Università in Giappone: ecco come stanno attirando gli studenti di tutto il mondo

I corsi di inglese, i dormitori per studenti internazionali e l’aumento dei finanziamenti governativi sono solo alcuni dei motivi per cui dovreste considerare di andare a studiare in Giappone, come molti stanno già facendo.

Cosa fanno le università del Giappone?

Da tempo le università giapponesi hanno messo in campo una vera e propria rivoluzione, mirata a cambiare parte della cultura locale e non.

✎✎✎ Stai pensando di andare a studiare in Giappone? Scopri i nostri consigli! ✎✎✎

Il governo giapponese è sulla buona strada per raggiungere il suo obiettivo di 300.000 studenti stranieri entro il 2020, che rappresenterebbe circa il 10% della popolazione studentesca totale. Questa proporzione avvicinerebbe il Giappone a quello di altre nazioni economicamente sviluppate non anglofone, come la Germania e la Francia.

Come le università giapponesi stanno attirando gli studenti internazionali

Studenti stranieri in continua crescita

Secondo la Japan Student Services Organization (JASSO), a maggio 2017 si contavano 267.042 studenti internazionali in Giappone. Di questi, il 93% degli studenti internazionali proveniva da altri Paesi asiatici, soprattutto dalla Cina. Gli studenti statunitensi rappresentavano invece circa l’1%, mentre il Regno Unito inviava solo 640 studenti all’anno – dietro Francia, Germania e Italia.

Secondo il Times Higher Education World University Rankings, le migliori università del mondo sono britanniche e americane, soprattutto per la loro capacità di attrarre i migliori talenti da tutto il mondo. La migliore università giapponese, l’Università di Tokyo, si colloca al 42esimo posto, dietro ad altri rivali dell’Asia orientale come la Cina e Singapore.

Il Top Global Universities Project

Nel 2014, il governo giapponese ha introdotto il suo Top Global Universities Project, che fornisce borse di studio annuali a 37 università giapponesi per un periodo massimo di 10 anni per migliorare il loro status globale.

☞ Guarda le classifiche delle migliori Università che danno subito lavoro

Le 13 università di tipo A sono state selezionate per il loro potenziale per essere classificate tra le 100 migliori università a livello globale. Le restanti 27 università di tipo B dovrebbero contribuire all’internazionalizzazione della società giapponese.

Le università giapponesi stanno intensificando i loro sforzi per attirare più studenti dall’Europa e dagli Stati Uniti. Ad esempio, il Regno Unito ospita l’annuale Experience Japan Exhibition, una fiera di studio e lavoro in Giappone organizzata congiuntamente dal British Council e dalla Keio University.

L’evento di quest’anno, che si è tenuto presso la Royal Society a Londra il 17 novembre, ha visto la partecipazione di più di 18 università ed enti finanziatori giapponesi. Abbiamo incontrato alcune di queste istituzioni in fiera per conoscere ciò che le università giapponesi stanno facendo per attirare gli studenti internazionali.

Le strategie delle università giapponesi

In primo luogo, le università stanno migliorando il loro impegno online e offline con gli studenti stranieri per diventare più accessibili.

Come le università giapponesi stanno attirando gli studenti internazionali

Ciò significa ampliare il supporto fornito dagli uffici di servizio per gli studenti internazionali, per esempio offrendo aiuto nelle procedure amministrative come l’assicurazione sanitaria e l’apertura di un conto corrente bancario, avendo a disposizione informazioni sui corsi di laurea in inglese e condividendo le esperienze degli alumni sui social media.

Successivamente, le università stanno trasformando la vita del campus per adattarsi alle esigenze degli studenti stranieri. In Giappone, i dormitori sono rari, poiché la maggior parte degli studenti giapponesi fanno i pendolari da casa, anche fino a più di due ore di andata e ritorno.

►► Leggi la nostra Guida con tutte le info utili e i consigli per vivere in Giappone ◄◄

Programma di studi totalmente reinventato

La cosa più importante è che le università stanno riformando il loro programma di studi. La lingua è stata la più grande barriera per attrarre studenti stranieri, e lo studio è stato per lo più limitato a coloro che cercano opportunità legate allo studio del giapponese.

Gli studenti appassionati della lingua e cultura nipponica possono trovare facilmente pane per i loro denti online, usando app come Duolingo oppure optando per corsi professionali e più avanzati, ottimi per preparasi ai test di ammissione, come quello per imparare le lingue online su Preply. Le lezioni private sono il modo più efficace ed economico per imparare la lingua; con l’aiuto di app di vocabolario o flashcard, si aumenta l’efficienza e si passa alla pratica. Non è dunque impossibile, per chi è davvero determinato, frequentare l’università in giapponese.

Tuttavia, il giapponese è una lingua piuttosto difficile da imparare, e nella speranza di attrarre un insieme più diversificato di studenti (provenienti sia dal mondo delle scienze umane che da quello delle scienze), le università giapponesi stanno sviluppando corsi, corsi estivi e persino programmi di laurea completi in inglese.

Insomma, questo processo porterà ad una internalizzazione sempre più grande, arrivando, nel prossimo decennio, ad elevare il mito delle università giapponesi ancora di più.