Cambiare vita tra sciamani e curanderi

Ora ve la racconto. Dopo cinque anni come consulente aziendale in un ufficio e soprattutto, dopo ciò che restava di me a seguito di un’intensa e catartica festa di addio al celibato di un caro amico a Madrid, l’illuminazione: ho deciso di mollare tutto, dare le dimissioni, lasciare la casa a Bologna, creare un blog, dire arrivederci alla mia amata Sardegna e partire per il Sudamerica tra sciamani, curanderi e popoli indigeni!

A Bologna non ero felice, non stavo vivendo la mia vita. Dopo una laurea in Scienze Naturali, non volevo invecchiare in un ufficio fino a 70 anni, per arrivare ad una pensione, che forse, mi avrebbe permesso di pagarmi le medicine per vivere ancora qualche anno in più e pentirmi troppo lucidamente di aver perso la vita, la mia vita, quella che invece avrei dovuto scegliere e avere il coraggio di vivere.

E quel coraggio per cambiare e partire l’ho trovato 6 mesi fa, a 33 anni, rendendomi conto subito dopo che in fondo, in un certo senso, ci vuole più coraggio a stare chiusi in un ufficio, lavorando 40 ore a settimana, perdendo le tue energie, il tuo tempo e la tua anima in un lavoro che non ti piace più.

Oggi viaggio per il Sudamerica e investo tutto me stesso nel mio blog, www.sullaviadeglisciamani.it, nel quale, oltre a pubblicare gli articoli dei miei incontri con sciamani e curanderi, parlo anche di cultura, miti e leggende indigene, di medicina naturale, archeologia e misteri e di ciò che il viaggio di volta in volta, sorprendendomi mi offre. E il viaggio sorprende sempre. Solo per raccontarvene una.

Da circa tre mesi ho deciso di viaggiare camminando, in quanto dopo anni di vita sedentaria, non solo il mio fisico aveva bisogno di movimento. Ed è così che ho potuto incontrare un piccolo, bellissimo vagabondo a quattro zampe che ho chiamato Willy e che ora mi accompagna in questo mio viaggio, passo dopo passo, zampa dopo zampa.

4 minuti - italiani nel mondo

Il blog è ad oggi seguito anche tramite la pagina facebook da più di 30.000 persone in Italia, che con una fantastica partecipazione mi accompagnano calorosamente in questa mia avventura. I miei articoli sono piaciuti anche a due riviste italiane, una di viaggi e una di agricoltura biologica e medicina naturale, e adesso, con grande soddisfazione, sto iniziando a scrivere anche per loro.

Che dirvi di cuore infine? Se avete solo la vaga sensazione che la vita che state vivendo non è la vostra, non perdete tempo, ricordatevi dei vostri sogni, organizzate con pazienza il cambio e poi volate ovunque la vostra anima vi porti!

Buon volo sognatori!

Stefano Lioni

[email protected]