voglio vivere cosi - mollare tutto e cambiare vita
Lavorare a Londra

Il portale per chi sogna di cambiare vita ma non ha ancora deciso come, dove e quando.
rssrssseguici su twitterseguici su facebook
Vivo cosi, youtube, facebook voglio vivere cosi voglio vivere cosi su youtube Goodbyeitalia



L’ITALIA CHE DECIDE DI PARTIRE: UN GIOVANE CANTANTE DI BOLOGNA A TORONTO

1/3/2013





Ciao Toz!

La prima domanda, che ti vogliamo porre, è: “COME TI SVEGLI AL MATTINO ?”

Spesso lotto con la sveglia.. con il sonno, sono sempre a debito… è che vado a letto sempre troppo tardi… alle volte sono triste, alle volte sono sempre più nei miei pensieri. Spesso in ritardo, ma dopo i primi minuti, la voglia di costruire, fare e crederci, torna viva. Solitamente non mi piace parlare molto appena alzato. Anzi. Per niente. Una volta, ricordo, mi svegliai con un brutto presentimento, nel dramma di un amore impossibile. Scrissi “Please Stay” https://soundcloud.com/bytoz/please-stay-v-2012-toz-antonio

Antonio Piretti, Toronto

COSA PROVI, QUANDO CANTI NELLE METRO, IN MEZZO ALLA GENTE ?

Emozione. Amore. Rabbia. Solitudine. Sofferenza. Sogno. Gioia. Sconforto. Fatica. Sorpresa.
“Vita”, ti passa davanti tutti i giorni. E’ li, davanti a te. Tu ne sei attore e testimone. Ciò che i tuoi occhi vivono nelle metropolitane è diverso da ciò che puoi vedere negli uffici.  Vivere di un sogno , è vivere con la tua musica. Seguire la passione è bellissimo, ma durissimo. Un po’ come un passo in paradiso ed uno all’inferno. Da qui la canzone.. . “ A step in heaven a step in hell ” https://soundcloud.com/bytoz/a

LA VIA DI BOLOGNA CHE PIÙ HAI IN MENTE QUANDO SEI VIA E QUELLA PREFERITA A TORONTO. UN CONFRONTO TRA LE DUE STRADE

Più che una via, lo chiamerei percorso. A Bologna, lavoravo nei locali mentre facevo l’università. Era bellissimo tornare a casa poco prima dell’alba. Passando per il centro, quasi deserto, della città. Pochissima gente in giro.. .silenzio.. .e la magia del momento. Bello, anche sapere, che la città si stava per svegliare, mentre tu andavi a dormire, stanco ma consapevole che avevi organizzato, ancora una volta, un bel evento. Toronto… la cosa che mi piace di più, è correre lungo il lago. Guardare le barche a vela ormeggiate.. .sentire il rumore del loro rullio… delle onde.. e del vento sugli alberi. Ci son punti, dove puoi quasi apprezzare il silenzio, nonostante il quinto posto, come città, del nord America. Mi piace l’idea, di prendere la chitarra.. .andare sugli scogli e magari suonare una canzone tipo ” Anche se lontano ” https://soundcloud.com/bytoz/anche-se-lontano-toz-antonio.

Antonio Piretti, Toronto

QUANTO È IMPORTANTE LA LIBERTÀ DI POTER SUONARE E FARTI ASCOLTARE IN UN PAESE CHE NON È IL TUO ?

È fondamentale !!! Ho fatto tante cose a Toronto, che sicuramente non avrei mai fatto a Bologna. Suonare in metro.. .o per strada… non lo avrei mai e poi mai fatto a Bologna. Mi sarei vergognato. Conosco troppe persone nella mia città e loro mi hanno sempre visto con una certa immagine ed un certo ruolo. Sarebbe sicuramente stato imbarazzante suonare di fronte a persone con le quali hai lavorato o ragazze conosciute agli eventi mondani. Quando si parla di artisti che si esibiscono, la mentalità italiana, si chiude, rispetto a quella canadese. Mi spiego meglio…in Canada, quando suoni per strada, sei un artista che ci sta provando, seriamente.  La gente ti apprezza, dandoti un supporto…ho detto supporto… non elemosina. E’ diverso. In Italia, suonando per strada, spesso sei considerato un poveretto, per non dire sfigato. Uno che non ha nulla di meglio da fare, un perdente forse. L’incoraggiamento ricevuto, proprio dalle persone che incontro ogni giorno e che hanno conosciuto la mia musica, mi ha aiutato tantissimo, a trovare forza e volontà di proseguire. Per questo, ne ho scritto una canzone ” Thanks to you ” https://soundcloud.com/bytoz/thanks-to-you-v-2012-toz come ringraziamento a Toronto e alla sua fantastica gente.

COSA CERCHI ORA E COSA L'ITALIA NON RIESCE A RESTITUIRTI. UN TUO SOGNO.

La speranza di riuscire, un domani, a lasciare un segno. Musicale. Con le mie capacità e sforzi. Quando capii che sarei dovuto partire, scrissi ”Un giorno vorrei” https://soundcloud.com/bytoz/04-toz-un-giorno-vorrei  Musica è condivisione di emozioni. Le canzoni sono messaggi… e mi piacerebbe, un domani, riuscire anche ad aiutare qualcuno tramite essa. Da qui “My name is not important” https://soundcloud.com/bytoz/my-mane-is-not-important-v  È scritta, per continuare a sensibilizzare il problema, che affligge i bambini africani. La fame nel mondo. ”People without fear” https://soundcloud.com/bytoz/people-without-fear-v-2012-toz Pensando, sempre, a quale potrebbe essere, il migliore regalo, per una futura generazione, fatta di un popolo, privato di ogni paura.  Un mio sogno? Dare un contributo, ad uno scrittore che stimo molto, come Paulo Coelho, per il quale ho scritto “Love is ” https://soundcloud.com/bytoz/love-is-v-2012-toz-antonio che descrive, Athena , il personaggio principale del suo libro “La strega di Portobello”. Credo, che questa mia avventura, mista a odissea, sia anche iniziazione ad una vita più profonda. Ma solo se guardata con occhi sinceri. Penso, molto fosse stato già scritto… “ Let it go ” https://soundcloud.com/bytoz/05-path-10-toz-let-it-go  Se riuscirai a vedere tutto, quando non c'è nulla… allora saremo in sintonia…

Antonio Piretti TOZ www.facebook.com/home.php#!/byTOZ

Antonio G. Piretti
nato a Bologna il 5 Feb 71
Emigrato a Toronto –Ontario – Canada

Intervistato da www.facebook.com/home.php#!/streetlife.camera







Seguici su facebook info canarie

Mollare tutto