Vado a vivere alle Baleari

Di Enza Petruzziello

Quasi 23mila italiani le hanno già scelte come loro nuova residenza. Merito dello stile di vita rilassato e dei bellissimi paesaggi, dove mare e natura incontaminata si incontrano. Le isole Baleari piacciono sempre di più: dai giovani alle famiglie passando per i pensionati. Meta soprattutto di vacanzieri provenienti da tutto il mondo, che le amano per il loro fascino intramontabile, sono diventate negli anni anche la destinazione privilegiata per costruirsi una nuova vita, per ricominciare d’accapo magari aprendo un’attività su una delle quattro isole che compongono l’arcipelago, o per godersi la pensione in quello che può essere a pieno titolo definito uno dei posti più belli al mondo grazie al mar Mediterraneo che bagna le sue coste e al sole che splende quasi 300 giorni l’anno.

Maiorca, Minorca, Ibiza e Formentera rappresentano insomma quella terra promessa – neanche troppo lontana – in cui reinventarsi, in particolare per molti nostri connazionali. A confermarlo è l’INE, l’Istituto Nazionale di Statistica spagnolo, che ha censito in tutta la Spagna il numero di italiani attualmente residenti. Secondo i dati raccolti nel 2016, la comunità italiana a Maiorca e Minorca – le due isole più grandi dell’arcipelago – è formata da più di 17.000 italiani residenti risultando la più numerosa dopo quella tedesca ed inglese. In totale in tutte le Baleari vivono 22.671 italiani. La comunità italiana è stata l’unica a crescere, delineando nel presente e in un prossimo futuro un incremento importante dei nostri connazionali, principalmente dovuto al fatto di poter vivere nell’isola tutto l’anno, avendo sempre qualcosa da dare o da scoprire. Oltre naturalmente a non stancarsi mai del loro charme.

Come abbiamo visto le due isole che riscuotono maggior successo sono Maiorca e Minorca. La prima è la maggiore delle Baleari e offre a chi la visita e ci abita delle bellezze storiche e culturali uniche. A iniziare dal suo capoluogo, Palma di Maiorca, una delle città storiche più suggestive di tutto il Mediterraneo. Fondata dai romani, il fascino della città è valorizzato ulteriormente dalla sua posizione spettacolare dal momento che sorge in una suggestiva baia. A Maiorca lo stile di vita è pacato e a stretto contatto con la natura incontaminata. Una comunità cosmopolita e una posizione geografica strategica fanno dell’isola un posto splendido anche per viverci, per godersi gli anni della pensione, e magari per cercare nuove opportunità. Tante le strutture alberghiere, i ristoranti e i locali disseminati lungo la costa di Maiorca. Impossibile annoiarsi qui: che siate sportivi, tranquilli o nottambuli, a Maiorca troverete sempre i divertimenti e le attività che fanno per voi. Nel raggio di pochi chilometri si susseguono spiagge caraibiche, acque color smeraldo, ambienti incontaminati, parchi, attrazioni per bambini, antichi borghi e mercati artigianali suggestivi.

☞ Leggi la nostra Guida completa per andare a vivere a Maiorca!

Artigianato e turismo sono le attività principali dell’isola, così come il settore della nautica di lusso. Se volete investire potete puntare anche sul telelavoro e marketing, su attività multimediali ed educative, servizi per il tempo libero e gli anziani. Maiorca ospita inoltre un parco di innovazione tecnologica, il Parc Bit, la cui costruzione è stata promossa dal Governo delle Isole Baleari e dove hanno sede aziende come Logitravel, Trivago Spain e Habitissimo. Molti anche i siti che vi aiutano a cercare lavoro. Per quanto riguarda l’immobiliare non è economica, ma nemmeno carissima. Una casa indipendente o una villa a prezzi ridotti si possono trovare nel comune di Algida Alarò oppure nella zona di Andratx.

Minorca. La più selvaggia delle quattro isole che compongono l’arcipelago è una località piacevole e tranquilla, adatta a tutti: alle famiglie e alle coppie, a chi ama praticare sport o semplicemente godersi le bellezze naturali del posto e vivere appieno la natura incontaminata che la caratterizza. È perfetta per chi detesta il caos delle grandi metropoli e vuole vivere in pace. Naturalmente essendo più piccola, Minorca offre meno servizi rispetto alle grandi metropoli, gli inverni sono freddi (niente paura si tratta al massimo di un paio di mesi), e le attività sono più limitate. Trasferirsi a Minorca ha però i suoi vantaggi, in primis la tranquillità che la rende perfetta per un ritiro pensionistico rilassato, un espatrio con la famiglia e i bambini, e persino per un single che vuole godersi la pace di un’isola unica immersa nel Mediterraneo.

Gli italiani a Minorca sono accolti davvero molto bene, la comunità di expat è infatti molto estesa e trovare compagni d’avventura o nuovi amici non sarà difficile. Qui c’è un grande rispetto per la natura e una grande fruizione della stessa: camminate, pic nic, nuotate, e tanto altro. C’è un ospedale centrale a Mahon molto moderno e attrezzato. L’isola dispone di diversi Centri Sanitari in ogni Municipio e di due guardie mediche aperte 24 ore a Ciutadella ed Alaior. L’economia è basata quasi esclusivamente sul turismo e sui servizi a esso collegati, trovare un’occupazione nel turismo e nella ristorazione non sarà dunque un problema. Nella maggior parte dei casi però il lavoro sarà stagionale, quindi preparatevi a lavorare molto d’estate (al massimo fino ad ottobre) e riposare negli altri mesi magari approfondendo la conoscenza del catalano con i tanti corsi organizzati proprio per i nostri connazionali. Diversi anche gli incentivi circa l’avviamento di una nuova attività che vi faranno venire voglia di trasferirvi subito. Il costo della vita non è altissimo e per moltissimi beni e servizi i prezzi sono nettamente minori o quanto meno più ragionevoli di quelli italiani (per chi vuole maggiori info: Vivere a Minorca).

Ibiza. Internazionale, cosmopolita e multiculturale. Chi sogna di trasferirsi a Ibiza troverà inglesi, tedeschi, olandesi, arabi e australiani vivere insieme armoniosamente. Di Ibiza, infatti, stupisce la grande accoglienza ma soprattutto la libertà che si respira ovunque. Qui c’è il sole quasi tutto l’anno e una temperatura mite anche in inverno che difficilmente scende sotto i 10 gradi. La vita sociale non si ferma all’estate ma continua tutto l’anno con eventi e feste che vi aspettano. D’altronde è l’isola della movida per eccellenza. Ma c’è anche un’altra Ibiza, più intima e a contatto con la natura che potrete scoprire e apprezzare solo vivendoci per un lungo periodo. Piccola, accogliente e sempre in movimento, Ibiza è quindi la destinazione perfetta per i giovani e le famiglie. La ristorazione offre molte possibilità, diversi gli italiani che qui hanno aperto un ristorante. Anche per Ibiza è il settore turismo a farla da padrone con possibilità di impiego e di investimenti. Visto l’afflusso di numerosi turisti è importante conoscere e parlare molto bene l’inglese. Il Comune di Ibiza fornisce inoltre servizi di consulenza per la creazione di imprese: si tratta del progetto “Eivissa Crea” diretto a tutti i residenti dell’isola che abbiamo progetti imprenditoriali innovativi.

☀ Vuoi investire alle Baleari? Scopri come aprire un'attività a Palma di Maiorca! ☜

Formentera. È considerata una delle dieci isole più belle e incontaminate del mondo. Ha uno stile di vita intimo e riservato. Vivere a Formentera rappresenta un vero privilegio. La vita sociale dell’isola è attiva principalmente nel periodo che va da aprile a ottobre, anche se buona parte dei locali e ristoranti presenti sull’isola funziona regolarmente tutti i mesi dell’anno, quindi niente paura. Potrebbe, certo, capitare di rimanere isolati soprattutto nei mesi invernali quando il vento forte impedisce la partenza dei traghetti, ma fa parte del gioco di vivere su un’isola. Il settore dei servizi copre una fetta importante dell’economia di Formentera, e in pole troviamo naturalmente il turismo. Per poter lavorare qui, come nel resto delle Baleari, la conoscenza delle lingue costituisce un fattore essenziale, con inglese e spagnolo come lingue più importanti, ma anche italiano, russo, tedesco e lingue arabe, per venire incontro ai turisti provenienti dai paesi emergenti. Le figure professionali più richieste sono sopratutto cuochi e pizzaioli qualificati, ma anche camerieri, lavapiatti e barman. In generale Formentera è un buen retiro anche per i pensionati che qui troveranno la pace e il relax che stavano cercando per vivere in serenità gli anni della pensione.