Investire nel mattone all’estero

Di Enza Petruzziello

Comprare una seconda casa per le vacanze, per affittarla o rivenderla. Trasferirsi e cambiare vita ricominciando magari da un nuovo lavoro, oppure semplicemente decidere di godersi la pensione in un altro Paese, oppure per investire all’estero e guadagnare da affitti e rendite.

Sono tante le ragioni che ci spingono a investire nel vecchio e caro “mattone” fuori dai confini italici. Per molti, infatti, decidere di acquistare un immobile continua a essere una delle forme di investimento più sicure, soprattutto se si sceglie di farlo in un altro Stato.

COMPRARE CASA NEL MONDO

Perché si compra casa all’estero

Gli investimenti immobiliari all’estero sono, infatti, guardati sempre con maggiore interesse. Due le ragioni principali: da un lato il nostro Paese offre minori certezze sotto il profilo legislativo e fiscale, dall’altro molte nazioni presentano un’offerta estremamente diversificata e quotazioni decisamente competitive, con una tassazione degli immobili all’estero a volte davvero favorevole proprio agli stranieri.

Non solo gli italiani. Moltissimi gli investitori europei che hanno deciso di lanciarsi nel mercato immobiliare internazionale e comprare casa all’estero. All’interno della UE, in particolare, i britannici sembrano essere i maggiori investitori e, buona parte del loro capitale è stato dirottato in Francia o in Spagna, in Portogallo, negli Stati Uniti, in Turchia e persino in Italia.

I dati

Che il mercato immobiliare estero sia molto appetibile lo dimostrano anche i dati. Stando al portale di ricerche e statistiche immobiliari, Scenari immobiliari, lo scorso anno il numero di transazioni all’estero ha toccato il record di 48 mila.

Si tratta di un numero superiore a quello degli acquisti fatti nelle località di villeggiatura nazionali, anche se solo una quota minoritaria compra fuori spinto dalla voglia di vacanza. C’è chi acquista perché all’estero ci lavora e chi lo fa per investimento, per difendere il capitale.

Inoltre, anche se il nostro mercato è in crisi di prezzi ormai da dieci anni, mentre nella maggioranza dei Paesi esteri le quotazioni sono tornate a crescere, spesso si può spendere meno che da noi. Si scopre che se le quotazioni di Parigi e Londra sono inarrivabili per Milano e Roma, Berlino o Madrid sono in media più economiche.

Non è detto, comunque, che ci sia necessariamente bisogno di un grande budget: anche comprare casa all’estero con pochi soldi è possibile. Sono molte le mete in cui il mercato immobiliare è in crescita e i prezzi sono contenuti e ragionevoli. E per trovare case a prezzi convenienti non serve spostarsi molto dall’Italia. Come svela ancora Scenari Immobiliari tanti buoni affari si trovano proprio in Europa a due passi da noi.

Comprare casa a Londra: come funziona? Ve lo raccontiamo! ♕

✪ Curiosità: Dove comprare casa al mare a basso costo in Italia? Scoprilo!

Vediamo insieme dove conviene investire in immobili all’estero

Le mete preferite dove conviene comprare casa? Secondo il sito Scenari Immobiliari sono Gran Bretagna e Spagna. Questi due Paesi rappresentano, infatti, le piazze maggiormente desiderate dagli italiani, dove conviene comprare casa in Europa.

L’Inghilterra risulta il luogo dove conviene comprare casa all’estero come forma di investimento, la Spagna invece piace per i suoi prezzi contenuti. Anche perché comprare casa a Barcellona è molto diverso, economicamente, dal farlo a Londra che come sappiamo ha subito un’impennata dei prezzi degli immobili.

Si tratta ad ogni modo di due realtà che, anche grazie alle loro politiche di incentivazione, sono riuscite a risollevare il mercato ed in alcune zone i prezzi sono scesi fino al 20%. Tutto questo ha dunque portato ad una domanda maggiore anche da parte di persone del ceto medio, magari pensionati che vogliono passare la propria vecchiaia in un ambiente più confortevole e stanno cercando un luogo dove comprare casa all’estero.

Dove hanno comprato casa gli italiani

La maggior parte degli italiani, negli ultimi 2 anni, ha comprato casa in Costa Azzurra, negli Stati Uniti, in Spagna, nelle città di Londra, Parigi o Berlino, quest’ultima particolarmente alla moda tra gli italiani per via di un mercato immobiliare abbastanza attivo e per i prezzi al metro quadrato non eccessivi nonostante si stia parlando di una capitale europea, e, infine, in Brasile, nazione dal mercato emergente e dalla forte crescita economica.

Il mercato immobiliare spagnolo

Nella penisola iberica, in particolare, si è concentrato negli scorsi anni oltre un quarto degli investimenti complessivi. Negli ultimi dieci anni hanno scelto di comprare casa in Spagna 100 mila italiani, spinti da prezzi bassi, dalla facilità di trovare inquilini nelle località turistiche del Sud con 12 mesi di stagionalità e da voli low cost per chi fa un uso diretto dell’immobile.

Da un’analisi di Mutui.it e Facile.it (dati 2018) emerge che i tassi dei mutui in Spagna sono molto vantaggiosi. Se in Italia un mutuo a tasso fisso costa oggi in media oggi l’1,85%, ci sono Paesi dove costa ancora meno. In Francia i fissi costano l’1,65% e in Germania l’1,68%. Ma è la Spagna a piazzarsi al primo posto con un costo medio dell’1,5%.

Al centro dell’interesse degli investitori c’è soprattutto la capitale. Per comprare casa a Madrid si va dai 2.600 ai 4.150 euro/mq nelle zone di pregio (dati di aprile 2016). Segue Barcellona (1.800-3.800) e in crescita anche l’Andalusia.

☞ Hai un bel gruzzolo e vuoi farlo fruttare? Leggi la nostra guida su come investire 300000 euro! ♕

Gli acquisti per uso diretto si concentrano invece in Costa del Sol e Costa Blanca, Canarie e Baleari, mete preferite dei pensionati. Proprio il fenomeno degli over 65 che ambiscono a cambiare vita è in forte aumento, così come rilevato dall’Istat, grazie anche alla tassazione degli immobili in Spagna.

Case in vendita all’estero al mare

Diciamolo, tutti vorrebbero avere una casa vista mare. E tra le destinazioni preferite dove comprare una casa al mare in Europa al primo posto ci sono le Canarie, anche per la semplicità della lingua. Comprare casa alle Canarie è stato conveniente soprattutto gli scorsi anni. Nell’arcipelago il 28% delle case vendute sono state acquistate da stranieri; parliamo di 7.783 case.

Il più alto tasso di compravendite, però, si registra nelle Baleari (35,6% di immobili acquistati). Comprare casa a Minorca, in particolare, risulta piuttosto vantaggioso. L’isola è, tra le 4 che compongono le Baleari, quella ancora più tranquilla dal punto di vista turistico.

Segue la comunità di Valencia con il 26,4%. Merito anche delle recenti riforme legislative che permettono il permesso di residenza definitiva a tutti gli stranieri che realizzano una o più acquisizioni immobiliari per un importo uguale o superiore ai 500mila euro.

Bene anche il Portogallo che rientra di diritto tra i Paesi dove comprare casa al mare all’estero. Gli investitori comprano quasi esclusivamente a Lisbona, considerata la capitale più conveniente dell’Europa occidentale, dal momento che con meno di 100mila euro si può avere un monolocale di alto livello nuovo o ristrutturato e i rendimenti sono competitivi.

L’Algarve, invece, attira soprattutto l’interesse dei pensionati che decidono di vivere in Portogallo. In riva all’Oceano Atlantico, è possibile infatti godere di lunghe passeggiate, spiagge meravigliose, cibo ottimo, cordialità della gente del luogo e costo della vita basso, tutti particolari che rendono questo posto un piccolo paradiso per gli over 60.

Restando nel Mediterraneo, in Grecia meglio evitare Atene dove le case è vero si vendono a prezzi stracciati ma non garantiscono un’occasione di investimento. Conviene piuttosto orientarsi sulle isole come Mikonos e Santorini, dove però i costi sono rimasti molto alti.

Ma dove costano meno le case in Europa? In Albania e in Croazia, destinazioni queste in cui i prezzi hanno subito un forte calo negli ultimi sette anni e si possono acquistare immobili nuovi ampiamente scontati.

Comprare casa all’estero come forma di investimento

Per chi vuole assicurarsi un investimento a lungo termine, comprare casa a Londra resta una delle soluzioni preferite. I dati più recenti dicono che il prezzo medio a cui si vendono le case oggi è attorno a 600 mila sterline, ma il rendimento del mercato immobiliare londinese è cresciuto del 50 per cento negli ultimi mesi.

Prima della crisi internazionale, la maggior parte degli speculatori investiva nel mercato immobiliare dell’esotico est o dell’Europa dell’est perché si poteva comprare proprietà a prezzi a volte ridicoli con l’ottica di ottenere in seguito un alto rendimento.

Con l’avvento della crisi però l’atteggiamento di chi compra e investe nell’acquisto di case e proprietà è cambiato e fare un buon affare spesso significa acquistare qualche cosa di sicuro, per questo motivo molti investitori scelgono ancora di comprare nelle grandi capitali europee, Parigi, Londra, Berlino, oppure a New York.

Tra i luoghi più ambiti per gli investimenti nell’immobiliare c’è Sidney. Secondo gli esperti, nella metropoli australiana il valore delle case dovrebbe registrare una rivalutazione del 10 per cento.

Mete sicure su cui investire restano invece gli Stati Uniti d’America, dove oltre all’intramontabile New York cresce l’interesse anche per Miami, negli ultimi anni decisamente più pubblicizzata e meta di molti imprenditori dove però per comprare 70 metri quadrati serve un milione di euro.

Nella Grande Mela chi compra per investimento ormai punta sul Bronx o Brooklyn, visto che Manhattan ha valori proibitivi. Chi punta sul Mediterraneo infine privilegia la Tunisia, mentre Marocco ed Egitto non sono più considerati.

Comprare casa fuori dall’Europa

Spostandoci dall’Europa, le occasioni più interessanti sono in Asia, in particolare a Phuket. Qui si può acquistare un immobile spendendo dai 1.000 euro al metro quadro. Immobili low cost anche in Repubblica Dominicana e in Thailandia dove si può comprare una villetta monofamiliare vicina alla spiaggia a soli 40 mila euro, oppure una villa extra lusso con piscina a 150 mila euro.

Bene anche Panama dove le tasse immobiliari sono veramente basse e alcune proprietà hanno un’esenzione fiscale di 5-20 anni. In generale per comprare casa a Panama ci vogliono dai 55 ai 75 mila euro per un appartamento nel centro di Panama City con due camere, molto meno se ci si sposta in una delle città vicine, magari proprio in riva al mare. Un espatriato che possiede una casa, e quindi non ha spese di affitto, potrebbe vivere comodamente con 900 euro al mese.

La vivacità del mercato immobiliare degli Emirati Arabi

Piace sempre più Dubai, uno dei mercati immobiliari più regolamentati al mondo, soprattutto per chi vuol fare impresa. Appartamenti lussuosi, ville incredibili, opportunità di business e di investimenti.

La città degli Emirati Arabi è diventata negli ultimi anni una delle destinazioni preferite per grandi e piccoli imprenditori di tutto il mondo grazie soprattutto al suo mercato immobiliare in piena espansione, a un impianto normativo studiato per favorire gli acquirenti stranieri e a un sistema fiscale estremamente leggero.

Oggi Dubai è una delle migliori località dove investire in immobili: l’economia è in costante crescita, la città è in continua espansione e non esistono imposte sui redditi, quindi non esiste per gli investitori stranieri di diversi stati, tra cui l’Italia, il problema della doppia imposizione.

☆ Vuoi investire o trasferirti fuori dall'Italia? Scopri come inviare soldi all'estero legalmente! ✔

Tre le principali tipologie d’immobili: il monolocale, 1 bedroom (una stanza da letto), 2 bedroom (due stanze da letto). In questi casi i prezzi variano dai 150.000 ai 750.000 euro. Se invece si parla di immobili di lusso, le cifre naturalmente possono crescere notevolmente.

Case a poco prezzo nel mondo

Se il budget è limitato, i posti in assoluto dove è possibile trovare le case più economiche del mondo sono Romania, Albania e anche Polonia. Qui si possono comprare case a basso costo anche nelle città più importanti, per esempio Cracovia.

E pensate ci sono addirittura luoghi al mondo dove vi pagano per abitarci. È successo, ad esempio, in Nuova Zelanda. Qualche anno fa a Kaitangata, comune rurale della costa meridionale del Paese, per scongiurare il pericolo dello spopolamento i suoi 800 abitanti decisero di lanciarsi in un’operazione alquanto singolare di “reclutamento” offrendo a coloro che erano disposti a trasferirsi tanta terra e una casa del valore di circa 150mila euro per ogni nucleo familiare.

Comprare casa all’estero: le tasse

Diversi insomma i Paesi dove comprare casa all’estero. Prima però di avventurarsi in questo investimento, occorre conoscere bene le imposte sugli immobili all’estero e dunque come funziona la tassazione per le case all’estero. Le tasse che occorre pagare direttamente all’estero dovranno essere valutate con il Paese dove si trova l’immobile.

In tanti si staranno chiedendo: “Se compro una casa all’estero devo pagare l’Imu?”. Il possesso di una seconda casa fuori dai confini nazionali viene tassato anche dal nostro governo, in quanto si è fiscalmente residenti in Italia: stiamo parlando dell’IMU seconda casa all’estero, nota anche come IVIE, ovvero l’Imposta sul Valore degli Immobili situati all’Estero. Per evitare la doppia imposizione, invece, bisogna far riferimento all’articolo 13 della convenzione OCSE.

Le tasse che si pagano sono dunque:

  • tassazione IVIE;
  • tassazione nel paese estero (ma attenzione alla doppia imposizione);
  • tassazione IRPEF da calcolare sulla plusvalenza eventualmente realizzata quando si venderà la casa.

Per ulteriori informazioni sul calcolo IVIE per gli immobili all’estero si rimanda al sito dell’Agenzia delle Entrate.

Come comprare casa all’estero

Una volta stabilito dove comprare casa all’estero e quale comprare, se non si dispone del capitale necessario per concludere l’acquisto una delle soluzioni è accedere ad uno dei mutui per italiani residenti all’estero.

Come fa notare Facile.it, sotto l’aspetto tecnico, specialmente all’interno dell’UE, non dovrebbero esserci limitazioni per ottenere un mutuo e comprare casa all’estero, tuttavia sono poche le banche italiane disposte a concedere mutui ipotecari all’estero. Questo perché il fatto di avere a che fare con leggi straniere, con una prassi cautelare diversa e con spese maggiori per l’eventuale esecuzione non offre sufficienti garanzie.

Mutuo di liquidità

Una possibile alternativa è quella di richiedere un mutuo liquidità, che mira a garantire al richiedente dei soldi liquidi che possono essere utilizzati senza l’obbligo di specificare le modalità di impiego, quindi anche per acquistare casa all’estero.

★ Curiosità! Scopri dove sono le case meno costose al mondo

La condizione necessaria per la concessione di un mutuo liquidità è avere un immobile di proprietà che sia libero da ipoteche, in quanto rappresenta la garanzia per ottenere il finanziamento.

Ogni cosa ovviamente va eseguita con estrema attenzione. Il consiglio è di rivolgervi a un’agenzia immobiliare situata sul territorio dove volete acquistare la vostra casa oppure rivolgersi a un intermediario immobiliare specializzato in operazioni all’estero.

Insomma meglio non fare da soli per evitare di incappare in brutte sorprese.

Agenzie immobiliari specializzate per il mercato estero

Di seguito alcune delle agenzie immobiliari specializzate proprio sul mercato estero:

Immobiliare.it: la piattaforma, tra le più importanti, ha una sezione internazionale dedicata proprio a chi vuole comprare casa all’estero con tanti annunci di vendita case all’estero per i privati.

Luxury&Tourism: si tratta di un’agenzia che aiuta gli investitori nell’acquisto della casa all’estero.

Tecnocasa: leader in Italia ma con un occhio puntato anche all’estero, il gruppo può contare su numerose reti di agenzie di intermediazione immobiliare sparse in tutto il mondo.

Immobiliare Nuova Vita: è una nuova realtà che fa capo all’agenzia Nuova Vita, specializzata nell’aiutare i pensionati a trasferirsi all’estero. Immobiliare Nuova Vita si occupa nello specifico di proporre investimenti immobiliari sicuri all’estero grazie alla collaborazione con agenzie locali qualificate. Algarve, Lisbona, Fuerteventura, Lanzarote, Minorca e Cipro: sono tante le offerte di proprietà immobiliari all’estero selezionate appositamente per chi vuole trasferirsi in Paesi con agevolazioni fiscali specifiche. Ogni destinazione ha una sua sezione in cui potete trovare tutte le proposte di vendita e di affitto suddivise in diverse tipologie di immobili: appartamento, bungalow, casa affiancata, casa piano terra, casa rurale, casa semi-indipendente, villa, villa a schiera e persino bar. Tutte le offerte, inoltre, sono corredate da foto e informazioni dettagliate sull’immobile.

Italy Home Luxury: agenzia immobiliare internazionale in Italia specializzata per la vendita immobili di lusso anche all’estero.

Idealista: portale di annunci immobiliari leader in Europa, Idealista ogni giorno pubblica nuovi annunci di privati e agenzie immobiliari.