Lavorare all’estero: consigli per scrivere il curriculum vitae

Andare a lavorare all’estero è un’idea che attrae molte persone. I motivi che spingono un individuo ad intraprendere un percorso lavorativo al di fuori del proprio Paese di origine sono diverse, così come sono variabili le caratteristiche ricercate in un Curriculum Vitae da parte di un Paese estero.

Che si tratti di voler cercare un lavoro all’estero per scappare dall’Italia, oppure che sia il desiderio di ampliare le proprie competenze professionali ed interpersonali, fare un’esperienza lavorativa all’estero è sicuramente una tappa altamente formativa per chiunque desideri ampliare in qualità e profondità il proprio CV. Ma quali sono le caratteristiche che deve avere un CV estero?

Ecco di seguito 5 modi per mettere in risalto il tuo CV all’estero.

Impara una o più lingue straniere

La conoscenza di lingue straniere è un grandissimo plus che può aiutarti a trovare un lavoro all’estero con più facilità rispetto ad un individuo con le tue stesse competenze, ma scarse conoscenze di lingue internazionali. Parlare una lingua diversa da quella nativa, infatti, presuppone non solo la capacità di comunicare e comprendere con persone che parlano quell’idioma, ma implica anche la flessibilità di creare delle strutture mentali e di ragionare per schemi diversi.

Potrebbe interessarti anche → Come inventarsi un lavoro: le migliori idee💡

Ogni lingua, infatti, presenta delle proprie strutture sintattiche e morfologiche che modificano la sequenza con cui il cervello struttura i propri ragionamenti. Di conseguenza, parlare più di una lingua presuppone la capacità di spaziare tra diverse aree di pensiero, un’abilità molto apprezzata e richiesta dalle aziende estere.

Presta attenzione alle differenze tra i CV internazionali

Ogni Paese presta maggiore attenzione a determinati aspetti del CV internazionale, a discapito di altri. Ciò dipende dalla cultura lavorativa e professionale del Paese preso in considerazione. Ad esempio, Paesi come l’Italia, la Spagna e il Portogallo prediligono CV non superiori alle due pagine di lunghezza, tendendo a scartare i CV con un numero superiore di pagine poiché troppo prolissi. In Paesi come la Germania, invece, vengono valorizzati i CV lunghi e dettagliati.

Anche le esperienze pregresse all’estero vengono percepite diversamente. Pur essendo sempre valorizzate, Paesi come l’Olanda e il Belgio ricercano profili caratterizzati da una forte impronta internazionale (premiando, di conseguenza, anche chi ha solo studiato all’estero), mentre in Inghilterra è più importante la presenza di concrete esperienze pregresse all’estero rispetto al titolo di studio.

Potrebbe interessarti anche → 👔 Come capire il tuo lavoro ideale 🛠️

Altri Paesi ancora, come l’Austria, danno importanza agli hobby e agli interessi personali, in quanto formativi della personalità di un individuo ed indicatori della sua sensibilità.

Insomma, quando fai richiesta di lavoro all’estero è bene prima accertarsi sugli elementi più enfatizzati dagli scrutinatori e dai responsabili di HR in un CV estero. Fai qualche ricerca e cerca di scoprire che cosa è più adatto a seconda del Paese che vuoi prendere in considerazione.

Cerca il curriculum più adatto alla tua professione

Un errore che viene commesso comunemente è quello di pensare che un certo formato di curriculum valga l’altro. Questo inconveniente può venire percepito come un segnale di superficialità e trascuratezza da parte dei responsabili HR, e rischia di farti scartare dai candidati per la posizione di lavoro all’estero ancora prima del colloquio conoscitivo.

Dato che viviamo in una società caratterizzata dal ritmo frenetico, è importante che il CV estero presenti una struttura interna che metta immediatamente in risalto le caratteristiche più ricercate da un’azienda internazionale per una determinata posizione. In questa fase del processo di creazione del CV estero, è importante selezionare il giusto sito che possa offrire un esempio di CV secondo i format più moderni ed accattivanti.

Se desideri ottenere a riguardo più informazioni, il sito ufficiale ModelloCV può essere un ottimo punto di arrivo nella tua ricerca del migliore creatore di CV online. Infatti, potrai non solo dare origine ad un CV estero moderno, professionale ed altamente creativo, ma potrai anche farti seguire dall’assistente personale del sito durante tutti i passi della creazione del CV estero.

L’assistente ti aiuterà, in particolare, a mettere in risalto tutte quelle competenze che sono gradite dai responsabili delle risorse umane quando selezionano un candidato sulla base del suo CV. Inoltre, la creazione del CV estero è facile e veloce, cosa non sempre scontata su un sito per la creazione di un CV.

Aggiungi varietà al modo in cui presenti le tue competenze

Il curriculum parla ovviamente di te, ma è bene prestare attenzione all’esposizione delle tue competenze. Nel concreto, non esporre le tue skills in maniera robotica, come ad esempio: “Io ho fatto questo, io ho studiato qui, io desidero quest’altro, ecc…”. Questa struttura “io… io… io” diventa ripetitiva e rischia di annoiare il responsabile delle risorse umane.

Potrebbe interessarti anche → ⚡ TOP 25 lavori che nessuno vuole fare 🔨

Per ovviare a questo inconveniente, per scrivere il curriculum vitae puoi optare per frasi più complesse e maggiormente articolate, come ad esempio: “In seguito a questa esperienza, ho sviluppato le seguenti competenze… avendo studiato per 3 anni presso l’Università X, ho appreso i principi di… dato il mio interesse verso questo settore, desidero entrarvici per…”.

Chiedi a qualcuno di fidato di revisionare il tuo CV

Quando si parla di sé, può capitare di omettere dettagli importanti inerenti ad una certa esperienza. Far leggere il proprio CV a qualcuno che ci conosce bene può far sì che questa persona si ricordi di particolari e sfumature rilevanti che a noi possono essere sfuggite.

I dettagli possono valorizzare ulteriormente il CV e far sì che venga apprezzato dal responsabile delle HR, in quanto gettano luce su certi aspetti della vicenda (come ad esempio il modo in cui abbiamo affrontato una certa situazione ad alta pressione) che offrono degli insight interessanti sulla nostra personalità e sul modo in cui potremmo affrontare situazioni lavorative simili in futuro.