Autore Topic: voglia d'andarsene..  (Letto 5750 volte)

felipe

  • Apprendista
  • **
  • Post: 11
    • Mostra profilo
    • E-mail
voglia d'andarsene..
« il: 11 Ottobre 2008, 20:14:44 »
Accidenti, già non so se ho scelto o meno la sezione piu appropriata :-)
Comunque ciao a tutti, nuovo iscritto, anche se da qualche tempo passo di qui a leggere i vari post.
Intanto mi presento brevemente: 41 anni, provincia di Vicenza, impiegato tecnico (un po' sui generis) in un'azienda elettromeccanica della zona.
E, come è facile immaginare, il pensiero sempre più frequente di mollare tutto e andarsene.
Pensiero che è rimasto tale finora: frenato dall'ovvia paura di lasciare qualcosa che, anche se non è quanto vorresti, è comunque qualcosa di certo. Dal timore di non essere all'altezza di gettarsi in un'avventura del genere, magari perchè male abituato ad un tran-tran quotidiano (sia lavorativo che personale), che di fronte alla prospettiva di un cambio così radicale ti fa veramente sentire inadeguato o, usando un termine di moda qualche tempo fa, un "bambacione".
Alla fine, dopo tanto tempo passato con questo desiderio represso, mi sono deciso a fare il primo timido passo esplorativo, con questo messaggio. Forse perchè mi rendo conto che il tempo se ne sta andando, forse perchè ho visto quanto fatto da un mio amico ed ex-collega di lavoro, che ci ha provato ed è felicissimo della sua scelta.
Forse perchè mi sono detto: "probabilmente in questo forum sono tanti ad avere il mio stesso pensiero, e le mie stesse paure"; e magari da due, tre o più singoli impauriti alla fine si riesce a tirar fuori un gruppetto di capitani coraggiosi.
Insomma, magari questo messaggio non porterà a niente, ma magari anche no.
Non ho le idee chiare su nulla: l'unica cosa certa è che non ho miraggi di arricchimento, di business, per quanto sia ovvio che non si viva solo di speranze e ottimismo, ma la molla propulsiva riguarderebbe la qualità della vita, potersi alzare la mattina col cuore leggero, lavorare per vivere e non vivere per il lavoro. Forse frasi fatte, ma che portano con loro grandi verità.
Geograficamente ho una predilezione per il sud-est asiatico, magari un po' condizionato dal successo avuto dall'amico di cui sopra, e dall'aver conosciuto alcune persone in quell'area a cui sono rimasto affezionato. Comunque è una predilezione non vincolante.
Ok, qui per il momento mi fermo.
Grazie comunque a chi avrà la pazienza di leggere queste righe, e di lasciare i proprio consigli/commenti/considerazioni.
E se son rose, fioriranno

Mauro

  • Esordiente
  • *
  • Post: 4
    • Mostra profilo
Re: voglia d'andarsene..
« Risposta #1 il: 14 Ottobre 2008, 10:54:40 »
Ciao, Felipe ! Se ti sfiorasse l'idea del Brasile, c'è la possibilità acquistare una pousada! Visita www.jericoacoara.org! E' il sito di un mio caro amico : si chiama Claudio ed è italiano. Vive in Brasile da tanti anni e possiede una pousada (della quale sono stato ospite... che bei ricordi !) situata a JERICOACOARA. Se mi mettessi a descriverti la bellezza di Jerì (così la chiamano gli amici) non basterebbero mille post. Cerca immagini in rete ma sappi che nessuna foto rende pienamente giustizia alla magia di questa località. Ma torniamo alla pousada: per motivi personali, Claudio ha deciso di VENDERLA. Nel sito c'è qualche foto, facci un giro. La pousada è lì, chiavi in mano. Se ti stai chiedendo come mai ho postato io questa risposta e non Claudio, beh... mi ha chiesto di aiutarlo a vendere e per un amicone come lui, questo ed altro! In questi giorni è in viaggio in Ecuador, ergo può darsi che tu debba attendere qualche giorno la sua risposta. Ciao! :-)

Andrea_83

  • Veterano
  • ***
  • Post: 204
    • Mostra profilo
Re: voglia d'andarsene..
« Risposta #2 il: 14 Ottobre 2008, 16:11:15 »
Accidenti, già non so se ho scelto o meno la sezione piu appropriata :-)
Comunque ciao a tutti, nuovo iscritto, anche se da qualche tempo passo di qui a leggere i vari post.
Intanto mi presento brevemente: 41 anni, provincia di Vicenza, impiegato tecnico (un po' sui generis) in un'azienda elettromeccanica della zona.
E, come è facile immaginare, il pensiero sempre più frequente di mollare tutto e andarsene.
Pensiero che è rimasto tale finora: frenato dall'ovvia paura di lasciare qualcosa che, anche se non è quanto vorresti, è comunque qualcosa di certo. Dal timore di non essere all'altezza di gettarsi in un'avventura del genere, magari perchè male abituato ad un tran-tran quotidiano (sia lavorativo che personale), che di fronte alla prospettiva di un cambio così radicale ti fa veramente sentire inadeguato o, usando un termine di moda qualche tempo fa, un "bambacione".
Alla fine, dopo tanto tempo passato con questo desiderio represso, mi sono deciso a fare il primo timido passo esplorativo, con questo messaggio. Forse perchè mi rendo conto che il tempo se ne sta andando, forse perchè ho visto quanto fatto da un mio amico ed ex-collega di lavoro, che ci ha provato ed è felicissimo della sua scelta.
Forse perchè mi sono detto: "probabilmente in questo forum sono tanti ad avere il mio stesso pensiero, e le mie stesse paure"; e magari da due, tre o più singoli impauriti alla fine si riesce a tirar fuori un gruppetto di capitani coraggiosi.
Insomma, magari questo messaggio non porterà a niente, ma magari anche no.
Non ho le idee chiare su nulla: l'unica cosa certa è che non ho miraggi di arricchimento, di business, per quanto sia ovvio che non si viva solo di speranze e ottimismo, ma la molla propulsiva riguarderebbe la qualità della vita, potersi alzare la mattina col cuore leggero, lavorare per vivere e non vivere per il lavoro. Forse frasi fatte, ma che portano con loro grandi verità.
Geograficamente ho una predilezione per il sud-est asiatico, magari un po' condizionato dal successo avuto dall'amico di cui sopra, e dall'aver conosciuto alcune persone in quell'area a cui sono rimasto affezionato. Comunque è una predilezione non vincolante.
Ok, qui per il momento mi fermo.
Grazie comunque a chi avrà la pazienza di leggere queste righe, e di lasciare i proprio consigli/commenti/considerazioni.
E se son rose, fioriranno
Ciao Felipe, piacere Andrea... Guarda ti dirò che a parte gli anni differenti tra noi (io ne ho 25) ma del resto siamo messi quais uguali. Ho un posto fisso come impiegato, amici, macchina nuova, comodità di ogni genere (ovviamente nelle mie possibilità) però la voglia di andarmene è enorme... ma come fare? Come sconfiggere la paura, perchè è così che si chiama, PAURA di lasciare tutto ciò e rischiare di fare un super flop? Ok, non mi interessano le comodità e il lusso, ma semplicemente la tranquillità e la serenità......... na parola è trovare tutto ciò. Ma sono fiducioso. Il mio sogno è abitare nella parte vicina all'Australia, ovvero qualche isola oceanica.

felipe

  • Apprendista
  • **
  • Post: 11
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: voglia d'andarsene..
« Risposta #3 il: 15 Ottobre 2008, 20:45:53 »
Ciao Felipe, piacere Andrea... Guarda ti dirò che a parte gli anni differenti tra noi (io ne ho 25) ma del resto siamo messi quais uguali. Ho un posto fisso come impiegato, amici, macchina nuova, comodità di ogni genere (ovviamente nelle mie possibilità) però la voglia di andarmene è enorme... ma come fare? Come sconfiggere la paura, perchè è così che si chiama, PAURA di lasciare tutto ciò e rischiare di fare un super flop? Ok, non mi interessano le comodità e il lusso, ma semplicemente la tranquillità e la serenità......... na parola è trovare tutto ciò. Ma sono fiducioso. Il mio sogno è abitare nella parte vicina all'Australia, ovvero qualche isola oceanica.

Ciao Andrea, il piacere è tutto mio.
Immaginavo che fosse un sentimento comune tra i frequentatori di questo forum, del resto non era poi molto difficile arrivare a quelle conclusioni.
Personalmente ciò che mi spaventa maggiormente non è tanto il fatto di lasciare quello che si ha, quanto di non avere la prospettiva chiara di come muoversi una volta deciso il grande passo.
Non so se riesco a spiegare ciò che intendo, diciamo che tutte le volte che mi sono immaginato nel momento di iniziare questo nuovo percorso ho avuto spesso la visione di me che dico: "E adesso? Che faccio?".
Un po' come potrebbe sentirsi uno studente che deve superare un esame in una materia che non solo non ha studiato, ma della quale proprio non ha quasi nessuna conoscenza. E certo non aiuta il fatto che quello che rischi non è solo un brutto voto.
Forse è per questo che alla fine ho pubblicato il primo messaggio su questo forum: perchè mi sono detto che continuando a rimuginare tra me e me sicuramente non sarei mai arrivato da nessuna parte.
Forse non ci arriverò comunque: ma in ogni caso penso che le paure possano essere meno spaventevoli se condivise con altri; e che probabilmente due, tre o più teste possano avere più facilità a trovare una risposta quando ti dovessi chiedere: "E adesso? che facciamo?".
Vediamo quel che succede.
Tu concludi la tua risposta dicendo ".. Ma sono fiducioso".
voglio provare a esserlo anch'io.

felipe

  • Apprendista
  • **
  • Post: 11
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: voglia d'andarsene..
« Risposta #4 il: 15 Ottobre 2008, 20:48:10 »
Ciao, Felipe ! Se ti sfiorasse l'idea del Brasile, c'è la possibilità acquistare una pousada! Visita www.jericoacoara.org! E' il sito di un mio caro amico : si chiama Claudio ed è italiano. Vive in Brasile da tanti anni e possiede una pousada (della quale sono stato ospite... che bei ricordi !) situata a JERICOACOARA. Se mi mettessi a descriverti la bellezza di Jerì (così la chiamano gli amici) non basterebbero mille post. Cerca immagini in rete ma sappi che nessuna foto rende pienamente giustizia alla magia di questa località. Ma torniamo alla pousada: per motivi personali, Claudio ha deciso di VENDERLA. Nel sito c'è qualche foto, facci un giro. La pousada è lì, chiavi in mano. Se ti stai chiedendo come mai ho postato io questa risposta e non Claudio, beh... mi ha chiesto di aiutarlo a vendere e per un amicone come lui, questo ed altro! In questi giorni è in viaggio in Ecuador, ergo può darsi che tu debba attendere qualche giorno la sua risposta. Ciao! :-)

Ciao Mauro, grazie per la segnalazione.

Andrea_83

  • Veterano
  • ***
  • Post: 204
    • Mostra profilo
Re: voglia d'andarsene..
« Risposta #5 il: 16 Ottobre 2008, 17:48:59 »
Ciao Felipe, piacere Andrea... Guarda ti dirò che a parte gli anni differenti tra noi (io ne ho 25) ma del resto siamo messi quais uguali. Ho un posto fisso come impiegato, amici, macchina nuova, comodità di ogni genere (ovviamente nelle mie possibilità) però la voglia di andarmene è enorme... ma come fare? Come sconfiggere la paura, perchè è così che si chiama, PAURA di lasciare tutto ciò e rischiare di fare un super flop? Ok, non mi interessano le comodità e il lusso, ma semplicemente la tranquillità e la serenità......... na parola è trovare tutto ciò. Ma sono fiducioso. Il mio sogno è abitare nella parte vicina all'Australia, ovvero qualche isola oceanica.
Ciao Andrea, il piacere è tutto mio.
Immaginavo che fosse un sentimento comune tra i frequentatori di questo forum, del resto non era poi molto difficile arrivare a quelle conclusioni.
Personalmente ciò che mi spaventa maggiormente non è tanto il fatto di lasciare quello che si ha, quanto di non avere la prospettiva chiara di come muoversi una volta deciso il grande passo.
Non so se riesco a spiegare ciò che intendo, diciamo che tutte le volte che mi sono immaginato nel momento di iniziare questo nuovo percorso ho avuto spesso la visione di me che dico: "E adesso? Che faccio?".
Un po' come potrebbe sentirsi uno studente che deve superare un esame in una materia che non solo non ha studiato, ma della quale proprio non ha quasi nessuna conoscenza. E certo non aiuta il fatto che quello che rischi non è solo un brutto voto.
Forse è per questo che alla fine ho pubblicato il primo messaggio su questo forum: perchè mi sono detto che continuando a rimuginare tra me e me sicuramente non sarei mai arrivato da nessuna parte.
Forse non ci arriverò comunque: ma in ogni caso penso che le paure possano essere meno spaventevoli se condivise con altri; e che probabilmente due, tre o più teste possano avere più facilità a trovare una risposta quando ti dovessi chiedere: "E adesso? che facciamo?".
Vediamo quel che succede.
Tu concludi la tua risposta dicendo ".. Ma sono fiducioso".
voglio provare a esserlo anch'io.
Beh se si è in più persone i problemi non si superano secondo me, ma una cosa fondamentale si guadagna... il coraggio. Basta che nel "gruppo" ci sia una sola persona che ha le palle e che ci sa fare con i discorsi, vedrai che trascina gli altri.
Si sono fiducioso perchè prima o poi troverò l'imput giusto! E lo troverai anche tu

Andrea_76

  • Apprendista
  • **
  • Post: 22
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: voglia d'andarsene..
« Risposta #6 il: 17 Ottobre 2008, 17:22:29 »
Bellissimo  il tuo post, mi sento di citare sopratutto questa parte:

"Non ho le idee chiare su nulla: l'unica cosa certa è che non ho miraggi di arricchimento, di business, per quanto sia ovvio che non si viva solo di speranze e ottimismo, ma la molla propulsiva riguarderebbe la qualità della vita, potersi alzare la mattina col cuore leggero, lavorare per vivere e non vivere per il lavoro."


Sono cose che ho detto più di una volta anche io.
In ritardo mi presento, sono Andrea, 32 anni, pseudo progettista, sposato.
Non ho la presunzione di rispondere alla tua domanda, non saprei da che parte cominciare, posso dirti cosa molto probabilmente farò.
Verso Aprile-Maggio si parte, destinazione Spagna (Valencia). Abbrevio tutta la storia, altrimenti il posto diventa kilometrico ;D: la destinazione non mi aggrada particolarmente ma è stato un compromesso necessario con la compagna, tutt'altro che convinta al 100%.

Quà non basta, questo il succo del discorso, quindi serve una svolta, una sorta di reset per ricominciare.
Mancando i soldi non partiremo insieme, ma andrò in avanscoperta per cercare casa e lavoro e dopo un paio di mesi la moglie si trasferirà.
Una volta la cosa farò? Cosa troverò? E quà torniamo alle domande fondamentali.
Non lo sò, le incognite non possono che essere infinite, ma penso che se uno è convinto della scelta, se è veramente motivato allora alla lunga, senza fretta, ha buone probabilità di farsi una vita, nonostante le difficoltà.
Forse molto dipende da quanto uno ha dà lasciare: ad esempio io mi sentivo (e talvolta mi sento ancora) un verme a mettere la compagna davanti ad un bivio non indifferente, a lasciare i miei genitori.
Ma il posto dove vivo non mi piace, come non mi piace la vita che faccio, e cosa ancor più grave non mi piace quello che mi ha fatto diventare, quindi gli altri, anche le persone più care, devono venir messe in secondo piano ??? :-[.

Forza e coraggio, alla fine ce la possiamo fare, sarà dura ma ce la faremo. ;)

Alla fine il messaggio è diventato ugualmente lungo ;D
« Ultima modifica: 17 Ottobre 2008, 17:34:05 da Andrea_76 »

felipe

  • Apprendista
  • **
  • Post: 11
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: voglia d'andarsene..
« Risposta #7 il: 18 Ottobre 2008, 20:47:02 »
Bellissimo  il tuo post, mi sento di citare sopratutto questa parte:

"Non ho le idee chiare su nulla: l'unica cosa certa è che non ho miraggi di arricchimento, di business, per quanto sia ovvio che non si viva solo di speranze e ottimismo, ma la molla propulsiva riguarderebbe la qualità della vita, potersi alzare la mattina col cuore leggero, lavorare per vivere e non vivere per il lavoro."


Sono cose che ho detto più di una volta anche io.
In ritardo mi presento, sono Andrea, 32 anni, pseudo progettista, sposato.
Non ho la presunzione di rispondere alla tua domanda, non saprei da che parte cominciare, posso dirti cosa molto probabilmente farò.
Verso Aprile-Maggio si parte, destinazione Spagna (Valencia). Abbrevio tutta la storia, altrimenti il posto diventa kilometrico ;D: la destinazione non mi aggrada particolarmente ma è stato un compromesso necessario con la compagna, tutt'altro che convinta al 100%.

Quà non basta, questo il succo del discorso, quindi serve una svolta, una sorta di reset per ricominciare.
Mancando i soldi non partiremo insieme, ma andrò in avanscoperta per cercare casa e lavoro e dopo un paio di mesi la moglie si trasferirà.
Una volta la cosa farò? Cosa troverò? E quà torniamo alle domande fondamentali.
Non lo sò, le incognite non possono che essere infinite, ma penso che se uno è convinto della scelta, se è veramente motivato allora alla lunga, senza fretta, ha buone probabilità di farsi una vita, nonostante le difficoltà.
Forse molto dipende da quanto uno ha dà lasciare: ad esempio io mi sentivo (e talvolta mi sento ancora) un verme a mettere la compagna davanti ad un bivio non indifferente, a lasciare i miei genitori.
Ma il posto dove vivo non mi piace, come non mi piace la vita che faccio, e cosa ancor più grave non mi piace quello che mi ha fatto diventare, quindi gli altri, anche le persone più care, devono venir messe in secondo piano ??? :-[.

Forza e coraggio, alla fine ce la possiamo fare, sarà dura ma ce la faremo. ;)

Alla fine il messaggio è diventato ugualmente lungo ;D

Beh, il fatto che il tuo messaggio si sia allungato è solo un aspetto positivo, visto quanto sia interessante  :)
Devo dire che mentre ti leggevo provavo una certa invidia nei tuoi confronti, per il fatto che tu abbia deciso di provarci, pur di fronte alle ovvie incognite del caso, convinto che lasciare la via vecchia per quella nuova può effettivamente portarti a incontrare qualcosa di molto più bello e appagante.
Te lo auguro di tutto cuore, con la speranza che un giorno anche il sottoscritto possa decidersi seguire le tue orme; forse anche questo è uno dei motivi che mi han portato a scrivere su questo forum, quasi fosse il modo per esporsi piano piano ad una specie di contagio di "coraggite" da parte di quelli che il salto han provato a farlo.
Un abbraccio, virtuale ma sincero :)

Andrea_76

  • Apprendista
  • **
  • Post: 22
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: voglia d'andarsene..
« Risposta #8 il: 20 Ottobre 2008, 08:40:42 »
Troppo buono, veramente. ::)
Dobbiamo farci coraggio l'un l'altro, penso che questo sito sia nato con questo scopo.
Ciao