Questa parte non è di rilevante importanza, poiché all’estero è molto più importante l’esperienza lavorativa, rispetto al proprio percorso di studi.

Infatti, è fondamentale elencare le proprie esperienze lavorative precedenti, sottolineando le più significative ed evidenziando i buoni risultati ottenuti. Inoltre, è importante indicare i limiti temporali, il luogo, il nome della compagnia ed il proprio ruolo/qualifica.

Uno dei punti fondamentali del CV in inglese, redatti per aziende inglesi, è quello inerente le referenze, infatti il 74% delle imprese le richiede e ne tiene conto in modo particolare. Per cui è opportuno inserire nel proprio CV titoli, nominativi, indirizzi e numeri di telefono di almeno due referenze. Se si conoscono più lingue straniere, oltre ad indicare la lingua madre, specificare sempre per ogni lingua aggiuntiva il livello “spoken” e “written”, utilizzando termini come “fluent”, “intermediate”, “begginer” etc.

↪ Ecco come si scrive un curriculum vitae di successo ↩

Consigli per scrivere un curriculum in inglese

▶ Studiare l'inglese a Londra? Facile: scopri qui come fare ◀

Ci sono due tipo di curriculum, uno cronologico, sconsigliabile da usare nel caso in cui si ha poca esperienza nel settore in cui si sta cercando lavoro (www.open.ac.uk/careers/chronological-cv.php).

L’altro basato invece sulle competenze, curriculum in cui si punta maggiormente ad elencare le proprie capacità (www.open.ac.uk/careers/skills-based-or-functional-cv.php).

Potrebbe interessarti anche → 🎬 I migliori film e serie TV per imparare l'inglese 🇬🇧

Altro aspetto importante è l’uso dei verbi, bisogna prestare attenzione che indichino sempre un’azione attiva e non passiva.

Gli interessi e i propri hobby sono facoltativi, ma se si decide di inserirli, devono essere interessanti ed inerenti al tipo di ruolo che si vuole ricoprire. E sempre bene, inoltre, elencare le proprie competenze, generali e settoriali, ma nell’eventualità in cui si desidera cambiare lavoro, si consiglia di non porre troppa importanza su di esse, ma su capacità comuni a più ruoli, come saper organizzare il proprio lavoro; saper lavorare con altre persone; saper lavorare sotto pressione e saper trattare con clienti di diverso tipo anche difficili.

Infine, importante è cercare di scrivere un curriculum adatto all’azienda a cui lo si invia, modificandolo di volta in volta ed inserendo parole chiave che attirino l’attenzione del lettore.

Per concludere, da non dimenticare l’autorizzazione al trattamento dei propri dati personali.
A cura di Nicole Cascione