La vita di Marzia nelle Filippine

Mi chiamo Marzia Occelli, ho 34 anni e sono di Torino, ho lasciato un lavoro sicuro come commessa in una libreria antiquaria per inseguire il mio sogno. Vivo da due anni nelle Filippine, isola di Tablas, dove ho aperto un piccolo agriturismo sul mare (www.resortfilippine.com). Una sensazione di libertà impagabile. Questo è il mio racconto.

Tablas, Filippine

L’alba

Il mare. Apro gli occhi ed è lì. La baia di Looc, con le secche, le fosse profonde, le maree.

Ogni mattina scopro nuove tonalità di azzurro e di verde, e con la testa leggera come un soffio di aria fresca incomincio la mia giornata. Bugs, il mio cane, mi fa le feste con il suo alitaccio al tonno.

Risparmiare fa bene! Il 2005

Dormire, lavorare, mangiare, dormire. Produrre, consumare, morire. La piena e dolorosa consapevolezza della sterilità di una vita che non insegue qualcosa mi ha sempre spinta con caparbietà verso il mio sogno: vivere nella natura e raggiungere l’autosufficienza alimentare ed energetica. Come ci sono arrivata?

Dal punto di vista economico, potendo contare solo su uno stipendio normale, ho puntato molto sul risparmio. Mi muovo in bicicletta (e mi sono anche tenuta in forma!), Non avere una macchina è un risparmio eccezionale.

Presto molta attenzione agli acquisti, che non vuol dire rinunciare ma semplicemente farsi furbi e non farsi ingannare. Anche la spesa alimentare, quella di tutti i giorni, incide molto sul bilancio familiare: evito le cose confezionate, e finisce che oltre a risparmiare mangio anche bene e sano! Mi piace cucinare e alla domenica mi preparo il pranzo da portare in ufficio per tutta le settimana. I bar?? Bleah!!!

Riguardo e controllo tutti i tipi di contratto, luce, telefono, connessione internet.

Insomma con qualche accorgimento in pochi anni metto via un gruzzoletto, come valorizzarlo?

→ Potrebbe interessarti anche: I migliori 10 piatti tipici della cucina filippina

Guadagnare in euro è ottimo, spendere in euro un po’ meno… I prezzi sono raddoppiati in ogni campo in Italia, nonostante il parere degli esperti. All’estero, nei paesi in via di sviluppo però l’euro è molto forte.

In questi anni viaggio a lungo in Thailandia e Laos. Praticamente mi ripago delle spese aeree già solo andando dal dentista a Bangkok e comprando qui i regali di Natale per amici e parenti. Inoltre evito di pagare il riscaldamento a Torino.

Viaggiare è bellissimo, suoni, odori, sapori, esperienze nuove, la mente si rigenera e le prospettive si ampliano. Ma arrivo a un punto in cui viaggiare non mi basta più. Non voglio più tornare. Non sopporto più nulla. Scalpito.

Tablas, Filippine

La mattina

L’attività del paesino a pochi kilometri dal mio resort è tutta concentrata nelle ore più fresche del mattino. Al mercato bisogna arrivarci presto: tonni, lampughe, carangidi, aguglie, pesci spada, gamberi, polpi,seppie,granchi, tutti appena pescati e bellissimi.

In panetteria incontro gli amici, curiosiamo a vicenda nelle rispettive borse della spesa e scambiamo battute, pettegolezzi e risate. Un salto all’internet shop e poi riparto in motorino. Mi godo il paesaggio di palme, cielo azzurro e colline cantando a squarciagola.

Internet rende liberi. Il 2007

Siamo condannati a questa vita tele-comandata? Ai vari Corona, Belen, ai jingle ossessivi delle pubblicità? A una politica ormai vissuta solo in televisione, a un’ informazione pre-selezionata, pre-digerita, omogeneizzata? Dal 2003 la mia televisione è spenta. Sento di vivere nell’epoca d’oro di Internet. Prima che le censure, gli attacchi ai server liberi, la gerarchizzazione forzata dei motori di ricerca comincino a rovinare tutto. Fagocito ogni tipo di informazione, sono una vera spugna. Come se tanti spazi nel mosaico delle mie conoscenze si riempissero a formare un quadro complesso ma mai finito.

I miei viaggi si arricchiscono anche grazie a Internet, ma ora il mio obiettivo è cambiare vita. Cercando il modo migliore di dare le dimissioni ( non ce la faccio davvero più), di sito in sito, finisco curiosamente sul website di una famiglia che vende terreni nelle Filippine. I prezzi sono un po’ alti per le mie tasche, ma tra le tante offerte ne trovo una molto interessante e che rientra nel mio budget. Un terreno sul mare, un po’ rialzato, pianeggiante e con una vista stupenda. Cerco anche su altri siti, ma da lontano appaiono tutti molto impersonali anche se le condizioni sono più vantaggiose. Inoltre il terrore della fregatura mi porta a preferire chi ci mette una faccia e un nome.

A marzo 2007 parto per Tablas, Filippine.

Marzia Occelli filippine

Il pomeriggio

In barca, coperta da un enorme cappello di paglia, porto i miei ospiti a fare snorkeling e a visitare le spiagge più sperdute. A volte ci si imbatte nelle tartarughe e nei delfini. Cerchiamo di non disturbarli, è importante rispettare un ecosistema così ricco e fragile. Quando il sole si smorza un po’ mi dedico all’orto, zappetto, semino, raccolgo la verdura e la frutta, mi diverto. Disseto le capre e le porto sul prato. Faccio la doccia ai maialini e li libero un po’… combinano certi disastri!!!

Colpo di fulmine

Accoglienza calorosa e paesaggi mozzafiato. Tablas è verdissima, la gente sorride molto di più che in altri paesi asiatici. Rimango molto colpita dal terreno, ha delle potenzialità incredibili, la posizione e la vista sono perfette, la strada è vicina. Essendo straniera però non posso diventare proprietaria, quindi opto per un escamotage con formula di affitto a vita. Più avanti nel tempo farò la corporation. Consiglio a tutti di munirsi di un avvocato che li guidi e li consigli, in modo da poter dormire sonni tranquilli. La fiducia è infatti una cosa che richiede anni, e nelle transazioni di questo genere è meglio puntare sulla precisione e la professionalità. Per l’amicizia e la fiducia c’è sempre tempo. Insomma tra vari festeggiamenti misuriamo il terreno e firmiamo la prima tranche di (importantissime) scartoffie.

Torno in Italia, al mio lavoro, con dentro al cuore una marcia in più. Tutte quelle ore in ufficio e in negozio cominciano ad assumere un significato, una prospettiva. Il progetto sta prendendo forma! Disegno case, cottage, studio la disposizione delle costruzioni, dell’orto, della cucina, mi informo sui materiali, cerco di fare un po’ di conti. E sogno.

Vivere nelle Filippine

La sera

E’ l’ora della partita di pallavolo! La palla sotto il braccio e le scarpe da ginnastica, sono pronta per il rito tardo pomeridiano. Le ragazze e i ragazzi di Buenavista si ritrovano in piazza per fare due tiri a basket e a pallavolo: tra cani, galline e bimbi piccoli non si finisce quasi mai una partita! Alle 6 e mezza è già buio, le stelle sono ovunque, la Via Lattea è proprio sopra la mia testa. Tra un aperitivo e una partita a ping pong prepariamo la cena.  E’ il momento dei racconti, delle riflessioni e delle risate. Un momento della giornata speciale da condividere con chi mi vuole bene, guardando il cielo e i fulmini lontani sul mare.

Tramonto alle Filippine

Nella primavera 2008 torno a Tablas e incomincio le costruzioni. Come in ogni parte del mondo i lavori vanno seguiti attentamente e di persona, e per me che non ho esperienza in questo campo e con questi materiali è un po’ difficile. E’ un’annata molto piovosa e i lavori vanno a rilento, inoltre i ritmi lavorativi sono molto inferiori ai nostri e pur con tutta la buona volontà faccio fatica ad abituarmi! Ad Agosto, con più di due mesi di ritardo, riesco comunque a inaugurare l’agriturismo con i miei primi due clienti. Sono emozionatissima e felice, ci sono ancora tante cose da sistemare ma il resort funziona!!! E’ bello sentire di avere degli impegni ma non delle costrizioni, di avere dei doveri ma non dover eseguire ordini, è bello sentirsi indipendenti e padroni delle proprie scelte, anche con tutti i rischi che una vita così comporta.

Fino a oggi l’attività non si è mai fermata, alcuni clienti sono già tornati più volte a trovarci, alcuni si sono trovati così bene sull’isola che si sono addirittura trasferiti nelle vicinanze! Per ogni idea che realizzo me ne vengono in mente altre dieci. E’ una vita stimolante e intensa, piena di sfide e di soddisfazioni.

Questo è il mio sito: www.resortfilippine.com

Se volete scrivermi: marziaoccelli@gmail.com

Per le foto o la chat su facebook: Buenavista Filippine