Laura Rocchegiani: ho lasciato l’Italia con la famiglia per Copenhagen

Insegnante e musicista, Laura è una compagna e mamma di due bambini molto vivaci ma è anche una sassofonista e una musicista.

Innamorata da anni della Danimarca, adesso la donna vive lì insieme con la sua famiglia e sta realizzando il suo sogno di suonare sui palchi italiani ed esteri, di realizzare importanti collaborazioni e di vivere nel Paese che più ama.

La ricerca dell’innovazione nel campo del lavoro ma anche l’idea di avere una nuova vita famigliare sono solo due dei fattori che hanno spinto Laura e il suo compagno a dire addio all’Italia e, grazie anche alla collaborazione del loro camper – che ha addirittura un nome, Oscar – partire alla volta della Danimarca.

Lì i bambini frequentano la scuola e l’asilo mentre Laura si dedica sempre di più alla sua passione e ha abbracciato uno dei punti cruciali dello stile di vita danese, Hygge, quella sensazione di benessere che si prova stando in casa con i nostri cari oppure dedicandoci ad attività che ci piacciono.

Laura Rocchegiani danimarca

Ciao Laura, raccontaci qualcosa di te. Chi sei, da dove vieni…

Ciao a tutti, io sono Luaura e ho dedicato la maggior parte dei miei anni alla musica e all’insegnamento. Sono anche mamma di due bambini di 4 e 6 anni, biondi e vivaci, e la compagna di un uomo con cui condivido le stesse passioni e lo stesso lavoro. Veniamo dalle Marche, Pesaro.

Cosa ti ha spinta a lasciare l’Italia?

La ricerca d’innovazione nel mio lavoro, di nuovi stimoli musicali e l’idea di una nuova vita familiare in un contesto sociale a noi caro, come quello danese, che abbiamo avuto occasione di assaporare negli anni passati.

Come sei finita proprio in Danimarca?

Il mio legame con Copenhagen risale al 2015. Il mio compagno ed io eravamo da poco insegnanti del Liceo Musicale Marconi di Pesaro, una scuola dalle ampie vedute, fulcro di tante iniziative di scambio con le scuole estere. Grazie a un programma Erasmus siamo approdati per due settimane a Copenhagen e in quei giorni abbiamo creato una rete incredibile rete di contatti che poi si è diramata. Abbiamo anche visitato le principali istituzioni musicali della città. Fra queste una in particolare è rimasta nel nostro cuore: RMC, The Rhythmic Music Conservatory of Copenhagen. A 7 anni di distanza siamo tornati a inseguire il nostro sogno: un Master in Educazione Musicale al Conservatorio Ritmico di Copenhagen.

Laura Rocchegiani

Dove abiti precisamente e com’è la tua vita quotidiana?

Abitiamo nel Nord- Ovest e, per raggiungere il Conservatorio, percorriamo circa 7 km in bicicletta. I bambini invece frequentano asilo e scuola del quartiere.

Di cosa ti occupi?

Il mio lavoro con la musica si può guardare da tre prospettive. Quella dell’insegnamento che, durante questo master, si concentra soprattutto sulla ricerca di nuovi approcci educativi, specialmente nell’ambito della musica moderna. Quella della sassofonista che, grazie alla collaborazione con altri artisti, ha la fortuna di esibirsi in Italia e all’estero. E, infine, quella più creativa della compositrice, un’anima latente che sto riscoprendo proprio in questi mesi a Copenhagen, e alla quale mi sto affezionando tantissimo.

➤➤ Scopri la nostra guida per sapere come andare a vivere in Danimarca

Come sassofonista sono parte di un progetto unico che è l’unione di un quartetto di sassofoni e un pianoforte che, negli anni, ha costruito il suo linguaggio attorno alla musica del compositore statunitense George Gershwin, portandola sui palchi dei teatri italiani. La recente collaborazione con la cantante Sara Jane Ghiotti ha portato una serie di concerti in Italia durante la scorsa estate e la sua selezionefra i partecipanti di Jazz It Abroad, un bando promosso dal Ministero Italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e gestito da Italia Music Export, il gruppo farà il suo ufficiale debutto all’estero, esibendosi nella capitale danese il 1° dicembre 2022 presso la meravigliosa Chiesa di San Matteo di Vesterbro.

Questo progetto è il frutto della nostra collaborazione con due prestigiose realtà musicali, una danese e una italiana: il Sankt Annæ Gymnasium di Copenhagen, una scuola superiore dove la musica e, in particolare, la pratica del canto hanno un ruolo fondamentale nella formazione degli studenti durante l’intero percorso di studi e la Corelli di Ravenna, una cooperativa profondamente impegnata nella creazione e promozione di progetti musicali innovativi (dal sinfonico al recital lirico, dal teatro musicale alle performance sperimentali), e organo rappresentativo di tanti artisti e gruppi, tra cui l’Orchestra Arcangelo Corelli di Ravenna e Sara Jane Ghiotti & Gershwin Quintet.

Laura Rocchegiani sassofonista danimarca

Che cos’hai imparato finora?

Il concetto danese di Hygge e l’impegno di praticarlo tutti i giorni. È quella sensazione di benessere nel trascorrere del tempo a casa con le persone che ami e facendo le cose di ti piacciono di più, ovviamente dopo aver acceso una candela e aver versato qualcosa di molto caldo in una tazza dal manico largo.

L’importanza di crearsi dei sogni, di scriverli in una lista o in post-it da attaccare al muro.

Coltivare sempre la propria creatività.

Le esperienze più belle vissute fino a questo momento?

Il nostro viaggio di andata, un’avventura fatta di soste in luoghi speciali con viste mozzafiato, grazie al nostro compagno di viaggio a quattro ruote: si chiama Oscar ed è un camper piccolo e accogliente. Oscar ci ha permesso di portare con noi molti dei nostri oggetti quotidiani preferiti, strumenti musicali, biciclette. Lo abbiamo imbarcato nel traghetto dalla Germania alla Danimarca e abbiamo esultato con lui quando è uscito sgommando dalla sabbia di una spiaggia danese dopo aver scavato delle profonde buche con le ruote, davanti gli occhi increduli dei bagnanti.

Devo ringraziare il mio compagno perché, dopo quel giorno, mi ha stimolata a iniziare un blog in cui racconto le nostre avventure in Danimarca e grazie al quale ho scoperto il piacere della scrittura.

Ho sentito il calore della famiglia, quella forza che ti sostiene e non ti fa mai sentire sola.

Laura Rocchegiani

Vedo mio figlio andare sereno a scuola e mi sorprendo ogni giorno di come riesca a relazionarsi senza il grande vantaggio di parlare la stessa lingua dei suoi compagni e dei suoi insegnanti.

Per seguire e contattare Laura:

Instagram:

www.instagram.com/gershwinquintet/

Facebook:

www.facebook.com/GershwinQuintet

www.facebook.com/laura.rocchegiani/

Sito web:

http://gershwinquintet.com/