Tata Susanna e i bambini del Togo

Caro Alessandro, pochi giorni fa mi hai posto una delle domande che dovrebbero porsi tutte le persone. “Il cambiamento che cos’è secondo te?”. Sono in aereo in questo momento, fra cinque ore sarò arrivata in Togo, quel piccolissimo pezzo d’Africa che racchiude piccole meraviglie. In Togo ho una Maison fatta costruire nel 2013 e ora 11 bambini che mi aspettano da un mese contando i giorni per poter riabbracciare la loro Tata di cui non vedono più il colore della pelle, mentre io conto i secondi per rivedere i loro sorrisi.

Prima di fare questo grande cambiamento, la mia vita è stata una continua e stupenda sorpresa, pur essendo molto giovane sono riuscita a fare passi da “grande donna”. Il primo ed il più importante fu quello di aver finalmente trovato me stessa, la vera Susanna che la vita in società aveva sotterrato chissà dove. Ero sola, ho vissuto per qualche mese in una piccola tenda in riva ad un fiume e poi nel cuore di un bosco, entrambi erano in apparenza immutabili col passare del tempo ma in verità in continua mutazione e io senza accorgermene cambiavo insieme a loro. Il cambiamento mi ha salvata da una vita che non mi apparteneva, era stato quel “basta!” uscito dal profondo di me stessa che mi ha fatta ritrovare. E’ importante dare ascolto alla propria voce interiore, quella sbaglia poche volte soprattutto quando si fa sempre più insistente diventando quasi assillante…non bisognerebbe soffocarla ma ascoltarla e seguirla dicendosi che qualcosa di buono sicuramente accadrà. Ho fatto tante scelte e tante ne farò ancora ma posso dire con certezza che quella di ascoltare me stessa è stata la scelta più azzeccata che potessi mai fare. Non ci si vuole mai abbastanza bene fino a quando non si fa qualcosa che davvero si desidera fare indipendentemente da chi hai vicino, da che cosa stai facendo o da quanti soldi hai in tasca.

Ho cambiato molte volte l’argomento che studiavo, il lavoro che facevo, il posto in cui stavo, il cibo che mangiavo, la musica che ascoltavo e i libri che leggevo; in questo non ho mai completamente trovato solo brutta incostanza ma una voglia matta di conoscere cose diverse da quelle di cui ormai ero abituata, persone e posti che ormai conoscevo da troppo tempo. Sarà sicuramente un aspetto innato dentro di me e non ti nascondo che tutt’ora ho voglia di cambiare pur avendo la responsabilità di una casa d’accoglienza e di 11 bambini, zaino in spalla e via, per un’altra avventura. Ma mi sono imbarcata su di una nave troppo grande per andare via prima di aver scoperto tutti i suoi tesori. So che ho tempo, non ho fretta né paura.

togo

Non bisogna avere timore del cambiamento dobbiamo attuarlo per la nostra mente desiderosa di vedere altro! Per il nostro cuore impaziente di conoscere altro amore e per la nostra vita, unica al mondo a cui dobbiamo costante evoluzione. Il cambiamento non lo trovo solo un meraviglioso stile di vita ma assolutamente necessario per noi stessi e anche per chi abbiamo intorno.

Cambia per te…cambia per il mondo intero.

E’ così che ti rispondo Ale alla tua utilissima domanda: il cambiamento è assolutamente necessario.

Susanna Salerno è una volontaria, andata in Togo la prima volta nel 2012 con l’obbiettivo di sostenere i bambini della scuola materna del villaggio Kuma Tsame-Totsi. Susanna si innamora del luogo, della gente e soprattutto di quei bambini che sanno regalarle tanto amore. Così, in quello stesso anno e all’età di 22 anni, decide di far costruire una casa d’accoglienza per bambini orfani e disagiati. Il cantiere durò circa due anni, nell’aprile 2015 si inaugurando l’apertura della Maison sans Frontieres, la casa d’accoglienza, e Susanna accoglie 10 bambini di età compresa tra i 5 e i 14 anni. Attualmente La Maison ospita 12 bambini, e ogni mese ci sono dei volontari che vanno direttamente in Togo per dare un supporto a Susanna e ai bambini.

Un progetto nato da un semplice pensiero d’amore, divenuto realtà grazie ad una giovane sognatrice e all’aiuto costante dei sostenitori, finanziari e morali, che non hanno mai smesso un solo momento di credere nella Maison sans Frontieres.

Pagina Facebook: La Maison sans Frontieres

Sito ufficiale: www.volontaritogo.org

e mail: [email protected]

Facebook personale di Susanna: Tata Susanna Afi

contatto in Togo: +228 93 54 99 59