Ho vissuto a stretto contatto con la gente dei villaggi Kuma Tsame Totsi, ho partecipato al progetto dell’ associazione VMDS TOGO facendo sostegno scolastico nella scuola materna insieme a 38 bambini con età compresa tra i 2 e i 4 ann, bambini stupendi, i bambini veri, bambini senza confini.

Mesi meravigliosi dove ho imparato un amore di cui non ero ancora a conoscenza, un amore davvero incondizionato; mesi in cui ho partecipato alla vera gioia, quella gioia che gli europei hanno ormai dimenticato da tanto tempo, gioia nella povertà, fatta di tradizioni e valori ancora solidi, intoccabili.

L’ Africa sorride, l’ Africa ama…e io ho scelto di vivere così. Acquisterò un terreno vicino al fiume del villaggio, gli accordi col proprietario son già presi, farò agricoltura e allevamento, costruirò una piccola casa per me e la mia mamma togolese, la donna che mi ha insegnato più di chiunque a vivere all’ africana, farò costruire delle capanne per ospitare i futuri volontari e un orfanotrofio. Per la costruzione delle capanne e dell’ orfanotrofio ho già un piccolo aiuto da parte dell’ associazione di volontariato italiana OIKOS di Roma, che darà il via al progetto e insieme cercheremo di trovare dei finanziamenti.

Susanna, volontariato in Africa

Perchè faccio questo? Vale la pena di aiutare l’ Africa, io mi sono sempre girata intorno, specialmente negli ultimi anni, cercando di capire il significato della parola CASA, non è il furgone in cui abito e con cui mi sposto, non è l’ appartamento dei miei genitori o di qualsiasi altro membro della mia famiglia. In questi tre mesi ho capito cosa vuol dire, casa è dove più sei felice, ma non quella felicità fittizia, parlo della vera felicità, quella che c’è sempre, anche nei momenti di abbattimento, anche quando sei triste. La gioia ecco, la CASA è GIOIA.

☞ Leggi la nostra Guida per andare a vivere, lavorare o investire in Africa

Scesa dall’ aereo per lo scalo Parigi Roma mi sono sentita come in un video game, mi sono resa conto di quanto qua tutto sia plastificato, artificiale, circondata da cose banali, finte dove altri hanno deciso per te, tutto in una partita virtuale dove a volte giochi, ci sei dentro, altre invece ti scolleghi ed è lì che ognuno di noi davvero apre gli occhi e incomincia a pensare che “le cose non vanno”, “non è così che voglio vivere”, “sto perdendo il mio tempo”, è lì che incominciamo a desiderare di cambiare e migliorare la nostra vita. una spinta che più si va avanti e più la si sente proprio per il semplice fatto che più si avanti e più le cose qua peggiorano.

volontariato in Africa

Io ho preso la mia decisione, ho deciso di cambiare la mia vita tornando alle tradizioni, all’ agricoltura, all’ allevamento, tornare ad osservare il clima, tornare ad uscire la sera se c’è la luna piena per parlare o danzare, in mancanza di elettricità.

Ho scelto di vivere e accogliere i bambini che sono stati abbandonati dai genitori o rimasti orfani, per guardare nella profondità dei loro occhi e sorridere quando loro sorridono per poter dire con tutto il mio cuore “Agbeame gnontò” La vita è bella!

Un abbraccio 

Per chi voglia vedere le foto del villaggio, della scuola e dei bambini mi chieda l amicizia su facebook, il mio contatto è IO ANAM, per chi vuole inviare una piccola partecipazione per continuare insieme a me a migliorare la vita scolastica degli allievi acquistando materiale scolastico mi invii un’ email e lo informerò più dettagliatamente possibile.

Susy

[email protected]