Cosa non bisogna aspettarsi da Minorca

Ci sono cose che, non conoscendo bene Minorca, si potrebbero erroneamente pensare e che ci condurrebbero verso decisioni di cui ci potremmo pentire. Per non correre questo rischio ho deciso di evidenziare alcune delle cose che l’isola di Minorca non è. Minorca è tante cose, e quasi tutte bellissime. Ma qui sotto ci sono 8 cose che l’isola non è.

Ecco l’elenco:

Un’isola facile da raggiungere (in inverno)

Un problema esistente da sempre. Per arrivare a Minorca in inverno (a partire da fine settembre) non ci sono voli diretti dall’Italia. Unico modo se si sceglie l’aereo: fare scalo a Barcellona o Madrid e proseguire poi per Minorca.

Le Canarie

Le Isole Canarie hanno un clima temperato, secco e costante per tutto l’anno. Minorca no. In inverno per almeno tre mesi fa freddo ed umido ed è abbastanza piovoso. Inoltre non ci sono catene montuose (come a Maiorca) che frenano il pungente vento di tramontana che proviene dal Golfo del Leone. Quindi no, a Minorca non fa caldo tutto l’anno.

Terra di conquista

Se pensate di venire a Minorca aspettandovi di trovare ancora gli abitanti locali vestiti come all’epoca Talaiotica (tra l’età del bronzo e l’età del ferro) rimarrete delusi. E a parte i vestiti vedrete che a Minorca c’è tutto: pizzerie, gelaterie, parrucchieri, negozi bio, catene in franchising e anche Burger King (ma non ancora Mc Donald’s). Venire qui pensando di avere l’ideona che vi permetterà di spopolare è una cosa che hanno fatto in tanti italiani in questi anni. Che ora però sono tornati in Italia con un gruzzoletto dimezzato e spesso lasciando debiti. Pensateci bene.

Per concludere è bene dire che per fortuna non sono in molti che pensano a Minorca come ad un posto preistorico, ma meglio sottolinearlo, perchè purtroppo è capitato.

La soluzione a tutti i vostri mali

Se ve ne volete andare dall’Italia per uno dei milioni di validissimi motivi che spingono a voler cambiare aria fermatevi un attimo a riflettere. Non è che venendo qui a Minorca i problemi spariscano o si dissolvano magicamente. Si spostano solamente da un posto all’alto. Essere risolti, centrati e consapevoli è un prerequisito. Un prerequisito più importante di avere risorse e idee per pensare di iniziare una nuova vita all’estero. Secondo me ovviamente.

Il luogo che vi farà diventare ricchi (materialmente)

Da quando vivo qui non ho visto un solo connazionale arrivare a Minorca e nel giro di pochi anni arricchirsi. Molti hanno aperto attività che vanno bene, alcune molto bene e vivono dignitosamente e serenamente. Ma nessuno è diventato ricco. Questa non è un’isola adatta a chi aspira alla ricchezza materiale.

La soluzione ai vostri problemi di lavoro

Come detto in un precedente articolo a Minorca si trova lavoro ma quasi esclusivamente nel settore turistico e limitatamente al periodo estivo. Se sapete bene lo spagnolo e l’inglese. Per il resto le opportunità di trovare un lavoro sono davvero molto poche. Purtroppo.

Una buona palestra per il vostro castigliano

A Minorca quando i minorchini si parlano tra loro lo fanno quasi esclusivamente in “minorchino” (ossia catalano con qualche variazione di accento e vocaboli). Se la ragione per cui venite a Minorca è quella di migliorare il vostro castigliano il mio consiglio è quello di valutare un altra destinazione.

La destinazione ideale se amate le disco e la vita notturna (o la calma nel mese di agosto)

Isola ideale per famiglie coppie Minorca non ha una grandissima dotazione di discoteche o disco pub. Il mio amico Rini “lotta” da anni per vivacizzare l’ambiente notturno perlomeno di Ciutadella, e sicuramente ce la farà. Ma per ora la notti di Ibiza meglio farle ad Ibiza. Inoltre, ed è importante, non aspettatevi un’isola semi deserta in agosto. Come nella maggior parte del mondo in agosto si riversano sull’isola spagnoli, inglesi e italiani. Troverete tutto molto ma molto affollato.

Minorca, Isole Baleari

Alessandro Castagna

[email protected]