Minorca e Ibiza ottengono il certificato di sicurezza sanitaria

Risaltano le misure adottate nelle isole per contrastare i contagi da Covid.

Gli aeroporti di Ibiza e Minorca hanno ricevuto la certificazione del programma Airport Health Accreditation dell’Airports Council International (ACI), un programma che valuta il rispetto delle misure sanitarie raccomandate dall’ACI, dall’International Civil Aviation Organization (ICAO), dall’EASA, dall’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) e dalle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO), il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) e le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che sono a loro volta allineati con gli obiettivi del Piano di recupero operativo sviluppato in Aena dall’aprile 2020 e che viene applicato in tutti gli aeroporti della rete.

L’Airport Health Accreditation (AHA) dimostra il continuo impegno di Aena per le misure adottate per la sicurezza dei lavoratori e dei passeggeri in seguito alla pandemia, con l’obiettivo di riconquistare la fiducia dei viaggiatori nel trasporto aereo.

Insieme con gli aeroporti di Ibiza e Minorca, gli aeroporti di Alicante-Elche Miguel Hernández, Girona-Costa Brava, Bilbao, Siviglia, Málaga-Costa del Sol, Valencia, Gran Canaria, Tenerife Norte-Ciudad de La Laguna, Tenerife Sur, Fuerteventura, Lanzarote, La Palma, El Hierro e La Gomera hanno anche ottenuto l’accreditamento, oltre a Adolfo Suárez Madrid-Barajas, Josep Tarradellas Barcellona-El Prat e Palma de Mallorca, che già ottenuto la certificazione all’inizio dell’anno.

In totale, fino ad ora, 19 aeroporti hanno ottenuto questa certificazione, mentre gli altri sono in fase di elaborazione. Così, i tre aeroporti delle Baleari hanno già l’accreditamento di “aeroporti sicuri”.

Come pubblicato dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) nelle sue “linee guida per il test del covid-19 e la quarantena dei viaggiatori aerei”, il trasporto aereo ha dimostrato di essere un ambiente di bassa prevalenza del virus, con meno dell’1% di casi rilevati di covid-19 e nessun aumento del tasso di trasmissione.

I protocolli e le misure sono applicati in tutti gli aeroporti della rete Aena.

Tra queste misure, l’ACI ha certificato il rafforzamento della pulizia e della disinfezione negli impianti, il controllo della capacità massima consentita e l’adattamento dei diversi processi operativi alla nuova realtà.

Allo stesso modo, l’ACI ha valutato l’installazione di schermi protettivi (l’aeroporto di Minorca ha installato più di 150 schermi e quello di Ibiza più di 125 distribuiti in diversi punti del terminal, banchi di check-in, cancelli d’imbarco, controlli sanitari, filtri di sicurezza, punti di informazione per i passeggeri, ecc.); segnaletica informativa attraverso schermi digitali, poster e altoparlanti con messaggi sull’uso di maschere, distanza personale, igiene delle mani, ecc. così come segnalatori di distanziamento sociale o l’eliminazione di posti a sedere. Aena ha sviluppato 84 nuovi messaggi che includono tutte queste variazioni in diverse lingue, e più di 400 adattamenti sono stati creati per le diverse aree delle infrastrutture.

Inoltre, sono stati installati circa 70 distributori di gel idroalcolico a Minorca e circa 75 a Ibiza e altri elementi senza contatto come i rubinetti (più di 150 nuove unità all’aeroporto di Minorca e 60 all’aeroporto di Ibiza).