Come trovare lavoro in Italia oggi

Arte, storia, cultura, ottimo cibo e persone accoglienti. Per molti, anche per gli stranieri, vivere in Italia rimane la scelta migliore, nonostante un mercato del lavoro difficile, acuito ulteriormente dall’emergenza legata al Covid-19.

L’attuale situazione del lavoro in Italia è, infatti, molto complessa. Il Bel Paese non ha mai brillato in quanto a facilità nel trovare un impiego, soprattutto in base alla propria preparazione. Tanti i laureati – dati alla mano – che hanno fatto le valigie per lavorare all’estero, proprio per l’impossibilità di occupare posizioni consone al loro livello di studi.

La crisi economica degli ultimi 10 anni ha visto la disoccupazione crescere, così come il numero dei cosiddetti NEET (not in employment nor education and training), di quanti cioè non studiano e non lavoro, né tantomeno il lavoro lo cercano.

Eppure qualcosa si stava muovendo. Il 2019 si era infatti chiuso, secondo le statistiche ufficiali dell’Istat, con un numero di occupati in Italia al massimo storico, pari cioè a circa 23,4 milioni di unità. Un aumento del livello che però non si è tradotto in una riduzione dei divari, né tra il Nord ed il Sud del Paese, né con gli altri Stati europei con l’Italia penultima, prima della Grecia, in tasso di occupazione.

Approfondimento consigliato: dove trovare lavoro in Europa

Dove trasferirsi in Italia per trovare lavoro

Approfondimento consigliato → Tutto sul lavoro di magazziniere: corsi, offerte di lavoro, ecc.

Il mercato del lavoro in Italia oggi

Com’è la situazione lavorativa oggi in Italia? Le misure di contenimento del Coronavirus hanno inevitabilmente creato uno stallo che coinvolge sia l’offerta, per colpa della sospensione delle attività delle imprese, sia la domanda per via della contrazione di consumi e redditi.

I dati dell’Osservatorio Infojobs, parlano di un inizio 2020 tutto in salita per ciò che riguarda l’occupazione e la ricerca di lavoro in Italia e un secondo semestre che si preannuncia incerto. Fortemente influenzato dalla pandemia che ha paralizzato diversi settori, il primo semestre del 2020 si è chiuso con una importante contrazione del mercato del lavoro.

Da gennaio a giugno, le offerte di lavoro da parte delle aziende pubblicate su InfoJobs, piattaforma numero 1 in Italia per la ricerca di lavoro online, hanno registrato un -32,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Un calo diffuso e piuttosto uniforme, sia rispetto alle regioni, sia rispetto ai settori e alle categorie professionali.

Su InfoJobs, nel primo semestre, sono comunque state pubblicate in totale 179.563 offerte, segno che il lavoro, pur avendo subito un rallentamento, continua ad esserci.

Dove è più facile trovare lavoro in Italia

La flessione dell’offerta di lavoro ha riguardato in generale tutta la Penisola da Nord a Sud, ma ancora una volta ad essere penalizzate sono le regioni meridionali. Nonostante vantino il clima migliore dove vivere in Italia, non può dirsi lo stesso per il mercato del lavoro.

Le disuguaglianze territoriali in termini occupazionali sono evidenti: il 45% del Sud ed Isole si scontra infatti con il 68% del Nord, con un differenziale pari a 23 punti percentuali.

Come trovare lavoro in Italia oggi

Ad emergere nella top 5 delle regioni che hanno pubblicato più offerte, si sono confermate, nonostante il Covid-19:

  1. Lombardia (33,2%);
  2. Emilia Romagna (15,8%);
  3. Veneto (14%);
  4. Piemonte (8,9%);
  5. Lazio (6,5%).

Si tratta di regioni dove il costo della vita in Italia è più alto, ma al tempo stesso dove trovare lavoro è più facile.

Lavoro al nord

Al nord Italia si trova lavoro? La risposta è chiaramente sì. Le offerte di lavoro al nord Italia, infatti, continuano ad essere numerose e questo spiega anche perché ancora in tanti decidano di trasferirsi al nord per cercare lavoro.

I posti di lavoro nel nord Italia riguardano soprattutto i settori dell’industria, del marketing, della moda, dell’IT, della tecnologia e così via. Se siete specializzati in questi campi probabilmente avrete maggiori possibilità di trovare un buon lavoro a Milano e nel Nord in generale.

È possibile anche trovare lavoro nell’IT a Roma ma la vera capitale economica del paese è Milano, città sempre in cima alla classifica di dove si vive meglio in Italia.

Come trovare lavoro in Italia oggi

Dove cercare lavoro in Italia: la top 5 delle città italiane dove c’è più lavoro

Secondo quanto riportato da Infojobs le città che negli ultimi mesi, nonostante la pandemia, hanno pubblicato più offerte di lavoro sono cinque. Ecco la classifica.

5. Bologna

Il capoluogo dell’Emilia- Romagna è una delle città italiane con più lavoro. Bologna, inoltre, vanta anche gli stipendi più alti con una media di 1.424 euro mensili. La richiesta di figure professionali qui è sempre alta, ma in generale in tutta la regione.

Merito anche di Amazon, che a Piacenza ha la sua sede italiana. Proprio qualche giorno fa, il colosso internazionale dell’e-commerce ha annunciato la creazione per quest’anno di 1.600 posti di lavoro in Italia.

Le assunzioni andranno a rafforzare gli organici nei vari punti Amazon presenti nel Paese, da Castel San Giovanni, in provincia di Piacenza, il primo centro logistico aperto in Italia nel 2011, a Passo Corese, in provincia di Rieti, passando per Vercelli.

Approfondimento consigliato: scopri le imprese italiane che cercano personale per l’estero

4. Bergamo

Bergamo è nota soprattutto per il suo comparto industriale. Qui si trovano alcune delle più fiorenti aziende manifatturiere italiane ed è possibile trovare lavori senza laurea.

La città, infatti è sempre alla ricerca operai e addetti alla manutenzione, ma anche di impiegati nel settore ricerca e sviluppo e addetti tecnici.

3. Torino

Da sempre terra di emigrazione per i lavoratori del sud, Torino deve la sua terza posizione alle aziende automobilistiche, prima su tutte la FCA di Mirafiori, nonostante le difficoltà degli ultimi mesi e il calo della produzione.

Ma non solo. Il capoluogo piemontese è diventato un hub molto interessante per le start-up e per i giovani creativi.

2. Roma

Seconda in classifica delle città dove si trova lavoro in Italia è la Capitale. Lavorare a Roma significa farlo soprattutto nel campo del turismo, dell’università e della pubblica amministrazione.

 EXTRA! ✎ Le nostre linee guida su come scrivere un buon curriculum di lavoro

Trovare lavoro a Roma è difficile? Dipende. Oltre agli ambiti già citati, la Capitale è una città che attrae molti profili legati al mondo dell’arte e all’industria cinematografica come: architetti, artisti, copywriters, sceneggiatori, attori, filmmakers, assistenti di produzione.

Come trovare lavoro in Italia oggi

1. Milano

È Milano la città dove c’è più lavoro in Italia. Con il 14,1% delle offerte di lavoro pubblicate negli ultimi mesi, il capoluogo lombardo si posiziona al primo posto delle province dove si trova più lavoro in Italia. Un dato non nuovo, dal momento che Milano si trova anche nelle classifiche internazionali delle migliori città in cui è più facile trovare lavoro in tutto il mondo.

L’ultima in ordine cronologico (2019) è quella di Housing Everywhere che ha pubblicato una graduatoria delle prime cento città in cui vivere e lavorare, determinando l’ordine in base a diversi criteri utilizzati, come la disponibilità di lavoro e la qualità della vita.

La metropoli lombarda è la prima città italiana in classifica, 60esima a livello mondiale, con un punteggio di 18.03, a tredici lunghezze di distanza dalla prima in classifica, Monaco di Baviera. A dimostrazione che a Milano c’è lavoro e si trovano sempre opportunità lavorative.

Come cercare lavoro in Italia: app e siti utili

Ci sono diversi modi per cercare lavoro in Italia:

  • App e siti: Indeed Italia, Infojobs, LinkedIn sono le migliori app per trovare lavoro in Italia, risorse utili da tenere sul proprio smartphone per leggere e trovare le offerte di lavoro.
  • Agenzie interinali: Adecco è sicuramente leader nel settore. Rappresenta un ottimo modo per trovare posti di lavoro temporanei che poi possono trasformarsi in contratti a tempo indeterminato.
  • Centri per l’impiego: il centro per l’impiego è un ufficio della pubblica amministrazione italiana, gestito dalle Regioni. Può aiutarvi ad avere un’idea delle opportunità nella città e provincia.
  • Networking: questo è uno dei modi migliori per trovare un lavoro in Italia. Potrete incontrare nuove persone che lavorano nel vostro campo, andando a fiere, congressi e così via.

Conclusioni: dove conviene lavorare in Italia

In questa guida abbiamo cercato di rispondere a una domanda che in tanti si fanno: “Dove posso trovare lavoro facilmente in Italia?”, con una classifica delle città che attualmente vantano più offerte di lavoro, a dispetto del Coronavirus.

In generale, è comunque il Nord il posto migliore dove andare a lavorare in Italia.

Oltre alle città che abbiamo citato nell’articolo, infatti, ce ne sono molte altre dove trasferirsi per lavoro in Italia. In tanti, ad esempio, hanno deciso di vivere e lavorare a Belluno, in Veneto. La città ha registrato negli ultimi anni valori altissimi per giustizia e sicurezza, ricchezza e consumi, tasso di occupazione, ambiente e servizi.