Playa del Carmen: dove o ti perdi o ti ritrovi

Oggi è una giornata particolare. E’ il giorno in cui la piccola Sofia, di soli 3 mesi, viene presentata all’energia cosmica, alla madre terra, alle quattro direzioni, ai guardiani del luogo e al centro del proprio cuore: il tempio dell’amore. Si chiama cerimonia cosmica e dopo sei anni che vivo in questo luogo, è l’unico battesimo che per me ha un senso. La mattinata preannuncia pioggia, ma la cosa non mi preoccupa: negli anni trascorsi tra cerimonie cosmiche, ho imparato che l’energia che si crea durante il rito ci preserverà da ogni brutta sorpresa. Gli Sciamani Maria e Juan iniziano a fare una “limpia” (pulizia) del sito archeologico sacro dove Sofia sarà ”ufficialmente” presentata alla vita.

Battesimo in messico playa del carmen

La cerimonia non è delle più brevi e come madrina mi chiedo se la piccolina avrà la forza di aspettare tutto quel tempo. Il suo atteggiamento, però, mi conforta immediatamente: è lei la più presente di tutti, segue attentamente ogni passo della cerimonia ed è in quell’istante che ho la conferma di quanto i bambini siano molto più consapevoli di noi adulti che ormai abbiamo cervello e spirito “contaminato” dall’esperienza. Ho l’onore di essere la madrina e sono felicissima di questo privilegio. La cerimonia è meravigliosa e il fatto che questa bimba sia parte di un rito così semplice e naturale è la cosa che ha più senso in assoluto. Alzo la testa al cielo e mi rendo conto che su di noi stanno volando due aquile che ci accompagneranno per tutto il tempo della cerimonia.….d’altronde l’aquila è un animale sacro nella tradizione Maya ed è sicuramente lì per un motivo.

Ceromonia Maya playa del carmen

E’stata una giornata meravigliosa e mi sento felice: anche questa è una delle ragioni per vivere qui a Playa e mi convinco sempre con maggior forza che nella vita nulla avviene per caso.

A ventanni ho iniziato a vivere tra l’Italia e il resto del mondo, ma dopo un anno si ripeteva sempre la stessa storia: tornavo ad Altare (Savona) dove sono cresciuta e dove vive ancora tutta la mia famiglia. Ogni volta, allo scadere dell’anno vissuto all’estero, iniziavo a non sentirmi più parte del luogo che mi ospitava e cresceva in me la voglia di tornare in Italia convinta che quello era il vero ed unico posto in cui avrei voluto vivere il resto della vita. Ma poi, le tante esperienze vissute, mi hanno aiutata a crescere. Fu allora che approdai a Playa del Carmen (Messico). La gente locale dice che a Playa del Carmen o ti perdi o ti ritrovi. In sei anni ho visto tanta gente perdersi, ma anche tanti ritrovarsi e, grazie al cielo, faccio parte di questo ultimo gruppo.

 

Sposarsi sulla spiaggia playa del carmen

Sono convinta che la vita sia una continua variabile: non so chi o dove sarò tra 10 anni, ma non è forse questo il bello della vita? Un interminabile pellegrinaggio pieno di sorprese dove l’importante, come diceva Proust, è quello di essere consapevoli che “ Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell’avere nuovi occhi”.

Federica Malagamba

[email protected]

Spiaggia a Playa del Carmen