Vivere in Grecia: la gelateria di Paolo a Rodi

“Sono arrivato a Rodi nel 2006 per lavorare come capo animatore in un hotel. Vivendo sul posto ho notato la mancanza di gelaterie artigianali, così, dopo aver fatto attente valutazioni, l’anno successivo ho aperto la mia gelateria. L’idea era quella di lavorare prettamente nel settore turistico, ma in poco tempo i miei primi clienti sono diventati i greci. Questo anche grazie ai prodotti di prima qualità sia di provenienza italiana che locale di cui mi fornisco”. Così è nata l’avventura di Paolo a Rodi, in Grecia. La sua gelateria “LICK’it” ha da subito riscosso un grande successo non solo tra i turisti, ma soprattutto tra la popolazione locale. “Grazie a Rodi e al gelato ho incontrato la donna che è diventata mia moglie e che sarà presto la madre di mia figlia”.

Paolo, raccontaci qualcosa sulla tua avventura professionale. Dal momento in cui è nata l’idea al momento in cui hai venduto il tuo primo gelato quanto tempo è passato?

Non molto, nel giro di 8 mesi è nata la Gelateria Artigianale LICK’iT, anche se qui mi conoscono come O Italos (l’italiano).

E’ stato complicato avviare l’attività? Hai dovuto affrontare difficoltà burocratiche?

Non più di qualsiasi Paese europeo. Diciamo che 6 anni fa forse è stato un po’ più semplice rispetto agli ultimi anni e comunque è molto importante affidarsi a dei professionisti per non sbagliare.

vivere a Rodi grecia

Ecco, a proposito di questo, come evitare le truffe di chi vive sul posto e cerca di approfittare dello “straniero”?

➭ Voglia di metterti in proprio? Leggi la nostra guida su come aprire una gelateria! ❆

Questa è una bella domanda e, mi duole dirlo, oltre a gente del posto ci sono anche italiani che approfittano della buona fede del prossimo. Anche se, chi vuole intraprendere un’attività deve essere consapevole del passo che sta per compiere in modo professionale e ragionato. Mi è capitato alcune volte di parlare con persone che erano più interessate all’andare via dall’Italia, piuttosto che ad intraprendere un progetto vero e proprio. Il mio consiglio è quello di affidarsi a professionisti del settore in cui si vuole operare, solo così si possono evitare sbagli che potrebbero compromettere l’esito di qualsiasi scelta si decida di fare.

Per aprire una gelateria in Grecia bisogna possedere determinati requisiti?

Per aprire una gelateria in Grecia non vengono richiesti particolari requisiti (così come in Italia) e questo, nel mio settore, produce un eccesso di improvvisazione. Purtroppo.

Come sei riuscito a superare l’ostacolo linguistico?

Sono portato per le lingue e avendo avuto un discreto successo con i greci, nel giro di un paio d’anni, la mia capacità linguistica è migliorata di molto. E’ consigliabile possedere almeno una conoscenza di base della lingua locale e cercare di parlare l’inglese all’inizio. In un Paese straniero parlare la lingua del posto è prima di tutto un segno di rispetto verso il prossimo.

Hai parlato di prodotti di prima qualità, ma come riesci a reperirli?

Tengo molto alla qualità delle materie prime. Utilizzo il meglio che mi può offrire il mercato. Per fare alcuni esempi, dall’Italia mi faccio spedire dai produttori le nocciole piemontesi, i pistacchi siciliani e le amarene di Cantiano, mentre il latte fresco e la frutta di stagione li reperisco direttamente dai coltivatori della zona.

Che riscontro sta avendo la tua attività sul territorio?

Il riscontro maggiore l’ho ricevuto dalla popolazione locale, che ha da subito apprezzato il prodotto sano, genuino e di qualità. Opero in una zona turistica dell’isola e grazie al passaparola anche i turisti vengono a trovarci e rimangono soddisfatti.

Oltre alle gelaterie artigianali, quali altre attività mancano nel territorio? 

Qui si può trovare di tutto, ma c’è molto da migliorare e soprattutto, prima di avviare una qualsiasi attività, è molto importante conoscere gli usi e i costumi dei greci.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Nell’immediato futuro c’è l’apertura di un secondo punto vendita.

italiani a Rodi grecia

Come si vive a Rodi?

A Rodi si vive bene. Si gode di una temperatura mite tutto l’anno, c’è assenza di inquinamento, c’è sicurezza, la qualità del cibo è ottima, il mare è splendido e il popolo, pur avendo una mentalità un po’ chiusa, è molto ospitale con lo straniero. Durante il periodo estivo, Rodi diventa meta di turisti provenienti da ogni parte del mondo. Ma non dobbiamo dimenticare che si tratta di un’ isola con circa 120 mila abitanti, quindi l’inverno è per gli amanti della tranquillità! L’unico problema è la mancanza di eventi culturali e l’aumento esponenziale del costo della vita negli ultimi cinque anni, in contrapposizione al potere d’acquisto medio che è diminuito.

Quest’ultimo aspetto quali disagi ha comportato per gli abitanti del posto?

Vivere da pensionati in Grecia: agevolazioni fiscali e molto altro ☜

Un esempio concreto è rappresentato dalla benzina che nel 2006 costava 80 cent al litro,oggi (dopo solo 7 anni) sfiora i 2 euro. Per gli abitanti è stato come un brutto risveglio da un bel sogno, anche se bisogna dire che fino a prima dell’euro e degli all-inclusive hotel, erano periodi di grande abbondanza.

Per quanto riguarda la pressione fiscale, ci sono differenze con l’Italia?

Purtroppo no! Sempre meno differenze, anche se è dura battere l’Italia in questo campo.

Quali sono i requisiti essenziali per trovare lavoro in Grecia? Com’è il mercato del lavoro?

Il mercato del lavoro è immobile così come nel resto d’Europa. Qui purtroppo non ci sono molte possibilità in più rispetto all’Italia, soprattutto per una persona non madrelingua. Durante la stagione estiva c’è una maggior richiesta di personale, ma lo dico anche a costo di ripetermi, un requisito indispensabile per qualsiasi lavoro è la conoscenza delle lingue.

La Grecia sta attraversando un periodo di crisi molto forte. Cosa puoi dirci a riguardo? Sta cambiando qualcosa?

Certamente non è la Grecia dei primi anni duemila e quello che sta cambiando è la mancanza di certezze che fino a non molto fa sembravano inamovibili. La situazione comunque a Rodi è migliore rispetto ad Atene.

Ormai vivi a Rodi da più di 6 anni. Come e in cosa è cambiata la tua vita?

In meglio! Ho una grande fortuna. Quella di fare un lavoro che adoro e che mi permette di incontrare persone, predisposte al buonumore e ad un sorriso. Molto difficile trovare in gelateria una persona triste! Grazie a Rodi e al gelato ho incontrato la donna che è diventata mia moglie e che sarà presto la madre di mia figlia.

Dal 2015 la gelateria è stata rilevata dal Sig. Lehmann anche lui italiano.
Nel 2016 è stata aperta la seconda succursale a Rodi.
Per info e contatti: mmorpgitalia@gmail.com

Per conoscere meglio Rodi:

www.isoladirodivacanze.com

Di Nicole Cascione