Dove trasferirsi con una pensione di 500 euro al mese

In Italia sono 8 milioni i pensionati che non arrivano ai 1.000 euro al mese. E ancora peggio sono più di 2 milioni quelli sotto ai 500 euro.

Questo articolo è scritto soprattutto per questi ultimi. A loro voglio dire che esistono nel mondo più di 50 paesi dove con 500 euro si può vivere dignitosamente senza dover tirare la cinghia e senza dover fare i conti al centesimo ogni volta che si prende il portafoglio in mano.

Paesi insomma dove si può vivere e non sopravvivere come ahimè si è abituati a fare in Italia. L’Inps paga ogni mese 400mila assegni assistenziali e previdenziali all’estero. E non crediate che andarsene dall’Italia sia una sconfitta.

Ci sono moltissime persone in tutto il mondo che decidono di cambiar vita. Per esempio lo hanno già fatto 1 milione di pensionati Inglesi, trasferiti nelle coste della Spagna, del Portogallo e nelle loro ex colonie. Lo fanno sempre più spesso i pensionati statunitensi che si trasferiscono negli Stati caraibici e del centroamerica. Non sentitevi in colpa quindi, decidere di vivere meglio non è un crimine!

Oltre a scegliere un luogo dove il costo della vita è nettamente più basso, i pensionati che decidono di trasferirsi in Portogallo, ad esempio, potranno scegliere di abitare in un paese dove le tasse sul reddito personale sono più basse di quelle italiane, in modo da vedere ulteriormente aumentato il potere d’acquisto della loro pensione.

 ✈ Vuoi investire nell'Est Europeo? Scopri come aprire un'attività o comprare casa in Moldavia ◀

Per osservare la situazione in tutti i 196 paesi del mondo, ho analizzato la mappa mondiale del Costo della Vita in maniera da capire quali sono le nazioni più economiche, l’ho poi raffrontata alla mappa mondiale dell’Imposizione Fiscale per capire quali sono i paesi con le tasse più basse (entrambe le mappe sono contenute all’interno del libro digitale “Eden, trova il Tuo Paradiso Terrestre”).

Ecco quindi che dopo aver fatto questo raffronto, ho stilato la classifica delle 10 nazioni migliori dal punto di vista pensionistico.

Se per vivere in Italia si spendono almeno 1.000 euro al mese, in questi paesi ce ne vogliono meno di 500. Se in Italia c’è un’imposta sul reddito personale che supera il 40%, in questi luoghi le tasse sono almeno della metà.

Ecco i paesi migliori:

Oman

Myanmar

Macedonia

Bulgaria

Georgia

Montenegro

Albania

Moldavia

Bosnia

Serbia

La classifica appena stilata mostra le nazioni più convenenti se si considerano il Costo della Vita e l’Imposizione Fiscale. Certo, esistono anche altri importanti parametri da prendere in considerazione quando si decide di cambiare vita per andare all’estero.

Per esempio il Clima, la Criminalità, la Qualità del Sistema Sanitario, la Longevità e tanti altri.

Una volta che avrete scelto il paese più adatto a voi, sappiate che ricevere la pensione all’estero non rappresenta un iter burocratico particolarmente complicato.

⤥ Andare in pensione all'estero si puó: scoprite come nella nostra guida ⤦

Ciò che bisogna fare è solamente scaricare dal sito dell’Agenzia delle Entrate i documenti riguardanti la Dichiarazione dei Redditi dei Residenti all’Estero e controllare l’elenco dei paesi convenzionati con l’Italia in maniera da scegliere uno Stato convenzionato e non incorrere così nella doppia tassazione (da notare che la classifica qui sopra contiene solo paesi convenzionati con l’Italia).

Poi dovrete presentare all’Inps la domanda di Esenzione dall’imposta Italiana sulle pensioni e da quel momento la vostra pensione transiterà dall’Ufficio Pensioni Estero del paese scelto.

Attenzione, c’è un però: fate parte di coloro che ricevono un assegno sociale? Lo Stato italiano ha deciso, purtroppo, che questo tipo di pensionati non potranno più ricevere tale reddito se verrà presa la residenza all’estero.

Per cui chi decidere di trasferirsi all’estero per cambiare vita, anche se la sua pensione di lavoro gli garantisce un reddito inferiore a quello richiesto dall’Inps, non potrà più ricevere l’assegno sociale.

Per tutti gli altri, in alto i cuori! Ora che avete a disposizione tutti gli strumenti per scegliere il paese migliore dove espatriare, non mi resta che augurarvi buona pensione a tutti!

Roberto Stanzani

www.ilmioeden.it