiglia che fanno sì che i costi di mantenimento di un figlio siano davvero sostenibili.

Per i più giovani, poi, come si diceva, esistono moltissime opportunità di studio e di lavoro e, tra le altre cose, una meravigliosa tradizione, ovvero quella del “folle” rito norvegese del Russ: la festa di passaggio per i diplomati delle scuole superiori. Celebrato prima degli esami di fine anno (da fine aprile fino al 17 maggio – Festa della Costituzione della Norvegia), gli studenti si vestono con pantaloni colorati (soprattutto rossi), decorano degli autobus e fanno festa ogni notte in questi mezzi di trasporto per un periodo di tre settimane.

 Esperienze, opinioni ed altri consigli

Per sapere di più sulla comunità italiana in Norvegia e per trovare ulteriori consigli ed opinioni relativamente alla vita in Norvegia ed all’organizzazione di un trasferimento in questa terra nordica, consigliamo di connettersi a questi gruppi di Facebook e di controllare su questo forum di italiani in Norvegia ospitato sulla pagina di TripAdvisor.

Infine, per ulteriori informazioni raccomandiamo anche la lettura delle nostre interviste con le storie di italiani emigrati in questo Paese.

Bryan: lascia il lavoro e sceglie di sognare in Norvegia

La storia di Attilio e la sua Norvegia

Vanessa: una mamma ad Oslo