Lavorare in Thailandia

Trasferirsi in Thailandia è il sogno di tanti, ma cercare lavoro nella terra dei sorrisi non è un’impresa facile, è necessario infatti essere a conoscenza di una serie di regole e di norme molto rigide e severe che tendono a scoraggiare l’assunzione di cittadini stranieri, a favore della manodopera locale.

Secondo la norma “Alien Occupation Act. B.E.2521” del 1978 tutti coloro che non sono cittadini thailandesi, sono considerati “alien” (stranieri) di conseguenza, se desiderano lavorare in Thailandia, avranno bisogno di un permesso di lavoro.

Chi risulterà sprovvisto di tale permesso rischierà di dover pagare delle multe salate, l’espulsione dal Paese o addirittura l’arresto.

L’aspetto più curioso della cosa è che ci sono delle attività che un cittadino straniero non può svolgere, tra cui i lavori di muratura, di falegnameria, di autista, di commesso, di architettura, di vendita ambulante, di produzione di coltelli, armi da taglio, ombrelli di stoffa o di carta, di parrucchiere, di tessitura e così via.

Questi sono solo alcuni dei mestieri vietati ad un cittadino straniero e svolgere uno di questi lavori comporta sanzioni pesanti fino all’inserimento nella blacklist (lista degli stranieri indesiderati), con conseguente esclusione dal Paese e divieto di accesso per ben 10 anni. Da qui si evince la difficoltà di cercare un lavoro confacente alle proprie aspettative nella terra baciata dal sole.

lavorare in Thailandia

 EXTRA! ✎ Le nostre linee guida su come scrivere un buon curriculum di lavoro

Ecco cosa fare per trasferirsi a vivere e lavorare in Thailandia

Innanzitutto per poter lavorare in Thailandia è necessario ottenere un permesso di lavoro. Quest’ultimo verrà rilasciato dietro la segnalazione all’ambasciata o al consolato del Paese, da parte del futuro datore di lavoro. Se si intende soggiornare in Thailandia per più di 60 giorni, il visto da richiedere sarà il Non Immigrant B, nel caso la permanenza si prolunghi in seguito all’assunzione, tale visto sarà ovviamente esteso. E’ importante ricordare che il permesso di lavoro è valido solo per la mansione specificata sul libretto di lavoro e solo per il luogo in cui si svolge tale mansione. Solitamente la tempistica per il rilascio del permesso è di 7 giorni con una validità massima di 1 anno o corrispondente alla durata del contratto. Tale permesso sarà rinnovato ogni anno, prima della scadenza. Tutti coloro che intendono soggiornare in Thailandia per lunghi periodi, devono contattare l’ambasciata thailandese in Italia, situata a Roma o il consolato thailandese a Milano, per ottenere maggiori informazioni sui vari tipi di visto e sulle modalità di richiesta. Purtroppo, a seguito della nuova normativa in materia di visti, le ambasciate thailandesi in Asia, sono diventate più restie a concedere visti per lunghi periodi di tempo.

Per la ricerca di un lavoro in Thailandia, è bene ricordare che i datori di lavoro prediligono coloro che si sono già precedentemente trasferiti. E’ inoltre necessario redigere un curriculum internazionale in lingua inglese, senza errori grammaticali, che sia breve e conciso ed adattato all’azienda a cui ci si intende rivolgere. E’ necessario avere una buona conoscenza della lingua inglese, soprattutto in virtù del fatto che il primo colloquio avviene telefonicamente o via Skype. E’ bene tenere presente che le ditte thailandesi hanno l’obbligo di dare precedenza a persone di nazionalità thailandese, a meno che il cittadino straniero non dimostri di possedere delle competenze specifiche superiori.

lavorare in Thailandia

Le offerte di lavoro non mancano, specialmente nel campo della ristorazione. Cuochi, pizzaioli,  receptionist, animatori, direttori d’albergo, sono solo alcune delle figure più ricercate nelle località turistiche. Gli stipendi in Thailandia sono inferiori rispetto a quelli italiani, ma sono proporzionali al tenore di vita del Paese. Per la ricerca di un’occupazione vi sono diversi siti a cui è possibile accedere per consultare le molteplici offerte di lavoro. Uno dei canali maggiormente sfruttati è LinkedIn, dove sono presenti diversi gruppi a cui potersi iscrivere per essere sempre al corrente delle possibilità lavorative presenti. Oppure, un’altra possibilità è quella di contattare aziende italiane che abbiano delle sedi in territorio thailandese, avendo così la possibilità di presentarsi direttamente in azienda e di farsi conoscere personalmente, specificando il desiderio di un trasferimento.

Approfondimento consigliato → Tutto sul lavoro di magazziniere: corsi, offerte di lavoro, ecc.

Qui di seguito, alcuni link utili a cui fare riferimento per trovare lavoro in Thailandia:

www.monster.co.th

www.careerjet.co.th

www.jobthai.com

www.jobtopgun.com/main.jsp?theme=4

www.phuketjobpost.com

www.nationejobs.com

www.jobs4farangs.com

www.jobsdb.com

Essendo la Thailandia sede di numerose multinazionali, le possibilità di trovare un lavoro aumentano notevolmente, ovviamente è di fondamentale importanza la conoscenza della lingua inglese. Ci sono buone possibilità di lavoro anche nel campo dell’insegnamento, in particolar modo della lingua inglese, un settore in cui la Thailandia sta puntando molto, soprattutto per restare al passo con le altre nazioni dell’ASEAN. In tal caso bisognerebbe possedere esperienza nel campo del’insegnamento, un’ottima conoscenza della lingua inglese, oltre ad una laurea specifica, per poter competere con i madrelingua. Per concludere, il consiglio è sempre lo stesso: affidarsi a consulenti esperti prima di prendere decisioni avventate, in grado di cambiare la propria vita.

A cura di Nicole Cascione