Cosa vedere a Berlino, città giovane e dinamica

Berlino, una città giovane e dinamica, capitale della Germania solo dal 1991. Una città ricca di attrazioni e di luoghi da visitare, tra cui i 170 musei che attraggono ogni anno milioni di visitatori. Un luogo in cui passato e presente si mescolano, creando qualcosa di unico e di originale. In costante mutamento, Berlino offre una città dai mille volti, merito anche di un’economia creativa e trainante a livello internazionale, che l’ha resa uno dei luoghi più attraenti per i giovani e per i meno giovani, provenienti da tutto il mondo. Ma cosa vedere a Berlino? Torri di vetro, i musei e i monumenti firmati da archistar, le fabbriche dismesse trasformate in fucine d’arte, design e moda, ai palazzi mutati in tele per street artists: c’è l’imbarazzo della scelta in uno luoghi più attraenti al mondo.

L’economia dinamica che la caratterizza è legata anche all’elevato numero di imprese che aprono ogni anno e che offrono servizi online (design, software, nuovi media) o anche alle attività startup che, nel solo 2011, hanno generato l’80% del Pil della città. Ma Berlino non offre solo molteplici opportunità di lavoro grazie alle sue grandi occasioni in campo scientifico, commerciale, tecnologico, culturale e politico, è anche e soprattutto meta turistica scelta da molti italiani. Da poco tempo, la capitale tedesca, si è inventata una nuova vocazione turistica puntando sull’accoglienza. Ecco allora grandi magazzini, sedi diplomatiche, fabbriche, banche, covi del Kgb e del Politbüro riciclati e trasformati in hotel di charme.

➤ Costo della vita, pro e contro e molto altro... Scopri come trasferirsi in Germania ! ✔

Tra i tanti vi sono i concept-hotel, ovvero alberghi specializzati: musicali (con tanto di studio di registrazione da camera), per scrittori, per cinefili e per nostalgici degli anni ‘20. Si tratta di idee vincenti ed originali, a testimoniarlo ci sono i numeri. Basti pensare che nel 2011 sono stati registrati circa 22 milioni di pernottamenti, che l’hanno trasformata nella terza città turistica d’Europa, dopo Londra e Parigi. Nel 2013, inoltre, si prevede l’apertura di nuove strutture ricettive; apriranno infatti lo Steigenberger Superior Hotel all’aeroporto Willy Brandt, il Crowne Plaza nell’ex palazzo delle Poste in Potsdamer Platz, e il Leonardo Boutique Hotel sulla Museumsinsel. Tante le idee che renderanno la capitale tedesca una meta ancora più ambita e desiderata da molti.

Berlino è diventata un punto di riferimento per la realtà giovanile grazie anche alla sua vivacità culturale e alla sua vita notturna, offre infatti una vasta scelta per quel che riguarda locali e luoghi del divertimento e numerosissimi e accoglienti appartamenti da poter affittare con oh-berlin.com . Esiste, ad esempio, una vera e propria rete di wine bar. Gli abitanti della capitale hanno scoperto il vino accompagnato dalla haute cuisine. Il più antico wine restaurant dell’ex Berlino Est, il Weinstein, sito in Lychener Strasse, è un eno-ristorante con un menù basato su prodotti di qualità: il pesce viene dal Brandeburgo, la carne da allevatori locali e il vino dai più interessanti giovani produttori.

Tante sono anche le occasioni mondane che interessano la capitale tedesca, una fra tutte la Berlinale, il festival del cinema, che richiama sul tappeto rosso le star di Hollywood: in quei giorni per tanti attori del calibro di Brad Pitt, Colin Firth, George Clooney e molti altri, è un obbligo mettersi in posa per i fotografi fuori dal Palazzo della Berlinale, a Potsdamer Platz.

Lavorare a Berlino: scopri come nella nostra guida ✽

Berlino è una città giovane e creativa, in cui non è difficile trovare casa, grazie anche al basso costo degli affitti, cosa che permette anche la diffusione di locali e di piccoli negozi che giornalmente si aprono nei diversi quartieri. Molti sono i vecchi palazzi che vengono ristrutturati, per poi essere fittati a poche centinaia di euro al mese, aspetto che giustifica il trasferimento in massa dei tanti giovani.

Il monumento simbolo della città è la Porta di Brandeburgo, uno tra i più importanti, simbolo ed emblema della divisione della città. E che dire di Alexanderplatz? Definita negli anni ’20 “il cuore pulsante di una città cosmopolita”, molti sono gli eventi legati a questa piazza, posto in cui sono ben visibili i segni lasciati dalle diverse epoche, culture e concezioni urbanistiche. Ci sarebbe ancora tanto da dire su Berlino e i suoi luoghi, ma una zona senza dubbio interessante e da vedere è la parte nascosta della città, la parte sotterranea: i cunicoli utilizzati dai tedeschi dell’Est in fuga. Una visita guidata, gestita da un’associazione di volontari, vi permetterà di visitare la città da un altro punto di vista, grazie anche alle storie raccontate dai membri dell’associazione durante la visita guidata, storie ricche di divisioni, di speranze, di riconciliazioni e di ricostruzioni. Storie che si respirano in ogni pietra, in ogni via della città. Storie che rendono Berlino un posto ancora più attraente. Quindi, che aspettate? A voi non resta che partire alla scoperta di questa bellissima città e a me non resta altro che augurarvi buon viaggio!

Berlino sarà (dopo Barcellona e Londra) la prossima tappa di Vivo Così, Italiani nel Mondo:

www.youtube.com/user/voglioviverecosiwrld