Smart working

All’inizio del 2020 pare che solo 570 mila italiani lavorassero in smart working.

Ai primi di marzo, con l’isolamento imposto dal Covid-19, sono improvvisamente diventati 8 milioni.

Che cosa è successo nel frattempo, e che cosa avverrà in futuro?

Quali sono i motivi che finora hanno impedito il diffondersi di una modalità di lavoro più produttiva, ecologica, meno costosa e stressante?

E come cambierà, sul lungo periodo, la nostra routine quotidiana finora scandita dall’alternanza tra ufficio e tempo libero?

La rivoluzione del lavoro intelligente

Per rispondere a queste domande urgenti e radicali Domenico De Masi, il maggiore studioso e teorico italiano dello smart working, ha messo a frutto quarant’anni di esperienze e ricerche nel settore e, durante i mesi del lockdown, ha coordinato un’indagine a tutto campo, giungendo alla conclusione che quello in atto sia solo l’inizio di un processo che vedrà rivoluzionato non solo il tempo e il luogo del lavoro, ma il suo significato, il suo contenuto e il suo ruolo.

→ Ti potrebbe interessare: la Guida con idee e opportunità per inventarsi un lavoro

 EXTRA! ✎ Le nostre linee guida su come scrivere un buon curriculum di lavoro

Smart working. La rivoluzione del lavoro intelligente

Con il contributo di imprenditori, manager, accademici e ricercatori, ripercorrendo il cammino che ha portato dalla bottega rinascimentale alla rivoluzione digitale, De Masi restituisce un’immagine aggiornata della realtà quotidiana di milioni di lavoratori, e offre gli strumenti per capire quanto dovrà fare l’Italia per adeguarsi ai tempi che evolvono.

Contributi

Con i contributi di Pietro Abate, Marco Bentivogli, Federico Butera, Francesco Caio, Luca De Biase, Giordano Fatali, Donata Francescato, Umberto Romagnoli, Elisabetta Romano, Chiara Saraceno, Luisa Todini.

☀ Scopri i nuovi paradisi per gli Smart Workers per lavorare con vista mare! ☀

Su Amazon

Smart working. La rivoluzione del lavoro intelligente