Il sogno di lavorare a Barcellona: ecco come realizzarlo

Nutri da sempre il sogno di andare a lavorare all’estero ma non vorresti allontanarti troppo dall’Italia e, soprattutto, dal suo clima e cultura? Allora la scelta di trasferirti a lavorare a Barcellona è certamente una delle più azzeccate ed allettanti.

La città di Barcellona è caratterizzata da quartieri brulicanti di vita, locali notturni, una splendida cultura e tantissima arte in cui immergersi, senza contare le moltissime possibilità lavorative. Vero è che si tratta anche di una città molto inflazionata a livello di expat, specialmente tra italiani, ma è anche vero che si tratta di una realtà dinamica e in continua evoluzione per cui, dopo tutto, vale la pena fare un tentativo.

Chiaramente, in una scelta di questo tipo, bisogna anche considerare che trovare lavoro in Spagna non è sempre semplicissimo, non tanto a livello burocratico, ma più che altro per via di una economia non sempre stabile e, soprattutto, che non vanta un tasso di disoccupazione basso, anzi ben il 5% più alto che in Italia (dati primo semestre 2019).

Ad ogni modo, raccogliendo più informazioni possibili su come trovare lavoro, che tipo di impiego cercare, quali possono essere i maggiori settori su cui investire e – in generale – seguendo alcuni consigli di questa guida, siamo certi che sarà più semplice preparare il tuo trasferimento a Barcellona a livello lavorativo.

Documenti necessari

Prima di vedere attivamente quali possono essere i riferimenti ed i metodi per trovare un impiego a Barcellona, cerchiamo di capire quali documenti possono essere necessari sia per entrare in Spagna sia per, poi, farsi assumere da un datore di lavoro.

In linea di massima, per entrare in Catalogna e quindi in Spagna, non è necessaria che la carta di identità o il passaporto valido e non c’è quindi bisogno di richiedere alcun visto.

Approfondimento consigliato → Tutto sul lavoro di magazziniere: corsi, offerte di lavoro, ecc.

Ad ogni modo, se la vostra idea è quella di andare a vivere e lavorare in questo Paese, è consigliabile procurarsi questi documenti non appena vi sarete stabilizzati in città (ossia appena avrete un domicilio più o meno certo):

Infine, poi, prima di recarsi in Spagna, specialmente se si è cittadini extra UE, è possibile prendere contatti con le ambasciate locali oppure con l’ambasciata italiana in Spagna e richiedere tutte le informazioni di cui si avrà necessità. Il link di riferimento è questo: https://consmadrid.esteri.it/consolato_madrid/it/.

Consigli su come trovare lavoro nella capitale catalana

Chiaramente, se nelle vostre intenzioni c’è quella di trasferirsi a vivere a Barcellona, una delle vostre priorità sarà sicuramente quella di trovare un lavoro e, prima di tutto, specifichiamo un paio di cose o, quanto meno, proviamo a sfatare qualche mito.

Prima di tutto, l’idea di trovare lavoro a Barcellona dall’Italia potrebbe funzionare ma, in linea di massima, non è proprio la strategia migliore. Questo principalmente per due motivi: la competizione è spietata in questa città e, in secondo luogo, è molto raro che si venga contattati per un lavoro se nel vostro curriculum già non specificate che avete già il NIE, che già risiedete a Barcellona o che non avete immediata disponibilità per un colloquio. Infatti o la vostra professionalità è molto alta e specifica oppure sarà difficile trovare con successo lavoro in questa città dall’Italia.

Proseguendo, vogliamo anche ricordare che Barcellona è una città ad altissima affluenza di stranieri nonché di italiani che, ad oggi, sono circa il 34% degli stranieri residenti nella capitale catalana. Per tale motivo se, in parte, siete convinti che possa essere un plus sapere l’italiano, potenzialmente potreste sbagliarvi perché ci saranno moltissimi italiani come voi a cercare lavoro o il vostro stesso impiego.

Per tale motivo, una delle migliori competenze su cui puntare per cercare lavoro in questa città è certamente quella di sapere le lingue, non solo lo spagnolo e l’italiano ma, possibilmente, anche l’inglese, il francese, il tedesco o altro. Sapere più lingue è certamente un ottimo punto di partenza.

Infatti, lavorare a Barcellona senza sapere lo spagnolo o anche il catalano è assolutamente possibile, specialmente se lavorerete nel settore dell’assistenza clienti o nella ristorazione ed il turismo; il contrario (sapere solo la lingua locale e nessuna altra straniera) – invece – potrebbe essere paradossalmente più complicato.

Infine, per cercare lavoro attivamente a Barcellona, il secondo ed utile consiglio è quello di preparare un buon curriculum in spagnolo ed anche un secondo in un’altra lingua (non italiano). Ad esempio, scrivere un curriculum vitae in inglese è sicuramente un’ottima seconda opzione.

Opportunità di lavoro a Barcellona

In linea di massima, le offerte di lavoro a Barcellona si possono trovare su una serie di portali di riferimento ed aggregatori di annunci come, ad esempio, quelli elencati qui sotto:

Un altro strumento molto utile per la ricerca di lavoro nella capitale catalana è sicuramente anche il portale Eures dove, oltre a offerte per personale specializzato, si possono trovare anche molte offerte per neo-laureati o per chi desidera effettuare uno stage in Spagna ed in Catalogna.

► Leggi la Guida Definitiva per trasferirti a vivere a Barcellona! ◀

Chiaramente, per essere il più selettivi possibile e, inoltre, cercare di intercettare i settori con maggiore successo per la ricerca di lavoro, consigliamo di provare con i seguenti campi lavorativi che, in generale, nella città di Barcellona riscuotono sempre abbastanza successo:

  1. ristorazione ed ospitalità;
  2. insegnamento delle lingue straniere (insegnare italiano ma soprattutto inglese);
  3. attenzione al cliente (un ottimo portale e che spesso ricerca personale è l’azienda di call-center https://www.sellbytel.com/es/);
  4. lavorare per startup (le migliori offerte si trovano su https://www.jobfluent.com/jobs-barcelona);
  5. commercio e terziario in genere;
  6. finanza ed assicurazione;
  7. medico (specialmente quello relativo alle cliniche di fecondazione assistita).

Se, poi, nello specifico si ha intenzione di cercare un lavoro estivo in Spagna, la città di Barcellona è perfetta perché è possibile trovare lavori stagionali nel turismo e nella ristorazione quasi tutto l’anno e non solo durante l’estate. In questo senso, trovare lavoro come receptionist o anche estetista e parrucchiera (specialmente nei villaggi turistici o in certe strutture vacanziere) assolutamente fattibile.

Infine, se siete alla ricerca di offerte di lavoro a Barcellona con vitto e alloggio, l’opzione migliore è molto probabilmente quella di cercare lavoro come Au Pair oppure qualche possibilità di Woofing o Work Away.

Agenzie per il lavoro

Tra le agenzie per il lavoro a Barcellona, alcuni riferimenti utili sono:

Invece, relativamente ad agenzie specifiche per italiani che vogliono trovare lavoro a Barcellona non è possibile dare riferimenti specifici ma, certamente, alcuni gruppi Facebook per italiani in Spagna o nella città catalana possono essere molto utili poiché spesso vengono segnalate delle offerte di lavoro solo per italiani (traduttori, insegnanti, personale di ristoranti, blogger, etc.). Alcuni gruppi di riferimento sono:

Professioni più richieste, contratti di lavoro e stipendi medi

Relativamente alle professioni più ricercate e richieste in Spagna ma anche a Barcellona, vediamo:

  1. ingegneri (soprattutto informatici);
  2. specialisti in cloud computing;
  3. addetti in ambito commerciale/vendite (ad esempio flagship manager);
  4. project manager;
  5. front end e sviluppatori;
  6. architetti di big data;
  7. analisti finanziari o di controllo di gestione;
  8. key account manager;
  9. export manager;
  10. digital marketing manager.

Per quanto invece riguarda lo stipendio medio nella città principale della Catalogna, normalmente la media è di circa 1400-1500 euro al mese ma, ovviamente, una professionalità più specializzata può guadagnare anche fino a 2500/3000 euro o più al mese.

Infine, parlando di contratti di lavoro, anche a Barcellona come succede in Italia, le tipologie possono essere varie ma, i più comuni sono:

  • contratti a tempo indeterminato: il contrato indefinido avvia un rapporto lavorativo senza fissare un limite di tempo e, in caso di licenziamento improprio, prevede un salario massimo di 45 giorni per ogni anno di lavoro, per un massimo di 43 mesi di stipendio equivalente. Inoltre non viene previsto alcun sussidio di sicurezza sociale o altro incentivo finanziario;
  • contratti a tempo determinato: questi contratti vengono utilizzati soprattutto in caso di contingenze di produzione, di sostituzione temporanea o nel caso in cui ci si debba occupare di un progetto che si suppone già sia definito nel tempo.

Offerte di lavoro per italiani a Barcellona

Se il vostro sogno è quello lavorare all’estero per aziende italiane e, allo stesso tempo, di vivere in Spagna, allora la scelta di farlo a Barcellona non è certamente una cattiva idea.

Purtroppo però l’ostacolo potrebbe essere proprio quello di trovare posti di lavoro od offerte dedicate solo agli italiani. Infatti, a meno che non riusciate ad avere successo andando a lavorare a Barcellona insegnando le lingue, purtroppo le possibilità potrebbero restringersi a ristoranti o altre attività turistiche gestite da italiani o tagliate su una utenza proveniente principalmente dal Bel Paese; oppure verso alcune grosse realtà italiane con sede a Barcellona.

☞ Vuoi investire in Spagna? Ti spieghiamo come aprire un'attività a Barcellona! ☜

In questo ultimo caso, è possibile trovare informazioni su quali sono le aziende italiane a Barcellona consultando il sito web della Camera di Commercio italo-catalana a questo indirizzo web: http://www.cameraitalianabarcelona.com/it/.

Per quanto riguarda invece il primo caso, quello di trovare lavoro nella ristorazione, è possibile trovare un impiego scandagliare tutti i ristoranti italiani o i bar che cercano personale come camerieri, cuochi, pizzaioli, lavapiatti e proporsi direttamente in loco consegnando il proprio CV al Manager o al proprietario del locale.

Infine, nel settore del turismo, una possibilità è poi quella delle agenzie di viaggio che, in certi periodi, possono cercare personale che sappia più lingue (italiano, spagnolo ed ovviamente un’altra o altre lingue come tedesco, inglese, russo o francese) ed abbia anche un minimo di esperienza in questo campo.

Trovare una casa o una stanza in affitto

Nonostante negli ultimi anni il mercato degli affitti a Barcellona sia esploso sia dal punto di vista dei costi sia per quello che riguarda le opportunità che, specialmente nell’ultimo biennio, sono scarse o difficili da reperire, è comunque possibile trovare stanze in affitto per lavoratori o anche stagionali.

Ottimi punti di riferimento per trovare una stanza o un appartamento in affitto sono:

Consigli, opinioni ed esperienze

Infine, se state cercando ulteriori consigli sul come trovare lavoro a Barcellona o vorreste leggere le storie di chi ha già compiuto questo passo ed ha cambiato la sua vita andando a vivere e lavorare nella capitale catalana, vi consigliamo di leggere le nostre interviste:

Ludovica: professoressa a Barcellona

Marta e la sua nuova vita a Barcellona

Davide: Maestro pastaio in Catalogna

Una famiglia napoletana a Barcellona

Un musicista italiano a Barcellona: la storia di Piero