voglio vivere cosi - mollare tutto e cambiare vita
Minorca

Il portale per chi sogna di cambiare vita ma non ha ancora deciso come, dove e quando.
rssrssseguici su twitterseguici su facebook
Vivo cosi, youtube, facebook voglio vivere cosi voglio vivere cosi su youtube Goodbyeitalia




DESTINATION COSTARICA

9/12/2008



Anch’ io ventotto anni fa “volevoviverecosi”.

Alcune brevi incursioni in Africa Nera, poi qua e la in Nord Europa e alla fine nella Big Apple a provare l’esperienza di moda:”Mollo tutto e me ne vado”! Ma che duro il lavoro a Little Italy, o i “deliveries” in New Jersey, Pennsylvania, Maryland, a bordo dei “trucks”! Diverso dalla prima emigrazione italiana che al porto di New York sbarcava da puzzolenti navi con la valigia di cartone contenente neanche il necessario.

Quelli non volevano vivere cosi ma dovevano farlo. Io invece, allora seguivo “le mode on the road”, ma pur sempre con un biglietto di ritorno ed una macchina nuova aspettandomi nel mio borghese box di Milano.

Poi in diciassette anni in Venezuela si apprende il concetto di emigrante, il sacrificio, ma purtroppo i politici in America Latina giocano brutti scherzi; e dunque in Costa Rica!

costarica

Sì perchè dopo varie esperienze dirette in paesi centro e sud-americani, vedo che in Costa Rica l’ investitore ha delle garanzie economico-politiche superiori ad altri paesi. La fama di questa nazione ha delle basi veridiche e pur non essendo il paradiso di cui si parlava, offre molteplici opportunita e certezze.

Da ciò nasce la mia nuova attivita www.costaricainlinea.net che oltre a www.alturatourcostarica.com, poco a poco informerá quelli che hanno serie intenzioni di differenziare investimenti. Certo che bisogna avere idee chiare e determinazione, per cui é inutile scrivermi formulandomi la solita domandina:

Cosa si puo fare in Costa Rica”?

Perche la risposta sará una sola…

O starsene a casa, altrimenti é sufficente non aprire una pellicceria o un negozio di sci”.

Per il resto qui tutto é business.

Chi di sera sogna le palme tropicali di fronte al pc, non sa che per timbrare un cartellino o per lavorare in una metallurgica, forse ci vuole lo stesso coraggio (o di piú), di colui che prende la valigia e scappa. Se non ci fossero gli impiegati e gli operai, magari noi viaggiatori non saremmo qui a raccontare ste storie, (e la nostra economia sarebbe cento volte peggio della Bolivia).

costarica

Io che vissi in un isola tropicale del Venezuela, confermo il detto locale…

Pueblo pequeño infierno grande”! Con solo guardare la figlia del pescatore, ecco che giá il pueblo la crede incinta e te ne attribusce la paternita. Mentre oggi per essere “liberi”, é preferibile una mansarda nella nebbiosa Parigi, o meglio ancora uno studio nella convulsionata New York, dato che in Manhattan o Brooklyn, anche se esci con giacca e cravatta e gonnellina, i newyorkers non ci fanno caso e se ne fregano, al massimo se ti riconosco come italiano potranno chiederti allegramente: Do you work in fashion”?

spiagge costarica

www.costaricainlinea.net nasce per informare (ma non consigliare), coloro orientati a stabilirsi altrove con un ottica obiettiva e non pensando che questo posto é meglio di un altro, o per scappare dalle realta nevrotiche. Qui abbiamo degli stress diversi da quelli italiani od europei, ma pur sempre stress. Il grande Troisi lo disse in un suo film, citando a sua volta un filosofo di cui non ricordo:

Spesso, chi parte sa da che cosa fugge ma non sa che cosa cerca”.


Aldo Casadei

www.costaricainlinea.com

costarica








Seguici su facebook info canarie

Mollare tutto