Gabriella: mi sono trasferita a Marrakech

A cura di Maricla Pannocchia

Spesso le persone pensano che il Marocco sia un Paese pericoloso ma Gabriella, che ci vive – anche se “va e viene” dall’Italia – non lo reputa affatto tale. Con una burocrazia che, secondo lei, è più snella di quella italiana, un popolo molto accogliente e degli alloggi semplici da trovare ed economici nel costo (“io pago 500 Euro il mese per un residence con piscina a 10 metri dal centro”) sicuramente Marrakech ha molto da offrire.

Chi la sogna come meta di un viaggio, non rimarrà deluso, e Gabriella ci offre dei consigli, dalle mete più classiche e quelle meno battute dai turisti. Per chi vuole coronare il sogno di passare del tempo nel deserto del Sahara, Gabriella ha un consiglio: “affidatevi a delle buone agenzie, perché quelle a basso costo a volte hanno standard che lasciano a desiderare e possono farvi finire in situazioni pericolose”.

Gabriella Galati Marrakech

→ Leggi il nostro articolo e scopri come si prepara il caffè in Marocco!

Ciao Gabriella, raccontaci qualcosa di te. Chi sei, da dove vieni…

Ciao, mi chiamo Gabriella e sono nata in Sicilia, nel meraviglioso parco dei Nebrodi. Ho studiato psicologia applicativa a Roma e, nel frattempo, ho lavorato come designer di gioielli e come cerista.

Cosa ti ha spinta a lasciare l’Italia?

L’avventura, la curiosità e l’amore per altre culture. Ho vissuto in Australia, USA, Messico, Asia e infine qui a Marrakech.

Ora vivi in Marocco, precisamente a Marrakech. Come sei arrivata lì?

Per caso, volevo una vacanza in un posto nuovo.

Come hanno reagito amici, parenti e conoscenti davanti alla tua scelta?

Sono stati sorpresi e preoccupati.

Come ti sei organizzata per il trasferimento?

Ho inizialmente affittato un appartamento, che poi ho acquistato.

Come funziona, a livello burocratico, per vivere e lavorare in Marocco?

Ho mantenuto la residenza fuori. Vado e vengo ma ho i documenti per lavorare qui.

Gabriella Galati Marrakech

È facile trovare un alloggio? Quali sono i costi medi?

Sì, è facile trovare un alloggio. Io pago 500 Euro il mese per vivere in un residence con piscina.

Che quartieri consiglieresti per vivere bene spendendo il giusto per l’affitto?

Il centro nuovo, specialmente se sei donna: Gueliz, Hivernage, Majorelle.

Io vivo in un residence a 10m dal centro.

Di cosa ti occupi?

Lavoro con le boutiques e spa a 5stelle+ e come terapista.

Come descriveresti la tua vita quotidiana?

Mi sveglio con il cielo blu e il canto degli uccelli. Inizio la Giornata alle 10, come tanti marocchini. Vedo clienti, amici e vado a eventi artistici.

Come sei stata accolta dalla gente del posto?

Benissimo, sono tutti molto gentili.

Cosa si fa a Marrakech nell’ambito del divertimento, dell’arte e della cultura?

Faccio trekking, vado a mostre e incontri mensili con expats.

Quali sono, secondo te, i piatti marocchini da provare almeno una volta nella vita?

Tanija, fruit panache juice con avocado e il pane fresco dal forno.

✎ Leggi la nostra Guida Definitiva per andare a vivere in Africa

Gabriella Galati Marrakech

E quali i luoghi che non possono mancare durante la prima visita alla città?

Majorelle gardens, Menara oliveraie e perdersi nella Medina.

Molte persone, da Marrakech, vogliono andare nel deserto del Sahara. Che consigli hai per loro?

Di affidarsi a esperti e scegliere agenzie up market, quelle budget a volte hanno locations sporche e vi fanno finire in situazioni pericolose.

Quali luoghi suggeriresti che, invece, sono generalmente ignorati dai turisti ma che secondo te meritano una visita?

Il tragitto lungo il fiume, dalle cascate di Ozoud, perdersi nei villaggi intorno a Quarzazate e la diga di Ait ouvrir vicino Marrakech.

Come valuteresti servizi quali mezzi pubblici, sanità e burocrazia?

Buoni. La burocrazia in particolare è migliore di quella italiana.

Spesso le persone pensano che il Marocco sia un Paese poco sicuro. Cosa ne pensi?

Assolutamente no.

Cos’hai imparato, per ora, vivendo lì?

Ho imparato nuove lingue e una nuova cultura.

Progetti futuri?

Promuovere piante che usano poca acqua.

Per seguire e contattare Gabriella:

Sito web: www.mindfulnessinthewild.com

Facebook: Gabriella galati