Autore Topic: Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica.  (Letto 172227 volte)

sergio_ganassini

  • Apprendista
  • **
  • Post: 93
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica.
« Risposta #60 il: 23 Aprile 2010, 07:24:28 »
Ciao Marcus  ;D........ era scontato che i business sarebbero andati male in tua assenza, non puoi delegare la direzione dell'attività ad un autoctono neppure se stretto parente anche perchè lo stretto parente è stretto solo con la/o tua/o compagna/o non con te e questo fa la grande differenza  :o !!! Per consolarti ti dirò che comunque anche gli stretti parenti si comporteranno così con il loro congiunto quando lo stesso non dovesse risiedere in loco. Ormai le prove sono innumerevoli, a partire da mia moglie passando per Anna, Amelia, Bebot, Delia, Clair e così via tutti gli amici filippini che ho qua in Italia e che inviavano denaro (in parte per la famiglia filippina ed in parte quale risparmio per poter comperare un piccolo "lote" e potersi poi costruire una propria casetta) hanno perso tutto. Molti di loro (non mia moglie) hanno acquistato terreno, dopo aver costruito sono rientrati in Italia mentre i parenti entravano "per sorvegliare la proprietà" col risultato che il proprietario doveva pagare luce, telefono, continuare a mandare denaro per aiutare il sostentamento dei congiunti e/o gli studi dei nipoti etc. poi quando in un sucessivo rientro in patria decisi a vendere la proprietà trovavano l'acquirente iniziavano i veri problemi, liti furibonde, minacce e quanto più ti possa venire in mente. La cosa è proprio intrinseca nella mentalità filippina, molto raramente si possono trovare delle eccezzioni. Silvano, quel mio amico di cui ho parlato nel passaggio precedente, viveva a Pagadian City era sposato con una filippina, era amico intimo del colonnello PNP Roseler Arieta che trattava Silvano come fosse stato suo padre. Il business del mio amico era proprio prestare denaro (cosa legale in Filippine) a tasso corrente ed il lavoro andava benissimo proprio perchè lo conduceva personalmente. Sua moglie aveva un conto proprio dove Silvano depositava il mensile che lei utilizzava per la conduzione familiare ma il conto dell'attività non era accessibile nemmeno a lei e quando rimase vedova prima che vi potesse accedere passarono molti mesi e con l'aiuto del colonnello poichè altrimenti la cosa sarebbe stata quasi impossibile.

sergio_ganassini

  • Apprendista
  • **
  • Post: 93
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica.
« Risposta #61 il: 23 Aprile 2010, 07:55:29 »
Anche comperare dei tricicle, jeepney o barche (come quella che diedi allo zio di mia moglie) da lasciare ai parenti  per dar loro modo di autosostenersi con una piccola attività in proprio il più delle volte si rivelerà fallimentare (non è il mio caso), il mezzo si romperà continuamente e necessiterà di costante invio di denaro per le continue riparazioni (vere o fittizie !?) oppure verrà venduto per iniziare un attività secondo loro "più redditizia" magari un piccolo allevamento di maiali (che poi finiranno puntualmente sulle loro tavole da subito) epilogo? perdita del mezzo donato e ripresa di invio denaro sostentamento familiare. Io mi ritengo molto fortunato poichè non sono stato coinvolto ma gli esempi citati sono successi veramente alla maggior parte dei miei amici. Come dicevo sto studiando la fattibilità di mettere dei distributori automatici di pizza nei centri commerciali ma eventualmente la cosa la seguirò personalmente ecco perchè dicevo farò il pendolare (due o tre mesi in Filippiune e quindici giorni in Italia). Impiegherò sicuramente i miei cognati ma non avranno certo modo di accedere direttamente al denaro contante ne al conto bancario che sarà esclusivo dominio mio e di mia moglie.
per oggi vi saluto, ciao  
« Ultima modifica: 23 Aprile 2010, 07:57:03 da sergio_ganassini »

Rotailater

  • Apprendista
  • **
  • Post: 36
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica.
« Risposta #62 il: 23 Aprile 2010, 10:20:56 »
Queste storie sono linfa vitale per chi sta sognando le filippine, perché sono come cartelli di avvertimento lungo una strada densa di buche. Io non sono mai stato nelle filippine, e spero di andarci il prossimo anno, ma avevo già in mente di vagliare un paio di ipotesi interessanti.
Fondamentalmente io non ho intenzione di trasferirmi nelle Filippine a breve termine, ma mi piacerebbe lo stesso visitarle per vedere qualche terreno in vendita dove costruire qualche abitazione da affittare in mia assenza. Insomma sto parlando dell'acquisto di un terreno di qualche ettaro al massimo, su cui costruire alcune abitazioni da poi lottizzare o affittare.
Non ho idea se questo mio piano sia attuabile o meno. Non so QUANTO dovrei essere presente in loco, durante i lavori, e non ho idea di quanto potrei chiedere di affitto mensile. E poi, di chi mi potrei fidare??  :-\

Il mio obbiettivo non è principalmente il guadagno, la mia intenzione è quella di poter acquistare un bel terreno e poter recuperare una parte dell'investimento o comunque non perderci troppo con il tempo. E' ovvio che il fine ultimo è l'utilizzo della proprietà -o una parte di essa- a scopo personale, magari anche come casa vacanze.
Insomma l'ideale sarebbe acquistare un lotto da 1 o 2 ettari fronte mare, zona Romblon, su cui costruire 3-4 abitazioni da affittare a turisti o anche locali. L'investimento avrebbe una certa entità ma con il tempo potrei recuperare l'investimento.

Consigli?

« Ultima modifica: 23 Aprile 2010, 11:13:26 da Rotailater »

sergio_ganassini

  • Apprendista
  • **
  • Post: 93
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica.
« Risposta #63 il: 23 Aprile 2010, 13:17:27 »
Ciao, per prima cosa bisogna andare in Filippine e vedere i luoghi, magari ti succederà come è successo a me di innamorarmi a prima vista del Paese (per innamorarsi delle filippine donne è cosa molto semplice e più veloce) e di volertici trasferire (io l'ho fatto dopo un anno dalla prima visita, giusto il tempo per chiudere la mia attività ed organizzarmi al minimo) oppure ti convincono che non è il tuo posto, secondo prima di decidere una località ove costruire bisognerebbe girare un minimo infatti sono tutti posti splendidi, qualcuno con qualcosa di particolare che ti da l'input per la decisione (io ad esempio favorirei Hundred Island o Bicol proprio per le loro caratteristiche che mi attraggono), terzo (come dicevo nei passaggi precedenti) da quello che ne so solo gli stranieri americani possono acquistare e gli altri se hanno parentela filippina (moglie / figli). In ogni caso non ti serve comperare  uno o due ettari di terreno per costruire, basta molto ma molto meno per costruire due o tre case a meno che tu non voglia fare un villaggio o una fattoria, una coltivazione di mango magari o cose simili. Per costruire poi o sei presente tu ed in questo caso devi avere qualche infarinatura di costruzione o deve esserci qualcuno di cui ti fidi ciecamente al quale deleghi acquisti dei materiali, cantiere di costruzione incluso progettista e muratori. Bisogna poi vedere il tipo di costruzione che vuoi fare, se a modello costruttivo occidentale (con isolazioni termiche, impianti fotovoltaici o eolici) - costruzione alla maniera filippina (sconsigliabile) oppure costruzioni rustiche filippine (in bamboo e similari), dipende dalla qualità e dal costo che tu vuoi. Se posso consigliarti, io farei per me una costruzione tipo filippino ma con tecnica costruttiva occidentale il che ti darebbe notevoli vantaggi e comodità ma con un costo superiore al costo con tecnica filippina e per le case da affittare ai turisti costruirei dei bungalow alla maniera filippina in bamboo, stuoie e tetti di foglie di palma (tetti che richiedono periodici rifacimenti me che danno notevole conforto termico e sono di una bellezza estrema). Per affittare a lungo o lunghissimo termine degli ampi spazi ove costrire (quali ad esempio delle isolette o frontemare su isole più grandi) senza avere parenti filippini, si può fare con il governo a prezzi che variano da luogo a luogo e su tale argomento Paolo è senzaltro più aggiornato di me oltre ad essere una persona alla quale ti potrai affidare per la costruzione stessa.
« Ultima modifica: 24 Aprile 2010, 13:17:02 da sergio_ganassini »

Marcus

  • Apprendista
  • **
  • Post: 15
    • Mostra profilo
Re: Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica.
« Risposta #64 il: 23 Aprile 2010, 18:36:07 »
Interessanti...veramente interessanti questi scambi di consigli e opinioni...Sergio,ho riso per due minuti quando ho letto che per innamorarsi delle donne basta meno..Sei troppo forte...Leggendo le tue parole mi sono anche reso conto che quello che scrivevi praticamente io l'avevo già vissuto,non hai detto una cosa che sia una cosa inesatta,è proprio così come lo descrivi e come l'abbiamo vissuto,ed è vero che gli affari vanno curati di persona.Quest'anno ho parlato con 2 architetti per capire come funzionassero le costruzioni edili nel paese.Il primo era anche tecnico comunale,parlava poco e per capirci bisognava impiegare un pò di tempo,comunque dopo una giornata trascorsa sotto un sole cuocente e dopo aver visto alcune possibilità abitative già in costruzione e terreni fattibili per un sogno,alla fine non sono riuscito ad avere nozioni sulle costruzioni antisismiche...Le loro case,premetto che assomigliano a grandi impalcature in ferro(e sono stato buono nel definirlo ferro)ricoperte da una specie di carton gesso che le abbelliva un'attimino.Ho sempre avuto l'impressione entrandovi di essere nella casa dei tre porcellini,forse troppo flebili strutturalmente,ma piacevoli se uno guarda il proprio portafoglio.C'erano anche casone stile coloniale provabilmente di qualche ricco americano,mozza fiato,ma anche quelle rifinite molto molto bene esternamente da varie tipologie di legname.Ecco,questo potrebbe essere un buon business,vendere legname per costruzioni edili....Poi va beh,se guardiamo il risparmio,ho notato che adesso negli agglomerati bidon-ville,ci sono dei veri e propri assemblamenti di casettine tutte rigorosamente costruite in legno e con lamiera sul tetto che a mio avviso non valgono molto,soprattutto per al zona.Per avere delle buone abitazioni bisogna spendere un pochino di più,allora si è sicuri o quasi di un risultato più ottimale,ma come dice il buon Sergio:ATTENZIONE,bisogna essere sul campo per testare prodotti e manodopera.Ci sono infatti diversi tipi di cemento,di colle,di piastrelle e quant'altro che è meglio vedere e comprare di persona per evitare brutte sorprese.Mi sono imbattuto in muri dove non si riusciva neanche ad incassare una scatoletta per l'impianto elettrico,,mattoni che si sbriciolavano nelle mani e solette che ancora oggi mi chiedo come facciano a non essere crollate...C'è da dire anche che non ci siamo molto con le misure se uno compra la casa già fatta,perchè io non sono mai riuscito a capire come facciano ad infilare una matrimoniale in un buco dove a malapena entra un letto.Ci sono poi le soluzioni in bambù,ma anche qui non sono tutte rose e fiori...sono magari più antisismiche delle altre e hai meno problemi se ti crollano addosso,ma per evitere che un fastidioso animaletto tipo Tarlo italiano si mangi in poco tempo tutto il bambù,hai bisogno annualmente di pennellare una vernicetta puzzolente  e così stai tranquillo.La vogliamo dire tutta???? Va bene,allora aggiungiamo per chi non lo sapesse ancora,che le isole Filippine sono a rischio per quanto riguarda la sismicità,infatti le due calotte della terra formano uno squarcio quasi come un taglio a linea retta che quel giorno che decideranno di toccarsi sarà un bel problema anche per i tarli del bambù.A parte questo tutto il resto è troppo bello,e troppo bello è vivere in quei posti da incanto.Non dimentichiamoci che la gente è molto cordiale,il clima è eccezzionale,il mare parla da sè,e che stiamo comunque parlando di isole da incanto.In ogni posto e luogo ci sono problemi e difficoltà,il sogno finisce quando decidi di aprire gli occhi,ma sta poi a te trovare il meglio di ogni cosa,e se quel meglio cel'hai in ciò che ti circonda allora sei la persona più fortunata del mondo...aspetto vostre...ciao

sergio_ganassini

  • Apprendista
  • **
  • Post: 93
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica.
« Risposta #65 il: 24 Aprile 2010, 00:44:57 »
ciao Marcus  8), allora...  vero quello che dici sulla zona sismica ma io non mi stavo riferendo alle costruzioni antisimiche ed alla loro tecnica di costruzione, se vai a guardare per esempio ad Ortigas (come del resto in moltissimi altri posti di Metro Manila) vedrai che ci sono dei grattaceli altissimi così come altre costruzioni modernissime ed imponenti e t'assicuro che sono stati costruiti con tutte le caratteristiche e tecniche idonee da architetti competenti (non è che gli architetti o gli ingenieri filippini sono andati a studiare in una facoltà universitaria nella giungla sedendo sul ramo di un albero), mi riferivo alle casette dei porcellini (come le chiami tu), tutte uguali, una accanto all'altra, verniciate con smalti all'olio, quelle "belle" casine a schiera dalle dimensioni adatte a Barbi e Ken, quelle in cui perchè io (taglia 6 o 7XL o quasi) possa entrarvi devo passare dalla porta di traverso (comprimendomi quel baule che ho al posto della pancia) tra uno stipite e l'altro. Mi riferivo alle normali e recenti costruzioni civili che si vedono nelle compound e lungo i viali, specialmente quelle a piano unico, che vengono costruite con i mattoni di cemento (quando i mattoni contengono un adeguata e proporzionale quantità di cermento rispetto alla sabbia utilizzata per costruirli). Hai mai visto come le edificano ? Prendono i mattoni di cemento li allineano su una platea di cemento armata (quandono la armano) con del tondino di ferro di diametro 6 / 8 (se va bene) mm, poi riempiono di cemento (anche qui bisogna vedere le proporzioni cemento - sabbia) tutti i vani dei mattoni stessi ed ogni tanto inseriscono nei vani anche delle barre di ferro che li leghino alla fila sucessiva. Fila dopo fila arrivano sotto il tetto non fanno il cordolo in cemento armato, vi appoggiano dei listoni di legno di palma  e poi o con lo stesso legname o con del tubolare fanno le capriate che poi rivestono con lamiera ondulata. Le controsoffittature vengono poi fatte in compensato. Negli ultimi tempi al posto del compensato può essere utilizzato anche del permacel o similare. Isolazione termica zero, talvolta carine da vedere ma praticamente dal nostro punto di vista baracche nel vero senso della parola.  Mi meraviglia il fatto che tu che non sei alla tua prima visita in Filippine non capisca come faccia ad entrare nella camera un letto matrimoniale, per la maggioranza il proletariato non usa il letto ma delle stuoie  :) Comunque non è vero che il sogno finisce quando decidi di aprire gli occhi, il sogno continua e gli occhi devi tenerli sempre ben aperti fin dal momento in cui decidi di stabilirtici anzi da prima di prendere quella decisione altrimenti quel sogno si potrebbe tramutare in un incubo. Ciao buona notte
« Ultima modifica: 24 Aprile 2010, 13:30:16 da sergio_ganassini »

Rotailater

  • Apprendista
  • **
  • Post: 36
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica.
« Risposta #66 il: 24 Aprile 2010, 01:37:24 »
Vedo che piano piano si scoprono cose nuove:

Corruzione, truffe e raggiri a non finire, inaffidabilità e incompetenza dei locali, poca sicurezza...

Spero di stare esagerando... a proposito giusto per essere in tema:

Pericolosità sismica, tifoni, frangia separatista della zona di Mindanao (su questo so poco, so solo che viene sconsigliata la visita di questi luoghi)

Non è che mi aspettassi di meglio, e non voglio sembrare polemico, ma ultimamente più sento parlare delle filippine e più sento parlare di cose che non mi rassicurano molto...  ;D

sergio_ganassini

  • Apprendista
  • **
  • Post: 93
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica.
« Risposta #67 il: 24 Aprile 2010, 07:17:01 »
Buon giorno Andrea,
e qui sbagli, non ho detto che i locali sono incompetenti anzi è il contrario ! Per le costruzioni diciamo normali, quelle di mattoni di cemento per intendersi, non è incompetenza ma uso ! Siamo noi che abbiamo usanze diverse, dovute ad una cultura sviluppatasi diversamente anche per il clima che c'è da noi e che ci ha imposto caratteristiche costruttive diverse, ad esempio i nostri tetti devono sopportare il peso della neve e le pareti sono sottoposte ad escursioni termiche molto differenti nel corso dell'anno così pure i serramenti e via dicendo. Corruzzione truffe e raggiri .... mi sembra che qui da noi non abbiamo proprio niente da imparare in merito !! Inaffidabilità... se tu hai un gatto, gli lasci la bistecca sulla tavola ? Qui da noi se apri un attività la gestisci tu o la dai in mano ad altri ? Lasci forse il portafoglio sulla panchina al parco e nel frattempo ti vai a fare una passeggiata ? Poca sicurezza ... va bene, anche se qui da noi la sicurezza non è il massimo. Devi tener conto che sei in un Paese povero e che anche gli agenti prendono paghe da fame così pure gli insegnanti delle scuole pubbliche e tutte le altre categorie del proletariato, li o sei ricco o sei povero (secondo il nostro modo di vedere), non esiste una via di mezzo. Separatisti ... anche qui da noi ci sono, ad esmpio i Baschi. Il Mindanao è sempre stato sfruttato dal governo centrale e la popolazione a maggioranza di fede islamica ha sempre subito la sudditanza ed i sopprusi, non ultimi gli arresti di alcuni loro governatori ad esempio. Per quanto concerne la pericolosità sismica tieni presente che sei sopra una faglia e che comunque qui da noi in quanto a terremoti non si scherza e che disastri come ad esempio L'Aquila, Irpinia e Friuli la non ce ne sono mai stati. In merito ai tifoni pensa che ti trovi in un area equatoriale e quindi il tifone fa parte delle naturali conseguenze come da noi le nevicate. Va be ciao per ora

Marcus

  • Apprendista
  • **
  • Post: 15
    • Mostra profilo
Re: Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica.
« Risposta #68 il: 25 Aprile 2010, 21:16:44 »
Credo di essere stato frainteso,e questo mi dispiace...La mia voleva solo essere una testimonianza di quanto e di quello che sono riuscito a raccogliere io in questi pochi anni che ho trascorso le mie vacanze lì.Purtroppo,e di questo me ne rendo conto, non ho girato un granchè,le mie isole sono state Cebu e Bohol e da queste ho tratto le mie riflessioni.Non ho mai visto Manila e non conosco quindi questi mega grattacieli,ma Cebu rispetto a Bohol è un'isoletta all'avanguardia,e le costruzioni,le innumerevoli costruzioni nuove che vengono fatte non sono destinate a persone che buttano le stuoie per terra,molte anzi sono tendenzialmente indirizzate a clienti esteri,ho incontrato americani,norvegesi,tedeschi,australiani,coreani,giapponesi,e a parte gli ultimi due che ho elencato,gli altri la camera matrimoniale ce la schiaffano....Una volta mi trovavo sopra le colline di Cebu per visionare un terreno,e durante tutto il tragitto vedevo lungo la strada dei polizziotti in coppia,magari anche due ogni chilometro,ed incuriosito ho chiesto il motivo.La risposta è stata che per abbattere il fenomeno criminalità e violenza,il governo aveva offerto a tutti i delinquenti che si costituivano e consegnavano la loro arma,un reinserimento nella società e una somma di circa 30.000,00 peso a testa.Quelli che non avevano accettato e con tutto l'insediamento di poliziotti nelle strade,erano stati costretti a scappare,e pare che una buona parte di questi fuggitivi si sia rifugiata proprio a Mindanao (per riallacciarmi al vostro discorso) mentre un'altra minoranza era andata a Bohol.Mindanao è sempre stata una zona abbastanza rischiosa,ma credo che il problema si possa risolvere andando in altre zone.A Rotailater invece dico,di non leggere solo la negativitivà nelle nostre parole, ti potrei stupire raccontandoti storie simili del Brasile,della Polinesia,dell'Australia ect ect,,,voglio dire che in ogni posto ci sono ricchezze e problemi solo che magari nessuno li racconta come stiamo facendo noi.Se preferisci da domani iniziamo a scrivere solo il meglio delle Filippine ed allora magari rimarrai a bocca aperta,ma ti assicuro che la negatività che hai letto in questo giorni è solo lo 0,00000000001% rispetto alla positività che potresti trovare...Ciao alla prossima...

Rotailater

  • Apprendista
  • **
  • Post: 36
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica.
« Risposta #69 il: 26 Aprile 2010, 21:52:45 »
Grazie a tutti delle risposte. Beh che dire, rimango sempre e comunque affascinato dalle Filippine, ma ci sono alcuni aspetti che non mi convincono molto. Dopo un primo interessamento iniziale, mi sembra che ci siano luoghi tutto sommato più interessanti (almeno per ME) dove potrei risiedere o investire.

Ma penso di avere una visione ancora troppo lontana, una visita del paese sarebbe chiarificante.

In ogni caso, mi piacerebbe sapere... come mai questo paese di attrae così tanto? Cos'è che vi spinge a volerci vivere stabilmente? Clima, popolazione, stile di vita, città... avanti datemi le vostre impressioni!  :D

Lo so che sembra una domanda quasi fuori luogo dopo tutto questo tempo... ma mi piacerebbe comunque sapere i vostri pensieri in merito...

sergio_ganassini

  • Apprendista
  • **
  • Post: 93
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica.
« Risposta #70 il: 27 Aprile 2010, 07:37:40 »
Ciao, si conosco Cebu  (ci facevo scalo per andare a Pagadian) cosi come conosco Bohol con le sue Chocolate Hills e le sue vestigia spagnole. Manila o per essere esatti Metro Manila dato che la metropoli è composta da ben 16 città incluse Manila, Quezon City (dove c‘è il palazzo Presidenziale ed il primo insediamento spagnolo “Intramuros“), Makati, Valenzuela e così via, ha una popolazione censita di circa venti milioni di persone. E’ una metropoli modernissima dove puoi trovare di tutto e di più e non ha niente da invidiare alle metropoli occidentali (neanche il caro vita); ovviamente ci sono quartieri poverissimi e baraccopoli crescono un po’ovunque, pululano i ladruncoli, la criminalità vera esiste ma non è poi così eccessiva data la mole della popolazione e comunque questa è una prerogativa comune a tutte le metropoli. Hai ragione nel dire che se Andrea vuole possiamo parlare solo della positività e della bellezza delle Filippine (isole) però anche se lo facessimo non riusciremmo a stupirlo così come rimarrebbe stupito se vi si recasse di persona. Il Paese è di una magnificenza tale da non poterlo descrivere con mere parole, le sue montagne, le foreste vergini, le spiagge e specialmente le acque che circondano l’arcipelago, la sua fauna sia terrestre che marina, la flora con le sue innumerevoli specie vegetali, le popolazioni delle varie etnie con i loro costumi tradizionali, l’ospitalità delle persone, le possibilità che offre, tutte cose che uno deve sperimentare in prima persona girando senza arenarsi nelle città. Però questa “Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica” è una discussione iniziata proprio da Andrea e nata per avere e dare informazioni atte a possibili trasferimenti. Parlare solo mostrando i lati positivi sarebbe scorretto, molto più importante è mostrare le cose negative così almeno uno sa dove va a parare e la meraviglia supererà le sue aspettative quando vi si recherà di persona. Trovare luoghi (in paesi tropicali) più interessanti ove risiedere e/o investire è possibile ma non credo sia cosa facile poiché ormai sono quasi tutti posti già sfruttati dagli occidentali. Le Filippine sono uno stato con influenza culturale europea (più di trecento anni di dominio spagnolo) e possibilità illimitate di sviluppo turistico che attualmente è solo all’inizio. Dal punto di vista meramente economico andare in un Paese dove il turismo è già avviato secondo me limita moltissimo le possibilità per un proficuo investimento.
Per oggi basta, devo anche lavorare ogni tanto. Ciao

Aquilante

  • Esordiente
  • *
  • Post: 4
    • Mostra profilo
Re: Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica.
« Risposta #71 il: 27 Aprile 2010, 15:35:23 »
Già che ci siamo non dimentichiamoci  i gustosissimi barbecue di cane

Marcus

  • Apprendista
  • **
  • Post: 15
    • Mostra profilo
Re: Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica.
« Risposta #72 il: 27 Aprile 2010, 22:15:12 »
Grazie ed ancora grazie a Sergio,non avrei potuto dare una spiegazione migliore...Io amo molto quel Paese,e lo scrivo con la A maiuscola,perchè in primis mi ha regalato un sogno d'amore che qui in Italia mai e poi mai avrei trovato,poi non so che dire,io quando vado nelle Filippine,e non ho avuto la fortuna di Sergio che ha girato in lungo e in largo,ma  anche nel mio piccolo quando sono li mi sento un re...Già all'aeroporto inizio a sentire dei profumi meravigliosi,e poi i colori,la gente molto cordiale che ti tratta sempre bene,sorrisi e poi musica,gioia...ho conosciuto gente poverissima che era più felice di Berlusconi,ci sono dei posti incredibili sia che uno vuole la pace sia il caos,il mare è da mille e una notte,quando ti metti a girare,vedi dei posti che a me sinceramente regalano un gran senso di gioia e di libertà, anche solo a pensarci in questo momento ho il cuore che batte a mille,se poteste vedere i miei occhi adesso forse riuscireste a comprendere e capire la mia felicità nell'aver conosciuto un paradiso così... Sergio dice giusto,ci sono tanti altri posti simili a questo nel mondo (non dimentichiamoci che noi siamo italiani,popolo freddo,ottuso, ancora poco altruista,un popolo che vive giornalmente lo stress di una vita frenetica,popolo che va a Rimini o a Sharm, e torna convinto di essere stato chissà dove...)quindi dire un posto o un'altro è la stessa cosa,basta allontanarsi dalla rutine(spero si scriva così),ma a quale prezzo? Le Filippine offrono ancora posti incontaminati,posti da incanto che potrebbero essere il futuro delle agenzie di viaggio.La gente oramai è stanca delle solite mete,offrire un paradiso a minor prezzo è il sogno per ogni turista...Comunque va bene così,chi non è convinto è giusto che vada altrove,però si faccia spiegare bene anche lì quali sono i pro e i contro,perchè il marcio c'è dovunque,Paradiso e Inferno...Ho letto qualcosa di strano scritto da Aquilante riguardo ai barbecue di cane...Io sinceramente non so se sono stato fortunato o sfortunato,ma non ho mai visto ne mangiato ne frequentato filippini che mangiassero carne di cane,ma può anche essere che mi sbaglio!!!Forse saranno parenti dei nostri vicentini che sul barbecue ci mettono il gatto,o meglio ancora cugini di alcuni abitanti di Los Angeles che sulle spiagge più rinomate vendevano hamburger e wuster fatti con carne umana...A presto...

sergio_ganassini

  • Apprendista
  • **
  • Post: 93
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica.
« Risposta #73 il: 28 Aprile 2010, 07:25:48 »
 ;D Ciao a tutti e benvenuto ad Aquilante.
E' VERO.... IN FILIPPINE SI MANGIA IL CANE !!!! Ma si mangia anche qui così come si mangia il gatto, a me il cane non piace (la carne ha un gusto dolciastro) ma mi piace molto il gatto che trovo migliore della lepre (anche se saranno 25 / 30 anni che non lo mangio più perchè io non li uccido ed oggi è difficile trovare qualcuno che lo faccia d'invernno che è il periodo giusto). Altre "prelibatezze" che ho mangiato ? il tasso, la volpe, qui in Trentino si beve il viperino e poi ci si mangia la vipera che sta assieme alla grappa nella bottiglia,  ed in Filippine (in foresta) il serpente, la monitor lizard, il pipistrello - voi provate a stare in foresta e degli autoctoni vi offrono da mangiare quello che hanno, cosa fareste? Rifiutereste di partecipare alla condivisione del poco che hanno e che vi stanno generosamente offrendo privandosene? Aquilante, oltre al cane, peraltro piatto molto comune e tradizionalmente consumato, in Filippine si mangiano fritti pure "salagubang" che sono delle specie di maggiolini che si trovano sulle piante di mango, ratti delle risaie, vermi biancastri e gelatinosi del legno, lumaconi di mare (quelli senza guscio) ed altro. perchè ti meravigli? Girando il mondo puoi trovare un infinità di cose che a noi sembrano quantomeno strane come cibo, occhi di capra bolliti, vermi nei liquori, scorpioni fritti o ricoperti di cioccolata, meduse etc. Se poi vai in Cina, Tailandia, Vietnam (ma generalmente in tutto il Sud est asiatico) la varietà si allarga all'infinito. Uno vede, riflette e poi decide se assaggiare o meno, fa parte del libero arbitrio (e del suo stomaco) !!!! Ciao
« Ultima modifica: 28 Aprile 2010, 07:30:41 da sergio_ganassini »

Aquilante

  • Esordiente
  • *
  • Post: 4
    • Mostra profilo
Re: Vivere il sogno nelle Filippine, occasione unica.
« Risposta #74 il: 28 Aprile 2010, 07:38:04 »
Ho avuto la " fortuna " di vedere ammazzare un cane a colpi di canna di bambù (stavano a due metri dalla finestra della camera dove dormivo) per poi essere fatto a pezzi, nella zona di Catbalogan due anni fa. Il tutto si è svolto sotto gli occhi interessati di gran parte della gente del villaggio. Mi è stato detto che lo facevano  per fame.
Qui se non sbaglio stiamo parlando delle Filippine e non di Los Angeles, per tanto certi paragoni mi sembrano fuori luogo. Premetto che in caso di fame prima di crepare anche il sottoscritto molto probabilmente ingurgiterebbe di tutto. I miei commenti vogliono solo descrivere quello che ho visto là.
Noto con dispiacere che anche questo sito pullula di ipocriti. Ma quello che scrivete poi lo rileggete?
Prima descrivete la magnificenza delle foreste e del mare e poi volete portare le ruspe e  il turismo. Se certi luoghi conservano ancora un certo fascino è solo perché non sono stati "civilizzati" da dei distruttori della natura come voi,e non venitemi a parlare di strutture rispettose dell'ambiente, queste palle raccontatele a voi stessi non a me.
Per quel che riguarda le donne ogni tanto sarebbe bene non ascoltare solo il piffero ma anche il cervello.
Il sottoscritto ha visto quasi 50 primavere e non è mai stato un adone e men che meno lo è  ora, nonostante questo mi è stato facile trovare una compagna poco più che ventenne molto bella e "disponibile" sin dal primo momento che l'ho incontrata. Quando le ho detto che ne avevo pieni i maroni di andare 3 volte al giorno al jollybee e di fare la spesa (a mie spese) per 8 persone la fiamma iniziale si è sensibilmente abbassata (e non solo quella).
In molti paesi noi occidentali siamo visti come portamonete ambulanti, e in generale a decantare le qualità "superiori" delle donne orientali sono quelli che per vari motivi hanno qualche problemino con le passerine del loro paese

Ciao Sergio leggo ora il tuo messaggio e non ho voglia di modificare quanto detto sopra, sappi che non mi meraviglio più di niente, e in caso di fame potrei mangiarmi pure te.......
Ma mi sembra giusto quando si parla di un luogo descrivere tutto senza tralasciare nulla.
Detto questo ti dico che a me le Filippine sono piaciute e spero di poterci tornare un giorno soldi permettendo