Presto l’apertura di due nuove importanti sedi LearnItaly in Italia

A cura di Enza Petruzziello

Ho incontrato Massimo Veccia, fondatore e direttore di Learn Italy Communication USA, la Rete Internazionale di scuole di lingua e cultura italiana che oggi rappresenta un vero e proprio ponte tra l’Italia, gli USA e il resto del mondo, per una chiacchierata davanti ad un caffè americano fumante come nello stile di un primo pomeriggio d’autunno a New York. L’unica differenza è che al posto di essere seduti su una panchina a Central Park, tra le foglie che cadono, ognuno è sul proprio divano, siamo collegati online.

È la digital revolution penso.

La prima cosa che mi viene in mente di chiedere a Massimo è che per anni lo slogan che ha coniato per Learn Italy e che ha fatto il giro del mondo è stato: “Cervelli in fuga … no grazie!!! Sentitevi Cervelli in Viaggio”. Oggi, invece, che non possiamo viaggiare con la stessa facilità che slogan si sentirebbe di lanciare?

«Quello che stiamo vivendo, e che ci accompagnerà per un po’, sarà un momento intenso, impegnativo ma anche pieno di nuove opportunità che bisogna avere però la prontezza di saper cogliere. Mai come da quando il Covid è entrato nella vita di ognuno di noi, Learn Italy, sia negli USA che qui in Italia, sta ricevendo richieste di supporto all’innovazione formativa e promozionale da parte di tutta una serie di Realtà non solo della formazione ma anche del Turismo, del “Made in”, dell’Eccellenza in generale

Da tempo avevamo sviluppato la capacità di rimodulare la nostra Offerta, i Corsi, le Interviste e la creazione di Progetti sfruttando le nuove tecnologie, erano diventate parte della normalità del nostro agire. La nostra naturale vocazione verso l’internazionalizzazione unita alla capacità di “mettere insieme” poi, professionalità e personalità del mondo della Comunicazione e della Formazione ha fatto e sta facendo la differenza.

Se oggi non possiamo dire “Cervelli in viaggio” sicuramente possiamo ribadire “Formarsi sempre e ovunque, anche online”. Un consiglio più che uno slogan che raccoglie la necessità di sfruttare a proprio vantaggio questo periodo».

Massimo Veccia

Massimo ha ragione: in un mondo sempre più smart, anche la formazione diventa digitale. In un periodo storico in cui frequentare in presenza è sempre più difficile, internet permette di acquisire conoscenze e titoli così da ritrovarsi preparati ad affrontare le nuove, belle, sfide che il futuro prossimo ci riserverà.

Se oggi la presenza fisica e la vicinanza ad altre persone sono da evitare, sicuramente la formazione online si è affermata prepotentemente. Per la prima volta, molti, hanno scoperto le potenzialità della Progettazione, della Promozione e della didattica a distanza. Sarà questa la strada anche per il futuro?

«La formazione online e a distanza esistevano già prima di questo momento storico ed erano modalità molto frequenti in alcune zone, come gli USA dove noi già da tempo eravamo soliti offrire una serie di servizi tramite piattaforma. Gran parte del nostro staff lavorava già da tempo in maniera ottimale in modalità smart, come piace definirla oggi, relazionandosi anche a livelli internazionale in via digitale. Con il COVID è emerso in maniera netta che la nostra normale idea di formazione andava rimodulata ovunque. Non esiste futuro senza presente ed il nostro presente oggi passa dall’implementazione continua della formazione online. Mai come in questi mesi ci siamo resi conto di quanto fosse indispensabile sfruttare il tempo a proprio vantaggio: formarsi ora, online, per essere pronti domani quando riprenderemo normalmente le nostre vite, personali e sociali, ma, anche e soprattutto, lavorative e di business».

Una necessità imprescindibile considerando che l’Italia e il resto del mondo stanno affrontando la seconda ondata del Coronavirus. Ancora una volta limitare le uscite e stare a casa diventa una delle misure per arginare i contagi. Sebbene possa sembrare una limitazione, per molti può rappresentare un’opportunità per accrescere la propria professionalità. In che modo possono sfruttare questo tempo?

«Come ci siamo detti prima, per anni il nostro motto è stato “Cervelli in viaggio, non in fuga”. Non scappiamo nemmeno stavolta e siamo certi che sarà ancora il nostro slogan anche se in questo momento non è possibile viaggiare e cogliere opportunità estere per formarsi e acquisire conoscenze e abilità. Oggi il consiglio è di non perdere l’occasione del digitale, magari abbracciando l’idea, sbagliata, che sia una limitazione e non una grande opportunità. Ci si può formare online con la stessa qualità della formazione in presenza, si possono migliorare le proprie competenze e accrescere le proprie professionalità. Questi mesi vanno sfruttati uno per uno, per potenziarsi ed essere in prima fila, per la ripresa. Il tempo è sempre prezioso e dobbiamo capire come usarlo in maniera ottimale; da parte sua, Learn Italy sta potenziando la formazione online ampliando anche l’offerta formativa».

Massimo Veccia learn italy

Insomma, la filosofia è chiara: formatevi adesso per trovarvi pronti quando tutto sarà finito. Come stanno rispondendo le persone, sono aumentate le iscrizioni ai vostri corsi online?

«Negli ultimi mesi abbiamo registrato un interesse crescente verso la nostra offerta formativa online. Le nostre classi di lingua, ma anche i nostri famosi Corsi di Alta Formazionesi sono per lo più trasformati in corsi virtuali. Ne è un esempio l’executive master in marketing e comunicazione e altri progetti che spaziano nei nostri settori di lavoro e formazione e che coinvolgeranno sempre di più anche i nostri partner italiani, americani e internazionali. Lo stesso abbiamo fatto con i progetti di internazionalizzazione e di promozione Culturale e Turistica che già sfruttavano una grande fetta delle opportunità derivanti dal digitale».

Come anticipato, infatti, Learn Italy ha annunciato un executive Master, che si svolgerà interamente online, in Digital International Marketing &Communication, in collaborazione con il webmagazine “Voglio Vivere Cosi”. Obiettivo del master, le cui iscrizioni sono già aperte (per tutte le informazioni basta scrivere a [email protected]), è formare figure di digital marketing strategico così da avere gli strumenti migliori per affrontare le sfide di un mercato sempre più globale e digitalizzato.

Ci siamo abituati o comunque ci stiamo abituando alla evoluzione digitale capace di superare, per un periodo, anche gli ostacoli del distanziamento fisico, sociale, lavorativo. Ripenso alle tue parole e mi trovo d’accordo nel dire che tutto va ripensato e ho all’improvviso la netta sensazione che davvero tutto andrà bene. Quali sono le sfide che ci attendono in un futuro?

«Già da diversi anni i nostri sistemi economici e di business sono proiettati, se non già immersi, nei processi di internazionalizzazione. Dalle PMI alle grandi imprese, tutti sono interessati a processi capaci di estendere il proprio raggio d’azione. Il 2020 è sicuramente un anno di pausa forzata, dovuta alla pandemia, ma non dobbiamo mai perdere la vocazione internazionale, neanche per un secondo. L’Italia ha un grande potenziale che deve tutelare e salvaguardare e promuovere per riprendere il proprio posto al centro delle relazioni internazionali riprendendosi la sua vocazione. In questo senso un pezzo del futuro si basa anche su marketing e comunicazione digitale: il mondo del digitale, dei social network e delle varie piattaforme rappresentano strumenti preziosi che ci permettono di superare distanze e barriere facendoci conoscere ed apprezzare dal mondo. Prima facciamo le cose come si deve, poi promuoviamole come si può!

Nessuno può pensare di essere esente da questi processi. Il segreto sta nel sapersi inserire e gestire questi flussi cogliendone opportunità e possibilità».

Il caffè è quasi finito e così questa piacevole intervista, chiedo a Massimo se ha finalmente una risposta alla mia prima domanda.

Qual è lo Slogan che lancerebbe oggi alla luce dell’eccezionalità del momento.

«Grazie Enza, direi che non ci resta che progettare adesso il futuro della nostra formazione personale e delle nostre Aziende. Per questo mi viene in mente una frase che mi risuona spesso nella testa in questi giorni, un incoraggiamento che spero faccia alzare qualcuno dal letto o dal divano: prepariamoci e formiamoci, aggiungiamo valore a noi stessi in questo tempo straordinario, il mondo è lì fuori che aspetta … e presto avrà bisogno del meglio di noi!».