Dove trovare oro in Italia: guida completa

Un tempo sogno dei pionieri americani, l’oro ha fin dall’antichità attirato migliaia di cercatori, bramosi di arricchirsi grazie al metallo più prezioso di sempre. Eppure non tutti sanno che non serve spostarsi di molto per trovare l’oro. Anche in Italia, infatti, è possibile trovare l’oro in natura.

Ebbene sì. Nel terreno, nei fiumi, sulle spiagge, nei torrenti: si può cercare oro in Italia. Un’opportunità che in tanti stanno cavalcando. Essendo l’oro una risorsa limitata (ce n’è solo una certa quantità nel mondo), il suo valore è nettamente aumentato, tanto da generare una vera e propria corsa che ricorda molto quella del passato.

oro dove cercarlo

Dove si trova l’oro: dai fiumi alle formazioni rocciose

Dove cercare l’oro? L’oro può essere trovato in tutto il mondo nelle miniere e nei corsi d’acqua. Ci sono due categorie di oro che si trovano nel mondo: primario e secondario.

  1. Loro primario: si trova nelle formazioni rocciose e, quando ne viene rinvenuta una grande quantità, può diventare una miniera d’oro. Molte volte l’oro presente nelle formazioni rocciose si trova insieme ad altri minerali preziosi, come l’argento o il quarzo.
  2. L’oro secondario: è quello presente in piccoli corsi d’acqua e nelle sabbie di alcuni fiumi, proveniente dall’erosione e dalla dilavazione che le acque hanno prodotto sulle rocce che hanno attraversato. Viene raccolto in pepite che si trovano nelle ghiaie e nelle sabbie. In pratica l’acqua trasporta l’oro, che si deposita lungo il fondo del corso d’acqua ricoprendosi di terra, fango e sabbia. L’oro può quindi essere filtrato e raccolto, come durante la corsa all’oro in California.

I permessi per cercare l’oro in Italia

La ricerca dell’oro in Italia è regolamentata dalla legge n. 1443 del 1927, tuttora in vigore, che sottolinea come tutti i beni del sottosuolo siano di proprietà governativa. Nella legge però non sono contemplate le sabbie aurifere e la caccia all’oro: ne deriva che cercare l’oro nei fiumi è legale.

È possibile anche cercare oro nei torrenti, tenendo presenti le norme regionali emanate dalle diverse zone d’Italia interessate dalla ricerca del metallo.

Gli attrezzi per cercare l’oro

Estrarre gli oggetti rilevati dal terreno non è mai cosa semplice. Terreni duri e compatti, arati, argillosi, presenza di sassi, vegetazione, ecc. possono disturbare lo scavo, ma con la giusta attrezzatura tutto diventa più semplice e veloce.

L’attrezzatura per cercare l’oro è composta da differenti strumenti. La conoscenza è di sicuro quello più importante. Molte persone, infatti, sanno poco o nulla su come cercare l’oro. Avere buone fonti di informazioni valide e acquisire alcune conoscenze di base sulle scienze e le tecniche di estrazione vi aiuterà a capire dove si può trovare l’oro.

Una volta acquisite le conoscenze necessarie, bisogna pensare all’attrezzatura e agli strumenti di base per l’estrazione. Per voi abbiamo stilato una lista di cosa serve per cercare oro. Ecco gli strumenti indispensabili.

Potrebbe interessarti anche → 🌳 La Guida per andare a vivere in Toscana 🍷

Dove cercare l'oro in Italia: dai fiumi alle spiagge

1. Pala multiuso

Tra gli attrezzi per cercare oro nei fiumi uno dei principali è la pala multiuso. Va bene sia quella per muratori che quella per giardinieri. La pala serve per raccogliere più materiale possibile e metterlo nel secchio.

In commercio esistono anche pale piccole e maneggevoli, appositamente pensate per la ricerca dell’oro. Si tratta di pale in acciaio dotate di asta in fibra di vetro, ideali per lo scavo in terreni compatti.

Vedi su Amazon

2. Padella, piatto, batea

Oltre alla pala nell’attrezzatura per cercare oro è necessario avere anche una padella, un piatto o una batea. Quando si inizia a scavare con la pala, infatti, si riempie la padella con la ghiaia degli strati più profondi. Cercare l’oro con la padella è un processo che consiste nel posizionare all’interno il materiale che si desidera, lavorarlo nella padella e scuoterlo.

Il processo di scuotimento e spazzamento viene ripetuto fino a quando rimane solo il materiale che pesa di più, vale a dire l’oro e la sabbia nera più pesante.

Vedi su Amazon

3. Setaccio

Nel kit per cercare l’oro non può di certo mancare il setaccio. Proprio come la padella, serve per contenere il materiale raccolto con la pala dai fiumi e setacciarlo. Grazie agli speciali spazi, infatti, il materiale più fine e leggero cadrà mentre quello più grande e pesante rimarrà in superficie.

Esistono in commercio dei kit per la ricerca dell’oro con tutti gli strumenti necessari per raccogliere e setacciare le pagliuzze.

Vedi su Amazon

 4. Metal detector

Cercare l’oro con il metal detector è da sempre uno dei metodi preferiti dai cercatori amatoriali, in particolare sulle spiagge e sul terreno. Si tratta di un dispositivo che, sfruttando alcuni principi dell’elettromagnetismo, è in grado di individuare, localizzando con precisione, masse metalliche sepolte sotto terra.

cercare or metal detector

In commercio oggi è possibile trovare metal detector per cercare oro sotto terra. Anche nella ricerca dell’oro alluvionale, quello che si trova in parecchi fiumi e torrenti del nord Italia, è possibile usare il metal detector, per valutare il sedimento esaminato con maggiore attenzione e accuratezza.

Vedi su Amazon

5. Canaletta

Un altro apparecchio per cercare l’oro è la canaletta, una sorta di scaletta costituita da un tappetino in panno sintetico o a riccioli, da una griglia metallica e da scalini in metallo.

In commercio esistono diverse canalette da fiume e da torrente. Le prime hanno dimensioni abbastanza ampie: il materiale viene immesso direttamente con la pala, senza setacciarlo prima. Per quanto riguarda invece le canalette per cercare oro nel torrente, sono di dimensioni più ridotte.

Vedi su Amazon

Dove cercare l’oro in Italia

L’oro si diffonde soprattutto attraverso le rocce e il terreno intorno a noi, ma in quantità così basse che non vale la pena cercare di estrarlo. Tuttavia, ci sono alcuni posti in cui c’è abbastanza oro per trovarlo.

☀ Ecco quali sono le 25 spiagge più belle del mondo

Dove si trova l’oro in Italia? Soprattutto nelle zone settentrionali, e in particolare nella Pianura Padana, dove decine di fiumi e torrenti si originano dai ghiacciai dell’arco alpino e si gettano nel Po. Qui, grazie all’azione erosiva dell’acqua, che scorre scavando nelle rocce, sedimenti di vario tipo si depositano a valle. Tra questi, c’è anche l’oro.

La terra in assoluto più fertile è il Piemonte. Nelle valli che scendono dalle Alpi, si trovano numerosi giacimenti primari del metallo prezioso. Seguono la Liguria, la Lombardia e il Veneto. I posti più battuti dai cercatori esperti sono: il Ticino, l’Elvo, l’Orco e il Sesia. Bene anche la Valle d’Aosta.

La maggior parte dell’oro proviene dalle Alpi, e in particolare dalla zona del gruppo del Monte Rosa. Tutti i torrenti scesi da questa zona hanno portato oro in pianura. Nei torrenti si trovano soprattutto pagliuzze, che arrivano fino a una misura di qualche millimetro. Per trovare le pepite d’oro bisogna andare più in profondità, dove ci sono i filoni auriferi. Quando la roccia si sgretola, infatti, si staccano i pezzi e si possono trovare le pepite.

Per quanto riguarda le altre regioni è possibile trovare oro in Sardegna. Qui nel torrente Liganus in epoche precedenti fu segnalata la presenza di oro, anche se attualmente non si hanno segnalazioni in merito.

Dove cercare oro nel mondo

Alcune delle più grandi miniere d’oro si trovano in Sud Africa, Stati Uniti, Indonesia, Australia e Canada. Ma è possibile trovare oro anche in Svizzera e Russia. La più grande miniera d’oro del mondo, attualmente, si trova nel bacino del Witwatersrand in Sud Africa. Si stima che il 40% di tutto l’oro estratto nel mondo sia uscito da questa miniera.

Tra i paesi preferiti dai cercatori d’oro c’è l’Australia: nella zona occidentale si trova il Super Pit, la più grande miniera aperta del Paese. Si estende su una superficie di quasi otto chilometri quadrati, ed è abbastanza grande da essere vista dallo spazio.

Un altro Paese in cui è possibile trovare l’oro è la Svizzera. Oggi il luogo più frequentato dai cercatori d’oro è Napf, nei pressi di Berna. Nel 2000 un cercatore d’oro ha trovato a Disentis, sempre in Svizzera, una pepita di 1.4 kg.

Conclusioni

L’oro è il materiale per eccellenza, che da sempre affascina l’umanità. L’interesse per la ricerca dell’oro è forte ora come non lo è mai stato, ma di questi tempi sta diventando decisamente più difficile trovarlo.

Tuttavia, trovarlo non è una missione impossibile, con le giuste conoscenze e abilità. Fondamentale sarà armarsi dei giusti attrezzi, della giusta conoscenza ma soprattutto di tanta pazienza.

Per concludere, vi consigliamo alcuni libri che potrebbero esservi utili se volete diventare dei cercatori d’oro:

Buona ricerca!