Adesso prova a pensare di trasferirti nel paese migliore possibile su questa Terra: sicuramente, in questo paese ideale, si vive pacificamente. I cittadini vivono in sintonia tra di loro, non c’è intolleranza ne tantomeno violenza. Quello che stai immaginando è un paese dove tutte le libertà fondamentali (diritti umani) sono pienamente rispettate.

Torniamo per un attimo ad uno dei tre Stati citati nella prima frase di questo post: l’Indonesia. Questa nazione dalla storia millenaria è una meta molto apprezzata dai turisti di tutto il mondo, per le sue estreme bellezze naturali legate ad un mare limpidissimo ed ad un entroterra incantevole. L’Indonesia non viene colpita dagli uragani, ha un clima caldo tutto l’anno e l’aria è pura a livelli che in Europa non ci si immagina nemmeno. Ma attenzione, non è tutto rose e fiori: c’è un tipo di libertà che in questo paese non viene rispettata. In Indonesia il diritto di professare liberamente la propria religione è calpestato rabbiosamente. Negli ultimi 4 anni la violenza e gli abusi colpiscono coloro che non si professano musulmani sunniti. Addirittura un ateo dichiarato rischia la pelle.

Mappa Mondiale della Libertà di Religione

La Libertà di Religione viene considerata la più grande delle libertà. L’ex Papa Benedetto XVI ha affermato in un suo discorso che la libertà religiosa non fa parte di una lunga lista di libertà, ma è la radice di tutte le altre. Non si può non constatare che i paesi che concedono un elevato livello di libertà religiosa, godono parimenti di eccellenti livelli in altre tipologie di libertà. Purtroppo sono troppi i paesi nel mondo nei quali la popolazione non accetta ciò che si presenta come diverso (diverso dalla maggioranza). Per descrivere la paura del diverso è stato coniato il termine xenofobia, che fa paura solo a pronunciarlo.

L’intolleranza religiosa in alcuni Stati ha scatenato la violenza più dura e la più cieca repressione. Andresti a vivere in un paese che vuole reprimere e condannare quello in cui intimamente credi? Penso proprio di no. Sicuramente andresti invece a vivere in una di quelle nazioni dove la libertà di religione è un diritto pienamente acquisito.

♠ Curiosità: scopri le 22 Mappe del Mondo, dalle classiche alle più curiose ♠

Con questo post voglio mostrare a tutti quali sono i paesi che più rispettano questo tipo di libertà individuale. Per far ciò ho visionato la Mappa Mondiale della Libertà di Religione che è contenuta all’interno dell’e-book “Eden, trova il Tuo Paradiso Terrestre”.

Questo libro digitale è uno strumento operativo, che accompagna il lettore verso la scelta del proprio personale Eden. Per far questo analizza tutti i 196 Stati del pianeta, affrontando gli argomenti fondamentali della vita di ogni persona, tra cui il Clima, il Costo della Vita, la presenza di Criminalità, il rispetto dei Diritti Umani e molti altri. Uno dei tanti temi affrontati è proprio la Libertà di Religione.

Qui di seguito trovi una porzione della Mappa Mondiale della Libertà di Religione. Questa porzione di mappa mostra la reale situazione dell’intera Africa e di parte del Medio Oriente. L’Africa è un continente che purtroppo balza agli onori delle cronache Occidentali solo per i fatti negativi. Come invece potrai notare dalla porzione di mappa, ci sono Stati nei quali i diritti umani sono pienamente rispettati (più che in alcuni paesi europei).

Mappa Mondiale della Libertà di Religione

Qui sotto riporto la classifica dei 10 paesi che, tra i 196 Stati del mondo, si distinguono per avere un altissimo livello di Libertà di Religione.

Ecco quali sono:

  1. Suriname
  2. San Marino
  3. Isole Marshall
  4. Micronesia
  5. Sao Tomè e Principe
  6. Capo Verde
  7. Senegal
  8. Grenada
  9. Lesotho
  10. Repubblica Dominicana

Tra i paesi europei, solo il piccolo Stato di S.Marino figura nella top ten. Le altre nazioni appartengono al continente Africano, al centro America e alle lontane isole del Pacifico.

Certamente quello della Libertà di Religione non è il solo tema da tenere in considerazione nella scelta del paese migliore, tuttavia per poter scegliere con cognizione di causa tra i 196 paesi del mondo è fondamentale avere un quadro il più possibile ampio.

Roberto Stanzani

info@ilmioeden.it