Svizzera: le cose da sapere se volete aprire un’attività

Aria sana, servizi efficienti, economia prospera, opportunità di lavoro e una qualità della vita alta. Benvenuti in Svizzera, il paese che non ha mai smesso di esercitare il suo appeal sugli italiani. Nel passato così come ai giorni nostri. D’altronde le occasioni per ricostruirsi una vita qui sono davvero molte: dalla ricerca di un lavoro all’opportunità di aprire un’attività in Svizzera.

A due passi dall’Italia, questa piccola Repubblica federale pare infatti non conoscere crisi. La struttura di lavoro è efficace, in grado di garantire un miglior equilibrio tra vita professionale e vita privata. Oltre all’economia, in Svizzera si gode anche di un ottimo ambiente, tanto che fa sempre capolino nelle classifiche dei paesi dove si vive meglio.

Se anche voi state pensando di andare a vivere in Svizzera e investire in un’attività, in questa guida vi illustreremo i passi da seguire per farlo nel migliore dei modi.

I requisiti per aprire un’attività in Svizzera

Tutti i cittadini dell’Unione Europea possono mettersi in proprio ed aprire un’azienda in Svizzera. Che sia un’attività commerciale in uno dei tanti cantoni, un negozio a Lugano o una startup a Ginevra, persone fisiche e giuridiche, residenti e stranieri, possono in qualsiasi momento decidere di costituire una società, di entrare a far parte di una società già esistente e persino di trasferire un’azienda italiana in Svizzera.

☞ Stai pensando di investire in Svizzera i tuoi risparmi? Scopri come fare leggendo la nostra guida! ✎

mappa svizzera

Un cittadino italiano che desidera vivere in Svizzera e aprire una società, può farlo dunque senza problemi. Le uniche limitazioni potrebbero sorgere nel caso in cui decidesse di avviare una Società Anonima (SA), dal momento che la maggior parte dei membri del consiglio di amministrazione deve avere la residenza fiscale in Svizzera. Discorso simile con la Società a garanzia limitata (SAGL), per la quale almeno uno degli amministratori deve avere la residenza in Svizzera.

Tipi di società in Svizzera

Sappiamo bene ogni Paese ha le sue regole e i suoi aspetti burocratici da rispettare e osservare. Del resto aprire un’attività all’estero può nascondere parecchie insidie. Come sempre il nostro consiglio è di studiare bene e informarsi sul posto e sulla normativa vigente prima di investire i vostri soldi.

☛ Tutto ciò che hai bisogno di sapere per aprire un'attività all'estero ☚

Per investire in Svizzera avviando un’impresa è necessario innanzitutto scegliere la forma giuridica che si intende adottare: molto dipenderà se volete aprire una ditta individuale oppure cercare un socio e mettervi in affari insieme.

Vediamo adesso quali sono le principali forme giuridiche per la costituzione di una società in Svizzera.

Ditta individuale

Rappresenta la forma più semplice ed economica. È particolarmente indicata per imprenditori che intendono avviare una piccola attività in prima persona. Pensiamo ad esempio a un negozio e in generale ad un’attività commerciale, oppure a quei professionisti come avvocati e architetti. Se si sceglie di aprire una ditta individuale la persona è tenuta ad essere domiciliata in Svizzera, quindi avere un permesso di dimora e di lavoro valido.

A differenza delle società per capitali, nelle ditte individuali l’imprenditore è l’unico proprietario della sua impresa, ne decide azioni e progetti, fonti di finanziamento ed utilizzo delle risorse. È insomma l’unico responsabile per i debiti della sua impresa e ne risponde con il patrimonio della sua ditta e il suo personale. Nella società per capitali, invece, la responsabilità è illimitata per tutti i soci. I debiti della società sono garantiti, oltre che dal patrimonio sociale, con il loro patrimonio personale.

Società anonima (SA)

La Società Anonima è costituita da una o più persone, anche giuridiche, le quali procurano denaro ricevendo delle quote ed azioni. È simile alla Società per Azioni (S.p.a) italiana e rappresenta la soluzione più veloce ed efficace per la maggior parte degli imprenditori. Non a caso è una delle forme più usate per aprire un’impresa oppure per trasferirvi parte dell’attività, che viene così gestita dalla società svizzera.

Il capitale obbligatorio della società (capitale azionario) deve ammontare ad almeno 100.000 franchi (91mila euro). Al capitale azionario possono partecipare quanti soci lo desiderino. Le azioni possono essere al portatore e/o nominative; il loro valore nominale deve ammontare ad almeno un centesimo.

☞ Scopri la nostra Guida per trasferirsi a vivere in Svizzera: costo della vita e molto altro ☜

Almeno una persona con compiti di amministrazione deve essere domiciliata in Svizzera e avere un permesso di dimora e di lavoro valido.

Società a garanzia limitata (SAGL)

La Società a Garanzia Limitata è una forma mista tra le società anonime e le società in nome collettivo. Per essere costituita ha bisogno di una o più persone naturali e/o giuridiche. Il capitale sociale iniziale deve ammontare ad almeno 20.000 franchi (18mila euro) mentre il capitale massimo può arrivare fino a 2.000.000 di franchi e possono partecipare quanti soci lo desiderino, registrati come azionisti nel Registro di Commercio.

Il valore nominale delle azioni di una società a garanzia limitata deve ammontare ad almeno 100 franchi (91 euro). Le spese di costituzione per una SAGL sono leggermente più basse rispetto a quelle di una società anonima.

Società in accomandita

Si tratta di una forma giuridica che ha bisogno solo di due persone naturali per essere costituita e ha inizio mediante un contratto sociale tra i fondatori. Almeno uno dei soci, il cosiddetto socio accomandatario, è responsabile col proprio patrimonio privato in maniera illimitata per gli impegni dell’impresa.

Gli altri soci, i cosiddetti soci accomandanti, sono responsabili solo fino ad un determinato conferimento patrimoniale, detto capitale accomandato. Questi ultimi non fanno parte della direzione d’azienda, hanno solo dei diritti di controllo limitati e sono spesso soggetti ad un’altra partecipazione agli utili e alle perdite rispetto ai soci accomandatari.

Si sceglie questo tipo di forma societaria quando la ditta individuale necessita di fondi supplementari ma non si vuole allargare a nuovi membri la direzione d’azienda.

Costituire una società in Svizzera: l’iter burocratico

Una volta stabilito quale tipo di attività si intende aprire e quale forma societaria è la più giusta per noi, è necessario assolvere a una serie di adempimenti burocratici:

  • Verifica della disponibilità della ragione sociale (nome della società)
  • Aprire un conto corrente in Svizzera: il conto corrente bancario in Svizzera si può aprire solo andando di persona in banca, in possesso della documentazione relativa alla società e del documento di riconoscimento.
  • Versamento del capitale sociale della costituenda società su un conto bancario.
  • Atto costitutivo dinanzi ad un notaio svizzero, previa redazione dello statuto che definisca esattamente lo scopo, la forma giuridica, l’attività e nel caso di Società di capitali, il versamento del capitale minimo e la divisione del capitale azionario.
  • Iscrizione al Registro di commercio dopo 7/10 giorni dall’atto notarile. Sia la SA, sia la SAGL, hanno l’obbligo d’iscrizione al Registro di commercio svizzero. L’amministratore deve necessariamente essere un cittadino svizzero o fiscalmente residente in Svizzera. Entrambe hanno una gestione abbastanza semplificata e, sotto i 10 dipendenti, non hanno obbligo di revisione.

Per espletare le procedure amministrative necessarie per la costituzione di una nuova società, sono generalmente necessarie fra le due e le quattro settimane. In seguito alla lettura dell’atto notarile, la società è attiva. Il passo successivo è la richiesta di partita IVA, ma solo per quelle aziende che fatturano sopra i 100.000 franchi.

▶▶ Ecco la Guida Definitiva per cercare e trovare lavoro in Svizzera ◀◀

Aprire una partita IVA in Svizzera

Come abbiamo detto, se avete un giro d’affari annuo superiore a 100 000 franchi, dovete calcolare l’IVA, l’Imposta sul Valore aggiunto. Siete tenuti ad annunciarvi spontaneamente presso l’Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC) entro 30 giorni dall’inizio dell’assoggettamento.

Dal 1° gennaio 2011, è entrata in vigore la legge federale sul numero d’identificazione delle imprese, la quale prevede che ad ogni impresa o attività con sede in Svizzera sia attribuito un IDI, ossia un numero unico d’identificazione. Per ulteriori informazioni si rimanda al sito dell’Amministrazione federale svizzera.

Se quindi prevedete un volume di affari inferiore a 100.000 franchi, vi basta avere l’IDI: la partita IVA non è obbligatoria. Se invece superate questo volume, vi sarà attribuito anche un numero IVA che comprenderà, in questo caso, anche il numero IDI.

Se si fattura a clienti italiani, è necessario fatturare senza IVA: va caricata solo sulle fatture emesse a clienti svizzeri. Il cliente italiano deve ricevere la fattura senza IVA e poi farsi autofattura per pagare le tasse in Italia.

I costi e gli incentivi per aprire un’attività

Quanto costa aprire una società in Svizzera? Le spese possono variare molto: da 6.000 a 8.000 franchi, per le ditte individuali e società di persone fisiche, mentre servono dai 12.000 a 15.000 franchi per la costituzione di società anonime SA per trading finanziari, immobiliari, consulenze ecc, e in generale per le società di capitali.

★ Ti piacerebbe investire in un'attività innovativa? Scopri come aprire un ufficio coworking! ◀

Oltre a ciò, sono anche previsti varie tipologie di finanziamenti a favore di quanti sono intenzionati ad aprire un’attività in Svizzera. Questi finanziamenti sono concessi da enti che possono essere comunali o pubblici. Il Portale PMI per piccole e medie imprese svizzero offre un dettagliato elenco degli strumenti di sostegno al finanziamento alle imprese da parte dello Stato.

Tassazione

Il sistema fiscale Svizzero è federale e dunque il pagamento dei tributi è su base cantonale. Ovviamente, vi sono comunque anche imposte di tipo nazionale e comunale.

Le aziende svizzere usufruiscono di regimi fiscali decisamente più miti rispetto a quelli italiani, a cominciare dall’IVA, fissata all’8%. Le imposte variano localmente fra cantone e cantone, ma sono sicuramente inferiori a quelle cui sono sottoposte le società italiane e nella gran parte dei casi non arrivano al 30%. Infine, la maggior parte dei costi vivi sono totalmente detraibili.

Tipi di attività da aprire in Svizzera

Pizzerie, gelaterie, negozi, bar, pizzerie, ristoranti, attività da artigiano e attività in franchising: sono numerosi i tipi di attività che è possibile aprire in Svizzera. Molto dipende dalla propria inclinazione e passione, ma anche dal mercato di riferimento. Inutile aprire un ristorante italiano all’estero in una zona già piena di attività simili. Meglio farlo altrove, oppure avviare qualcosa che manca.

Ecco quali sono le migliori attività da avviare in Svizzera :

  • Pizzeria/pizzeria da asporto: la pizza piace a tutti, ovunque. Se poi è made in Italy tanto meglio. una buona idea potrebbe essere quella di aprire una pizzeria da asporto, naturalmente non senza studiare prima la concorrenza presente in città. Offrire un menù diverso ma allo stesso tempo fedele alla tradizione incuriosirà i potenziali clienti.
  • Ristorante: stesso discorso per i ristoranti. Per avere successo in questo business serve, infatti, un’idea diversa dal solito, e soprattutto un tipo di ristorante che non ci sia già, così da non avere concorrenza. Se il budget è limitato, potreste pensare di rilevare un’attività già avviata. Troverete diversi annunci di ristoranti in vendita o in affitto.
  • Gelateria artigianale: anche aprire una gelateria può essere un’idea vincente. Per differenziarsi, si può pensare di creare gusti nuovi con ingredienti tipici italiani. La strada più semplice è certamente affiliarsi ad una delle tante gelaterie in franchising.
  • Bar: è una delle attività più redditizie. Aprire un bar in Svizzera potrebbe essere un’idea vincente, offrendo ai clienti i tipici prodotti da bar italiani: caffè, aperitivi, panini.
  • Attività artigianale: aprire un’attività artigianale in Svizzera conviene. Tra le figure professionali più richieste, infatti, rientra proprio quella da artigiano. Il lavoro dunque non vi mancherà.
  • Attività online: potreste pensare di aprire un e-commerce, dal momento che comprare tramite Internet in Svizzera è una pratica molto diffusa.
  • Attività di cannabis: in Svizzera la legge prevede che se i prodotti a base di canapa contengono meno dell’1% di THC (il tetraidrocannabinolo che provoca l’effetto psicoattivo), è possibile venderli e acquistarli. È il cosiddetto consumo light che ha fatto sentire i suoi effetti con l’apertura di cannabis shop. Vi ricordiamo che per essere venduta, questa cannabis deve avere valori di THC inferiori all’uno per cento.

Siti utili per chi desidera aprire una nuova attività in Svizzera

Concludiamo questo approfondimento con una serie di siti utili per chi vuole aprire un’impresa in Svizzera.

→ Cerchi un'attività nella quale investire? Leggi la nostra guida per aprire un centro estetico! ♕

  1. L’istituto IFJ (Institut für Jungunternehmen) per PMI e giovani imprenditori fornisce informazioni su come gestire un’azienda. Propone corsi, seminari, consigli, guide e molte altre prestazioni. Le sedi si trovano a San Gallo, Schlieren e Losanna.
  2. Il portale PMI della Confederazione: fornisce informazioni sulla creazione e la gestione di un’azienda, offrendo al contempo indirizzi e link di istituzioni pubbliche che possono essere utili in ogni fase della creazione. La piattaforma startBIZ.ch, accessibile dal portale, offre la possibilità di creare e di registrare un’azienda online.
  3. Fondo Unimpresa è un portale ticinese dedicato a tutti coloro che vogliono mettersi in proprio.
  4. Startups è un sito dedicato a tutte le startup e permette di informarsi e prepararsi per creare e avviare un’attività in Svizzera.