L’Orto dello Chef www.ortodellochef.it è un progetto di innovazione agricola, sociale e culinaria: a Bologna, otto chef piantano e coltivano il loro menu nei terreni dell’azienda agricola con ristorante Podere San Giuliano www.poderesangiuliano.it, e gli ortaggi arrivano direttamente dalla terra alla tavola dei loro ristoranti.

L’Orto dello Chef nasce da un’idea di Federica Frattini e Andrea Monteguti, imprenditori agricoli dal 1999, titolari di Podere San Giuliano, che credono profondamente nel rispetto dei tempi e dei ritmi naturali. Il rispetto e la coerenza sono i valori che danno davvero sapore agli ortaggi coltivati nell’Orto dello Chef.

Il cambiamento di vita può passare da molte strade, e la storia dell’Orto dello Chef racconta una storia di innovazione e rispetto, di ribaltamento del paradigma di sfruttamento del terreno per andare verso un rapporto di totale rispetto di esso. Questo ha permesso di creare quella che oggi è una realtà agricola e imprenditoriale di successo, dove l’ospite che alloggia può trovare un’accoglienza di vera qualità (non per niente Podere San Giuliano aderisce alla rete di Destinazione Umana www.destinazioneumana.it), dove il ristorante offre un vero “mangiar bene”, e dove l’Orto luogo dove si aggrega la vera rinascita agricola e imprenditoriale.

♕ Ecco la classifica dei 10 migliori chef italiani nel mondo

L'Orto dello Chef

Frattini e Monteguti raccontano che l’ idea dell’Orto dello Chef è nata naturalmente, basandosi sull’approccio che hanno sempre avuto nel loro stesso ristorante: il loro desiderio di innovazione era quello di un’agricoltura davvero a km 0, un’agricoltura sostenibile – ovvero che si sostenesse da sola – in un ritmo di costante rinnovamento e ascolto dei tempi e della terra. Hanno così iniziato a portare nella tavola del loro ristorante i prodotti del loro orto, e poi hanno compreso che la stessa cosa poteva essere proposta in altri ristoranti e ad altri Chef che volessero davvero sperimentare una nuova modalità agricola: ed è nata così l’idea dell’Orto dello Chef.

L’Orto dello Chef è attivo da circa quattro anni, ma grazie al successo riscontrato si è rinnovato con un nuovo sito dedicato www.ortodellochef.it e nuovi eventi che vedono il terreno agricolo davvero protagonista, come i Martedì dell’Orto www.alcenero.com/notizie/i-martedi-dellorto/ , serate a tema in cui lo chef di cucina vegetariana Simone Salvini cucina prodotti dell’Orto di Podere San Giuliano e prodotti biologici Alce Nero.

Oltre alle sperimentazioni culinarie di Simone Salvini durante i Martedì dell’Orto, L’Orto dello Chef ospita permanentemente i menu di Max Poggi, Mario Ferrara, Ivan Poletti, Christian Mometti, Leonora Rinaldi, Claudio Sordi e Aurora Mazzuchelli, e i prodotti arrivano dai terreni dell’Orto alla loro tavola in meno di due ore.

★ Un MUST! ★ Leggi la nostra guida su come lavorare nella ristorazione in Italia e all'estero

Federica Frattini e Andrea Monteguti sottolineano come questa modalità permetta di creare un vero legame di fiducia tra loro e gli Chef: il rapporto personale e il dialogo costante permette agli Chef di essere sempre aggiornati sulla crescita dei prodotti, nonché di sperimentare anche nuove modalità e nuove semine, e ovviamente di sapere esattamente da dove provengono i prodotti che propongono in tavola.

Nel cuore del progetto dell’Orto dello Chef ci sono quindi le persone, con la cura costante da parte di Federica Frattini e Andrea Monteguti di quel valore umano imprescindibile che permette di portare un vero cambiamento nell’approccio con la terra e con la tavola, affidando alla terra lavorata consapevolmente il cibo che viene portato nei piatti.

Inoltre gli Chef sono consapevoli che gli ortaggi dell’Orto dello Chef provengono da una produzione agricola effettuata con metodi rispettosi dell’ ecosistema circostante, dove sono stati utilizzati – solo quando strettamente necessario – anti parassitari naturali, con un minimo impiego di macchine motorizzate, dove viene perseguito lo sviluppo di uno stile di coltivazione che conserva l’integrità della microflora del suolo.

“E’ stato poi recentemente introdotto l’utilizzo della macchina agricola Ecogreen” aggiunge Monteguti “una macchina versatile e multi funzione, dotata di accessori che permettono operazioni come distesa e raccolta di teloni, irrigazione e irrorazione, che è stata premiata con la Medaglia d’oro Innovation Award Macfrut 2015”

Questa è coerenza, questa è la Natura che ritorna a dare i tempi, nell’Orto e in Cucina.