Dal punto di vista naturalistico ce n’è davvero per soddisfare i gusti più diversi: dalle vette del Pico do Fogo alle vallate di Santo Antao, dai fondali ricchissimi a spiagge ancora deserte. L’arcipelago sta conoscendo un interessante sviluppo economico cosa che lo rende particolarmente interessante per gli investitori esteri, sia per acquisti immobiliari sia per iniziare attività attività imprenditoriali. Ed è di questo che parliamo con Luca.

Vivere a Capo Verde

Ciao Luca, raccontaci un po’ come hai conosciuto Capo Verde.

Amo tantissimo viaggiare e scoprire sempre posti nuovi; ho una particolare predilezione per i luoghi dal clima caldo e con spiagge bellissime. È stato così che, circa dodici anni fa, sono arrivato a Capo Verde, un posto che ha esattamente le caratteristiche di cui ti parlavo prima.

Che paese è dal punto di vista economico?

Ho già visitato molti altri paesi africani e, proprio per questo, credo di poter dire che Capo Verde sia quello con il miglior tenore di vita, grazie anche ai molti aiuti ricevuti, sia da associazioni umanitarie sia dalla Banca Mondiale che ha stanziato molti fondi per realizzare diverse infrastrutture. Gli abitanti di questo paese possono sicuramente contare su un reddito pro capite decisamente superiore a quello di altri paesi africani. Un altro aspetto importante è che la moneta di qui è agganciata all’euro, a livello di cambio, quindi non ha avuto nessuna svalutazione; cosa che è capitata ad altri paesi emergenti.

Ci sono settori che offrono particolari opportunità lavorative?

Direi di sì, come capita spesso ai paesi in via di sviluppo. Ci sono settori, come l’alimentare e il turismo, che offrono sicuramente ampi margini di miglioramento, in termini qualitativi e quantitativi. Ma sono molti i settori che consentono, a chi ha inventiva e voglia di lavorare, di intraprendere un’attività o rilevarne una già avviata.

Perché investire a Capo Verde?

Perché, a differenza di altri posti in cui la speculazione edilizia è stata enorme, qui c’è ancora tanto da fare. Senza contare che la crisi economica che ha investito tutto il pianeta, ha fatto abbassare di molto i prezzi degli immobili, anche quelli commerciali. Per cui direi che questo è il momento giusto. E poi, cosa non secondaria, qui non ci sono né uragani né terremoti, non ci sono tensioni religiose e la situazione politica è stabile. Dal punto di vista turistico poi, Capo Verde comincia ora ad essere conosciuta, quindi offre sicuramente molte più possibilità di altri posti. Ed è anche abbastanza facilmente raggiungibile dall’Italia: cinque ore di volo e si arriva.

Il governo locale ha adottato particolari misure economiche per incoraggiare gli investimenti? Com’è il regime fiscale.

Al momento non c’è nessun particolare provvedimento, ma questo fa pensare che, visto il nascente interesse per il paese, ce ne saranno sicuramente in futuro. In ogni caso, già ora, la tassazione e il regime fiscale sono decisamente migliori rispetto all’Italia.

Vivere a Capo Verde

E la burocrazia com’è?

Molto più snella e veloce, anche perché le pratiche da sbrigare sono decisamente meno che da noi.

Perché un immobile può essere una delle migliori forme di investimento?

Per prima cosa perché, visto il momento di incertezza generale e di crisi economica, diversificare gli investimenti è sempre la cosa migliore. In secondo luogo perché ci sono segnali che portano a pensare che, in futuro, il valore di un immobile in Italia sarà destinato a scendere. A Capo Verde i prezzi degli immobili sono bassi ora ma, vista la prospettiva di crescita turistica, un investimento immobiliare qui e ora, ha buonissime probabilità di rivelarsi assolutamente vantaggioso. Acquistare un immobile qui per darlo in affitto garantisce un’ottima rendita. Molti italiani hanno già iniziato ad investire qui.

Che consigli daresti ad un nostro connazionale che volesse trasferirsi lì?

Di farlo senza pensarci troppo. L’Italia, almeno per come la vedo io, è un paese non solo in crisi ma che da pochi segnali che lascino sperare in una ripresa, sia economica sia sociale. Se non si è pronti per trasferirsi definitivamente si può sempre cominciare a trascorrere qui alcuni periodi per imparare a conoscere il paese. Io credo che questo sia davvero il momento per prendere una decisione di questo tipo e provare a fare il passo decisivo per cambiare la propria vita: cercando di imprimerle una svolta positiva. L’importante è fare il primo passo e capire che la fatica, in realtà, è solo psicologica. Fino a questo momento non ho conosciuto un solo italiano che si sia pentito di essere venuto a vivere qui. E del resto è abbastanza normale se pensate al clima meraviglioso, al mare stupendo, ai ritmi di vita rilassati, al fatto di poter vivere senza inquinamento e con il mare raggiungibile in pochissimo tempo da dovunque voi siate. Tra le altre cose Capo Verde sta diventando la meta preferita anche per molti pensionati provenienti da diversi paesi europei, anche per questo clima che aiuta a garantirsi una vecchiaia in salute.

Com’è il tenore di vita?

Per quello che ti dicevo prima, assolutamente buono: vivere qui vuol dire acquistare anni sia fisicamente che spiritualmente. Dal punto di vista pratico ormai qui si trova tutto, sia dal punto di vista alimentare sia dal punto di vista dei servizi.

Secondo la tua esperienza investire a Capo Verde per comprarsi una casa o aprire un’attività è alla portata di tutti o richiede un capitale minimo di cui disporre?

È assolutamente alla portata dei più. Come ti dicevo, ora è il momento migliore per acquistare: pensa che bastano 35.000 euro per comprare un bilocale a 60 metri dal mare. Con questi prezzi in Italia non compri neanche un garage. Al momento c’è un’offerta piuttosto allettante di due appartamenti con mansarda con vista mare e altro spazio abitativo per un totale di 125 mq al prezzo di 90.000 euro. Non male direi. Ma ci sono tipologie abitative per tutti i gusti e per tutte le esigenze, a seconda dei luoghi e delle rifiniture. Anche comprare attività commerciali è interessante, sia per partire dal nulla sia per rilevare attività già esistenti; anche visto il crescente afflusso turistico e gli albeghi che stanno costruendo. Insomma venire a vivere in un paradiso non è impossibile, bisogna solo decidere e fare il primo passo. Il periodo di crisi ha convinto molti a prendere questa decisione per non vivere di rimpianti. E comunque, comprare una casa qui per iniziare a trascorrerci anche solo periodi limitati, può essere un modo per fare il primo passo. Noi siamo qui anche per questo. Per qualunque informazione scrivete a [email protected]

Io sarò felice di darvi tutto l’aiuto di cui potreste aver bisogno.

www.capoverdeinvestimenti.blogspot.it

Il blog di Luca per avere altre notizie.

A cura di Geraldine Meyer