Un’alimentazione corretta ti salva la vita

Di Alessandro Luongo

Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo. “Lo diceva ai suoi tempi Ippocrate ma vale ai nostri tempi più che mai perché esso è ancora oggi la nostra più importante cura” spiega Suzanna Lindstahl, diplomata in Naturopatia Psicosomatica, specializzata in diagnosi e cure per intolleranze alimentari, nutrizione, anti-aging, fitoterapia, ipnoterapia, Psych-K e health-coaching. Dirige la clinica “Body Concept” a Stoccolma, in Svezia, e aprirà presto uno studio a Milano. “Con un’alimentazione corretta siamo in grado di rallentare l’invecchiamento, correggere squilibri e, addirittura, guarire il nostro corpo. Non mi sorprende per niente che questo giovane uomo abbia risolto un grave problema di salute curando l’alimentazione”.

alimentazione corretta

La specialista commenta il caso a lei raccontato di L.T. 28 anni, di Roma, che preferisce rimanere anonimo. “Dopo un’infanzia terribile dovuta alla malattia di mio padre schizofrenico, e in seguito a uno stress lavorativo (“lavoravo di notte, la mattina andavo a scuola e il pomeriggio praticavo sport”)” racconta, “inizio a soffrire di ulcere debilitanti, e a 26 anni i medici mi diagnosticano un mese di vita. Per salvarmi mi consigliano delicati interventi chirurgici, che io rifiuto”. L.T. non si da per vinto e si reca in ritiro spirituale con un suo maestro di arti marziali sulle montagne abruzzesi. Incontra un fitoterapeuta prima e un iridologo dopo che gli diagnostica la malattia (la stessa dei medici); ma entrambi gli cambiano la terapia. Tisane e alimentazione macrobiotica lo rimettono in forma in quattro mesi. Com’è stato possibile? Risponde l’esperta. “L’ulcera è una patologia che può essere risolta anche con la dieta giusta, e alcuni altri accorgimenti, permettendo al proprio corpo di attivare la capacità di auto-guarigione. E’ fondamentale inoltre mantenere uno stile di vita sano, eliminando lo stress o rendendo il corpo e la mente più resistenti magari mediante tecniche di respirazione, meditazione e visualizzazione guidata, ipnoterapia e yoga”. La causa principale dell’ulcera non è nota.

Vuoi rimetterti in forma? 🥗 Scopri i nostri 10 consigli per un'alimentazione sana! 🥑

Tuttavia sono stati identificati numerosi fattori che, se compresenti, potrebbero provocarne l’insorgenza. Fra cui i batteri (Helicobacter Pylori); l’alimentazione; l’infiammazione della mucosa (gastrite); l’assunzione di farmaci (specialmente antiinfiammatori non steroidei, i FANS); l’alcol, caffeina, grassi e fumo. Le alterazioni degli enzimi, della flora, del Ph della mucosa intestinale influenzano la salute a livello intestinale, ma anche a distanza in qualsiasi parte dell’organismo.

Altro agente a indurre uno stato d’infiammazione cronica dello stomaco e intestino e con il tempo a provocare l’ulcera sono le intolleranze alimentari. Gli alimenti più nocivi per la salute sono il glutine e i latticini. Un’intolleranza alimentare non diagnosticata compromette lo stato di salute di stomaco/intestino e può favorire l’insorgenza di LGS, ulcera e malattie auto-immuni quali per esempio, il Morbo di Crohn. Una curiosità: una maggiore incidenza della malattia si riscontra nei soggetti di gruppo sanguigno 0. “Durante tanti anni di esperienza lavorativa nella mia clinica a Stoccolma ho difatti riscontrato che molti pazienti con problemi stomaco/intestino appartengono a tale gruppo sanguigno. E sono proprio coloro che di solito non tollerano il glutine e i latticini. Eliminando questi alimenti sono riusciti a non solo migliorare la propria salute, ma anche a guarire di problemi che nessun’altro prima era stato in grado di risolvergli”. Sembra così utile e consigliabile eseguire un test d’intolleranze alimentari.

Suzanna Lindstahl, [email protected]