Mollo tutto e vado a vivere in Svezia”: ecco come fare

Andare a vivere in Svezia è ancora una buona idea o una reale possibilità? Assolutamente sì.

Sono moltissimi gli italiani in Svezia che hanno scelto questo Paese da tanti anni e altrettanti sono quelli che hanno da poco intrapreso questa scelta o che a breve effettueranno il loro trasferimento in Scandinavia.

La Svezia è infatti un Paese che vive di contrasti ma anche una Nazione capace di offrire una natura incontaminata ed uno stile di vita di primissima categoria. Ovviamente si tratta anche di una parte di Mondo “afflitta” da un clima decisamente rigido e dalla mancanza di ore di luce ma, a conti fatti, è un Paese dove l’individuo e i suoi diritti sono assolutamente rispettati.

Questa Nazione offre infatti una qualità della vita altissima, condizioni lavorative eccellenti e una serie di servizi statali davvero inimmaginabili per certe nazionalità europee.

Perciò, se anche tu hai deciso di emigrare in Svezia ecco tutto quello che devi sapere: i maggiori pro e contro di questa scelta, lo stile di vita del Paese, il costo della vita, i documenti necessari per trasferirti, le migliori città dove vivere, le opportunità di lavoro e molto altro ancora.

Pro e contro

Perché trasferirsi in Nord Europa e, nello specifico, in Svezia?

Quando si sta decidendo se un Paese possa o meno fare al caso nostro, per cambiare lavoro, ambiente o stile di vita, è importante provare a farsi una idea di quelli che potrebbero essere i maggiori vantaggi e svantaggi di una scelta migratoria all’estero.

In tal senso, vediamo insieme i principali pro e contro dello scegliere di andare a vivere in Svezia.

mappa cartina svezia

Partiamo prima dagli svantaggi più evidenti di un trasferimento in questo Paese:

  1. non sarà sempre facilissimo fare amicizia: gli svedesi sono, in generale, un popolo abbastanza accogliente ma, come molti abitanti della scandinavia, sono anche persone che amano la loro privacy e che – tra le altre cose – non sono sempre espansivi, almeno non tanto quanto i popoli del Mediterraneo. Questo, senza contare che si tratta anche di un popolo decisamente poco incline alle improvvisazioni, il che renderà molto difficile uscire anche solo per un caffè se l’evento non viene programmato con anticipo;
  2. acquistare casa o affittare un appartamento non è per nulla a buon mercato: il costo del mattone al metro quadrato si assesta intorno ai 9000 euro (per case o appartamenti in centro città) e anche affittare è quasi impossibile a meno di 900-1000 euro al mese;
  3. scarsità di alloggi: considerato che la maggior parte del territorio svedese è costituito da fiumi e foreste, le persone si concentrano nelle grandi città (soprattutto Stoccolma) dove c’è una grave carenza di alloggi ed i prezzi, come si diceva, sono piuttosto elevati;
  4. il clima: come tutti sanno, si tratta forse del maggiore svantaggio per noi italiani e non solo. In Svezia fa freddo e, molto spesso, in alcune città del Paese le temperature non salgono sopra lo zero per diversi mesi;
  5. tasse molto alte: in Svezia si pagano molte tasse e, tra l’altro, molto care. C’è però da dire che ogni centesimo versato allo Stato, ai cittadini, ritorna in servizi di welfare di ogni genere;
  6. quasi assenza di luce: a dicembre e gennaio la luce è presente non più di 3 ore al giorno e, proprio per tale motivo, non sono per nulla infrequenti le stanze di terapia UV presenti in tutto il Paese per sopperire alla mancanza di vitamina D;
  7. cattivo rapporto della popolazione locale con l’alcol: da sempre, gli svedesi hanno un rapporto complicato con l’alcol e, ad oggi, l’acquisto in determinate quantità è vietato. Non a caso, da qualche anno, è tornato una sorta di proibizionismo dell’alcol in Svezia il che, per un italiano, potrà sembrare una cosa molto arretrata.

una nuova vita in svezia

Veniamo ora ai vantaggi dello scegliere di emigrare in Svezia:

  1. alta qualità della vita: la Svezia si trova al 2º posto nella classifica dei Paesi con la migliore qualità di vita del Mondo e, vivere in questa Nazione, significa perciò godere di uno stile di vita abbastanza rilassato e tranquillo e, alle volte, persino un po’ rallentato. Gli svedesi infatti sono grandi lavoratori ma amano anche molto il tempo libero che, per loro, è davvero sacro. In generale dedicano gran parte del loro free-time allo sport, alla vita nella natura ed alla famiglia;
  2. sicurezza e quasi assenza di criminalità: la sicurezza è presente ovunque nel Paese e si tratta anche di una Nazione davvero poco colpita da calamità naturali in genere. Il tutto senza contare il tasso di corruzione davvero molto basso;
  3. ottime condizioni lavorative: lavorare in Svezia significa anche avere accesso ad una serie di diritti molto importanti, dalla maternità al congedo parentale o per malattia, fino a un’assicurazione consistente in caso di disoccupazione;
  4. lavorare solo 6 ore al giorno: in Svezia l’orario di lavoro non è di 8 ma bensì di 6 ed è possibile accedere ad orari flessibili, a riposi settimanali ed a un’autonomia di lavoro davvero poco probabile in Italia;
  5. tanta natura: la Svezia è un Paese dall’altissima concentrazione di natura e di parchi naturali in cui fare sport o delle escursioni. Ricordiamoci inoltre che Stoccolma è una delle città meno inquinate del Mondo;
  6. tutela dei diritti: questo è un Paese molto famoso per i diritti di cui godono tutti i cittadini ed i lavoratori in genere. La parità di genere in Svezia è un tema molto sentito e le pari opportunità, specialmente a livello lavorativo, sono una realtà da moltissimi anni;
  7. arte e cultura: al contrario di quello che si possa pensare, la Svezia è un Paese ricco di storia e di cultura e, tra l’altro, sempre attivo dal punto di vista delle manifestazioni culturali in generale.

✍ La guida per trovare lavoro in Svezia: stipendio medio, professioni più richieste e molto altro! ✍

Come si vive in Svezia

Già da questa prima lista di pro e contro è possibile farsi una idea di cosa voglia dire e cosa significhi vivere in Svezia. Infatti, come si specificava poco sopra, una delle prime cose di cui ci si accorge andando a vivere nei Paesi scandinavi è che la vita qui è molto tranquilla e rilassata, specialmente se si sceglierà di vivere in zone più rurali o ritirate del Paese.

In linea di massima, infatti, i Paesi del nord Europa sono molto simili tra di loro e, come stile di vita, non presentano enormi differenze. Perciò, per chiunque si stia chiedendo se sia meglio andare a vivere in Norvegia o Finlandia piuttosto che in Svezia o, magari, in Danimarca, possiamo tranquillamente affermare che tra questi quattro Paesi vigono moltissime similarità, specialmente quelle date dal carattere delle persone e dal clima.

Ad ogni modo, specialmente tra Norvegia e Svezia, esistono alcune piccole differenze, soprattutto per quanto riguarda il costo della vita (molto più alto in Norvegia) ed il lato paesaggistico e naturalistico che, sempre in Norvegia, è più selvaggio ed esteso di quello svedese.

In linea di massima, poi, i popoli scandinavi e danesi in genere hanno moltissime similarità dal punto di vista dell’integrazione da parte di uno straniero, infatti, nonostante siano in maggioranza persone piuttosto aperte e tolleranti nei confronti degli stranieri, sono comunque più chiusi ed estremamente riservati rispetto ad un italiano medio od a un abitante del Mediterraneo.

In particolare, gli svedesi, anche per via della loro tipica filosofia Lagom, molto spesso risultano essere persone un po’ chiuse e votate ad una vita ultra tranquilla e ritirata, il che non rende sempre semplice poter fare amicizia oppure partecipare insieme ai locali ad eventi o feste non propriamente “sobri”.

Detto ciò, diventa abbastanza chiaro che chi sceglie di trasferirsi a vivere in questo Paese lo fa soprattutto perché si tratta di una Nazione ricca di opportunità e dotata di un welfare e di un sistema economico davvero di prima categoria. In tal senso, trasferirsi in Svezia conviene per tutti coloro alla ricerca di un Paese che possa essere capace di dare lavoro, servizi ai cittadini e – chiaramente – uno stile di vita piacevole e fatto di molta natura, sport e tranquillità.

Infatti, la Svezia è un Paese scarsamente popolato, molto tecnologico, e dove la maggior parte dei servizi funzionano bene. L’istruzione è gratuita (inclusa quella universitaria), l’assistenza sanitaria anch’essa è gratuita e i programmi di assistenza alle famiglie o all’infanzia davvero di primo livello.

Costo della vita

Vivere in Svezia non ha un costo della vita basso, infatti, come già si specificava nei paragrafi precedenti, il costo della vita non è lo stesso che in Italia e, oltre tutto, le tasse da pagare in questo Paese sono decisamente più alte che nel Bel Paese.

Però, se da un lato è vero che la vita quotidiana è costosa, è altresì vero che gli stipendi in Svezia sono più alti di quelli italiani ed adeguati al costo della vita.

Quando si cerca di capire quanto costa vivere in Svezia si può partire dalle spese principali: affitto, cibo, trasporti e, come si diceva, le tasse (molto alte ed al quinto posto nel Mondo per pressione fiscale).

Ovviamente, come già si sottolineava in precedenza, in cambio di tasse molto alte i cittadini ricevono dallo Stato ottimi servizi ed una serie di incentivi: per la maternità, la disoccupazione, alcune detrazioni fiscali per la riparazione di indumenti, biciclette, frigoriferi, lavatrici e molto altro ancora.

Proseguendo, a livello di costi delle case, è difficile trovare un prezzo al metro quadrato minore di circa 9000 euro per case in centro città (ad esempio a Stoccolma) o minore di 5000 per case più periferiche.

Invece, relativamente agli affitti, i costi variano dai 900 euro al mese per un monolocale fuori dal centro città fino ad arrivare anche a 2000 euro per una casa con più camere da letto ed in centro.

MOLLO TUTTO SVEZIA

Infine, vediamo alcuni prezzi di riferimento di beni comuni e di prima necessità a Stoccolma:

  • gassosa:2.38 euro
  • cappuccino: 3.69 euro
  • birra locale: 6.22 euro
  • 1 bottiglia di acqua: 1.63 euro
  • 1 pacchetto di sigarette da 20: 6.22 euro
  • 1 litro di latte: 1.18 euro
  • 1 kg di petto di pollo: 9.90 euro
  • 12 uova: 2.76 euro
  • 1 kg di frutta: 2.50 euro
  • spese per un appartamento di circa 85 metri quadrati: 80 euro al mese
  • abbonamento ad Internet ADSL: 30 euro al mese
  • 1 litro di benzina: 1.49 euro
  • abbonamento in palestra (un mese): 39 euro
  • trasporto pubblico (1 biglietto): 4 euro
  • trasporto pubblico (abbonamento mensile): 85 euro
  • affitto appartamento 1 stanza in centro: 1200 euro al mese
  • affitto appartamento 1 stanza fuori dal centro: 900 euro al mese
  • pasto ristorante economico: 12 euro
  • pasto per 2 persone ristorante medio: 70 euro
  • asilo privato: 119 euro al mese
  • scuola internazionale primaria (1 anno): 6000 euro

Documenti necessari per trasferirsi in Svezia

Come cittadini europei, gli italiani non hanno bisogno di documenti particolari per entrare e vivere in Svezia ma soltanto della carta di identità o del passaporto in corso di validità.

Fino al 2014, i cittadini europei dovevano ottenere un permesso di residenza, ma adesso non è più necessario. Infatti, tutti i cittadini UE possono andare a vivere e lavorare in Svezia purché abbiano i mezzi per potersi mantenere.

Ad ogni modo, per ottenere la residenza in terra svedese è comunque importante effettuare queste azioni:

  • iscriversi all’AIRE;
  • registrarsi presso l’Agenzia delle Entrate svedese (la Skatteverket);
  • fare richiesta per il personnummer presso l’Immigrazione svedese, ossia un codice fiscale obbligatorio per fare praticamente tutto, dall’aprire un conto in banca fino all’avvio di un contratto di locazione;
  • registrarsi presso il Registro dei Residenti (Försäkringskassan), ovvero una sorta di Inps svedese, e richiedere eventuali servizi come l’attivazione di una posizione assicurativo-medica e di previdenza sociale;
  • richiedere la carta di identità svedese presso l’Agenzia delle Entrate che sarà utile per cercare lavoro, aprire un conto in banca, registrarsi presso i centri dell’impiego e molto altro ancora.

Vivere e lavorare in Svezia

La maggior parte degli italiani che scelgono di espatriare in Svezia lo fa perché alla ricerca di opportunità lavorative o migliorative per la propria carriera professionale. Infatti, trasferirsi in Svezia per lavoro è certamente la scelta più quotata dagli expat italiani ed europei in genere.

In linea di massima, in Svezia esistono ottime opportunità di lavoro e le persone vengono pagate molto bene ed ottengono anche un ragionevole equilibrio tra vita lavorativa e vita privata poiché possono godere di ben 5 settimane di ferie pagate all’anno e rispettabili tutele sindacali.

Per lavorare in questo Paese non è strettamente necessario conoscere la lingua locale e, in linea di massima, nemmeno per scegliere di andarci a vivere definitivamente.

Infatti, si può tranquillamente vivere in Svezia senza sapere lo svedese ma diventa imprescindibile conoscere almeno l’inglese. Ovviamente, per chi sceglierà di trasferirsi in questo Paese senza conoscere la lingua, alcune posizioni lavorative potrebbero non essere accessibili ma di certo non pregiudicherà la ricerca e l’ottenimento di un lavoro.

Proseguendo, questa Nazione è la patria di moltissime aziende note a livello internazionale, come ad esempio IKEA, Spotify, IBM, Ericsson e molte altre ancora, il che dà ottime possibilità di lavoro ad esperti dell’IT come – ad esempio – gli ingegneri che, tra le altre cose, scegliendo la Svezia scelgono anche uno dei 12 Paesi con gli stipendi più alti per un ingegnere informatico.

Sempre parlano di stipendi che, in generale, si assestano intorno ai 2500 euro al mese di media, la Svezia è anche perfetta per tutti coloro alla ricerca di un impiego in campo medico e, nello specifico, infermieristico. Infatti, questa Nazione rientra anche tra i 5 Paesi dove guadagna di più un infermiere.

Per maggiori informazioni sulla ricerca di un lavoro e sui settori maggiormente proficui, rimandiamo alla nostra guida su come lavorare in Svezia.

Dove vivere

Quali sono le città in cui si vive meglio in Svezia? Vediamo insieme le maggiori opportunità per gli expat che scelgono di trasferirsi in questo Paese.

Come si diceva, la qualità della vita in Svezia è molto alta in generale, il che rende anche più semplice scegliere dove vivere poiché le città offrono tutte servizi di ottimo livello e buone prospettive lavorative.

In linea di massima, la maggior parte degli svedesi nonché degli expat di questo Paese scelgono di vivere a Stoccolma, una capitale stupenda e davvero ricca di qualunque tipo di servizio. La capitale della Svezia è infatti una città decisamente moderna, accogliente e multietnica. Qui vivono anche moltissimi italiani, specialmente ingegneri arrivati diversi anni fa e con il boom industriale e tecnologico.

In generale, comunque, Stoccolma è certamente la migliore città dove trovare lavoro come straniero poiché offre possibilità sia a profili specializzati (ad esempio per chi lavora nell’IT o nel marketing) sia a quelli meno qualificati come ad esempio lavoratori della ristorazione o dell’accoglienza in genere. Stoccolma è una città giovane, vivace e molto attiva anche sul piano culturale.

Dopodiché, per chi vorrà vivere in luoghi meno affollati, a disposizione ci sono le città di Göteborg e Malmö.

La prima, Göteborg, viene scelta anch’essa da moltissimi expat e, per tale ragione, è decisamente multietnica. Famosa soprattutto tra gli studenti e per il suo polo universitario, è stata anche eletta la migliore “Social City” al Mondo, ovvero una delle città più socievoli del Pianeta.

La seconda, Malmö, invece è anche la terza città più grande di Svezia ed una della maggiori a livello di presenza industriale. Infatti, qui si trovano moltissime industrie e, per tale motivo, è anche una delle mete preferite da tutti i professionisti delle industrie pesanti.

Infine, per chi cerca davvero uno dei luoghi più a settentrione del Paese, è possibile optare per andare a vivere a Kiruna, città abbastanza popolata – circa 20.000 abitanti – e vicino alla Lapponia svedese. Chi si reca in questa città, molto spesso, sta cercando un lavoro nelle famose miniere della zona.

Trasferirsi con la famiglia: vivere in Svezia con bambini

La Svezia, per chi ha famiglia e dei bambini, è certamente un Paese da sogno. Infatti, buona parte degli expat che scelgono di andare a vivere in questa Nazione con i bambini compiono una scelta lungimirante dal punto di vista delle opportunità che potranno offrire ai loro figli e, tra le altre cose, anche dal punto di vista degli aiuti che potranno ottenere dallo Stato come famiglia.

La Svezia, infatti, come buona parte dei Paesi scandinavi, offre un piano di aiuti molto strutturato nei confronti della famiglia poiché ai genitori vengono concessi 480 giorni di congedo parentale, nel caso di nascita o anche di adozione, ed è possibile percepire l’80% della retribuzione per ben 390 giorni di congedo.

Inoltre, quando si è genitori, si ha anche diritto alla riduzione dell’orario di lavoro del 25% fino a quando il figlio non ha compiuto otto anni. Altri aiuti interessanti: i genitori con passeggini viaggiano gratis sui mezzi di trasporto ed è anche previsto un assegno familiare fino all’età di 16 anni dei propri figli.

Diventa quindi piuttosto evidente che gli aiuti e le iniziative studiate e pensate per le famiglie e per i bambini in Svezia sono davvero quasi fantascienza per un italiano medio e che l’incentivo a creare un nucleo famigliare in questo Paese è davvero presente.

Vivere in Svezia da studente

La Svezia gode anche di alcune delle migliori Università del Mondo, motivo per cui, tutti gli anni, tantissimi studenti stranieri scelgono di passare alcuni mesi o un anno in questo Paese. La maggior parte di questi utilizzano il programma di scambio universitario Erasmus e colgono quindi l’occasione di poter vivere e studiare in Svezia per 6 mesi o poco più.

Per i cittadini svedesi, poi, gli studi sono gratuiti, Università compresa e, negli Istituti formativi, prevale un atteggiamento informale. I professori molto spesso sono votati ad un tipo di insegnamento moderno e che tenda ad utilizzare mezzi di studio e comunicazione tecnologici ed all’avanguardia.

Trasferirsi in Svezia come pensionato

Scegliere di andare a vivere in Svezia da pensionato non è una scelta popolare, infatti, il costo della vita è alto e, se non si ha lavorato un determinato numero di anni in questo Paese e quindi maturato una posizione previdenziale, non sarà nemmeno possibile accedere a servizi di un certo tipo.

Il sistema sanitario è ottimo in questo Paese ed è effettivamente gratuito ma, solo per alcune fasce di età, esistono dei servizi integrativi altrettanto gratuiti (come le cure odontoiatriche o psicologiche) e che purtroppo non sono pensate in egual misura per i pensionati.

Opinioni, esperienze, testimonianze ed altri consigli

Infine, per tutti coloro che vogliono saperne di più su come fare per trasferirsi in questo Paese e su come sia vivere in Svezia per un italiano, consigliamo di controllare queste risorse online specifiche e leggere le nostre interviste ad italiani che già vivono in Scandinavia:

https://www.facebook.com/unitalianoinvezia/

https://www.insvezia.com/

Mario e la sua nuova vita in Svezia

Gabriele e il suo lavoro nel tracciamento delle navi in Svezia

Silvia: “ho scelto la Svezia e sono entusiasta”

La storia di Mara in Svezia seguendo il suo intuito