Autore Topic: ritorno al passato l'agricoltura  (Letto 23108 volte)

Gianni Bonincontro

  • Apprendista
  • **
  • Post: 45
  • Ciao da Londra
    • Mostra profilo
    • E-mail
ritorno al passato l'agricoltura
« il: 05 Novembre 2012, 10:56:16 »
Credo che nei prossimi anni vedremo un incremento sempre maggiore dei lavori e investimenti nal campo agricolo e allevamenti di bestiame. Le vendite on-line e la tecnologia sara' in mano a pochi mentre la terra tornera' ad essere la vera fonte di sopravvivenza. Almeno spero.
Gianni Bonincontro

SergioBalacco

  • Maestro
  • *****
  • Post: 1.158
  • Ingegnere, Scrittore e Blogger
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:ritorno al passato l'agricoltura
« Risposta #1 il: 05 Novembre 2012, 12:51:32 »
Auguri!
Per coltivare la terra servono investimenti, anche sostanziosi.
La terra non te la regala nessuno e anche il piu' sfiancato degli asini alla fine della giornata deve mangiare.
Non so se l'agricoltura segna un ritorno al passato, non certo fra i giovani.
Anche in Vietnam e' cosi', non solo in Italia, i giovani vanno in citta' dove si guadagnano quattrini con meno fatica e nelle campagne restano solo i vecchi.
La fotografia allegata l'ho scattata io a aprile di quest'anno.
Nel gruppo il piu' giovane avra' non meno di 40/45 anni (by the way sono raccoglitori di riso)
Ogni pensiero deriva da una sensazione frustrata. (Émile M. Cioran)
Per colpa di qualcuno non rispondo piu' alle email se prima non vi siete identificati per MP! Grazie
Vivo in Francia, lavoro in Australia e Vietnam.

Gianni Bonincontro

  • Apprendista
  • **
  • Post: 45
  • Ciao da Londra
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:ritorno al passato l'agricoltura
« Risposta #2 il: 05 Novembre 2012, 14:11:16 »
Ciao sergio, molto bella la foto. Riguardo all'argomento e' meglio di quanto tu possa immaginare. I giovani stanno riscoprendo la campagna anche perche' le opzioni si stanno restringendo riguardo ad altri lavori. Sono sempre di piu' le cooperative o gruppi di pesone che mettono assieme una quota e investono nella terra. Non ci vuole un gran capitale per investire sull'agricoltura e sopratutto nemmeno una super laurea.
Gianni Bonincontro

Gianni Bonincontro

  • Apprendista
  • **
  • Post: 45
  • Ciao da Londra
    • Mostra profilo
    • E-mail
Gianni Bonincontro


federica80

  • Utente sospeso
  • Veterano
  • *
  • Post: 180
    • Mostra profilo
Re:ritorno al passato l'agricoltura
« Risposta #5 il: 05 Novembre 2012, 15:06:46 »
confermo le parole di Gianni,

c'è una forte tendenza che sta riportando noi giorni verso l'agricoltura, specialmente quella biologica, coltivata evitando l'utilizzo di pesticidi e cose chimiche.
A milano per esempio ci sono diversi negozi che vendono frutta biologica che proviene da piccole aziende agricole che coltivano alla vecchia maniera, e stanno avendo diverso successo!

Stanna cosa negli usa, dove ormai il biologico e l'agricoltura bio è di tendenza e ha buono margini dato che la gente è disposta di pagare di + per un prodotto "sano"

il pasticcere

  • Apprendista
  • **
  • Post: 89
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:ritorno al passato l'agricoltura
« Risposta #6 il: 08 Novembre 2012, 12:03:11 »
Ciao gianni ,io  una cisa che hovisto e ti parlo di qua in toscana e  sia nel settore pulizia che manovalanza (es traslochi.muratori.lavaggi.)ci sono solo stranieri ) a trovarlo un italiano qui a grosseto determinati periodi dell anno si va nei campi e ke ti credi ke vanno i giovani se se .........

federica80

  • Utente sospeso
  • Veterano
  • *
  • Post: 180
    • Mostra profilo
Re:ritorno al passato l'agricoltura
« Risposta #7 il: 08 Novembre 2012, 12:06:31 »
credo che la questione sia la creazione di aziende agricole o la gestione delle esistente da parte di giovani, non quella di vero e proprio lavoro manuale in agricoltura come dipendenti da parte di giovani

Gianni Bonincontro

  • Apprendista
  • **
  • Post: 45
  • Ciao da Londra
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:ritorno al passato l'agricoltura
« Risposta #8 il: 08 Novembre 2012, 14:14:15 »
...anche io quelle poche volte che scendo in italia, vedo solo stranieri che si arrangiano nei lavori piu' umli. Ho un amico che vende frutta all'ingrosso ai mercati generali di siracusa e a cercare lavoro sono solo gli stranieri. Credo che faccia parte di una cultura falso-snob del popolo italiano. I miei figli nati e cresciuti in inghilterra hanno sempre condiviso scuola e lavoro, non tanto per bisogno ma per rendersi indipendenti.

Gianni Bonincontro

gioviale1956

  • Esperto
  • ****
  • Post: 476
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:ritorno al passato l'agricoltura
« Risposta #9 il: 08 Novembre 2012, 17:44:22 »
...anche io quelle poche volte che scendo in italia, vedo solo stranieri che si arrangiano nei lavori piu' umli. Ho un amico che vende frutta all'ingrosso ai mercati generali di siracusa e a cercare lavoro sono solo gli stranieri. Credo che faccia parte di una cultura falso-snob del popolo italiano. I miei figli nati e cresciuti in inghilterra hanno sempre condiviso scuola e lavoro, non tanto per bisogno ma per rendersi indipendenti.





Si vedono stranieri perchè sono pagati una miseria , non ci vuole molto a capirlo , i fatti di Rosarno in calabria sono noti a tutti. Se pagassero con paga sindacale ci sarebbe la fila di lavoratori italiani.

Cambiare Vita

  • Apprendista
  • **
  • Post: 36
  • Smettere di Lavorare e Cambiare Vita
    • Mostra profilo
Re:ritorno al passato l'agricoltura
« Risposta #10 il: 15 Novembre 2012, 18:30:37 »
Credo che nei prossimi anni vedremo un incremento sempre maggiore dei lavori e investimenti nal campo agricolo e allevamenti di bestiame. Le vendite on-line e la tecnologia sara' in mano a pochi mentre la terra tornera' ad essere la vera fonte di sopravvivenza. Almeno spero.

sono completamente d'accordo con te!

Cippalippo

  • Veterano
  • ***
  • Post: 133
    • Mostra profilo
Re:ritorno al passato l'agricoltura
« Risposta #11 il: 15 Novembre 2012, 20:23:10 »
Auguri!
Per coltivare la terra servono investimenti, anche sostanziosi.
La terra non te la regala nessuno e anche il piu' sfiancato degli asini alla fine della giornata deve mangiare.
Non so se l'agricoltura segna un ritorno al passato, non certo fra i giovani.
Anche in Vietnam e' cosi', non solo in Italia, i giovani vanno in citta' dove si guadagnano quattrini con meno fatica e nelle campagne restano solo i vecchi.
La fotografia allegata l'ho scattata io a aprile di quest'anno.
Nel gruppo il piu' giovane avra' non meno di 40/45 anni (by the way sono raccoglitori di riso)


bella questa e' una visione arcaica dell'agricoltura, ma credo che le cose negli ultimi decenni siano un po' cambiate. gli asini sono stati sostituiti dai mezzi agricoli, trattori e quant'altro, e i giovani che una volta abbandonavano le campagne per la citta', adesso abbandonano la citta' per le campagne. la foto non credo abbia molto a che fare con l'agricoltura italiana   

rickb

  • Veterano
  • ***
  • Post: 164
    • Mostra profilo
Re:ritorno al passato l'agricoltura
« Risposta #12 il: 16 Novembre 2012, 13:46:13 »
...anche io quelle poche volte che scendo in italia, vedo solo stranieri che si arrangiano nei lavori piu' umli. Ho un amico che vende frutta all'ingrosso ai mercati generali di siracusa e a cercare lavoro sono solo gli stranieri. Credo che faccia parte di una cultura falso-snob del popolo italiano. I miei figli nati e cresciuti in inghilterra hanno sempre condiviso scuola e lavoro, non tanto per bisogno ma per rendersi indipendenti.

Eccone n'atro cor paraocchi all 'estero.

Ma perche' ai giovani dove vivi te piace fare certi lavori? Ma fatti un giretto in qualsiasi caffe nero o starbucks dell' uk e vedi che il 95% di manovalanza e' straniero. O vai negli hotel di torquay brighton, southampton etc etc e pure li e' la stessa cosa.
Ma non e' che pure ai giovani inglesi non va di fare certi lavori?

Gianni Bonincontro

  • Apprendista
  • **
  • Post: 45
  • Ciao da Londra
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:ritorno al passato l'agricoltura
« Risposta #13 il: 17 Novembre 2012, 09:31:18 »
Ciao Rickb
  i giovani inglesi fino a prova contraria non hanno bisogno di zappare la terra perche' non hanno le pezze al culo come i giovani italiani. I giovani inglesi e non solo, quando sono disoccupati hanno uno stato con i controcazzi che li sostiene. Con tutto cio' anche qui c'e' un incremento di occupazione nel campo agricolo basti pensare che da anni gli inglesi stanno producendo del buon vino grazie alla tenacia di tanti giovani imprenditori.
Gianni Bonincontro

attila

  • Apprendista
  • **
  • Post: 84
    • Mostra profilo
Re:ritorno al passato l'agricoltura
« Risposta #14 il: 17 Novembre 2012, 11:01:39 »
Qui da me il comune tempo fa ha organizzato un corso gratuito per imparare a potare gli alberi; c'erano così tante richieste che molti disoccupati sono rimasti fuori.
Come dice Gioviale la presenza massiccia di immigrati è dovuta alle paghe da fame, non certo agli italiani che non vogliono lavorare.