Lavorare da remoto: la storia di Arianna Fanetti

di Matteo Melani 

Se fino a qualche anno fa il posto fisso era il sogno della maggior parte delle persone, oggi tanti giovani scelgono lavori senza vincoli di orari e di luoghi. Infatti, con le nuove tecnologie si può lavorare da remoto e raggiungere utenti in tutto il mondo.

La storia di Arianna Fanetti, italiana che vive a Gran Canaria, dimostra che con un lavoro autonomo è possibile operare senza rinunciare alle proprie passioni. Consulente di vendita per un’azienda pubblicitaria, nel periodo di lockdown ha aperto il profilo Instagram in cui condivide foto e video dei luoghi più interessanti dell’isola. “Tutto è nato per gioco, anche se è stato il mio ragazzo a suggerirmi una pagina social con le attrazioni più famose”, dice Arianna a Voglioviverecosi.com.

Col tempo-continua- sono aumentati i miei follower, i like e le interazioni. D’altronde nei periodi di chiusura gli italiani hanno riscoperto la voglia di viaggiare, e qui non c’è mai stato un vero e proprio lockdown come in Italia”. 

☞ Ecco la Guida per chi cerca lavoro alle isole Canarie

In viaggio fin da bambina

Originaria di Lodi, Arianna fin da bambina vive con la valigia sempre pronta. Per il lavoro di suo padre, a 3 anni con la famiglia si trasferisce in Congo, dove frequenta le scuole francesi.

arianna fanetti gran canaria

Dopo 5 anni (al termine del lavoro del padre), torna in Italia dove frequenta le scuole ordinarie. “Grazie al periodo in Congo ho imparato a convivere con una cultura diversa da quella italiana, anche se spesso mi sono sentita una straniera”,  afferma Arianna Fanetti.

☞ Tutte qui le info su come fare per andare a vivere alle Canarie ☜

Dopo le scuole medie si scrive a un Istituto tecnico di Marketing e Comunicazione internazionale, mentre a 18 anni corona il suo sogno di lavorare all’estero. Infatti per 6 mesi si trasferisce in Grecia, a Heraklion, dove lavora come animatrice.

Una volta scaduto il contratto, torna in Italia e si iscrive alla facoltà di Economia, ma la vita sua da studentessa dura poco perché nel frattempo le arriva un’opportunità di lavoro dalla Spagna sempre per fare l’animatrice. Così si parte alla volta delle Canarie e nel giro di poco tempo tocca le maggiori isole delle Baleari come Fuerteventura, Tenerife (dove a un corso di formazione conosce il suo fidanzato, un ragazzo italiano), finché nel 2020 si stabilisce a Gran Canaria. Il suo attuale lavoro è stata una vera e propria conquista, tanto che per entrare ha dovuto frequentare un corso e superare un esame.

La nuova vita in Spagna

Da sempre Gran Canaria è una meta amata dagli italiani, non solo dai turisti ma anche da tanti lavoratori da remoto. Negli ultimi anni il governo spagnolo e le amministrazioni locali hanno aumentato gli investimenti nelle reti mobili, come le connessioni a internet e le reti telefoniche. Così, il ragazzo di Arianna le suggerisce di aprire una pagina Instagram per mostrare hotel, ristoranti, locali con quante più informazioni possibili. “Lui – spiega – è anche il mio fotografo e il mio operatore, mentre io scelgo i contenuti. Già dai primi mesi di attività, molte persone mi scrivevano per chiedere informazioni di ogni genere.

arianna fanetti

Un successo che dimostra l’impegno nella realizzazioni di contenuti di qualità, ma, ciò nonostante, Arianna continua a stare con i piedi per terra. Infatti, continua a lavorare nelle vendite online di spazi pubblicitari rivolte sia ai singoli clienti che alle aziende. “Ad oggi – dichiara – non ho firmato alcun contratto di sponsorizzazioni, ma tanti bar o ristoranti mi chiamano per avere la presenza sul mio profilo. Diciamo che vengo considerata una mezza-influencer”.

Insomma, la vita di Arianna gira intorno a Gran Canaria, tanto che in Italia torna solo per vedere i propri cari. Mettendo insieme le sue competenze, Arianna è riuscita a crearsi un’attività tutta sua e intende proseguire il proprio cammino professionale nella comunicazione online. “Sto frequentando – conclude Arianna Fanetti – corsi di comunicazione perché il mio sogno è quello di spostare la mi attività verso altre isole, come quelle greche”.