Come realizzare un sogno: le 8 regole di Paolo Girelli

Ormai sono passati due anni da quando ho preso quel famoso aereo che mi ha portato lontano da casa. Da allora molte cose sono cambiate; tanti sono i progetti avviati, molti dei quali sono ancora in via di sviluppo. Il progetto siQuri è cresciuto moltissimo in Spagna, riuscendo ad ottenere la stima e il rispetto degli esperti del settore.

Abbiamo creato un network di persone che ogni giorno cerca di migliorare nel suo piccolo questo nostro mondo, attraverso la sana alimentazione e uno stile di vita cosciente e salutare.

paolo girelli

Su facebook esiste da qualche mese qui in Spagna “La comunidad Saludable de siQuri”, un gruppo che considero come un “condominio salutista”, dove ci si scambia ricette, consigli e idee attraverso l’utilizzo dei nostri articoli da cucina. Abbiamo creato una famiglia di persone coscienti dove tutti sono pronti a dare il proprio contributo per migliorare ogni giorno la nostra idea. Fino ad oggi tutto sta andando secondo il nostro progetto iniziale e ne siamo veramente orgogliosi. Ma non è stato affatto facile e questo, ci tengo a sottolinearlo.

Per arrivare a questo punto, abbiamo lavorato sodo giorno e notte, ore e ore senza pausa, con la voglia di raggiungere lo scopo che due anni prima ci eravamo prefissati: portare la filosofia dell’azienda italiana siQuri anche al di fuori del Bel Paese. Eravamo consapevoli delle difficoltà che tutto questo avrebbe significato, soprattutto per un’azienda E-Commerce.

Ma non ci siamo mai arresi. Barcellona, Madrid, Valencia, Malaga, Bilbao, Ibiza, Minorca, Palma… abbiamo macinato chilometri con tanta abnegazione e dopo due anni senza sosta possiamo tornare a parlare di questa storia.

paolo girelli

Però chi vive lontano da casa sa a cosa mi riferisco quando dico che gli inizi “lontano dalla mamma” non sono solo rose e fiori. Solo chi crede realmente nel proprio progetto riuscirà ad ottenere risultati concreti all’estero. A chi spera di potersi trasferire in terra straniera e trovare la strada spianata o completamente in discesa, voglio ricordare che Pinocchio, Lucignolo e tutti gli abitanti del paese dei balocchi sono successivamente diventati degli asini.

E’ senz’altro meraviglioso conoscere i luoghi e le culture di questo sorprendente pianeta, ma prima di avventurarsi e di prendere un aereo di sola andata, consiglio di chiedersi se si è realmente convinti e pronti a superare con dignità i primi momenti a volte quasi drammatici. Se penso al mio arrivo a Minorca, ricordo di aver attraversato numerose difficoltà, ma fortunatamente ho avuto la forza di superarle sempre con il sorriso, convinto di potercela fare e soprattutto schivando tutte le critiche che arrivavano da chi al posto mio non avrebbe mai preso quell’aereo. Poi il lavoro duro ha fatto il resto.

In questi due anni in Spagna ho incontrato molti amici che avevo precedentemente incrociato lungo il mio cammino, e devo dire che esistono persone che portano alto il nostro nome all’estero, presentando nei mercati stranieri molti dei nostri richiestissimi prodotti “made in Italy”. Ma se non si ha grande spirito di sacrificio in Italia, dubito che trasferendosi all’estero si possa arrivare ad avere improvvisamente l’ispirazione.

La vita lontano da casa, l’attraente stile “on the road” può essere davvero molto affascinante, ma non è sempre così facile. Personalmente ripeterei tutti i miei viaggi, includendo anche gli errori commessi, che poi nel tempo ho cominciato a chiamare “esperienze di vita”. Le emozioni vissute viaggiando oggi rappresentano gran parte dei miei talenti che mi permettono di vivere seguendo le mie passioni. Certe competenze non sono piovute dal cielo, sono arrivate con il sudore della pelle.

Quando non se ne può più e l’aria sembra irrespirabile, una soluzione esiste. Bisogna armarsi di coraggio, buona volontà e dirigersi all’aeroporto, alla stazione, al porto, insomma in uno di quei luoghi dove si possa iniziare una nuova vita. Perchè la vita è breve e il mondo enorme!

paolo girelli

Per concludere mi piacerebbe condividere con tutti voi gli otto punti che ho voluto fissare, così da rileggerli tutte le volte che un’avaria della bussola mi porterà fuori rotta…

REGOLE PER REALIZZARE UN SOGNO

PRIMA REGOLA: Iniziate a viverlo. Perchė aspettare? Vivete con la gioia e l’allegria di chi lo ha giá realizzato. Innamoratevi della vita e non smettete di corteggiarla. Credete in lei.

SECONDA REGOLA: Amate sempre la famiglia e rispettate le vostre origini. Ma ricordate che la loro vita non ė la vostra. Trovate il vostro cammino. Non dovete vivere mai la vita che altri scelgono per voi. Abbiate il coraggio di realizzare le vostre idee..

TERZA REGOLA: Circondatevi di persone illuminate e felici. Allontanate chi non crede nei cambiamenti e non date credito alle loro paure. Possono essere l’ostacolo maggiore.

QUARTA REGOLA: Viaggiate e scoprite le differenze sociali e culturali di differenti popoli. Diffidate dalle abitudini, possono bloccarvi e rendervi ciechi. Il cambiamento si ottiene cambiando.

QUINTA REGOLA: Studiate, leggete, riflettete, ascoltate i segnali che arrivano, rimanete curiosi, poi sbagliate, sbagliate e sbagliate ancora… ma non smettete di cercarvi e ricercarvi. Ogni errore ė un’esperienza e vi aiuterá a capire e migliorare.

SESTA REGOLA: Cercate l’amore vero. E fate l’amore sempre come fosse la prima volta. Non accontentatevi per paura di restare soli. Pensate che tutte le grandi idee nascono quando si é soli. Non rimanete ancorati all’abitudine di una relazione senza stimoli. Il vero amore esiste.

SETTIMA REGOLA: Tornate a sorridere sempre e ovunque. Cercate i veri amici, credete nelle favole, mangiate sano, abbandonatevi al calore del sole, camminate a piedi nudi, abbracciatevi di piú. Perdonate chi vi ha deluso in passato.

OTTAVA REGOLA: Non dimenticate mai che tutto dipenderà solo dal vostro lavoro, sacrificio, abnegazione, talento. Siete voi al timone della vostra vita.

Oggi la vedo cosi. Domani chissá…

Buon viaggio a tutti.

Paolo Girelli

[email protected]