Lavorare in una farm in Nuova Zelanda: la storia di Dario

All’ età di 28 anni terminati i miei studi universitari ho lasciato l`Italia alla volta dell’Australia, voglioso di scoprire un nuovo mondo, nuove culture, di confrontarmi e di crescere come persona. Oggi, dopo due anni trascorsi in OZ ed uno di nuovo in Italia, mi ritrovo in una nuova terra, viva, dove il verde delle foreste si perde in un azzurro oceano e bianche vette innevate quasi toccano il cielo, sono qui con lo stesso entusiasmo e lo stesso desiderio di scoperta di tre anni fà, sono in Nuova Zelanda. Sono arrivato ad inizio Novembre 2011 ad Auckland con il visto Working-Holiday che consente di vivere e lavorare nel paese per un anno. A differenza di quello rilasciato dall’Australia, questo non può essere prolungato per ulteriori dodici mesi ma solo per tre lavorando in farm e il numero rilasciato ogni anno è limitato, non so esattamente quale sia. Il tempo trascorso in città è stato davvero poco, per mia scelta, troppo traffico, semafori, frenesia totale. Mi sono spostato nella Bay of Plenty regione che si affaccia sull` Oceano Pacifico in quel periodo al centro delle cronache mondiali per via dell` arenamento della petroliera Rena sull` Astrolabe Reef a circa venti chilometri dalla costa e la conseguente perdita di greggio, un vero disastro ambientale, ancora un altro da ricordare.

Vivere in Nuova Zelanda farm

Trascorsi tre mesi ho deciso di spostarmi nell`isola del sud alla scoperta di quella che tanti mi hanno definito come la vera Nuova Zelanda, ancora pura, selvaggia, misteriosa, ed ospitale.

Il viaggio, seppur breve, è stato entusiasmante, soprattutto attraversare lo stretto di Cook dove le acque dell`Oceano Pacifico incontrano quelle del Mar di Tasmania e le storie che si narrano di navi affondate nel corso del tempo sono davvero tante, per fortuna la mia traversata è filata liscia.

Ho vissuto, lavorando per circa 4 mesi, in un piccolo paesino di soli duemila abitanti sulla costa est, Kaikoura, una perla racchiusa tra mare e monti, famosa per il whale watching e la pesca di crayfish. Qui ho trascorso un periodo indimenticabile, conosciuto persone meravigliose e surfato onde fantastiche.

✍ Consigliato: leggi la nostra Guida per andare a vivere in Nuova Zelanda! ☆

Vivere in Nuova Zelanda farm

Messi da parte un po` di dollari sono ripartito alla scoperta dell` isola. Ho trascorso circa tre settimane in giro dormendo in macchina, visitando luoghi che non avrei mai immaginato esistessero, mi sono perso in una natura ancora intatta e preservata e ho avuto la possibilità di apprezzare la bellezza di quei momenti “semplici” che caratterizzano la quotidianità, troppo lontani oggigiorno dai nostri sguardi.

In questo momento sono di nuovo nell` isola del nord esattamente a New Plymouth, una piccola cittadina alle pendici del monte Taranaki un vulcano estinto di 2500 m. Vivo in un camper in riva al mare e lavoro in un ristorante italiano come pizzaiolo e aiuto cuoco, a volte mi dispero perchè davvero difficile far apprezzare la semplicità della cucina italiana ad un popolo che vive solo di McDonald`s e fish&chips, ma ci provo! Altre volte invece mi rallegro, come quando una cara signora mi ha detto “questa pizza mi ricorada i miei tempi passati trascorsi in Italia”, non male!

Vivere in Nuova Zelanda farm

Non ho idea di quanto tempo resterò ancora lontano da casa e dalla mia famiglia, che mi manca non c`è dubbio, e se all`inizio per loro è stato difficile accettare la mia decisione di inseguire un sogno, ora fortunatamente hanno capito che questo è quello che sento di fare, che mi rende felice e pieno di vita. Forse tra qualche mese non sarò più in NZ, magari sarò altrove in qualche altra parte del mondo, non so… la sola cosa certa è che continuerò a vivere il mio interminabile sogno, thenedlessdream…

Dario

Questo è il link del mio blog nel caso siate curiosi di seguire i miei racconti:

http://thendlessdream.blogspot.co.nz

oppure se vi va di contattarmi fatelo a:

[email protected]