Vita da nababbi: i paesi  che riescono a soddisfare da soli il loro fabbisogno energetico

Se anche tu sei tra coloro che stanno pensando di trasferirsi in un altro paese, presta molta attenzione a quello che stai per leggere in questo post perché ti sarà molto utile. In qualsiasi luogo del mondo stia meditando di andare, sappi che una grande disponibilità di Energia può consentire agli abitanti del luogo di usufruire di condizioni di vita molto comode. Un’auto, una moto, un televisore, una lavatrice, un frigorifero, una lavastoviglie, un computer, un telefono non funzionerebbero mai senza una fonte di Energia. Un paese senza Energia sarebbe costretto a rinunciare a parte del proprio benessere. Nella realtà dei fatti, gli Stati che non riescono a produrre abbastanza energia per coprire il proprio fabbisogno energetico, si accordano con altre nazioni che invece riescono a produrne in surplus, e la acquistano da loro.

fabbisogno energetico

Questa situazione di dipendenza da altri Stati non è però mai salutare per la stabilità del paese, ed è anzi pericolosa perché mette in una condizione di subordinazione costante nei confronti della nazione che fornisce l’Energia. Quello che è certo è che un paese ben gestito dovrebbe poter creare autonomamente l’Energia che gli serve. Ciò è importante oggi e lo è ancora di più in una prospettiva di medio/lungo termine.

L’Europa sta vivendo una grave situazione di incertezza proprio in questi mesi a causa di una vera e propria “seconda guerra fredda” tra gli Stati Uniti e la Russia. Pare proprio che la Russia (che ha le maggiori riserve mondiali di gas) potrebbe essere messa nelle condizioni di non poter fornire il gas ai paesi europei il prossimo inverno. Almeno questo è quello che vorrebbero in America. Come si evolveranno le cose lo si vedrà presto.

La situazione generale è che non tutti gli Stati del mondo riescono ad essere autosufficienti e consumano più di quello che producono. Questo li espone a rischi enormi.  Al contrario, non sono molte le nazioni che riescono ad essere autosufficienti o addirittura sono in grado di produrre più Energia di quella che occorre alla propria popolazione.

Per scoprire i nomi di questi fortunati paesi ho analizzato la Mappa Mondiale dell’Autosufficienza Energetica presente all’interno dell’e-book Eden, trova il Tuo Paradiso Terrestre. Come alcuni di voi già sanno si tratta di un libro digitale, uno strumento operativo, che accompagna il lettore verso la scelta del proprio personale Eden. Per far questo analizza tutti i 196 Stati del pianeta, affrontando gli argomenti fondamentali della vita di ogni persona, tra cui il Clima, il Costo della Vita, la presenza di Criminalità e molti altri. Uno dei temi affrontati è proprio l’autosufficienza energetica.

fabbisogno energetico

♠ Curiosità: scopri le 22 Mappe del Mondo, dalle classiche alle più curiose ♠

Chi infatti trasferendosi all’estero vorrebbe ritrovarsi in un paese continuamente instabile e soggetto alla tirannia politico-energetica dei paesi fornitori?

Nella mappa contenuta all’interno dell’ e-book viene mostrato in che misura ogni singola nazione dipenda da altre nazioni per il proprio approvvigionamento di Energia, o al contrario risulti autosufficiente (perché riesce a produrre tutta l’Energia che le necessità). Inoltre, è possibile sapere quali sono i paesi che, oltre ad essere autosufficienti, producono addirittura un surplus di Energia che esportano, ricavandone un guadagno.

Da essa si comprende l’infelice situazione dei paesi europei, che consumano molto, ma producono poco. Tra questi paesi c’è l’Italia che in Europa si trova in una delle peggiori situazioni in quanto ha una gravissima dipendenza da altre nazioni. Questo è dovuto principalmente alla pessima visione in campo energetico avuta dai politici che si sono alternati ai governi fino ad ora.

Dopo aver visionato la Mappa Mondiale dell’Autosufficienza Energetica ho voluto estrapolare i nomi delle 20 nazioni migliori in questo ambito, quelle che oltre ad essere completamente autosufficienti, sono in grado di guadagnare sul surplus di energia prodotta.

Ecco la classifica:

  1. Ciad
  2. Timor Est
  3. Angola
  4. Guinea Equatoriale
  5. Congo (Brazaville)
  6. Gabon
  7. Nigeria
  8. Brunei
  9. Libia
  10. Qatar
  11. Norvegia
  12. Kuwait
  13. Sud Sudan
  14. Sudan
  15. Azerbaigian
  16. Algeria
  17. Iraq
  18. Oman
  19. Colombia
  20. Arabia Saudita

Nonostante le loro grandissime risorse, alcuni di questi paesi non riescono a far vivere la propria popolazione in maniera adeguata, principalmente a causa della politica corrotta che li governa. Altri Stati invece hanno saputo sfruttare le loro risorse distribuendo la ricchezza in maniera più equa. In questi paesi, grandi fasce di popolazione vivono nell’agio.

Certamente quello dell’autosufficienza energetica non è il solo tema da tenere in considerazione nella scelta del paese migliore, anzi è probabilmente un argomento di secondaria importanza, tuttavia per poter scegliere con cognizione di causa tra i 196 paesi del mondo è fondamentale avere un quadro il più possibile ampio.

Spero con questo mio post di essere stato utile.

Per chi desiderasse avere una visione globale e conoscere la situazione di tutti i 196 paesi del mondo consiglio la lettura integrale dell’e-book “Eden, trova il Tuo Paradiso Terrestre”. Maggiori informazioni sugli argomenti trattati nell’e-book (come ad esempio Costo della Vita, Livello Salariale, Aspettativa di Vita, Qualità del Sistema Sanitario, ecc..) si possono trovare sul sito ilmioeden.it

L’e-book è disponibile su Amazon, iTunes, IBS, Excalibooks e molti altri portali.

Roberto Stanzani

info@ilmioeden.it