Viaggio tra gli italiani all’estero: il numero speciale della rivista “il Mulino”

 

Chi sono gli italiani all’estero? Perché a un certo punto della loro vita decidono di partire lasciando casa e affetti? Quali sono le opportunità che pensano di poter trovare e quali quelle che poi hanno effettivamente trovato?

A queste e altre domande risponde il numero speciale de “il Mulino”, rivista bimestrale di cultura e di politica, edita dall’omonima Associazione.

Nata nel primo dopoguerra per volontà di un gruppo di studenti, la rivista è ancora oggi una delle pubblicazioni più autorevoli del nostro Paese. Merito della sua offerta diversificata e di un’analisi equilibrata degli argomenti di maggiore attualità.

E uno degli argomenti più attuali è senza dubbio quella grande fuga all’estero che da anni vede i nostri connazionali – se ne contano ormai più di 5 milioni – fare le valigie e dire addio all’Italia. Noi di Voglio Vivere Così, d’altronde, lo sappiamo bene.

➭ Scopri l'elenco dei Paesi dove maggiormente emigrano gli italiani nel mondo

Il numero de “Il Mulino”, è un vero e proprio viaggio che oltre agli interventi di alcuni dei maggiori studiosi del fenomeno, comprende una ampia sezione di storie autobiografiche, dove 40 italiane e italiani raccontano in prima persona la loro esperienza.

«Un viaggio non semplice, che cerca di dare uno sguardo il più possibile d’assieme di un fenomeno che è assai variegato, difficile da cogliere e molto spesso presentato per stereotipi», scrive nella presentazione il vicedirettore Bruno Simili.

Dopo l’introduzione affidata a Enrico Pugliese, una prima parte di contributi, aperta dalla lettura storica di Maddalena Tirabassi, analizza infatti nelle sue diverse sfaccettature l’emigrazione italiana contemporanea. E già perché l’emigrazione italiana non solo è un fenomeno di lunga durata, tornato prepotentemente di attualità dopo la crisi finanziaria ed economica del 2008, ma anche un fenomeno trasversale che se inizialmente riguardava soprattutto i giovani, i cosiddetti “cervelli in fuga” adesso colpisce anche pensionati e adulti. Al sud come al nord, senza più distinzioni geografiche.

La nuova emigrazione colpisce tutti e tocca tutti da vicino, come spiega sulle pagine della rivista Maddalena Tirabassi, direttore del Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane: «Più o meno direttamente tutta la popolazione italiana ha avuto un’esperienza migratoria e più o meno chiunque di noi oggi conosce – perché parente, amico, collega, compagno – qualcuno che ha deciso di lasciare l’Italia per trasferirsi all’estero».

C’è poi una parte molto interessante che presenta le diverse forme di autonarrazione. «Se infatti nel secolo del grande esodo, si scrivevano lettere e memorie, spesso senza alcuna consapevolezza che un giorno qualcuno le avrebbe lette; oggi, negli anni Duemila, si ricorre ai social network e ai blog, consapevoli viceversa che un pubblico ci sarà comunque», continua nella presentazione il vicedirettore.

Non mancano, infine, le storie degli italiani all’estero, le stesse che quotidianamente anche noi proponiamo ai nostri lettori. Ognuna simile eppure completamente diversa, speciale a modo suo. Perché speciali sono le persone e diverse le motivazioni che hanno spinto tanti italiani a trasferirsi oltre i confini. Storie di successo e crescita, ma anche di arretramento.

Curiosità: Sai quanti sono gli italiani all'estero? Scoprilo subito!

«Qualcuno, dopo un’esperienza più o meno lunga all’estero, è rientrato in Italia. Ma per quasi tutti la vita ha preso una strada che poco alla volta li ha allontanati dal Paese in cui sono nati e cresciuti. La loro scelta, il più delle volte definitiva e il più delle volte motivata da difficoltà riscontrate in Italia a trovare un’occupazione degna, a costruire un proprio percorso famigliare, – conclude Bruno Simili – è un segno da prendere molto sul serio di un declino italiano che, per essere arrestato, richiederebbe una visione che possa ridare fiducia nel futuro. Quel futuro che in tanti oggi scelgono di cercare altrove».

Per approfondire l’argomento e scoprire tutte le storie che “il Mulino” ha raccolto nel suo numero speciale questo l’indirizzo web ufficiale della rivista:

www.rivistailmulino.it/.

È possibile acquistare la rivista sia in cartaceo che come e-book. A questo link trovate una breve sinossi e le possibili forme di acquisto:

www.mulino.it/news/newsitem/index/Item/News:NEWS_ITEM:4796.