Tutto quello che devi sapere per trasferirti in Irlanda

di Alessandra Ros

 

Se stai pensando di trasferirti all’estero per iniziare una nuova vita, l’Irlanda potrebbe essere il posto che fa al caso tuo! In queste righe troverai consigli per vivere in Irlanda, informazioni sulla qualità di vita, documentazioni necessarie e molto altro!

Con la sua natura rigogliosa e le città in crescita economica, ad oggi pochi sono i motivi per non andare a vivere in Irlanda.

Ora ti starai chiedendo: perché trasferirsi in Irlanda e non in altri Paesi europei? Ecco dunque una piccola comparazione con i paesi alla quale viene spesso associata.

una nuova vita in irlanda

È meglio vivere in Scozia o in Irlanda?

Anche se a livello paesaggistico si somigliano molto, tanto che molti film ambientati in Scozia sono in realtà stati girati in Irlanda (Braveheart per esempio), a livello di lingua l’Irlandese se pur con la sua seconda lingua (il gaego) è più facile da capire rispetto allo scozzese. Se parti per cercare lavoro e non mastichi l’inglese a perfezione, l’Irlanda potrebbe essere un miglior punto di partenza rispetto alla Scozia.

Andare a vivere in Irlanda o in Inghilterra?

La terra irlandese è diventata una delle mete più ambite dopo la Brexit che ha reso la Gran Bretagna meno allettante per gli amanti del mondo anglosassone. Pensando all’incertezza di oggi dove tutti gli stranieri potrebbero diventare degli emigrati in terra inglese e alla crescita economica in corso in Irlanda la scelta è abbastanza ovvia.

Irlanda o Portogallo?

Portogallo e Irlanda insieme a Grecia e Spagna sono conosciute da dopo la crisi economica come paesi PIGS (maiali), un acronimo abbastanza duro e offensivo per indicare i paesi europei con maggior difficoltà economica. Vero è che ad oggi l’Irlanda a differenza del Portogallo sta crescendo a grande velocità offrendo non solo lavoro, ma anche tassazioni agevolate ai piccoli e grandi imprenditori.

▷▷▷ Scopri la nostra guida su come lavorare in Irlanda! ✍

È giusto sottolineare che la terra irlandese è divisa in due parti: la Repubblica d’Irlanda al Sud, regione indipendente dal Regno Unito e l‘Irlanda del Nord contraria all’indipendenza e per la maggior parte di popolazione protestante, resta sotto la giurisdizione inglese. È dunque importante sapere in che città è meglio vivere in Irlanda prima di trasferirsi e valutare le diverse caratteristiche per capire cosa fa meglio al caso nostro.

Dove andare a vivere in Irlanda?

Ecco alcune caratteristiche delle città principali:

Dublino la bellissima capitale d’Irlanda offre moltissime opportunità di lavoro, anche se non è l’unica, purtroppo la quantità di gente sta diventando un problema per il traffico e la sicurezza dato che alzare il gomito è abbastanza diffuso, considerare anche altre città potrebbe essere saggio. Nonostante questo è amatissima dagli italiani che vivono in Irlanda;

Cork capitale culinaria d’Irlanda chiamata anche “la piccola città” dove tutto si raggiunge a piedi è la località perfetta per chi cerca dove vivere in Irlanda e sentirsi a casa;

Limerick una meraviglia georgiana che ospita un delizioso mercato gastronomico, perché sì! Anche in Irlanda si può mangiare bene! Inoltre questa città è casa del Limerick City Gallery of Art dove si possono trovare una magnifica collezione di pittura irlandese;

Galway una città moderna e vivace è classificata come una delle destinazioni più divertenti d’Irlanda specialmente nel periodo estivo dove sono organizzati numerosi festival di musica, arte e molto altro;

Swords una piccola cittadina medioevale vicino alla capitale, dalla strada principale del paese si può vedere il “Swords Castel” castello costruito dai normanni. A Swords si può trovare il più grande centro commerciale della zona di Dublino. Vivere in questa città può essere un compromesso per non rinunciare alle comodità e allo stesso tempo vivere una vita rurale in Irlanda.

Qualità della vita

Anche se la qualità di vita è un fattore molto soggettivo, per noi italiani resta un fattore molto importante da valutare al momento di trasferirci altrove. A seguire troverai cosa vuol dire vivere in Irlanda oggi per quanto riguarda casa, lavoro, lingua, cibo e clima.

Casa: in Irlanda gran parte della popolazione vive in affitto e la qualità delle case è piuttosto scadente. Se si decide di andare a vivere in Irlanda oggi bisogna tener conto della forte domanda nel mercato immobiliare, essendo un paese in crescita economica l’Irlanda, è casa di molti immigranti, rendendo complicato soddisfare la forte richieste. A questo proposito infatti molte volte si dice che sia molto più difficile trovare un lavoro che trovare una casa, questo comporta prezzi degli affitti molto alti ed in continuo aumento.

Per gli studenti la situazione è più semplice, visto che oltre a poter far riferimento ai loro college, al momento di affittare sono richieste meno garanzie economiche rispetto ad un lavoratore.

Lavoro e carriera: lavorare in Irlanda oggi può essere molto vantaggioso soprattutto grazie a due fattori: la tassazione aziendale e la meritocrazia.

Grazie al basso livello di tassazione per le imprese (12,5%) vivere in Irlanda oggi e avviare un’attività può rivelarsi una mossa intelligente. Le moderate tasse irlandesi applicate alle aziende e gli incentivi per l’avvio di nuove attività, rendono l’Irlanda uno dei migliori Paesi UE per fare business. Per chi invece vuole trovare lavoro in Irlanda senza aprirsi un’attività propria, la prima cosa da fare è informarsi se il settore dove si sta cercando lavoro è richiesto o meno dal mercato.

Come ogni altro paese infatti, anche l’Irlanda ha dei settori con maggiore e minore richiesta.

I campi che offrono maggiori opportunità lavorative sono: ingegneristico, IT, web marketing, finanziario e ospedaliero.

Per chi voglia lavorare e vivere in Irlanda può essere interessante anche approcciarsi al settore turistico e ristorazione che offre numerose opportunità di lavoro con possibilità di fare carriera.

La meritocrazia è molto sviluppata nell’ambiente lavorativo, ma non solo, infatti viene preso molto in considerazione il fattore umano da parte dei datori di lavoro che in molti casi al di fuori dell’orario lavorativo si riuniscono con i dipendenti per bersi una birra.

La lingua: l’Irlanda non è solo un paese di lingua anglofona, ma si parla oltre all’inglese anche il gaelico o irlandese una lingua di origine celtica parlata dal 10% della popolazione. Niente paura! Infatti per gli stranieri in cerca di lavoro quest’ultima lingua non è indispensabile, come non lo è nemmeno l’inglese. Anche se può sembrare insolito, lavorare in Irlanda senza conoscere l’inglese non è particolarmente difficile anche se vi consigliamo questi corsi estivi per imparare l’inglese a Cork.

Cosa fare per vivere in Irlanda se non si parla inglese?

Essendo una nazione multiculturale, ci sono molti italiani che vivono in Irlanda senza parlare la lingua. Ristoranti, negozi e locali di connazionali possono rappresentare un ottimo trampolino di lancio per i primi tempi.

Inoltre nel settore turistico ci sono molti dipartimenti che non prevedono un contatto con il pubblico e dunque non è indispensabile parlare inglese.

Il cibo: abituati alla nostra dieta mediterranea probabilmente il fattore cibo è quello che manca di più a noi italiani una volta trasferiti soprattutto frutta e verdura che nella maggior parte dei casi sono importati, in ogni caso la cucina irlandese specialmente dopo il boom economico è tutt’altro che monotona.

L’irlanda sta rivelando negli ultimi anni un’autentica passione per la cucina che va al di là della famosa birra Guinness, l’Irish Coffee e dei suoi whiskey.

Sono assolutamente imperdibili: l’Irish Stew che consiste in uno stufato di agnello o di montone con verdure, la Seafood Chowder è una zuppa bianca di pesce fresco con molluschi e crostacei, il Colcannon ovvero purè di patate con foglie di verza e cipolle ed ovviamente il mitico Beef and Guinness Stew stufato di carne di manzo e birra Guinness.

Il clima: il clima irlandese a differenza dell’Italia, non è soggetto a forti sbalzi termici, infatti le temperature sono più o meno stabili. Il clima in Irlanda può essere definito come un “perenne autunno”, non è soggetta a particolari escursioni termiche variando durante l’anno all’incirca tra i 5 ai 19 gradi. La caratteristica climatica della Tigre celtica è senza dubbio la pioggia leggera e costante, da ricordare al momento di fare la valigia che durante l’arco della giornata il clima può cambiare innumerevoli volte.

Pro e contro

Al momento di decidere se trasferirsi al di fuori dell’Italia che sia per lavoro o per voglia di cambiar vita è giusto valutare differenti aspetti, ovvero i pro e i contro che la nostra destinazione, in questo caso l’Irlanda, ci offre.

Ecco a seguire dei vantaggi e svantaggi del viverci a seconda dello stato sociale.

Da pensionato può essere un’opzione per chi ama il fascino irlandese e immensi spazi verdi, d’altro canto il costo della vita è molto simile a quello italiano se non più alto e l’assistenza sanitaria è a pagamento. Vivere in Irlanda da pensionato può essere indicato a persone benestanti che hanno voglia di approcciarsi a una cultura diversa.

Dove andare a vivere in Irlanda? Leggi la nostra guida per trasferirsi a Dublino ☜☜

Con la famiglia molte sono le esenzioni e la no tax area raggiunge i 36 mila euro per le famiglie, il che può essere considerato assolutamente un pro. D’altro canto è da considerare il cambio culturale e le capacità di adattamento di tutti i componenti della famiglia, gli affitti sono abbastanza limitanti, ma l’acquisto dell’immobile è vantaggioso: se si hanno le possibilità, a Dublino si sono abbassati i prezzi del mattoni.

Vivere in Irlanda con i bambini può sembrare una sfida, ma essendo un Paese in grande crescita economica e soprattutto all’interno della UE è in qualche modo da considerarsi un investimento. Alcune delle più grandi multinazionali hanno sede proprio in Irlanda e questo può garantire un’ottimo futuro ad un bambino che cresce tra le verdi colline irlandesi. Il sistema scolastico è simile a quello italiano dunque essendo in territorio europeo il bambino può essere inserito in una classe equivalente a quella Italiana.

Irlanda: moneta/valuta

La moneta corrente, facendo la Repubblica d’Irlanda parte della UE è l’euro, inoltre è utile sapere che le carte di credito sono accettate praticamente ovunque per piccole e grandi spese. Molti si chiederanno: ma quanto costa vivere nell’isola di smeraldo? Beh, possiamo affermare che non si può vivere con 800 euro mensili in Irlanda a causa dell’alto costo della vita, in particolare di trasporti e affitti, ma niente paura perchè lo stipendio in Irlanda è di base più alto rispetto all’Italia ed il mercato del lavoro è in grande crescita.

Cosa serve per vivere in Irlanda

Il primo passo da compiere un volta trasferiti è capire di cosa abbiamo bisogno per metterci in regola. Grazie alla burocrazia abbastanza rapida non ci vorrà molto per procurarsi i documenti per vivere il Irlanda.

La prima cosa necessaria è il PPS (Personal Public Service Number), cioè di un codice personale e fiscale indispensabile per molteplici cose, tra le quali accedere alla previdenza e assistenza sociale e usufruire dei servizi pubblici.

Questo codice si ottiene fissando un appuntamento attraverso un formulario online direttamente dal sito ufficiale e successivamente presentandosi personalmente all’ufficio con un documento d’identità.

L’Irlanda è uno di quei luoghi che può far scattare il colpo di fulmine. Molte sono le testimonianze di nostri connazionali che si sono trasferiti non solo per lavoro, ma perché si sono follemente innamorati del Paese quasi incantato ricco di storia e leggende magiche.

E da ultimo non è male conoscere il carattere degli irlandesi, che non crediamo vi sorprenderà, sono i primi ad amare follemente il loro paese.

Vivere in Irlanda – Opinioni, recensioni e interviste su Voglio Vivere Così

Adele e la mia nuova vita a Galway

Come si vive nella verde Irlanda: Costanza

Quando ci si innamora dell’Irlanda