La storia di Sara, da Toronto a Londra

Ciao, mi chiamo Sara, ho 31 anni, e attualmente vivo a Londra.L’anno scorso l’ho passato a Toronto, con la Working Holiday Visa, lavorando e studiando inglese. Tutto e’ iniziato ben 5 anni fa, quando una carissima amica mi disse: “Ho mandato la richiesta per la WHV per il Canada, andro’ via per 6 mesi”. E ora vive ancora a Toronto, si e’ trasferita, lavora, parla inglese perfettamente e ha incontrato l’amore della sua vita. Ricordo la risposta che le diedi: “Fai benissimo. Mi mancherai, ma appena posso ti raggiungo!”. Quell’anno avevo una piccola attivita’ in gestione, e come tutti, passavo le giornate tra turni di lavoro infiniti, banca, commercialista e conteggi per le tasse. In Italia non mi e’ mai mancato il lavoro. Sentivo solo che di anno in anno la situazione era sempre la stessa, se non a volte inferiore, senza nessuna crescita professionale, e stava diventando opprimente. Da quel giorno, dalla partenza della mia amica, ci sono voluti 3 anni per decidermi a fare la richiesta per la WHV per il Canada, che ora si fa interamente online, fino a qualche anno fa si spediva una richiesta in formato cartaceo con tutti i documenti all’interno. Ho raccolto piu’ informazioni possibili sulla citta’, ho ripassato l’inglese, che confesso non esser mai stata una delle mie materie preferite, ho messo da parte qualche risparmio, e sono partita l’anno scorso per Toronto, appoggiandomi per la prima settimana dalla mia amica, approfittandone per rivederla e passare un po’ di tempo insieme!

☞ Investimenti all'estero? Scopri come fare per aprire un'attività a Londra! ♕

L’impatto con la citta’ e’ stato forte. Era novembre, clima rigido (il Canada, si sa, e’ famoso per il freddo!), avevo qualche difficolta’ con l’inglese, che da studiarlo a dover comunicare c’e’ un abisso e, soprattutto, non mi piaceva esteticamente, cosi’ diversa dalle nostre bellissime citta’ europee, ma questo e’ un giudizio del tutto personale. Pero’ sapevo che questa esperienza mi avrebbe aiutato, avrei imparato bene l’inglese e avrei migliorato il mio curriculum vitae, anche se escludevo di volermi trasferire definitivamente!

toronto londra

Dopo una settimana precisa dal mio arrivo, avevo trovato un lavoro in un cafe’ e un alloggio in affitto; le successive settimane avevo fatto amicizia con i colleghi di lavoro e riuscivo a comunicare; dopo due mesi avevo cambiato lavoro, trovandone uno migliore. E il tempo libero lo passavo visitando la citta’, tempo permettendo; le giornate in cui nevicava preferivo non uscire, se non per andare al lavoro. Ci vuole un po’ per abituarsi a quel freddo! Insomma, non e’ stato subito tutto rosa e fiori, ma le cose andavano sempre meglio e, nonostante mi fosse stata proposta una sponsorizzazione per rimanere, a luglio ho deciso di tornare in Italia per le vacanze estive e per decidere cosa fare del mio futuro. Ho passato otto mesi a Toronto.

E’ stato bello tornare a casa, rivedere la famiglia, gli amici, il mare! Ma, in fondo, sapevo di voler ripartire. Quello doveva essere un nuovo inizio. Ma dove? Cosi’, una mattina di agosto, decisi di fare una prova, inviando una email con lettera di presentazione in inglese e curriculum (resume) in allegato a 25 attivita’ di Londra, precisando di aver trascorso gli ultimi mesi lavorando in Canada. E sorpresa! Lo stesso giorno, ben 12 di queste avevano gia’ risposto, 11 delle quali chiedevano di fissare un colloquio. A Londra ci ero gia’ stata in passato, due volte, in vacanza. La conoscevo, mi piaceva, e la vedevo cosi’ vicina e facile da raggiungere da averla sempre messa in cima alla mia lista delle mete possibili, nonostante le notizie sul continuo aumento del costo della vita, soprattutto per le case, spaventassero.

✔ Come si vive e quanto costa vivere a Londra? Ve lo raccontiamo nella nostra guida! ✔

Pero’, come per Toronto, per quanto ci si possa informare, bisogna provarci!

E cosi’ a settembre sono ripartita per Londra, fissando tre colloqui i primi giorni dopo l’arrivo, durante i quali mi hanno chiesto del Canada: che esperienza di lavoro avevo fatto, perché avessi deciso di tornare, come valutavo il mio livello di inglese, ecc…Percio’ questa nuova avventura e’ nata dalla precedente! E ora sto valutando se trasferirmi o continuare a viaggiare, ma e’ presto per decidere. Da parte di amici e conoscenti non sono mancate domande per chiedermi informazioni su questi viaggi, cosi’ e’ nata l’idea di creare un blog:

www.moreboxes.it

moreboxes23@gmail.com

Ho iniziato scrivendo come fare la application online per la Working Holiday Visa per il Canada e ora sto scrivendo di Londra. Inoltre vorrei cogliere l’occasione per ringraziare il bellissimo lavoro di VoglioVivereCosi.com.

Tante volte ho consultato i vostri articoli per avere informazioni utili e per leggere le esperienze di altri, vi seguo sempre!

E oggi poter raccontare la mia storia e’ una gioia grande. Alla prossima! Grazie!

Sara