Fare uno stage in Spagna nel 2020

Tra le esperienze formative più importanti per i giovani, sia prima che dopo la laurea, fare uno stage all’estero è un’opportunità da non lasciarsi sfuggire. Il tirocinio, infatti, rappresenta un modo per iniziare a inserirsi nel mondo del lavoro, conoscere le dinamiche aziendali e arricchire il curriculum. Fatto all’estero, inoltre, permetterà a chiunque di acquisire competenze maggiori, di migliorare le proprie conoscenze linguistiche e di avviare contatti professionali in un contesto internazionale.

Ecco perché sono sempre più numerosi i ragazzi italiani che decidono di fare uno stage oltre confine. Dei tanti paesi al mondo, una delle mete più attrattive è sicuramente la Spagna, sia per somiglianze culturali, sia per il clima Mediterraneo e soleggiato.

Perché fare il tirocinio in Spagna?

Il Paese delle tapas, della sangria e della siesta, ma anche di importanti artisti come Gaudì e Picasso, offre ai tirocinanti il mix perfetto tra cultura e divertimento. Uno stage in Spagna è l’occasione ideale per gli italiani che vogliono vivere un’esperienza in un altro Paese, soprattutto se si tratta di una prima esperienza, ed aiuterà a dare una spinta al proprio CV e a migliorare lo spagnolo, nonché l’inglese, principalmente in città grandi e multiculturali, come Barcellona o Madrid.

✮ Se sogni la penisola iberica, scopri la nostra guida per vivere in Spagna! ✮

Non solo. Negli ultimi anni la nazione si è affermata anche come importante centro di attività internazionali e vanta una industria automobilistica estremamente consolidata. Fare uno stage qui vi darà l’opportunità di andare a vivere in Spagna e lavorare in un centro di affari e culturale europeo, praticando nel contempo la terza lingua più parlata al mondo.

Ci sono diversi tipi di stage da poter fare in Spagna: stage estivi, stage di un mese, stage retribuiti, tirocini specifici per giovani laureati e tirocini curriculari per studenti. In questa guida vi daremo tutte le informazioni utili per aiutarvi a trovare lo stage di formazione e lavoro in Spagna più adatto a voi.

Normativa sugli stage in Spagna

Per quanto riguarda la normativa degli stage in Spagna, la penisola iberica è una delle poche nazioni europee ad aver regolamentato il processo di attivazione e gestione dei tirocini.

In particolare sono 3 gli articoli che riguardano gli stage:

  1. l’articolo 11 dello Statuto dei Lavoratori, secondo la Legge 63/97, modificata dalla Legge 35/2010
  2. il Regio Decreto 488/98 che si sviluppa dall’articolo 11 dello Statuto dei Lavoratori in materia di contratti formativi
  3. il Regio Decreto 63/2006.

Documenti e requisiti

Per ciò che concerne i documenti, I cittadini italiani, in quanto membri dell’Unione Europea, possono usufruire della libera circolazione senza restrizioni di alcun tipo.

Per lavorare e svolgere un tirocinio in Spagna serve:

  1. Il NIE, Número de Identificación de Extranjero: è possibile richiederlo una volta arrivati in Spagna, recandosi sia ad una stazione di polizia sia all’ufficio di Extranjería, dopo aver preso appuntamento. In città in cui il numero di richieste è molto alto, come ad esempio Barcellona, ci possono volere fino a 90 giorni per fare il NIE. Bisognerà dunque considerare questi tempi tra la richiesta del documento e l’inizio dello stage, anche se alcune posizioni non richiedono la presentazione immediata del NIE.
  2. Convenzione di tirocinio: sia per i tirocini obbligatori che per quelli volontari, avrete bisogno di un “internship agreement” firmato dalla vostra università, dal centro di formazione o da un’altra istituzione autorizzata. Quando verrete accettati dall’azienda, la vostra scuola/università dovrà firmare l’accordo di stage e tutti i suoi allegati prima dell’inizio del tirocinio.
  3. Numero di Previdenza Sociale: è necessario per permettere all’azienda di pagare le vostre prestazioni previdenziali. La previdenza è obbligatoria in caso di stage retribuiti.
  4. Tessera Sanitaria Europea: è indispensabile una tessera sanitaria europea valida, per poter ricevere assistenza sanitaria come cittadino comunitario.
  5. Conto corrente bancario spagnolo: potrebbe essere un requisito dell’azienda affinché possiate ricevere il vostro stipendio durante lo stage.

Stage in Spagna per italiani: tutte le opportunità per studenti e neolaureati

La definizione di stage in spagnolo è “programa de prácticas” o più semplicemente “prácticas”. Uno degli obiettivi principali è offrire agli studenti e laureati un primo avvicinamento al mondo del lavoro, così come promuovere un maggiore vincolo tra le istituzioni accademiche e il tessuto aziendale a beneficio di entrambi.

Gli stage lavorativi in Spagna possono essere curriculari, quando fanno parte di un piano di studi, o extracurriculari, quando vengono svolti al di fuori di un percorso di istruzione o formazione.

Se uno studente italiano vuole realizzare autonomamente uno stage in un’impresa spagnola, l’azienda si deve tutelare nel caso in cui avvenga un’ispezione, dimostrando con un documento che lo stage è stato concordato con lo studente, e che non sostituisce un posto di lavoro all’interno della stessa. Se il giovane è già un laureato, la pratica nell’impresa dovrà essere regolarizzata da un contratto.

☞ Ecco tutto quello che devi sapere per fare uno stage all'estero

Le migliori opportunità di stage retribuiti in Spagna di solito si trovano in aziende di logistica, commercio B2B/B2C, società di consulenza, agenzie, negozi, multinazionali, PMI, start-up, imprese del turismo e grandi brand. Quasi sempre queste aziende hanno sede in città rappresentative come Barcellona e Madrid e, in genere, hanno un orientamento internazionale e offrono ottime esperienze agli stagisti.

Ma vediamo nello specifico le principali opportunità, sia per gli studenti che per i neolaureati.

Stage in Spagna retribuito

Fare un tirocinio in Spagna è molto diverso che farlo in Italia. Innanzitutto perché gli stage in Spagna sono retribuiti, al contrario di quanto purtroppo succede nel nostro Paese. Moltissime, ad esempio, sono le università che stabiliscono delle convenzioni con le associazioni imprenditoriali o direttamente con le aziende ospitanti, per offrire agli studenti che abbiano completato almeno il 50% dei propri crediti delle “becas”, ovvero borse di studio per lo stage.

In generale in Spagna, al termine degli studi, chiunque sia in possesso di un titolo di laurea o di formazione professionale o di un titolo ufficialmente riconosciuto come equivalente, può effettuare uno stage.

Il tirocinio retribuito, inoltre, può essere la prima buona occasione per guadagnare, stabilirsi nel paese e trovare lavoro in Spagna. Lo stipendio dei tirocini qui va dai 400 ai 900 euro al mese.

Stage per laureati

Gli stage in Spagna per laureati sono molto allettanti per vivere un’esperienza formativa extracurriculare che permetta di essere più competitivi sul mercato del lavoro. Due sono i tipi di tirocini retribuiti post laurea che è possibile svolgere:

  1. Prácticas no laborales: sono tirocini rivolti a giovani disoccupati in possesso di una laurea e iscritti ai servizi per l’impiego. Questi stage sono finalizzati a completare la formazione dei giovani e favorire la loro occupabilità attraverso un primo contatto con il mondo del lavoro. La durata di questa tipologia di tirocini va dai 3 ai 9 mesi, e il soggetto ospitante è tenuto a riconoscere al tirocinante almeno una “borsa di sostegno” per le spese.
  1. Prácticas laborales: si svolgono sulla base di un contratto, destinato a coloro che hanno conseguito una laurea da non più di 5 anni. I giovani laureati di età inferiore ai 30 anni possono svolgere questi tirocini anche nel caso in cui siano trascorsi più di 5 anni dal conseguimento del titolo di studio. Il Contrato de trabajo en prácticas è finalizzato all’acquisizione di competenze professionali coerenti con il livello di istruzione o formazione del tirocinante, e deve avere una durata non inferiore a 6 mesi e non superiore a 2 anni.

Stage per studenti

I tirocini per studenti in Spagna sono organizzati dalle università e regolati con un accordo tra l’università e l’azienda. Rientrano all’interno del cosiddetto Programma di Cooperazione Educativa (Programas de Cooperación Educativa) e sono obbligatori nell’arco del corso degli studi universitari.

Per gli italiani che decidono di studiare in Spagna sono, dunque, una tappa obbligata del loro percorso formativo, dal momento che gli stage universitari in Spagna rappresentano dei crediti da aggiungere al curriculum accademico. Ad ogni studente è assegnato un tutor dall’azienda e un altro dall’università. Generalmente gli studenti ricevono uno stipendio, ma è anche possibile ricevere una borsa di studio per compensare le spese.

Lo stage non può avere una durata superiore ai 6 mesi per corso accademico, se realizzato a tempo pieno (tra le 6 e 8 ore giornaliere), o superiore ai 9 mesi se realizzato part-time (non superiore alle 5 ore giornaliere). Il tirocinante ha l’assicurazione dello studente e un’altra supplementare dall’università. Il tirocinante non sarà mai considerato come un vero impiegato.

Erasmus+

Un altro modo per prendere parte agli stage in Spagna per studenti è di partecipare al programma Erasmus Plus, che sostiene i tirocini all’estero per gli studenti iscritti a un corso di laurea triennale e magistrale e per i dottorandi nei paesi partecipanti al programma. Anche i neolaureati possono accedere a questa opportunità, per svolgere uno stage in una delle aziende o enti convenzionati.

È possibile persino combinare un tirocinio Erasmus+ con un periodo di studio all’estero. Il periodo totale trascorso all’estero (compresi i periodi di studio) non può superare 12 mesi in un ciclo di studi. Si riceverà una sovvenzione Erasmus+, quale contributo per le spese di viaggio e di vitto e alloggio.

☞ Scopri come cercare lavoro in Spagna: opportunità, offerte e consigli

Come trovare uno stage in Spagna

Per un laureato o uno studente alla ricerca di un’esperienza di stage retribuito, sono diverse le strade da percorrere, come diverse sono le offerte di stage in Spagna, anche per gli stranieri.

Il primo passo è trovare un’impresa disposta ad offrire uno stage, e ciò può essere realizzato sia attraverso un contatto diretto con un’azienda, sia utilizzando alcuni degli strumenti che la Subdirección de Extensión Universitaria (SEU) mette a disposizione, quali il Centro de Orientación e Información de Empleo, principali quotidiani, bacheche con annunci di borse di studio, bollettino dell’Università e pagine Web dei dipartimenti di relazioni internazionali.

Un’altra strada da percorrere per individuare il tirocinio più adatto viene offerta dal motore di ricerca di IES Consulting, che permette di cercare tra tantissime offerte di stage per stranieri in Spagna ed altre nazioni. Con sede a Barcellona, aziende ed hotel partners ubicati in tutta Spagna, IES Consulting propone offerte di tirocinio che offrono diversi benefici allo studente e al neolaureato, come ad esempio: remunerazione mensile, alloggio e/o pasti e l’azienda ideale per trovare lo stage migliore in base alle esigenze di ognuno.

Infine, un altro consiglio utile è fare un elenco delle aziende che potrebbero essere interessate alla specializzazione accademica dello stagista, informandosi presso la Camera di Commercio spagnola in Italia. Sono diverse le aziende italiane con sede in Spagna dove potete pensare di svolgere il tirocinio.

Conclusioni

Fare uno stage in Spagna è un’ottima opportunità per migliorare il curriculum vitae, acquisire nuove competenze e vivere un’esperienza preziosa per essere più competitivi sul mercato del lavoro.

Principale destinazione in Europa per i tirocini internazionali, la Spagna ha una comunità imprenditoriale consolidata e di successo, è un paese moderno e progressista, con una popolazione giovane e aperta ai giovani.

Start up e turismo sono i settori più interessanti per svolgere un tirocinio retribuito in Spagna. Senza contare che, durante uno stage all’estero, imparerete a lavorare in un ambiente diverso, con un calendario e abitudini di lavoro diverse, aspetto fondamentale per diventare flessibili.