L’inizio dell’estate è da sempre un grande evento. Atteso da vacanzieri e non solo. Per molti, spesso, si trasforma in una vera magia. Succede in Spagna, dove nella notte tra il 23 e 24 giugno si celebra l’arrivo della bella stagione con una festa che dura tutta la notte. Tutte le spiagge della penisola iberica sono prese d’assalto da milioni di persone che danno il loro benvenuto all’estate con falò, fuochi d’artificio, petardi e tanta musica. È la cosiddetta “Festa di Sant Joan” celebrata nel giorno del solstizio d’estate soprattutto in Catalogna e a Barcellona, dove è stata dichiarata “Festa Nacional dels Països Catalans” (festa nazionale dei paesi catalani) -. I festeggiamenti vanno avanti fino all’alba anche perché il giorno dopo è festivo.

► Leggi la Guida Definitiva per trasferirti a vivere a Barcellona! ◀

☞ Ecco tutto quello che devi sapere per trovare lavoro in Spagna

Una ricorrenza, quella di Sant Joan, altamente simbolica che si svolge secondo diversi rituali. La tradizione vuole che si accendano falò sulla spiaggia: la finalità di questo rito è dare più forza al sole. Il fuoco rappresenta infatti la purificazione. Si pensa che bruciando qualcosa nei faló di Sant Joan, ci si purifica dei peccati passati. Spesso la gente getta nel fuoco dei mobili vecchi, oggetti decorativi e biglietti sui quali si scrivono i propri desideri. L’usanza è anche quella di saltare sul fuoco perché si ritiene che in questo modo gli spiriti maligni e i demoni si spaventino e vadano via. Accendere il fuoco diventa anche un modo per scongiurare malattie e disgrazie. Altro simbolo è l’acqua che rappresenta la guarigione. Ecco perché alcuni fanno il bagno nel mare. Infine ci sono le erbe che vengono raccolte durante questa notte per le loro qualità di guarigione.

☞ Vuoi investire in Spagna? Ti spieghiamo come aprire un'attività a Barcellona! ☜

L’evento più atteso è senz’altro costituito dai fuochi di artificio e la spiaggia è il luogo ideale per vederli. Il cielo di Barcellona si riempie di colori e luci. Tutto ha inizio con la Flama del Canigò, fuoco che viene acceso sullo storico monte Canigò, situato al confine con la Francia. Da qui la fiamma si propaga fino a tutte le regioni catalane.

Oltre che per una profonda connotazione tradizionale, questa ricorrenza si distingue anche per il suo aspetto più mondano e turistico, costituendo un’occasione ideale di divertimento per gli amanti delle serate sulla spiaggia.