Stefano: dopo Londra e la Tanzania, riparto da Brisbane (Australia)

A cura di Maricla Pannocchia

Stefano è giovanissimo, poco più che 20enne, eppure ha già vissuto delle esperienze che gli hanno lasciato un segno indelebile e che lo hanno aiutato a imparare skills che gli sono stati utili per ottenere un lavoro in Australia (come la conoscenza dell’inglese) ma che gli hanno anche aperto la mente e cambiato la prospettiva sul mondo. Arrivato da poco a Brisbane, Stefano si sente fortunato perché, grazie a un amico, ha trovato un alloggio in una camera condivisa con la sorella a poco più di 300 AUS$ il mese, “Altrimenti, non è facile trovare un posto in ostello o in un appartamento condiviso, e poi il costo medio è decisamente più alto”.

Adesso Stefano lavora in un hotel a 5 stelle e non vede l’ora di avere un po’ di tempo per esplorare la città come si deve. Il suo piano è quello di trascorrere un altro anno in Australia, magari per girarla tutta con un Van ma, da bravo viaggiatore, ha sempre 1000 idee quando si tratta di partire! Il suo consiglio per tutti è quello di lasciarsi dubbi e paure alle spalle e di buttarsi nelle nuove avventure.

Potrebbe interessarti: tutto ciò che c'è da sapere per frequentare un Master a Londra

Ciao Stefano, raccontaci qualcosa di te. Chi sei, da dove vieni…

Mi chiamo Stefano Mirabella, ho 22 anni e vengo da Pordenone. Ho sempre avuto due passioni: il nuoto e il viaggio. Ho coltivato entrambe sin da bambino e, nel 2019, dopo essermi diplomato al Liceo linguistico, sono partito. Da tempo sentivo di non appartenere alla mia città, inoltre, dentro di me, provavo un enorme bisogno di conoscere e capire ciò che il mondo aveva da offrirmi così sono partito per la prima volta come animatore in un resort a Zanzibar, per un semplice impiego stagionale. Fu un’esperienza incredibile che mi cambiò la vita. Tornato in Italia non riuscii a fermarmi un attimo e subito dopo ripartii per un mese intorno all’Europa. Tornato da quest’ultimo viaggio capii che avevo bisogno di stabilirmi in un posto, imparare un mestiere e migliorare il mio inglese. Così, come molti italiani, scelsi di trasferirmi a Londra, meta assai comune per tutte le persone confuse sul percorso da intraprendere. Iniziai a lavorare come bartender e, nonostante il periodo del Covid, rimasi in Inghilterra per 2 anni.

✍ Approfondimento: i Pro e Contro e tutto quello che c'è da sapere per andare a vivere in Africa

Sei appena arrivato a Brisbane, come mai hai scelto questa città?

Ho scelto Brisbane inizialmente perché avevo degli amici che ci avevano vissuto in passato e me l’avevano altamente consigliata come punto di partenza.

Quali sono i passi pratici, anche dal punto di vista burocratico, per vivere e lavorare in Australia?

Il modo più semplice per lavorare e vivere in Australia, se si hanno meno di 35 anni, è probabilmente il working-holiday visa, un visto che ti permette di lavorare e viaggiare all’interno del Paese per un periodo di un anno. Inoltre, permette il rinnovo fino a 3 anni.

Il visto è molto semplice da ottenere, basta fare domanda sul sito governativo, avere un minimo di risparmi per dimostrare di essere in grado di potersi mantenere le prime settimane e, ovviamente, avere un passaporto Italiano valido. Nel mio caso ci sono volute due settimane per ricevere il visto, ma ho amici che in meno di due ore hanno ricevuto la risposta.

Visto che sei ancora all’inizio del tuo percorso, stai riscontrando delle difficoltà? Come le stai superando?

☞ Leggi la nostra Guida Completa per trasferirsi a vivere in Australia

Onestamente non sento di star riscontrando eccessive difficoltà. Mi ritengo molto fortunato, perché rispetto alla prima volta che mi sono trasferito all’estero, parlo inglese fluentemente e soprattutto ho diversi amici e mia sorella, che mi hanno aiutato a sistemarmi i primi giorni.

Com’è il rapporto costo-qualità della vita a Brisbane?

I primi momenti arrivato in città mi sentivo sconvolto dai prezzi al supermercato. Non essendo abituato al dollaro australiano e arrivato dall’Italia mi è sembrato tutto molto costoso. In realtà c’è un ottimo rapporto qualità-costo della vita. Si guadagna molto e gli stipendi sono totalmente rapportati al costo della vita.

Hai già un lavoro o pianifichi di cercarne uno sul posto?

Un paio di giorni prima di partire ho iniziato a mandare qualche CV per sentirmi avvantaggiato e sono stato contattato immediatamente per diversi posti di lavoro. Arrivato qua, in due giorni ho ricevuto le prime offerte e in una settimana precisa dal mio arrivo ho iniziato a lavorare in un hotel a 5 stelle.

Com’è, invece, la situazione alloggi? È facile trovare un luogo da affittare? Quanto costa?

Al momento la situazione alloggi è abbastanza critica nelle città australiane. È dura trovare posto sia negli ostelli sia in appartamenti condivisi. Io sono stato fortunato. Grazie a un amico sono riuscito a trovare una stanza doppia che condivido con mia sorella, per 330 AUS$ a settimana da dividere in due, una cifra molto bassa rispetto agli stipendi australiani e soprattutto dopo aver vissuto a Londra, dove una stanza condivisa costava 960 sterline al mese.

✎ Approfondimento: tutte le info utili per andare a studiare in Australia

Quali consigli daresti a chi vorrebbe fare un’esperienza simile?

Io consiglierei a tutti di lasciarsi alle spalle paure e incertezze, prendere un biglietto di sola andata e partire, senza pensarci due volte. Ricordo la prima volta che mi sono trasferito a Londra, ero terrorizzato, avevo grandissimi dubbi sulla mia conoscenza della lingua e di sentirmi solo. I primi mesi sono stati duri, ma quello che certe esperienze lasciano supera tutte le difficoltà iniziali.

Tu hai già lavorato e vissuto all’estero, fra cui in Inghilterra e in Tanzania. Cos’hai imparato, durante quelle esperienze, che pensi possa esserti utile ora che sei a Brisbane?

Entrambe le esperienze mi hanno aiutato a crescere moltissimo, aprire la mia mente e conoscere nuove persone e culture. Vivere a Londra credo sia stata l’esperienza più formativa, seppur più dura che potessi scegliere. Prima di tutto mi ha dato la possibilità di imparare l’inglese propriamente, cosa non da poco, che ha favorito molto la ricerca di un lavoro qui a Brisbane, oltre all’esperienza lavorativa ottenuta come bartender. Inoltre, sono migliorato molto dal punto di vista organizzativo. Mi ha dato la capacità di poter gestire lo stress causato da una grande città, ho accresciuto le mie capacità comunicative e sono migliorato molto dal punto di vista professionale. In aggiunta è stato molto più semplice per me sbrigare tutte le pratiche per iniziare a lavorare, dall’apertura del conto in banca, al Tax File Number o all’assicurazione medica, poiché in Inghilterra le procedure sono molto simili.

☞ Investimenti all'estero? Scopri come fare per aprire un'attività a Londra! ♕

Puoi parlarci meglio del tuo progetto di una newsletter che parla di viaggi, incontri e stili di vita alternativi?

“Someplace to Be” parte dall’incontro di tre amici, in una Londra fredda e grigia. Tre ragazzi, viaggiatori e al tempo stesso migranti, legati da un senso comune di smarrimento all’interno della loro vita. La decisione di creare questa newsletter parte dal desiderio di condividere esperienze, pensieri, perplessità e incontri, con l’obiettivo di aiutare e, in qualche modo, inspirare persone che vorrebbero intraprendere un percorso di vita simile o che si sentono, o si sono sentite, come noi in passato. Crediamo nell’importanza di creare una community connessa dal desiderio di viaggiare e, soprattutto, da una costante sensazione di disorientamento all’interno di questa società odierna. Siamo certi che, se avessimo trovato qualcosa di simile tre anni fa a Londra, tutto sarebbe stato più semplice e, sicuramente, non ci saremmo sentiti soli.

✈✈✈ Trovare lavoro in Australia: ecco tutti i consigli utili da seguire ✔

Sei anche un grande viaggiatore. Quali esperienze di viaggio ti hanno lasciato un segno?

L’esperienza più che più mi ha colpito e lasciato il segno, è stato l’ultimo viaggio, a fianco della mia ragazza, in Africa orientale e meridionale. Cinque mesi attraverso sette Paesi, utilizzando solo mezzi pubblici e autostop, senza mai prendere aerei. Mi ha totalmente cambiato il modo di pensare e la prospettiva che abbiamo di questo mondo. Mi ha permesso di entrare a stretto contatto con persone, culture e lingue diverse. Mi ha aiutato a superare il concetto erroneo che abbiamo dell’Africa, di un continente dominato da guerre, carestie e malattie. Perché l’Africa è molto di più, un insieme di 54 nazioni, formate anch’esse da centinaia di usi, lingue e costumi differenti. Un continente composto da persone splendide, accoglienti e ospitali. Questa esperienza mi ha trasformato la vita e non c’è giorno che non pensi al mio ritorno in quella magnifica terra. Quando qualcuno vi parla del mal d’Africa credetegli, esiste davvero.

stefano-mirabella-

✔ Come si vive e quanto costa vivere a Londra? Ve lo raccontiamo nella nostra guida! ✔

Hai già avuto modo di visitare la città? Quali luoghi, turistici e non, ti hanno colpito?

Negli ultimi dieci giorni sono stato molto impegnato con il lavoro e non sono ancora riuscito a esplorare la città come vorrei. Di certo, essendo amante della natura, i “Botanic Gardens” sono al momento la mia parte preferita di Brisbane.

Pensi di rimanere a Brisbane in pianta stabile oppure no?

Rimarrò alcuni mesi a Brisbane per poter risparmiare e adattarmi un po’ a questo nuovo Paese. Per poter rinnovare il visto, tuttavia, è necessario svolgere 88 giorni di lavoro obbligatorio in alcuni ambiti specifici, per questa ragione verso marzo credo che lascerò la città. In questa maniera avrò la possibilità di poter passare un nuovo anno in Australia.

Progetti per il futuro?

Certamente mi piacerebbe esplorare l’Australia, magari con un Van, tuttavia, anche la Nuova Zelanda mi attira molto. Ho un piccolo sogno nel cassetto di rientrare in Italia dall’Asia via terra, ma si vedrà in futuro. Quando si parla di viaggi la mia testa non smette mai di sognare e di programmare nuovi itinerari e progetti!

Per contattare e seguire Stefano:

Instagram: ste.mira – Stefano Mirabella (@ste.mira) • Instagram photos and videos

Sito web: Someplace to Be- Substack- Someplace To Be | Substack

E-mail:stefano.mirabella@hotmail.com