Scegliere il Portogallo per investire

Non chiamatela moda. La scelta di vivere in Portogallo accomuna ormai sempre più italiani. Stile di vita rilassato, costi minori e tasse più vantaggiose sono tra i motivi che hanno portato nel Paese lusitano tantissimi expat di casa nostra.

Se ne contano attualmente quasi 7 mila (nel 2010 era di appena 2.533). Tra questi, molti sono coloro che hanno deciso di vivere da pensionati in Portogallo, grazie al regime fiscale davvero vantaggioso, che per dieci anni non prevede tassazione sulle pensioni.

Insomma, ci sono molte interessanti opportunità anche per quanti vogliono investire in Portogallo, aprendo un’attività o comprando un immobile da mettere poi a rendita.

MAPPA PORTOGALLO

Conviene investire in Portogallo?

Vivacità economica, rilancio e nuove occasioni: investire in Portogallo oggi conviene molto più che in passato. Come fa notare InfoMercati, sito del Ministero degli Esteri, in seguito alle riforme economiche e alle politiche di austerità applicate durante il periodo 2011-2015, sono stati registrati segnali di moderata ripresa nell’economia portoghese.

Attualmente operano in Portogallo circa 150 imprese controllate da capitale italiano, in larga prevalenza piccole e medie imprese che dispongono di una presenza di tipo commerciale (filiali, succursali, centri di distribuzione o punti vendita).

Non mancano tuttavia gruppi italiani di dimensioni maggiori, che operano attraverso una stabile presenza produttiva o sotto forma di collaborazioni industriali con partner locali. Tra questi ci sono Gres-Panaria (ceramiche), OLI (sistemi idraulici) e Seda Group (packaging). Nel paese sono anche presenti le grandi multinazionali italiane, fra cui ENI, Agusta Westland, FCA, Generali, Ferrero, Gruppo Calzedonia, Benetton, GiGroup.

☆ Vuoi investire o trasferirti fuori dall'Italia? Scopri come inviare soldi all'estero legalmente! ✔

Su quali settori investire?

Le opportunità di investimento in Portogallo sono diverse. I settori sui quali puntare, secondo InfoMercati, riguardano: l’energia elettrica, in particolare quella proveniente da fonti rinnovabili (parco eolico su tutti); servizi di informazione e comunicazione; prodotti tessili e prodotti delle miniere e delle cave.

Ma i tipi di investimento più comuni e convenienti sono senza dubbio l’immobiliare e l’apertura di un’attività. Vediamo nel dettaglio entrambe le forme di investimento.

Comprare casa in Portogallo

Investire in immobili all’estero è da sempre tra le forme di investimento preferite dagli italiani. Il “mattone” dà sicurezza e permette di poter recuperare l’investimento in tempi relativamente brevi. Molti decidono di trasferirsi in Portogallo e comprare casa, tanti altri invece acquistano un immobile per poi affittarlo ai turisti e così ricavarne un guadagno.

D’altronde, comprare casa in Portogallo conviene oggi più che mai. Il mercato immobiliare è in fermento e il valore degli immobili è destinato a salire. Secondo l’INE – Istituto Nazionale di Statistica Portoghese – i prezzi delle case a Lisbona, a Porto e anche in Algarve al 1° trimestre del 2018, sono aumentati e per alcune aree il valore al mq è salito anche del 40%. Un’ottima notizia per chi ha già acquistato casa e intende rivenderla.

Per il sito immobiliare Idealista, nel 2019 l’andamento sarà ancora migliore. In particolare la capitale Lisbona si distinguerà come la principale destinazione per gli investimenti immobiliari in Europa, superando città come Berlino, Dublino o Madrid. La capitale portoghese viene infatti considerata come la città su cui vale la pena scommettere.

▶ Scopri la guida per trasferirsi a vivere in Portogallo: tutte le cose da sapere sul paese lusitano

Immobili relativamente poco costosi e qualità della vita sono le grandi risorse che fanno di Lisbona la “scelta numero uno” degli investitori in Europa per il 2019, secondo il più recente studio Emerging Trends in Real Estate, effettuato da PwC e Urban Land Institute.

Rispetto al passato, gli investitori vogliono preservare il loro capitale. Non cercano alti rendimenti, ma sicurezza. E Lisbona è la città in grado di dare loro ciò che desiderano.

Costo delle case in Portogallo

I dati INE ci offrono inoltre una panoramica completa dei costi delle case. Il prezzo medio al metro quadro delle abitazioni in Portogallo è di 950 euro.

Le due città principali della penisola lusitana sono Lisbona, la capitale, e Porto. In queste due città, insieme a Faro in Algarve, si trovano anche gli aeroporti principali del paese. Il prezzo delle case di Lisbona nell’ultimo anno è salito del 20,4%, mentre a Porto è aumentato del 22,4%. Quest’ultima, nel nord del Portogallo, ha registrato l’aumento più importante, anche se la capitale Lisbona, in particolare la freguesia (unità amministrativa) di Santo António (con un + 39,5%), mantiene il primato per costo delle case al metro quadro.

In generale le aree costiere sono le più costose, mentre quelle nelle zone dell’entroterra risultano molto spesso molto convenienti. In media i prezzi di vendita delle case in Algarve, secondo le statistiche pubblicate dall’INE, sono di 1.424 euro al metro quadro. Chi vuole comprare casa a Faro può cavarsela con una cifra di 1.196 euro/mq.

Comprare casa in Portogallo con 50000 euro? È difficile ma possibile. Uno dei metodi è il crowdfunding immobiliare: un finanziamento collettivo, attraverso il quale un gruppo di persone unisce le proprie risorse sostenendo e finanziando un progetto, in questo caso immobiliare. Un altro escamotage è comprare casa all’asta. In questo caso meglio farsi assistere da un buon legale, che conosca bene il mercato di riferimento e tutte le normative per acquistare casa.

Tasse

Oltre al prezzo della proprietà, bisogna considerare nel budget anche le tasse sull’acquisto di immobili in Portogallo. Le principali spese sono:

  • Tasse derivanti dall’acquisto, prima fra tutte l’imposta comunale di proprietà. L’importo viene calcolato sulla base del valore dell’immobile, tenendo conto del valore di mercato, dell’ubicazione e della tipologia dell’immobile. Il tasso varia quando si tratta di tasse di proprietà comunale su base annua, ma rimane all’interno della gamma dello 0,5% e dello 0,3% del valore imponibile della proprietà.
  • Trasferimento fiscale, in caso di rivendita di immobili.
  • Spese notarili.
  • Tasse di registrazione nel catasto.
  • Spese dell’agente, se si è fatto ricorso ad un’agenzia.
  • Spese associate con l’ipoteca.

Dove comprare casa in Portogallo

Tra le destinazioni più gettonate per acquistare casa in Portogallo c’è l’Algarve. È in questa regione del sud affacciata sul mare, baciata dal sole e con uno stile di vita molto tranquillo, che scelgono di vivere molti degli expat italiani. Destinazione prediletta dai turisti di tutto il mondo, l’Algarve è inoltre un’interessante meta per gli investimenti immobiliari, per acquistare casa e affittarla, mettendola così a rendita.

☆ Vuoi investire o trasferirti fuori dall'Italia? Scopri i migliori metodi per trasferire soldi all'estero! ✔

Faro, Portimão e Albufeira sono località in cui il numero di turisti è cresciuto in maniera vertiginosa negli ultimi anni. Il numero di coloro che scelgono di vivere in modo permanente in questa regione continua ad aumentare.

Molto popolare tra inglesi ed irlandesi è Lagos, un centro turistico e storico da cui i marinai portoghesi partono per spedizioni sulle coste dell’Africa. A Quarteira, sempre in Algarve, è possibile acquistare un appartamento con tre camere da letto al costo di circa 150.000 euro nel centro storico.

Tra le città più grandi è Lisbona ad avere la meglio per l’acquisto di una casa. Per spuntare prezzi convenienti, occasioni ghiotte si trovano nel quartiere di Lapa o ad Alfama, zona storica che confina con la foce del Tejo.

Piace molto anche Braga, località tra le più convenienti per comprare casa. Se, infatti a Lisbona serve il reddito percepito in 17,3 anni di lavoro per acquistare un appartamento (sulla base degli indicatori scelti da Vera Finanza) e a Porto quello di 13,1 anni, a Braga invece serve il reddito di solo 6,5 anni per comprare un appartamento di 90 metri quadri.

Se desiderate svegliarvi ogni mattina con un paesaggio mozzafiato, allora la vostra destinazione è Madeira, isola di origine vulcanica dall’incomparabile bellezza. Qui i prezzi vanno dai 185mila euro per un appartamento con due stanze fino a un milione di euro per una grande villa.

★ Ti piacerebbe investire in un'attività innovativa? Scopri come aprire un ufficio coworking! ◀

Risorse per comprare casa

Di case in vendita in Portogallo ce ne sono di diversi tipi, sia sul mare che nell’entroterra. Ad ogni modo, per comprare o vendere casa con successo o dare in affitto un immobile, è importante rivolgersi a una buona agenzia immobiliare che sappia guidarvi e consigliarvi. Meglio ancora programmare un viaggio esplorativo, per capire la zona e la località che potrebbe fare al caso vostro.

Fortunatamente il web è una delle risorse che ci aiuta in una prima scrematura, grazie a diversi siti per la ricerca di immobili in Portogallo.

Tra le principali risorse e agenzie immobiliari troviamo:

Non mancano, inoltre, forum e gruppi Facebook che possono aiutarvi nella scelta. Tra questi ultimi segnaliamo “Italiani in Portogallo da Nord a Sud”, che conta più di 6mila iscritti.

Aprire un’attività in Portogallo

Un’altra forma di investimento molto gettonata riguarda l’apertura di un’attività. I settori sono tra i più svariati: si va dalla ristorazione al turismo, fino alle attività commerciali e a quelle agricole. Aprire un’attività all’estero ha i suoi vantaggi, ma anche delle insidie. Conoscere bene la realtà è fondamentale per non fare scelte sbagliate, oppure aprire qualcosa che nel giro di un anno fallirà.

☛ Investire all'estero? Scopri tutto quello che devi sapere per evitare l'esterovestizione societaria

Se fare da soli vi spaventa, una delle opzioni è quella di cercare un socio con cui dividere oneri e onori.

Come aprire un’attività in Portogallo

Aprire un’attività in Portogallo ha le sue regole e i suoi passaggi burocratici.

  1. Ottenere il visto per imprenditori immigrati. Per prima cosa bisognerà richiedere il visto D2 Portugal, che consente a chi lo richiede e ai suoi famigliari di risiedere nel Paese in modo permanente. Per ottenerlo è necessario presentare un business plan dettagliato e tutte le pratiche burocratiche e amministrative necessarie in uno dei consolati del Portogallo, presenti nei principali capoluoghi italiani.
  2. Permesso di soggiorno. Una volta ottenuto il visto sarà possibile andare in Portogallo e chiedere il permesso di soggiorno, così da aprire un conto bancario.
  3. Il NIF Portugal, ossia il numero d’identificazione fiscale dei residenti nello stato portoghese.
  4. Scelta e registrazione del nome. Una volta scelto e approvato il nome dell’attività si deve registrarlo presso la DGRNDirecçào Geral dos Registos e do Notariado. La procedura in genere richiede circa 10 o 15 giorni lavorativi.
  5. L’iscrizione alla previdenza sociale. Per questo passaggio è possibile consultare il sito http://www.seg-social.pt/, dove troverete tutte le informazioni su come iscrivervi.
  6. La dichiarazione di inizio attività.
  7. Il certificato di ammissibilità e il versamento del capitale sociale, oltre alla preparazione dell’atto costitutivo della società (Statuto).
  8. Infine l’ultima documentazione da presentare per aprire un’attività in Portogallo è il NIB, cioè il numero di banca necessario per avviare l’impresa del quale di solito si occupa il contabile aziendale/commercialista.

A questo proposito si consiglia di trovare un consulente qualificato che possa aiutarvi nelle pratiche di apertura. Molto utile è ad esempio l’assistenza della Camera di Commercio Italiana in Portogallo, che può assistervi nella ricerca di un avvocato oppure di un commercialista.

Che tipo di attività aprire?

Fattorie, negozi, bar, pizzerie, ristoranti, B&B: sono numerosi i tipi di attività che conviene aprire in Portogallo. Molto dipende dalla propria inclinazione e passione, ma anche dal mercato di riferimento. Inutile aprire un ristorante italiano all’estero in una zona già piena di attività simili. Meglio farlo altrove, oppure avviare qualcosa che manca.

★ Curiosità! Scopri dove sono le case meno costose al mondo

Ecco quali sono le migliori attività da avviare in Portogallo:

  • Bar. È una delle attività più redditizie, soprattutto nelle località di mare e quindi piene di turisti. Aprire un bar all’italiana in Portogallo potrebbe essere un’idea vincente, dal momento che ce ne sono ancora pochi. Potreste offrire ai clienti i tipici prodotti da bar italiani: caffè, aperitivi, panini.
  • Ristorante o pizzeria. I ristoranti italiani piacciono sempre molto. Stesso discorso vale per le pizzerie. Ce ne sono diversi in Portogallo, ma molte zone (soprattutto dell’entroterra) sono scoperte.
  • Negozio di abbigliamento. Anche in questo settore il made in Italy è sempre molto apprezzato. Si potrebbe pensare ad esempio a un negozio di abbigliamento con capi italiani particolari e lontani dalle solite griffe.
  • Attività legate alla terra. Famoso per i suoi vini, il Portogallo è un paese perfetto per quanti amano la terra e coltivarla. Ci sono diverse fattorie in vendita, che è possibile acquistare per far crescere i propri prodotti.
  • B&B. Le probabilità di successo in ambito ricettivo sono molto alte in quella che è considerata una delle nazioni più virtuose in ambito turistico. Tante le destinazioni tra cui scegliere: l’Algarve, Lisbona, una delle più belle capitali europee, Cascais, una bellissima località di mare, Porto, famosa per il vino, Coimbra, città ricca di studenti per il prestigioso ateneo, e molte altre ancora.
  • Negozio di pasta fresca o di alimentari italiani. In Portogallo si trovano prodotti italiani ma solo in alcuni supermercati. Un’ottima idea per investire e avere successo è aprire un’attività di pasta fresca, oppure un piccolo negozio dedicato esclusivamente ai prodotti alimentari made in Italy.

In conclusione

Voglia di cambiare, sistema fiscale più vantaggioso, una vita vista mare: qualunque sia la ragione che vi spinge ad investire in Portogallo, è molto importante prendere tutte le precauzioni necessarie prima di farlo. Il consiglio è di informarsi e studiare possibilmente sul posto, e naturalmente di affidarsi a professionisti seri e onesti che possano aiutarvi ad aprire un’attività commerciale o a comprare casa.