Eccoti le dieci migliori opportunità di volontariato da sfruttare per viaggiare a basso costo:

  1. Woofing (World Wide Opportunities on Organic Farms)

Grazie a quest’ associazione, vitto e alloggio viene offerto in cambio di lavoro volontario presso fattorie o aziende agricole che stanno sviluppando la cultura o l’allevamento organico. È possibile fermarsi presso queste aziende poche settimane o persino anni e avere così modo di vivere e viaggiare all’interno di paesi altrimenti molto cari come Australia, Nuova Zelanda, Stati Uniti o Nord Europa. Le opportunità sono presenti in 53 paesi diversi e sono aperte a tutti.

  1. Turtles Team (Organizzazione Mondiale)

A livello mondiale sono innumerevoli i gruppi che aiutano le tartarughe marine, meravigliosi animali spesso in pericolo di estinzione. Alcune associazioni apprezzano l’aiuto di volontari anche per solo una notte o due e, alle volte, vengono persino organizzati viaggi a bassissimo costo e creati ad hoc per aiutare i tanti volontari di queste organizzazioni di difesa degli animali marini. Le due più grandi organizzazioni sono: Sea Turtles e CCCturtles.

  1. Conservation Volunteers (Australia e Nuova Zelanda)

Quest’associazione particolarmente attiva in Nuova Zelanda e Australia si propone di lavorare per la conservazione dell’ambiente e promuove l’eco-turismo. A seconda dei diversi progetti è possibile partecipare a queste iniziative svolgendo lavori di volontariato in cambio di vitto e alloggio o, alle volte, pagare piccole cifre per l’alloggio.

  1. Sudan Volunteer Programme

Questo tipo di lavoro volontario è adatto a coloro che se la cavano bene con le lingue o l’inglese, infatti, si propone come obiettivo quello di insegnare l’inglese in alcuni dei paesi più poveri del mondo tramite volontari. I partecipanti a questo progetto devono pagare il costo del biglietto ma poi verrà fornito loro vitto e alloggio e persino in piccolo stipendio mensile.

✈ Viaggiare all'estero nel 2020? Scopri i Paesi dove si può viaggiare dall'Italia in epoca di Coronavirus! ✈

  1. Appalachian Trail Conservancy (Stati Uniti)

l’Appalachian Trail è uno dei più famosi sentieri da trekking, insieme al Pacific Crest Trail, negli Stati Uniti. Si tratta di oltre 2000 miglia situate nella parte est degli Stati Uniti e i volontari che prendono parte a questo progetto aiutano a costruire e a mantenere il sentiero in cambio di vitto e alloggio.

  1. Accompagnatore per HF Holidays (Europa)

HF è uno dei più popolari organizzatori di escursioni turistiche in tutta Europa ed è sempre alla ricerca di volontari. Ai volontari viene offerta la possibilità di viaggiare per l’Europa in cambio di vitto e alloggio e condividere le loro esperienze con i gruppi che accompagneranno.

  1. Help Exchange

Questo importantissimo portale web offre la possibilità di partecipare a qualunque tipo di progetto di volontariato, nelle aziende agricole, negli allevamenti, presso campi di lavoro in genere o in centri di volontariato sociale, in giro per il mondo e in cambio di vitto e alloggio. Le attività da svolgere sono di varia natura e tutti potranno trovare l’opportunità che fa per loro.

  1. Corpi di Pace

Molto popolare tra gli abitanti degli Stati Uniti, i Corpi di Pace sono un’associazione mondiale che si occupa di volontariato presso le zone più disagiate del mondo. Le attività sono di vario tipo, dalla sanità allo sviluppo di alcuni business, e normalmente queste opportunità sono aperte solo ai cittadini degli Stati Uniti e richiedo un impegno di almeno 27 mesi. Altri progetti però sono aperti a tutti i cittadini del mondo.

  1. Volontari delle Nazioni Unite

Dalla sanità, al sociale sino allo sviluppo economico, l’Onu offre moltissime possibilità di volontariato a costo zero. I legami dell’Onu con le ONG di tutto il mondo sono molti e quindi chiunque potrà trovare l’opzione più adatta alle proprie esigenze.

  1. Kibbutz (Israele)

Perfetto per esplorare il Medio Oriente e il Nord Africa, questa associazione offre ai suoi volontari la possibilità di vivere in una comunità autosufficiente e di mantenersi grazie al lavoro all’interno di una sorta di piccola comunità agricola.

 

Di Anna Scirè Calabrisotto