Mascherine Coronavirus: quello che devi sapere

A cura di Enza Petruzziello

Tra ansie, paure, accaparramenti di carta igienica, pasta e altri beni, in questi giorni in Italia ma anche all’estero (a dimostrazione che tutto il mondo è paese), le persone stanno affrontano la più grande emergenza sanitaria del nuovo millennio. Una delle più grandi epidemie nella storia, definita dall’OMS una pandemia globale, il Covid-19 ha colto impreparati tutti.

La corsa ai beni di prima necessità sta interessando persone di tutto il mondo. Uno dei prodotti più ricercati, al pari dell’igienizzante mani, è la mascherina per il Coronavirus. Introvabili in tutte le farmacie, non fanno in tempo ad arrivare che si esauriscono in poche ore, e purtroppo carenti anche in tante strutture ospedaliere, le mascherine antivirus sono fondamentali per evitare il contagio soprattutto per gli operatori sanitari, per quanti hanno contratto il virus e per chi è a contatto con qualcuno che ne è affetto.

Le mascherine per il Coronavirus servono?

Molti nei primi giorni si sono chiesti se le mascherine per il Coronavirus servissero davvero. Sul suo sito, l’Organizzazione mondiale della sanità consiglia di indossare una mascherina solo se si sospetta di aver contratto il Coronavirus, e in presenza di sintomi quali tosse o starnuti.

✈ Viaggiare all'estero nel 2020? Scopri i Paesi dove si può viaggiare dall'Italia in epoca di Coronavirus! ✈

Molti medici e alcune autorità come la Regione Lombardia, invece, raccomandano di indossarle a prescindere, e le inseriscono nella profilassi da seguire per la prevenzione del contagio.

Indossare una mascherina non è certamente una garanzia di immunità al contagio da Covid-19: il virus può essere trasmesso anche attraverso gli occhi, e minuscole particelle virali possono penetrare nelle mascherine.

Tuttavia, le mascherine sono efficaci nel catturare quelle goccioline di liquido che fuoriescono dal naso e dalla bocca, tra le principali vie di trasmissione del virus. Alcuni studi hanno stimato che le mascherine anti Coronavirus assicurano una protezione cinque volte superiore.

●●● Curiosità: scopri il significato del termine "quarantena" ●●●

Le maschere – continua l’OMS – sono efficaci solo se utilizzate in combinazione con una frequente pulizia delle mani, con strofinamento a mano a base alcolica oppure con sapone e acqua. Importante è naturalmente saperle usare. Una mascherina, del tipo giusto e se indossata correttamente, può dimostrarsi estremamente utile per evitare il contagio da Covid-19.

mascherine come usarle

Quali mascherine coronavirus usare: le varie tipologie

Esistono diverse mascherine per il coronavirus, ognuna delle quali garantisce vari gradi di protezione. Non tutte, però, proteggono allo stesso modo. Quale mascherina è meglio usare? Sicuramente quella dotata di filtri.

Chiamate respiratori con filtranti facciali, queste mascherine sono l’unico dispositivo in grado di dare una certa protezione anche dai virus. L’efficacia filtrante viene indicata con sigle FF da P1 a P3. Due in particolare sono le più indicate per la protezione da virus: la FFP2 e la FFP3, che hanno un’efficacia filtrante rispettivamente del 92% e del 98%.

Vediamo le due diverse tipologie di mascherina antivirus e le loro caratteristiche:

  1. Mascherina FFP2: sono efficaci per la protezione dal Coronavirus e proteggono da un numero più elevato di elementi, tra cui virus, polveri, fumi e aerosol. La durata delle mascherine FFP2 è purtroppo limitata, dopo qualche ora il filtro si esaurisce e devono essere sostituite.
    Ti segnaliamo 2 link per trovare le mascherine FFP2 su Amazon:
    Mascherine FFP2 > disponibilità immediata e spedizione GRATUITA
    Mascherina FFP2 con valvola
  2. Mascherina FFP3: la mascherina antivirus FFP3 offre una protezione ancora più efficace, perché oltre alle polvere, ai fumi e agli aerosol, protegge anche da diversi agenti patogeni come batteri, spore di funghi e virus. Se non riesci a trovarla in farmacia, su Amazon puoi trovare diverse mascherine FFP3 in vendita >>> Mascherine Corinavirus FFP3, disponibilità immediata e spedizione gratuita.

Ecco come fare una mascherina antivirus fai da te

Chi è fortunato possiede già delle mascherine, ma per tanti sono ormai merce rara. Per sopperire a questa mancanza molti si stanno cimentando nella creazione di mascherine fai da te, qualcuno è arrivato anche a realizzarle con le coppe del reggiseno. Ecco, per quanto possono coprire naso e bocca, ti sconsigliamo di imitarli.

In questa guida vogliamo, invece, mostrarti come realizzare una mascherina fai da te. Ovviamente non si tratta di presidi medici e non sono omologate come sistema anti-contagio ma costituiscono comunque una, sia pur minima, barriera di protezione per chi non può restare a casa.

Inoltre se ti stai annoiando in casa, questa potrebbe essere una delle cose da fare in quarantena per passare il tempo e usarla quando dovrai uscire per recarti a fare la spesa o in farmacia.

1) Mascherina di stoffa

La mascherina di stoffa è tra le mascherine fai da te per il Coronavirus. Ciò che occorre è:

  • Forbici;
  • Spago o nastrini o elastico da cucito;
  • Ago e cotone;
  • Tessuto: è la cosa più importante cui prestare attenzione. Deve essere a maglia compatta e non mostrare, in controluce, spazio visibile a occhio nudo tra trama e ordito. Vecchi pile o indumenti anti-traspirazione potrebbero essere l’ideale;
  • Gessetto o matita per disegnare il modello.

A questo link è possibile trovare il tutorial completo:

☞ News vaccino Covid-19: a che punto è la sperimentazione in Italia e nel mondo?

 

☛ Un altro interessante tutorial è questo:

2) Mascherina con filtro intercambiabile e garza

Le mascherine fai da te con filtri e garza sono le più affidabili. In particolare questa creata da Luca Somà, un farmacista che sulla sua pagina Facebook ha postato un tutorial per realizzare autonomia un dispositivo di protezione.

Ecco il video: https://www.facebook.com/1238854768/videos/10218083833507557/

Questa mascherina è davvero facile da fare. Bastano garze, pellicole ed elastici per garantirsi una copertura efficace che, è bene ribadirlo, non sostituisce le mascherine certificate e dotate di apposito filtro ma costituisce una soluzione provvisoria.

Si utilizza uno strato di garza in tessuto da far aderire alla pelle e uno strato di pellicola trasparente che tiene lontani i virus. Anche qui il problema è farla aderire bene alla pelle, ma siccome ha dimensioni molto ridotte, protegge sicuramente meglio.

3) Mascherina con carta da forno

Le mascherine fai da te con carta da forno sono le più semplici da creare e da fare. Tutti, infatti, a casa abbiamo un rotolo da carta forno e degli elastici. E sono proprio questi due oggetti, insieme a delle forbici e a una spillatrice ciò che serve per creare una.

Si piega la carta da forno in un certo modo e poi la si può indossare usando gli elastici spillati sulla carta. Per avere una buona efficacia è necessario utilizzare due strati di carta da forno, altrimenti rimane troppo leggera e vulnerabile.

Il problema di questo tipo di mascherina è infatti che rimane difficile da far aderire al viso, lasciando molti punti scoperti. Come per le altre mascherine anche questa va gettata subito una volta utilizzata. E quindi meglio prepararne diverse.

➤ Ti potrebbe interessare: come aumentare le difese immunitarie【metodi e consigli】

Qua un tutorial in cui viene spiegata la modalità per creare una mascherina con carta da forno:

OMS: come devono essere usate le mascherine

Fare le mascherine in casa seguendo i vari tutorial può essere divertente e un piacevole passatempo da fare durante la quarantena. Il nostro consiglio però è di utilizzare le mascherine certificate che rispettano le normative, in particolari le mascherine con i filtri FFP3, le migliori per proteggersi in maniera corretta.

Soprattutto invitiamo tutti a seguire il tutorial dell’OMS sul modo in cui si devono indossare, altrimenti è tutto inutile. Nel video dell’Organizzazione Mondiale della Sanità viene spiegata molto bene la tecnica per utilizzarle correttamente.

Conclusioni

Anche se non hai nessun sintomo, la raccomandazione è di essere sempre cauto nel proteggere te stesso e le altre persone. Puoi fare la tua parte per aiutare la tua comunità e il mondo. Oltre a indossare la mascherina ti ricordiamo di:

  • Lavati spesso le mani.
  • Mantieni una distanza di almeno 1 metro con le altre persone.
  • Evita di toccarti occhi, naso e bocca.
  • Copri bocca e naso se starnutisci o tossici.
  • Pulisci le superfici con disinfettanti.
  • Contatta il 1500 per ulteriori informazioni, il numero di pubblica utilità del Ministero della Salute.