Una famiglia italiana nel Caribe

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Maggio 2015. Gli anni passano veloci ! Ormai sono cinque  anni che abitiamo a Sosua e 8 in Repubblica Dominicana, nel Caribe, e possiamo dire di esserci ambientati bene e non rimpiangere affatto la scelta fatta. In questi anni  abbiamo avuto modo di esplorare a fondo la Repubblica Dominicana, rinunciando alle vacanze in Italia e scoprendo invece posti fantastici in Repubblica Dominicana.  Siamo andati in vacanza nella costa sud, siamo arrivati fino a Pedernales, quasi al confine con Haiti nella costa sud della Repubblica Dominicana, ed abbiamo  vissuto realtà che ci hanno fatto capire come potevano essere 20 anni fa zone come Sosua! Sono posti bellissimi, ma soprattutto  per chi ha dei figli e cerca delle strutture scolastiche, sociali e sanitarie di un buon livello questi possono essere solo luoghi da visitare in vacanza come abbiamo fatto noi ! Abbiamo esplorato anche la costa nord dove viviamo scoprendo stupende spiagge bianche, luoghi a un’ora da casa che sono ancora paradisi incontaminati, dove è difficile anche trovare il segnale del  cellulare, siamo andati a Cayo Arena, Punta Rucia, Playa Grande, Playa Caleton e la laguna GriGri a Rio San Juan, e le bellissime cascate 27 Charcos de Damajagua dove si nuota e ci si tuffa in queste bellissime cascate di acqua turchese. L’anno scorso siamo andati invece a Bavaro e Punta Cana, note localita’ turistiche,  ma sinceramente pensavamo fossero meglio, le spiagge sono belle ma le cittadine non ci sono piaciute tanto.

VIVERE NEL CARIBE

Laura

Da 3 anni lavoro per un’agenzia immobiliare presente in tutto il mondo, Coldwell Banker. La scelta di lavorare per un’agenzia nota come la Coldwell Banker e’ nata dal fatto che ho capito quanto sia importante per una  persona che vuole investire i propri soldi in Repubblica Dominicana, avere come punto di riferimento un’agenzia che in tutto il mondo e’ sinonimo di serieta’ e fiducia, e che possa seguire il cliente in tutte le pratiche necessarie, avendo il nostro ufficio anche il settore assicurazioni (sanitarie, auto/moto, casa, vita etc…..) e il settore  legale e notarile  per tutte le pratiche inerenti ad  acquisto casa, residenza, patente, legalizzazione documenti scolastici, etc…. e far parte di questo team mi  permette di confrontarmi quotidianamente con clienti che arrivano da ogni parte del mondo e migliorare il mio inglese . Finalmente  sono  soddisfatta e felice del mio lavoro e delle persone con cui lavoro. Per la prima volta nella mia vita ho un “Boss” che ogni volta che me lo merito, si congratula con me ! Mai successo in 20 anni di lavoro in Italia !!! Qui esiste la meritocrazia nell’ambito del  lavoro ed essere parte di un team significa che quando uno ha bisogno, gli altri ci sono… sempre ! Il tutto e’ nato per caso parlando con un signore un giorno che andavo a Cabarete in Guagua…quando ha saputo che ero italiana mi ha detto che il suo BOSS cercava un agente immobiliare Italiano che potesse tradurre la pagina del loro sito dall’inglese all’italiano e seguire poi i clienti italiani  (oltre a clienti di tutto il mondo) ed io che all’epoca avevo un sito mio di vendita ed affitto case mi sono quindi proposta per  il colloquio  ed eccomi qui da 3 anni a lavorare con loro !

✈ Stai pensando di comprare casa ai Caraibi? Scopri come! ☜

Se volete contattarmi scrivetemi a info@repubblicadominicana.org

Davide

Ormai parlo benissimo Inglese e Spagnolo anche se ho anche amici Italiani con cui parlo Italiano e quest’anno 2015 inizio la quinta elementare ! Gioco a tennis e a calcio e vorrei fare il portiere di professione anche se non so se sono abbastanza bravo!! Vedremo !!! Intanto mi alleno e studio perché se non sono bravo a scuola mamma e papa’ si arrabbiano…. 🙁   Mi piace moltissimo leggere e leggo molti libri, quello che mi piace di piu’ e che ho gia letto almeno 30 volte e’ Gianburrasca ! Una mia amica  Italiana che vive qui mi ha fatto scoprire da poco tempo i fumetti di Topolino…bellissimi !!!

VIVERE NEL CARIBE

Roberto

Per qualche anno qui a Sosua ho lavorato per l’azienda di SKY Repubblica Dominicana, ma da due anni lavoro nell’ufficio aministrativo di un bellissimo residence a Sosua, dove potete costruirvi la villa dei vostri sogni su di una fantastica collina con un vista bellissima della costa di Sosua e del mare. Quando voglio riempirmi gliocchi di blu, apro la finestra dell’ufficio che e’ rivolta verso il mare, se ho voglia di verde, apro quella che e’ rivolta verso la vallata piena di palme e piante tropicali, praticamente una Jungla incontaminata a perdita d’occhio. Il nostro sogno di aprire una scuola non e’ mai stato abbandonato, ma e’ sempre in un cassetto…..chissa’ se un giorno riusciremo a realizzarlo !! Una notiza per gli amanti del golf: nelle vicinanze di Sosua ci sono due campi da Golf che grazie al clima estivo sono accessibili tutto l’anno. Se volete contattarmi scrivete a info@repubblicadominicana.org

Settembre 2010

Sono passati ormai tre anni e abbiamo fatto diverse esperienze, sia positive che negative. Sicuramente quelle positive sono da considerare di gran lunga in numero superiore alle negative, anche se non sono mancati episodi spiacevoli, avuti specialmente con persone straniere e non Dominicane. Tante persone quando abbiamo lasciato l’Italia per venire qui ci hanno chiesto se saremmo rimasti per sempre….noi sempre rispondevamo ….”finchè staremo bene”….Abbiamo vissuto a Las Terrenas per tre anni, ed ora da Settembre 2010  ci siamo trasferiti a Sosua, un po’ più a nord, sempre nella Repubblica Dominicana. I motivi del trasferimento, sono tanti, primo tra tutti aver conosciuto casualmente a Las Terrenas una famiglia Italiana che abitava già a  Sosua e nel dicembre del 2009 sono venuti a Las Terrenas per un fine settimana…ed abbiamo scoperto che he i nostri mariti si conoscono da bambini….incredibile, ma vero!!! In questi mesi siamo sempre rimasti in contatto con loro, che ci parlavano di Sosua, e a Luglio 2010 abbiamo deciso di andare a trovarli in vacanza per vedere come era, con l’intenzione di fare un sopralluogo. Il posto ci è piaciuto, dopo 3 anni di vita a Las Terrenas, ci sentiamo meglio qui perchè è una città un po’ più grande, che offre una vita un po’ più moderna, ma non troppo, e nostro figlio può frequentare una scuola Internazionale, dove l’insegnamento è in lingua inglese, e come seconda lingua spagnolo.

VIVERE NEL CARIBE

Roberto, Laura, Davide  Gennaio 2008

In ordine d’età…Siamo una normalissima famiglia Italiana che da settembre 2007 ha deciso di sconfinare per potersi riappropriare di alcune cose che in Italia erano per noi perdute….

Laura

La mia filosofia? Carpe Diem….e… Non ti arrabbiare per nulla….
Penso infatti che se una cosa si puo’ risolverla è inutile arrabbiarsi, ma è meglio usare la propria energia nel risolverla, se non si puo’ risolverla è inutile spercare le proprie energie e arrabbiarsi, tanto non cambierà nulla!!!!

Roberto

Vorrei riuscire ad essere filosofico e ad attuare le filosofie di Laura, ma pur condividendole con lei, non sempre, anzi quasi mai, ci riesco, infatti non sono calmo e tranquillo ma, forse in questo nostro essere diversi ci compensiamo.

Laura

Detto questo, mi presento, 35 anni, (compiuti da poco !!!), diplomata come maestra di scuola elementare, non sono riuscita ad esercitare questa professione, tranne qualche supplenza nelle scuole private, per mancanza di posti di lavoro, ma ho sempre lavorato, prima come baby sitter e contemporaneamente promoter nei supermercati, poi come impiegata in un autonoleggio, ed infine per 14 anni alla Telecom Italia; anche se non erano i miei lavori ideali, (mai sputare nel piatto in cui si mangia ma cambiarlo se non ci piace!!!) mi hanno permesso di guadagnarmi da vivere e poter seguire una delle mie passioni, viaggiare in tutto il mondo. Il “problema” era sempre lo stesso, però, finito il viaggio, dovevo ritornare a casa, in Italia, al mio lavoro ed ogni volta avrei voluto rimanere e non tornare.

Roberto

Be io sono un po’ più vecchio, ho 47 anni, anche se tutti mi dicono (speriamo siano sinceri) che li porto bene, sarà che mi sento ancora un ragazzino, sarà che Laura è più giovane, sarà il Peter Pan che ho tatuato su una spalla? Non lo so però dopo aver lavorato fina dall’età di 19 anni alla Telecom Italia, aver avuto due figlie, ormai grandi, aver girato il mondo per lavoro e aver quindi potuto toccare con mano altre realtà, probabilmente avevo bisogno di qualcosa che mi rendesse più libero, che mi desse la possibilità di vivere in maniera più libera, lontano dagli stereotipi che mi hanno inseguito fin da adolescente, con maggior calma e serenità. Amo molto viaggiare, e come Laura non ho mai apprezzato il ritorno a casa da una vacanza (al contrario di chi invece alla fine di una vacanza ama tornare a casa propria), inoltre la mia situazione lavorativa mi creava giorno dopo giorno maggiore stress, e mi costringeva ad un ruolo nel quale mi sentivo stretto, perché gestendo per Telecom un gruppo di circa 100 persone dovevo mantenere un certo comportamento non sempre in linea con i miei modi di vedere la vita (una volta in una riunione ad un mio collaboratore ho “osato” dire che se non gli stava bene il lavoro che doveva fare poteva cercarsene un altro…non l’avessi mai detto….) e inoltre non avevo orari……

VIVERE NEL CARIBE

Laura

Dal lontano 1972, anno in cui sono nata a Bologna, sono successe tante cose nella mia vita, belle e brutte, e un giorno che sembrava “uno giorno come gli altri”, per motivi di lavoro, ho conosciuto Roberto, e dopo un anno stavamo insieme; dopo un altro anno mi sono trasferita a Roma, per stare vicino a lui e dopo un anno è nato Davide nostro figlio.

▶ Scopri la Guida Definitiva per andare a vivere a Santo Domingo

Roberto

Quando io e Laura ci siamo conosciuti, io ero il suo “insegnante” durante un corso interno all’azienda, e dopo vari incontri lavorativi, a distanza di un anno è scoccata la classica scintilla, e chi l’avrebbe mai detto? Dopo un anno l’ho convinta a venire a vivere a Roma (tutte le sue amiche più care mi odiano ancora!!!!), dove abbiamo iniziato a vivere insieme e dove dopo un anno è nato il nostro Davide.

Noi

Anche se con un figlio e quindi in maniera diversa abbiamo continuato a viaggiare. Davide ha iniziato a viaggiare prima ancora di nascere (il giorno in cui abbiamo avuto la conferma di aspettare un figlio, eravamo in partenza per il polo nord – Kiruna albergo di ghiaccio) è venuto con noi a sciare all’età di due mesi, poi siamo stati due volte alle Maldive, tanto è che avevamo pensato inizialmente di trasferirci su un atollo, ma le problematiche relative all’educazione scolastica ed alle amicizie che avrebbe potuto avere Davide vivendo su un isola-resort, ci hanno fatto meditare ed abbiamo iniziato una nuova ricerca; entrambi eravamo stati in Australia, e ci sarebbe anche piaciuto vivere li, ma saremmo stati molto lontani dall’Italia, troppo, soprattutto per i nonni!!!! Abbiamo poi conosciuto, tramite internet, Stefano che viveva già a Las Terrenas e nell’Aprile 2007 siamo venuti in vacanza, a perlustrare la zona; ci è piaciuto il posto, le persone, l’atmosfera, e c’era anche l’asilo per Davide. Abbiamo trovato quello che cercavamo. Siamo rientrati in Italia, ci siamo licenziati (lavoravamo entrambi alla Telecom Italia), abbiamo venduto casa, auto ed abbiamo mollato tutto, tranne l’amore che ci lega alle persone ora lontane, per cercare una vita più semplice, con ritmi decisamente più tranquilli, e per poter dedicare più tempo a noi stessi, sia come famiglia che come singola persona.

VIVERE NEL CARIBE

Laura

Ogni anno per il compleanno di nostro figlio gli scrivo una lettera, allego qui una parte di quella scritta nel 2006, quando stavamo ancora cercando un posto adatto a noi per mollare tutto.

“Ti scrivo questa lettera che tu potrai leggere quando sarai grande in modo che tu possa sapere cosa io e papa’ pensiamo e proviamo ora, in questo momento particolare della nostra vita; sarebbe piu’ difficile spiegartelo tra quindici-venti anni quando la nostra vita sara’ cambiata e magari noi vecchietti non avremo vive come ora nel cuore le sensazioni ed i sentimenti che invece abbiamo adesso….. La nostra vita si e’ arricchita con la tua nascita, la gioia che ci dai ogni giorno e’ immensa e noi non vogliamo perderci nulla della tua vita, ed e’ questo uno dei motivi che ci ha spinti in questa direzione…..Infatti ogni giorno che passa noi siamo consapevoli di perderci qualcosa di te quando siamo al lavoro e tu a scuola, considerando che alla tua età si fanno progressi e conquiste ogni giorno, noi ne perdiamo la maggior parte visto che tu vai all’asilo dal mattino alle 9.00 al pomeriggio alle 17.00/18.00 ……Da sempre io ho avuto il desiderio di trasferirmi a vivere all’estero, sia io che papa’ abbiamo viaggiato molto ma forse non avevamo trovatola persona giusta,il posto giusto e forse non era neanche il momento giusto…… C’e’ chi dice che cambiare vita alla ricerca di qualcosa che ti faccia stare bene non serve devi stare bene prima di tutto tu con te stesso; be, sappi che io sto benissimo con me stessa, con te e papa’ e so cosa voglio..…: serenita’, pace, e tempo per le cose a cui teniamo di piu’ nella vita…. vorremmo anche trovare il tempo per annoiarci……quanto e’ che non mi capita; vogliamo alzarci al mattino e fare colazione insieme…… la sabbia sotto i nostri piedi, e il sole che ci riscalda, lavorare insieme e averti li con noi, vicino vicino…… Certo i nostri parenti e amici cari saranno lontani, ma pensiamo di fare la scelta giusta…….anche per te, perche’ tu possa crescere in un mondo diverso da questo, dove i ritmi della vita sono a misura d’uomo, dove non ci si lasci coinvolgere dal consumismo, dove un pareo ed un costume possono bastare, dove la vita all’aria aperta sia la normalita’, dove la sera non ci sia sempre il televisore e hai il tempo per parlare, leggere un libro, farti le coccole. Questo e’ quello che vogliamo…….tempo per noi…….”

☀☀ Sogni di vivere al caldo tutto l'anno? Ecco la Guida Definitiva per trasferirsi ai Caraibi! ☀☀

Noi

Viviamo da Settembre 2007 in Repubblica Dominicana e speriamo di poter essere d’aiuto a tutti coloro che come noi vogliono mollare tutto, perché non sempre si ha il coraggio di una scelta simile, ma si continua a vivere infelici per non averlo. Spesso ci si fanno domande, si hanno dubbi, se poi andrà male, se , se, se….. e se vi sveglierete un giorno e vi accorgerete che la vita è passata e voi non l’avete vissuta come avreste desiderato, i vostri “se” finiranno nel cestino e rimarrà solo la certezza di non aver avuto il coraggio…anche se secondo noi ci vuole più coraggio oggi a rimanere a vivere in Italia, in un mondo fatto di consumismo e di apparenza, dove fin da piccoli abbiamo input di ogni genere per far si che pensiamo che avere lo zaino delle Winx o dei Power Ranger (si scrivono così?) ci farà essere uguali ai nostri amici e non inferiori.

DAVIDE

Io non ho voce in capitolo, mi hanno portato qui i miei genitori, certo ora stiamo molto tempo insieme mentre in Italia io stavo quasi tutto il giorno all’asilo e papà e mamma erano a lavorare. Qui posso andare al mare tutto l’anno e facciamo dei castelli enormi perché in spiaggia c’è tanto spazio non come in certi posti in cui dovevo stare attento a tutte le persone che mi stavano accanto, e non potevo correre o saltare perché sollevavo  la sabbia; ogni tanto dobbiamo scappare dalla spiaggia perché piove, ma comunque fa sempre caldo come d’estate in Italia. Sto imparando lo spagnolo, perché al parco giochi (non lo chiamo asilo perché ci vado solo dalle 9.00 alle 12.00) dove vado ogni mattina tutti parlano spagnolo, sia le maestre che i miei nuovi amici e per fortuna anche qui hanno il formaggio anche se mamma e papà dicono che è molto costoso rispetto all’Italia. Una cosa bellissima è che qui posso mangiare l’anguria tutto l’anno e le banane sono ottime!!! Mi mancano un po’ Sara (la mia sorellona), i miei nonni, le zie, gli amici ed i cuginettti (i treni: Milo, Michelangelo, Eleonora, Alice, Isabel e “quella piccola” Virginia, Alessandro, Ricardo, Dario e Simone) ma per fortuna ora alcuni di loro li posso vedere con skype o almeno sentire la loro voce (quando vi comprate la webcam?). L’unica cosa che quì non c’è e’ il treno, ma per fortuna Babbo Natale me ne ha portati tanti, e nella mia camera sto progettando le Ferrovie Dominicane (chi sa se ora che costruiscono la metropolitana a Santo Domingo mi chiameranno così li aiuto???). Sono anche andato a cavallo a vedere delle cascate bellissime, e io e mamma stiamo cercando di convincere papà a comprarci un cane ed un gatto, visto che ora abbiamo un giardino grande e bellissimo dove starebbero benissimo e potrebbero giocare a palla con me, mamma e papà. Sapete una cosa???L’erba del nostro giardino cresce altissima perché io ogni sera la lavo (forse cresceranno anche i miei vestiti perché lavo anche quelli)!!! Spero di diventare grande e forte così da poter andare sul surf sopra le onde e non andare mai affogo!!

E tra qualche anno avro’ anche io un mio sito tutto dedicato ai TRENI!!!!!